Archivio per 18 giugno 2012

IL SUPER “PASTICCIO” DEL TESTIMONE DI NOZZE… – INCREDIBILE MA VERO   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
Testimone rovina il matrimonio
in un modo “particolare”…
 
 
Incredibile ma vero…
 
 
Video imperdibile…
 
 
 

 

 

 

 

 

UNO SPAZIO VIRTUALE COMUNE D’ARTE
POESIA MUSICA SOGNI RACCCONTI
RIFLESSIONI BUONUMORE ETC
AMICI DI PSICHE E SOGNO
 
 
 
 

LA COUPOLE – STORIA POESIA E CUCINA DI UN LOCALE MITICO PARIGINO   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
Iniziamo un breve viaggio virtuale nei locali mitici
della nostra cara vecchia Europa…
 
Locali mitici sia per la loro storia
che per le rinomate qualità della loro cucina
e delle loro bevande…
 
 
 

 
 
 
 
 
In verità  sono locali che meritano una visita
almeno una volta nella nostra vita
e se ci dovessimo trovare da quelle parti 
sarebbe davvero un peccato non farvi una visitina…
 
Intanto iniziamo a visitarne uno…
 entrando virtualmente… qui nella mitica…
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
LA COUPOLE è la più famosa brasserie di Parigi che ormai ha superato gli 84 anni dalla sua fondazione…
 
 
In essa si respira oltre a quella della grande cucina francese (di cui è considerata un monumento) anche l’atmosfera dell’arte, della cultura e della storia.
 
 
 
 

 

 

 

Ma attenzione… non pensiate di dover spendere qui un occhio della testa.

 

La cucina è sì di gran classe ma i prezzi sono contenuti…

 

 

 

 
 
 
 
 
 
Anche le sue colonne sono famose perché vennero decorate da 30 artisti, fra i quali Chagall e Brancusi, e naturalmente sono state ben conservate.
 
 
 
 

 

 

 

Si trova all’angolo con il Boulevard Raspail ed è un locale molto grande.

 

Esiste dal 1927 e fu subito punto di ritrovo per scrittori, poeti e artisti quali Josephine Baker, Roman Polanski, Jean-Paul Sartre e Giacometti.

 

Rivediamo e riascoltiamo per qualche minuto la grande Josephine in questo stupendo video degli anni 20
 
 
Stupendo perché oltre a farci veder un'esibizione dell'artista da giovane ci fa vivere tutta l'atmosfera di quel tempo.
 
 
 

La mitica Josephine Baker

 

 

 

La Coupole era il più giovane dei locali del Carrefour Vavin, ed aumentando la sua fama, attirò ben presto tantissimi artisti (Kisling, De Chirico, Man Ray, Picasso, ecc.) nonché molti personaggi vicini al Surrealismo (Desnos, Artaud…) e russi (Prokofiev, Ehrenburg, Eisenstein, Maiakovski…).

 

Il 6 novembre 1928 vi si incontrarono per la prima volta Elsa Triolet e Louis Aragon.

 

 

 

 

 

 

Qualche tempo dopo fu frequentato da Miller, Durrell e Samuel Beckett, Prevert (di cui pubblico qui una sua mini poesia), seguiti da Sartre e Beauvoir.

 

 

BUSSANO

J. Prevert

 

Chi è

Nessuno

E' solo il mio cuore che batte

Che batte troppo forte

Per causa tua.

Ma di fuori

La piccola mano bronzea sulla porta di legno

Non si sposta ….Non si muove

Non muove neanche la punta del dito

 

 

 

Quest’ultima vi ambientò parti del suo romanzo “L’invitée“.

 

 

 

Sartre et Beauvoir à la Coupole

 

 

Il locale, rinnovato alla fine degli anni ’80, è in tipico stile brasserie. All’interno troviamo le poltroncine originali in velluto rosso, colonne decorate da artisti locali, e un’ampia terrazza interna.

 

E’ possibile degustare, come accennavo su, ottimi piatti a costi alquanto contenuti.

 

 

 

 

Sugli amori nati sopra e sotto i tavoli della Coupole sono stati scritti dei libri…

 

 

 

 

Devo dire di aver letto molti commenti di nostri connazionali che sono rimasti entusiasti della cucina ma non si sono accorti di essere entrati in un vero… storico… tempio… della ristorazione mondiale in generale e francese in particolare…

 

 

 

 

 

Indirizzo: Brasserie La Coupole
PARIS   –   Paris 14° Arrondissement

 
 
 
 
Da varie ricerche nel web coordinate da Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
 
P.S. Quando ci andiamo?
 
 
Prenoto eh eh?
 
 
Orso Tony
 
 
 
 
 

  Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
PSICHE E SOGNO
 il tuo salotto culturale di Fb
 
 
 

LA NUOVA LINGUA ITALIANA – PER SORRIDERE   2 comments

 

 

 

 
 
 
NON CREDIATE CHE SIANO SOLO BARZELLETTE…
QUESTA E’ AHIME’ LA NUOVA LINGUA ITALIANA…
 
 
 
 
 
 
 
 
POVERO DANTE E… POVERI NOI… In lacrime
PERO’ 2 RISATE…
NON POSSONO CHE FARCI BENE…A bocca aperta
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Mi può DISINNESCARE la segreteria telefonica? (ordigni moderni…?)

Soffro di vene VORTICOSE. (sarà un ballerino…)
 
Di fronte a queste cose rimango PUTREFATTO! (che schifo!)
 
Quando muoio mi faccio CROMARE. (Valido ed a chi piace anche luccicante!)
 
Arriva il treno, hai BLATERATO il biglietto? (biglietto… vocale?)
 
Come faccio a fare tutte queste cose simultaneamente? Dovrei avere il dono dell’OBLIQUITA’! (Giusto… solo S. ANTONIO ha il dono dell’ubiquità)

Un’onda ANONIMA ha travolto i surfisti. (l’onda portava una maschera?).

Almeno l’italiano…SALLO! (ohibò… )

 

 

 

 

 

 

Basta! Vi state COAGULANDO contro di me! (certo che questi nemici sono proprio sanguinolenti… ma… troppo densi)

E’ nel mio carattere: quando qualcosa non va, io SODOMIZZO!
(=somatizzo … ma non si sa mai… stategli lontani!!)

Anche l’occhio VA dalla sua parte… (Si chiama strabismo…)

Non so a che santo RIAVVOLGERMI. (una videocassetta devota…)
Avete i nuovi telefonini GPL? (il nuovissimo telefonino a… gas!)

Il cadavere presentava evidenti segni di DECESSO. (ma va?!)

Prima di operarmi mi fanno un’AUTOPSIA generale. (non vedo più la necessità dell’operazione)

Vorrei un pacco di cotone IDRAULICO. (cotone… che perde acqua?)

 

 

 

 

 
Abbiamo mangiato la trota SALMONELLATA. (auguri ma… tieni aperta la porta del bagno!!!)

Vorrei un’aspirina in SUPPOSTE EFFERVESCENTI. (ohibò… ma non voglio immaginare gli effetti)

Devo andare dall’OTORINOLALINGUAIATRA. (speriamo che non ti inguaia)

Ho visitato palazzo degli INFISSI a Firenze. (che begli infissi)

Vorrei una pomata per l’IRPEF. (herpes è difficile…)

Se lo sapevo glielo DIVO! (accorciare le parole che bello!)

Usare il DDT fa diventare più grande il buconell’ORZORO.
(addio colazione)

Tu non sei proprio uno STERCO di santo. (meno male…)

 

 

 

 

 

 

Tu l’hai letto il fu Mattia BAZAR? (libro… musicale?)

E’ andato a lavorare negli EVIRATI arabi. (mi domando… se lì l’ hanno lasciato tranquillo… o…)

Lo scontro ha causato 5 feriti e 10 CONFUSI. (contusi al… cervello?)
A forza di andare di corpo mi sono quasi DISINTEGRATA (disidratata no??? ma forse andava di corpo in modo… esplosivo!)
Mia nonna ha il morbo di PAKISTAN. (Parkinson… queste malattie… esotiche)

La mia auto ha la marmitta PARALITICA. (sarà una catalitica… particolare)

Verrà in ufficio una STRAGISTA per il tirocinio. (si salvi chi può!)

Sono momentaneamente in stand-BIKE. (l’attesa in bicicletta…?)

Che lingua si parla in Turchia? Il TURCHESE. (però è colorata)

Davanti alla sua prepotenza resto ILLIBATO. (allibito… ma… puro?)

 

 

 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 
 

 
LA TUA PAGINA DI SOGNO?

psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

 

 

LA LEGGENDA DELLA CREAZIONE DEI… GATTI…   Leave a comment

 

 

 

 

Una simpatica leggenda

sui nostri amici… mici…

 

 

 

 

 

LA LEGGENDA DELLA CREAZIONE DEI… GATTI…

 

 
 
In un tenpo molto, molto lontano, un tempo così antico che anche le rocce più vecchie non ne conservano traccia, il Creatore di tutte le cose convocò presso di sé le diverse categorie di spiriti che aveva deciso di destinare alla Terra.
Ad ognuna chiese di formulare il più grande dei suoi desideri, al fine di procedere ad un’equa ripartizione delle specie.
Un buon miliardo di stelle nacquero e morirono mentre i diversi clan ponderavano con cura la delicata questione.
Infine ciascuno espresse la propria aspirazione dando libero sfogo ad ambizioni e sogni.
“Vogliamo l’onnipresenza e l’invisibilità” dissero i primi.
Nacquero così batteri,virus e microbi.
“Noi desideriamo la fortuna!”
E presero forma le ostriche perlifere.
“Noi vogliamo soggiogare il mondo”.
Il Creatore allora generò i vermi e tutta la brulicante popolazione sotterranea alle quale le altre specie,inesorabilmente,avrebbero finito per il consegnare le proprie spoglie.
“Noi chiediamo soltanto la virtù della pazienza.”
E vide la luce il ragno.
Taluni vollero l’eloquenza e furono trasformati in pappagalli.
Altri, l’alta finanza, e il Creatore,riempì gli oceani di pescecani.
Altri ancora avevano una fortissima inclinazione alla convivenza sociale, lo pregarono di accordare loro la perfetta uguaglianza. Furono pecore.
Certuni chiesero il talento di misurare con precisione vaste distese e ampi territori.
Il Creatore li fece cammelli le cui gobbe non sono altro che l’emblema del loro innato bernoccolo per le scienze esatte che permette loro di attraversare gli immensi deserti terrestri senza mai smarrirsi.
Altre richieste erano venate di poesia.
“Desideriamo diffondere la voce del vento ed imparare l’alfabeto dei fiori.”
E le farfalle colorarono i cieli.
“Noi saremo gli eterni amanti della Luna, a lei soltanto intoneremo i nostri canti sconsolati.”
Il Creatore generò i lupi.
Taluni spiriti originali e senza dubbio un pò pazzi affermarono:
“Noi vogliamo essere ammirati da tutti.”
Dio creò i pavoni.
Alcuni spiriti particolarmente rumorosi e inquieti si alzarono in piedi per pretendere con tono altezzoso un quoziente intellettuale eccezionalmente brillante e superiore agli altri.
Malgrado l’arroganza di una simile richiesta, il Creatore si strofinò il suo unico immenso occhio e creò gli uomini.
Rimaneva, un pò in disparte, un piccolo clan di spiriti,  stranamente silenziosi che osservavano la scena con un certo divertimento.
“E voi,che cosa desiderate? Parlate senza timore.”
La risposta giunse tra un mormorio soffuso.
“La saggezza,o nostro Signore.”
Fu così che apparvero i… gatti.
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
Tratto da: Racconti che fanno le fusa di Julia Deuley, impaginato dall”Orso.
 
 
 
 

 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 
IL… SALOTTO… DI FACEBOOK…
 
 
 

TI RICORDO COME ERI – NERUDA – FELICE SETTIMANA IN POESIA… ARTE… E…   Leave a comment

 

Pierre August Cot – Giovane donna
 
 
 

 
 
 

Una coppia non è un uomo più una donna:
è una terza persona che formano insieme.
Francoise Giroud
 

 
 
 

Sir Edward John Poynter – Chloe
 
 
 
 
TI RICORDO COME ERI
Pablo Neruda
 
Ti ricordo come eri nell'ultimo autunno.
Eri il berretto grigio e il cuore in calma.
Nei tuoi occhi lottavano le fiamme del crepuscolo.
E le foglie cadevano nell'acqua della tua anima.
Stretta alle mie braccia come un rampicante,
le foglie raccoglievano la tua voce lenta e in calma.
Fuoco di stupore in cui la mia sete ardeva.
Dolce giaciglio azzurro attorto alla mia anima.
Sento viaggiare i tuoi occhi edè distante l'autunno:
berretto grigio, voce d'uccello e cuore di casa
verso cui emigravano i miei profondi aneliti
e cadevano i miei baci allegri come brage.
Cielo da un naviglio. Campo dalle colline:
il tuo ricordo è di luce, di fumo, di stagno in calma!
Oltre i tuoi occhi ardevano i crepuscoli.
Foglie secche d'autunno giravano nella tua anima.
 
 
 
 

Pierre Auguste Renoir – La pensatrice
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
a tutti da
Tony Kospan

 

 
 
 
 
 
 
VISITA… SE TI VA…
IL NUOVO GRUPPO DI FB
 
 
 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: