Mini antologia delle canzoni dell’estate – VII – Vamos a la playa… grande tormentone del 1983   Leave a comment

 

 
 
Questa nostra piccola antologia stavolta
ci parlerà e ci farà ascoltare
una canzone che… più estiva non si può…
 
 

 

 
Quando il caldo esplode,
l'unico desiderio di tutti noi qual'è
se non quello di correre al mare
 – in spagnolo “Vamos alla playa” –
e lì starsene a mollo?
 
 
 
 

 
 
 
 
 

VAMOS ALLA PLAYA
LE CANZONI DELL'ESTATE
by Tony Kospan
 
 
VII
 
 

 

           

 
 
 
 

La canzone,
che con allegria ci invita a far ciò,
è la notissima e mitica
VAMOS ALLA PLAYA
di cui ora parleremo.
 
 
Siamo nel 1983 e la canzone,
a dispetto del titolo spagnolo è dei Righeira
gruppo musicale torinese formato da Michael,
(Stefano Rota) e Johnson (Stefano Righi).
 
 

 
 
 
 

 
 
Certo il suo successo non fu dovuto
alla bellezza del testo…
ma alla semplicità ed al ritmo allegro… ondeggiante…
direi anche quasi… fresco… marino…
e soprattutto grazie alla ripetitività del ritornello.
 
 
Proprio per questa ripetitività
la canzone ha il merito (o demerito)
d'aver fatto nascere il termine “tormentone“.
 
 
Prima di passare a riascoltarla
ecco qualche immagine del 1983.


L'attentato al Papa
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Gian Paolo Barbieri – Simonetta Gianfelici, Vogue Italia, 1983
 
 
 
 
 
 
 Carrie Fisher
 
 
 
 
 
Ora ascoltiamola…
ci sentiremo meglio… più freschi eh eh…
anche se siamo lontani dal mare…
 
 
 
 
 
 
 
 
Il video ci consente anche di ricordare
che questa canzone fu davvero
cantata e ballata in tutto il mondo…
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ciaooooooooooo a  tutti

 

 

 

 

by Tony Kospan

 

 

 
 
 
 
 
 
ornament.gif picture by lindasombrita 
IL SALOTTO DI SOGNO DI FB?
PSICHEESOGNO1RID.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

LA CULLA DEL MARE – Poesia di Tony Kospan   2 comments

 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA CULLA DEL MARE
Tony Kospan
 
 
A pelo d'acqua sdraiato
felice… dondolo…
tra calde morbide onde….
 
A mò di morto galleggio…
molleggio…
ondeggio…
mentalmente solfeggio
eleatiche* musiche antiche…
mentre il sole forte m’abbraccia…
e gli occhi socchiusi… mi bacia.
 
Suoni indistinti
voci bagnate
rumori marini..
soffusi giungono…
confusi s’aggiungono
alle mie orecchie
immerse
sommerse
nel liquido mare…
 
Ed a questo dolce moto di culla
tutto m’abbandono
mentre s’acquieta l’animo mio
perdendosi tra sogni e ricordi
o cercando il nulla…
liberazione
seppur breve
dalle dure…
quotidiane cure
 
 
 

 
 
 
 
 
*Elea
altro nome di Velia… (Ascea… Cilento – Campania)
antica città della Magna Grecia
 
 
 
imagenimagenimagen
 
 
 
 
Qui ora…
la poesia in video
– dono dell'amica M. Antonietta –
 
 

 
 

 
 
 

 
 
 
 
 

.

.

.

.

Kagaya

.

.

 

Felice sabato pomeriggio in poesia “Non solo il fuoco” di Neruda – arte.. Chagall – canzone.. Io vagabondo   1 comment

 

 

Chagall

 
 
 
 

 

 

 
 
 
Ci sono più catene senza amore
che amori senza catene…
Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
 

clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali

 Chagall – Gli amanti di Vence

 

 

 

NON SOLO IL FUOCO

~ Pablo Neruda ~
 

Ahi, sì, ricordo,
ahi, i tuoi occhi chiusi
come pieni dentro di luce nera,
tutto il tuo corpo come una mano aperta,
come un grappolo bianco della luna,
e l’estasi,
quando un fulmine ci uccide,
quando un pugnale ci ferisce nelle radici
e una luce ci spezza la chioma,
e quando
di nuovo
torniamo alla vita,
come uscissimo dall’oceano,
come tornassimo feriti
dal naufragio
tra le pietre e l’alghe rosse.

Ahi, vita mia,
non solo il fuoco tra noi arde,
ma tutta la vita,
la semplice storia,
l’amore semplice
di una donna e d’un uomo
uguali a tutti gli altri.

 

 

 

Chagall – Il carnevale notturno
 
 
 
 
 
 
 
 
 
A TUTTI DA ORSO TONY
 
 
 
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 
 
 

Chagall – Il gallo rosso
 
 
 

 

Buonanotte con la bella minipoesia “Adagiato” di Carlo Bramanti   Leave a comment

.
.
.
.
 
 
 
 
ADAGIATO
Carlo Bramanti
 
 
Adagiato ieri
su un petalo di rosa
ha sognato
di veder la sua anima
nuda e leggera,
di porla in una mano
da lontano
amica,
dimentico del mondo
e dei suoi perché.
 
 
 
 

 
 
 

 
 
 
 
  
 
 
 
 


LA POESIA… LA CULTURA…
IL LORO FANTASTICO MONDO…
E LE LORO SUBLIMI EMOZIONI…
NELLA PAGINA FB




A. Mucha




Hackert… Goethe… e Mozart a… Napoli – Dipinti poesie e musica   Leave a comment

tonykospan21:

Nell’anniversario della nascita del grande poeta e scrittore Johann Wolfgang GOETHE (Francoforte sul Meno, 28 agosto 1749 – Weimar, 22 marzo 1832) mi fa piacere riproporre questo post in cui diverse sue bellissime poesie sono accomunate ai dipinti di Hackert (pittore suo amico) ed alla musica di Mozart…

Originally posted on IL MONDO DI ORSOSOGNANTE:





View original

Pubblicato 28 agosto 2015 da tonykospan21 in Senza categoria

Questa piccola… bella… favola ci dice perché amore e follia sono sempre insieme…   4 comments


 
 
Una simpaticissima favoletta che
ci rivela una verità che ben verifichiamo…
sulla nostra pelle quando…
 
 
 
 



 
 
 
LA FAVOLA DELL’AMORE E DELLA FOLLIA
 
 
 
La Follia decise di invitare i suoi amici a prendere un caffè da lei.
Dopo il caffè, la Follia propose:
“Si gioca a nascondino?”.
“Nascondino? Che cos’è?” – domandò la
Curiosità.
“Nascondino è un gioco.
Io conto fino a cento e voi vi nascondete.
Quando avrò terminato di contare, cercherò e
il primo che troverò sarà il prossimo a contare”.
Accettarono tutti ad eccezione della Paura e della Pigrizia.

 

 

 

 
 
 
 
 
“1.. 2.. 3.. – la Follia cominciò a contare.
La Fretta si nascose per prima, dove le capitò.
La Timidezza, timida come sempre, si nascose
in un gruppo d’alberi.
La Gioia corse in mezzo al giardino.
La Tristezza cominciò a piangere, perché non
trovava un angolo adatto per nascondersi.
L’ Invidia si unì al Trionfo e si nascose
accanto a lui dietro un sasso.
La Follia continuava a contare mentre i suoi
amici si nascondevano.
La Disperazione era disperata vedendo che la
Follia era gia a novantanove.
CENTO! – gridò la Follia – Comincerò a cercare.”
La prima ad essere trovata fu la Curiosità,
poiché non aveva potuto impedirsi
di uscire per vedere chi sarebbe stato il
primo ad essere scoperto.
Guardando da una parte, la Follia vide il Dubbio
sopra un recinto che non sapeva da quale lato si sarebbe meglio nascosto.
E così di seguito scoprì la Gioia, la Tristezza, la Timidezza.
Quando tutti erano riuniti, la Curiosità
domandò: “Dov’è L’Amore?”.
Nessuno l’aveva visto.
La Follia cominciò a cercarlo.
Cercò in cima ad una montagna, nei fiumi sotto le rocce.
Ma non trovò l’Amore.
Cercando da tutte le parti, la Follia vide un rosaio, prese un pezzo di legno
e cominciò cercare tra i rami, allorché ad un tratto sentì un grido.
Era l’Amore, che gridava perché una spina gli aveva forato un occhio.
La Follia non sapeva che cosa fare.
Si scusò, implorò l’Amore per avere il suo perdono
e arrivò a promettergli di seguirlo per sempre.
L’Amore accettò le scuse.
 
 
Ancor oggi, l’Amore è cieco
e la Follia l’accompagna sempre.

 

 

 

 

Eh sì… questa favoletta… ci conferma che…
 
 – non esiste vero amore senza un pizzico di follia… –







 
 
 
Ma voi cosa ne pensate?
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
dal web – impaginaz. t.k.
 
 
 
 
 
 


ARTE MUSICA POESIA ETC


NEL NUOVO GRUPPO DI FB







Rina Sutzkever


 
 
 

Buon Week End in poesia “Volo incompiuto” di G. Maugeri – arte.. W. Paxton – canzone.. In assenza di te   Leave a comment

 

 

 

William Paxton

 

 

 

 

 
 
 
 
Chiamami solo Amore, e sarò ribattezzato.
William Shakespeare
 
 
 
 

Nota
William Paxton – Ritratto della moglie di Charles Frederic
 
 
 
 
VOLO INCOMPIUTO
Giusy Maugeri
 
Ali d’avorio
spezzate nell’incanto
del volo incompiuto.
Cielo terso
luccichio sfavillante
di gemme rubate,
boccioli di rose
nell’impavida attesa.
Speranza
di seta avvolgente
nel susseguirsi dei giorni
vissuti nell’intimo.
Tempo presente
e remoto
alla mente,
nostalgico suono
di note mai accordate
sull’arpa del vissuto,
come sul viso
che accenna un sorriso
forzato,
indifferenza apparente,
sfoggio di sicurezza
esibita
sul palcoscenico della vita
 
 
 
 

William Paxton – L'ombra del cappello

 

 

 

 

 

da Tony Kospan

 

 

 

IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E
 
 
 
 
 
 
 
 
William Paxton – L'ombrellino cinese
 

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.050 follower