Archivio per l'etichetta ‘totò scena mitica

Sì proprio la vocale che usi per ridere parla di te! – Scopri cosa rivela con questo piccolo test!   Leave a comment

 


 

 

 
 


Pare… dico pare… che chi riesce a sorridere spesso
 
ha  meno possibilità d’ammalarsi!

 
Ne sono convinti i medici,  ma a parte ciò,
 
quel che è certo è che chi riesce a sorridere spesso

vive senz’altro meglio.

 

 

 gif animali 20

 

 
Ma sono uguali tutte le risate?



NO!
 
  
 
La vocale che usiamo… parla di noi
 
e del momento che stiamo vivendo.
 

 

 



 
 

 
 

Il modo di ridere è un’importante via di comunicazione:
 
e, a seconda delle vocali che usiamo,

la risata comunica stati d’animo differenti e modi diversi di essere.





 
 
 
 
VEDIAMO DUNQUE I SIGNIFICATI DI OGNI SINGOLA VOCALE…

 
 
 

A



– la risata “ah, ah, ah”:  
 
la “a” è la vocale delle risate di vero cuore, vitale, aperta e solare come la personalità di chi ride in questo modo.
 
Fa bene al cuore apre la respirazione e aiuta la circolazione; è quindi utilissima per stress a stati d’ansia.

 
 
 
 
O O O O O O O O 

 
 
 
 

– la risata “oh, oh, oh”:  
 
caratteristica di chi apprezza la buona cucina e si sente a proprio agio soprattutto in una tavolata di amici.
 
La risata in “o” è grassa o di pancia, risuona nel ventre e dà benefici all’apparato digerente.


 
 
 
 

U U U U U U U U 


 
 
 
– la risata “uh, uh, uh”:


 
è la più profonda , la più vicina agli istinti.


 
E’ preziosa per sciogliere la tensione, soprattutto quando si accumula nella schiena.

 
 
 
 
E E E E E E E E 
 
 
 

 
– la risata “eh, eh, eh”:  
 
risuona nella gola, che fa da ponte tra la testa e il cuore, tra le emozioni e la razionalità.
 
E’ la risata caratteristica di chi privilegia la razionalità nel lavoro e nelle relazioni.
 
Sarcastica e pungente ha spesso per bersaglio qualcosa o qualcuno. 


Può esprimere cinismo, difficoltà di contatto affettivo, tendenza a fuggire le emozioni.


 
Attenzione a non controllare troppo con la testa; lasciate andare un po’ di più la vostra parte emozionale, ne trarranno beneficio mente e corpo.

 
 
 
I I I I I I I I 
 

 
 
 

– la risata “ih, ih, ih”:  
 
vibra nel naso e nella testa, ed è piuttosto mentale e controllata.
 
Così è la risata del sarcastico, di chi sta reprimendo l’aggressività.
 
Sembra più una scarica nervosa che un atto piacevole.
 
Comunica spesso disagio, tensione o nervosismo, e può significare un’aggressività repressa che sceglie questo modo per esprimersi. 
 
 


E tu con che vocale ridi?





 
 
 
Copyright Test e Testo Antonella Lucato 2005 – Impaginazione e piccole modificheT.K.

 
 
 
 

Ed ora – quale che sia la vostra vocale –
 facciamoci delle gran belle risate  
con Totò in questo video.

 
 
 
frebiapouce.gif

 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 

Flowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gif

PER LE NOVITA’ DEL BLOG
 SE TI PIACE… ISCRIVITI





 

TOTO’ – Breve ricordo del mitico attore anche con una poesia.. una canzone.. delle battute ed una scena cult   1 comment

.

.





.


Non basterebbero forse 10 post per ricordare


cosa Totò ha significato nel '900 per la storia del teatro,


del cinema, della cultura, della canzone e della tv.









Per questo, desiderando dedicargli un post-omaggio


mi limiterò a ricordarlo con una sua poesia,


non la notissima ed inflazionatissima “Livella“, ma con 


una meno nota e però carinissima “Si fosse n'auciello“,


con la sua sofferta canzone Malafemmena,


con alcune sue mitiche fulminanti battute quasi… aforismi divertenti


ed infine con la mitica scena della… lettera.




Napoli 15.2.1898 – Roma 15.4.1967

.



LA POESIA

.


SI FOSSE N’AUCIELLO


Si fosse n’auciello, ogne matina

vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:

“Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!”.

E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille

e chiano chiano, comme a na carezza,

cu stu beccuccio accussi piccerillo,

mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo *

si fosse nu canario o nu cardillo.

.

.


 


Per coloro che non conoscono la lingua napoletana

eccola in una mia modesta traduzione


 

SE FOSSI UN UCCELLO



Se fossi un uccello, ogni mattina

vorrei cantare sulla finestra tua:

“Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!”.

E poi vorrei  saltare sui tuoi capelli

e piano piano, … come una carezza,

con questo beccuccio così piccolino,

ti mangerei di baci a… pizzichillo *

se fossi un canarino od un cardellino.


.

* (intraducibile… a parer mio… ma per render l’idea… si tratta di bacetti a mò di pizzicotti o di morsetti come il beccar di un uccello).




LA CANZONE








ALCUNE MITICHE BATTUTE



Ora ecco una mini selezione di sue mitiche battute
che possono, talvolta,
anche apparire divertenti aforismi.

.

.

.






– A volte anche un cretino ha un’idea.

– Voglio morire, mi voglio ammazzare, suicidatemi.

– Lei è un cretino, s’informi.

– I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.

– L’acne giovanile si cura con la vecchiaia.

– Questa è la civiltà: hai tutto quello che vuoi quando non ti serve.

– In carcere, con rispetto parlando, stavo tra persone perbene.

– Cavaliere, nessuno vuole farla fesso, non ce n’è bisogno.

– Gli avvocati difendono i ladri. Sai com’è… tra colleghi…

– Nel dolore un orbo è avvantaggiato, piange con un occhio solo.

– Ognuno ha la faccia che ha, ma qualche volta si esagera.






– Sono bello, piaciucchio, ho il mio sex appello.

– Non so leggere, ma intuisco.

– Lei puzza con la “p” maiuscola.

– Il coraggio ce l’ho. E’ la paura che mi frega.

– Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis.

– E’ incredibile come un bipede di genere femminile possa ridurre un uomo.

– Devo andare a un funerale di un morto.

– La sua vita si svolge fra casa e chiesa… E va be’, ma nel tragitto cosa succede?

– E’ la somma che fa il totale.

– Conobbi Miss Angoscia che aveva due belle angosce. Che angosce, che angosce!

– La donna è mobile e io mi sento un mobiliere.

– L’uomo discende dalla scimmia, io no… sono raccomandato…



 





LA MITICA SCENA DELLA LETTERA






CIAO DA TONY KOSPAN




Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
PER LE NOVITA' DEL BLOG
frebiapouce.gif
SE TI PIACE… ISCRIVITI

.






.

.

Anche la vocale che tu usi per ridere… parla di te! – Scopri con questo piccolo test cosa rivela!   Leave a comment

 


 

 

 
 


Pare… dico pare… che chi riesce a sorridere spesso
 
ha  meno possibilità d’ammalarsi!

 
Ne sono convinti i medici,  ma a parte ciò,
 
quel che è certo è che chi riesce a sorridere spesso

vive senz’altro meglio.

 

 

 gif animali 20

 

 
Ma sono uguali tutte le risate?



NO!
 
  
 
La vocale che usiamo… parla di noi
 
e del momento che stiamo vivendo.
 

 

 


 
 

 
 

Il modo di ridere è un’importante via di comunicazione:
 
e, a seconda delle vocali che usiamo,

la risata comunica stati d’animo differenti e modi diversi di essere.





 
 
 
 
VEDIAMO DUNQUE I SIGNIFICATI DI OGNI SINGOLA VOCALE…

 
 
 

A



– la risata “ah, ah, ah”:  
 
la “a” è la vocale delle risate di vero cuore, vitale, aperta e solare come la personalità di chi ride in questo modo.
 
Fa bene al cuore apre la respirazione e aiuta la circolazione; è quindi utilissima per stress a stati d’ansia.

 
 
 
 
O O O O O O O O 

 
 
 
 

– la risata “oh, oh, oh”:  
 
caratteristica di chi apprezza la buona cucina e si sente a proprio agio soprattutto in una tavolata di amici.
 
La risata in “o” è grassa o di pancia, risuona nel ventre e dà benefici all’apparato digerente.


 
 
 
 

U U U U U U U U 


 
 
 
– la risata “uh, uh, uh”:


 
è la più profonda , la più vicina agli istinti.


 
E’ preziosa per sciogliere la tensione, soprattutto quando si accumula nella schiena.

 
 
 
 
E E E E E E E E 
 
 
 

 
– la risata “eh, eh, eh”:  
 
risuona nella gola, che fa da ponte tra la testa e il cuore, tra le emozioni e la razionalità.
 
E’ la risata caratteristica di chi privilegia la razionalità nel lavoro e nelle relazioni.
 
Sarcastica e pungente ha spesso per bersaglio qualcosa o qualcuno. 


Può esprimere cinismo, difficoltà di contatto affettivo, tendenza a fuggire le emozioni.


 
Attenzione a non controllare troppo con la testa; lasciate andare un po’ di più la vostra parte emozionale, ne trarranno beneficio mente e corpo.

 
 
 
I I I I I I I I 
 

 
 
 

– la risata “ih, ih, ih”:  
 
vibra nel naso e nella testa, ed è piuttosto mentale e controllata.
 
Così è la risata del sarcastico, di chi sta reprimendo l’aggressività.
 
Sembra più una scarica nervosa che un atto piacevole.
 
Comunica spesso disagio, tensione o nervosismo, e può significare un’aggressività repressa che sceglie questo modo per esprimersi. 
 
 


E tu con che vocale ridi?





 
 
 
Copyright Test e Testo Antonella Lucato 2005 – Impaginazione e piccole modificheT.K.

 
 
 
 

Ed ora – quale che sia la vostra vocale –
 facciamoci delle gran belle risate  
con Totò in questo video.

 
 
 
frebiapouce.gif

 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 

Flowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gif

PER LE NOVITA’ DEL BLOG
 SE TI PIACE… ISCRIVITI





 

Sì… anche la vocale che usi per ridere… parla di te! – Scopri con questo piccolo test cosa rivela!   Leave a comment

 


 

 

 
 


Pare… dico pare… che chi riesce a sorridere spesso
 
ha  meno possibilità d'ammalarsi!

 
Ne sono convinti i medici,  ma a parte ciò,
 
quel che è certo è che chi riesce a sorridere spesso

vive senz'altro meglio.

 

 

 gif animali 20

 

 
Ma sono uguali tutte le risate?



NO!
 
  
 
La vocale che usiamo… parla di noi
 
e del momento che stiamo vivendo.
 

 

 


 
 

 
 

Il modo di ridere è un’importante via di comunicazione:
 
e, a seconda delle vocali che usiamo,

la risata comunica stati d’animo differenti e modi diversi di essere.





 
 
 
 
VEDIAMO DUNQUE I SIGNIFICATI DI OGNI SINGOLA VOCALE…

 
 
 

A



– la risata “ah, ah, ah”:  
 
la “a” è la vocale delle risate di vero cuore, vitale, aperta e solare come la personalità di chi ride in questo modo.
 
Fa bene al cuore apre la respirazione e aiuta la circolazione; è quindi utilissima per stress a stati d’ansia.

 
 
 
 
O O O O O O O O 

 
 
 
 

– la risata “oh, oh, oh”:  
 
caratteristica di chi apprezza la buona cucina e si sente a proprio agio soprattutto in una tavolata di amici.
 
La risata in “o” è grassa o di pancia, risuona nel ventre e dà benefici all’apparato digerente.


 
 
 
 

U U U U U U U U 


 
 
 
– la risata “uh, uh, uh”:


 
è la più profonda , la più vicina agli istinti.


 
E’ preziosa per sciogliere la tensione, soprattutto quando si accumula nella schiena.

 
 
 
 
E E E E E E E E 
 
 
 

 
– la risata “eh, eh, eh”:  
 
risuona nella gola, che fa da ponte tra la testa e il cuore, tra le emozioni e la razionalità.
 
E’ la risata caratteristica di chi privilegia la razionalità nel lavoro e nelle relazioni.
 
Sarcastica e pungente ha spesso per bersaglio qualcosa o qualcuno. 


Può esprimere cinismo, difficoltà di contatto affettivo, tendenza a fuggire le emozioni.


 
Attenzione a non controllare troppo con la testa; lasciate andare un po’ di più la vostra parte emozionale, ne trarranno beneficio mente e corpo.

 
 
 
I I I I I I I I 
 

 
 
 

– la risata “ih, ih, ih”:  
 
vibra nel naso e nella testa, ed è piuttosto mentale e controllata.
 
Così è la risata del sarcastico, di chi sta reprimendo l’aggressività.
 
Sembra più una scarica nervosa che un atto piacevole.
 
Comunica spesso disagio, tensione o nervosismo, e può significare un’aggressività repressa che sceglie questo modo per esprimersi. 
 
 


E tu con che vocale ridi?





 
 
 
Copyright Test e Testo Antonella Lucato 2005 – Impaginazione e piccole modificheT.K.

 
 
 
 

Ed ora – quale che sia la vostra vocale –
 facciamoci delle gran belle risate  
con Totò in questo video.

 
 
 
frebiapouce.gif

 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 

Flowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gifFlowers_tiny_PH.gif

PER LE NOVITA' DEL BLOG
 SE TI PIACE… ISCRIVITI





 

TOTO’ – Breve ricordo del grande artista con una poesia.. una canzone.. alcune mitiche battute ed una scena cult   2 comments

.

.





.


Non basterebbero forse 10 post per ricordare


cosa Totò ha significato nel '900 per la storia del teatro,


del cinema, della cultura, della canzone e della tv.









Per questo, desiderando dedicargli un post-omaggio


mi limiterò a ricordarlo con una sua poesia,


non la notissima ed inflazionatissima “Livella“, ma con 


una meno nota e però carinissima “Si fosse n'auciello“,


con la sua sofferta canzone Malafemmena,


con alcune sue mitiche fulminanti battute quasi… aforismi divertenti


ed infine con la mitica scena della… lettera.




Napoli 15.2.1898 – Roma 15.4.1967

.



LA POESIA

.


SI FOSSE N’AUCIELLO


Si fosse n’auciello, ogne matina

vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:

“Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!”.

E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille

e chiano chiano, comme a na carezza,

cu stu beccuccio accussi piccerillo,

mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo *

si fosse nu canario o nu cardillo.

.

.


 


Per coloro che non conoscono la lingua napoletana

eccola in una mia modesta traduzione


 

SE FOSSI UN UCCELLO



Se fossi un uccello, ogni mattina

vorrei cantare sulla finestra tua:

“Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!”.

E poi vorrei  saltare sui tuoi capelli

e piano piano, … come una carezza,

con questo beccuccio così piccolino,

ti mangerei di baci a… pizzichillo *

se fossi un canarino od un cardellino.


.

* (intraducibile… a parer mio… ma per render l’idea… si tratta di bacetti a mò di pizzicotti o di morsetti come il beccar di un uccello).




LA CANZONE








ALCUNE MITICHE BATTUTE



Ora ecco una mini selezione di sue mitiche battute
che possono, talvolta,
anche apparire divertenti aforismi.

.

.

.






– A volte anche un cretino ha un’idea.

– Voglio morire, mi voglio ammazzare, suicidatemi.

– Lei è un cretino, s’informi.

– I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.

– L’acne giovanile si cura con la vecchiaia.

– Questa è la civiltà: hai tutto quello che vuoi quando non ti serve.

– In carcere, con rispetto parlando, stavo tra persone perbene.

– Cavaliere, nessuno vuole farla fesso, non ce n’è bisogno.

– Gli avvocati difendono i ladri. Sai com’è… tra colleghi…

– Nel dolore un orbo è avvantaggiato, piange con un occhio solo.

– Ognuno ha la faccia che ha, ma qualche volta si esagera.






– Sono bello, piaciucchio, ho il mio sex appello.

– Non so leggere, ma intuisco.

– Lei puzza con la “p” maiuscola.

– Il coraggio ce l’ho. E’ la paura che mi frega.

– Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis.

– E’ incredibile come un bipede di genere femminile possa ridurre un uomo.

– Devo andare a un funerale di un morto.

– La sua vita si svolge fra casa e chiesa… E va be’, ma nel tragitto cosa succede?

– E’ la somma che fa il totale.

– Conobbi Miss Angoscia che aveva due belle angosce. Che angosce, che angosce!

– La donna è mobile e io mi sento un mobiliere.

– L’uomo discende dalla scimmia, io no… sono raccomandato…



 





LA MITICA SCENA DELLA LETTERA






CIAO DA TONY KOSPAN




Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
PER LE NOVITA' DEL BLOG
frebiapouce.gif
SE TI PIACE… ISCRIVITI

.






.

.

Anche la vocale che usi per ridere parla di te! – Scopri con questo piccolo test cosa rivela!   1 comment

 


 
 

 
 


Pare… dico pare… che chi riesce a sorridere spesso
 
ha  meno possibilità d'ammalarsi… 

 
Ne sono convinti i medici,  ma a parte ciò…. 
 
quel che è certo è che chi riesce a sorridere spesso

vive senz'altro meglio… 

 

 

 

 

 
Ma sono uguali tutte le risate?


 
 

NO!!!!

  
 
La vocale che usiamo… parla di noi
 

e del momento che stiamo vivendo… 
 

 

 


 
 

 
 

Il modo di ridere è un’importante via di comunicazione:
 
a seconda delle vocali che usiamo,

la risata comunica stati d’animo differenti,  modi diversi di essere.





 
 
 
 
VEDIAMO I SIGNIFICATI DI OGNI SINGOLA VOCALE…
 
 
 

A



– la risata “ah, ah, ah”:  
 
la “a” è la vocale delle risate di vero cuore, vitale, aperta e solare come la personalità di chi ride in questo modo.
 
Fa bene al cuore apre la respirazione e aiuta la circolazione; è quindi utilissima per stress a stati d’ansia.

 
 
 
 
O O O O O O O O 

 
 
 
 

– la risata “oh, oh, oh”:  
 
caratteristica di chi apprezza la buona cucina e si sente a proprio agio soprattutto in una tavolata di amici.
 
La risata in “o” è grassa o di pancia, risuona nel ventre e dà benefici all’apparato digerente.
 
 
 
 

U U U U U U U U 


 
 
 
– la risata “uh, uh, uh”:


 
è la più profonda , la più vicina agli istinti.

 
E’ preziosa per sciogliere la tensione, soprattutto quando si accumula nella schiena.

 
 
 
 
E E E E E E E E 
 
 
 

 
– la risata “eh, eh, eh”:  
 
risuona nella gola, che fa da ponte tra la testa e il cuore, tra le emozioni e la razionalità.
 
E’ la risata caratteristica di chi privilegia la razionalità nel lavoro e nelle relazioni.
 
Sarcastica e pungente ha spesso per bersaglio qualcosa o qualcuno. 


Può esprimere cinismo, difficoltà di contatto affettivo, tendenza a fuggire le emozioni.

 
Attenzione a non controllare troppo con la testa; lasciate andare un po’ di più la vostra parte emozionale, ne trarranno beneficio mente e corpo.

 
 
 
I I I I I I I I 
 

 
 
 

– la risata “ih, ih, ih”:  
 
vibra nel naso e nella testa, ed è piuttosto mentale e controllata.
 
Così è la risata del sarcastico, di chi sta reprimendo l’aggressività.
 
Sembra più una scarica nervosa che un atto piacevole.
 
Comunica spesso disagio, tensione o nervosismo, e può significare un’aggressività repressa che sceglie questo modo per esprimersi. 
 
 

E tu con che vocale ridi?





 
 
 
Copyright Test e Testo Antonella Lucato 2005 – Impaginazione e piccole modificheT.K.

 
 
 
 

Ed ora – quale che sia la vostra vocale –
 facciamoci delle gran belle risate  
con Totò in questo video…
 
 
 
Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognante
 

 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 

Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

PER LE NOVITA' DEL BLOG



 SE TI PIACE… ISCRIVITI





 

TOTO’ – Breve ricordo del grande artista con una poesia.. una canzone.. delle mitiche battute ed una scena cult   Leave a comment

.

.





.


Non basterebbero forse 10 post per ricordare


cosa Totò ha significato nel '900 per la storia del teatro,


del cinema, della cultura, della canzone e della tv.









Per questo, desiderando dedicargli un post


mi limiterò a ricordarlo con una sua poesia…


non la notissima ed inflazionatissima “Livella” ma con 


una meno nota e però molto carina “Si fosse n'auciello“,


la sua sofferta canzone Malafemmena,


con alcune sue mitiche fulminanti battute


ed infine con la mitica scena della lettera.




Napoli 15.2.1898 – Roma 15.4.1967

.



LA POESIA

.


SI FOSSE N’AUCIELLO


Si fosse n’auciello, ogne matina

vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:

“Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!”.

E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille

e chiano chiano, comme a na carezza,

cu stu beccuccio accussi piccerillo,

mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo *

si fosse nu canario o nu cardillo.

.

.


 


Per coloro che non conoscono la lingua napoletana

eccola in una mia modesta traduzione


 

SE FOSSI UN UCCELLO



Se fossi un uccello, ogni mattina

vorrei cantare sulla finestra tua:

“Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!”.

E poi vorrei  saltare sui tuoi capelli

e piano piano, … come una carezza,

con questo beccuccio così piccolino,

ti mangerei di baci a… pizzichillo *

se fossi un canarino od un cardellino.


.

* (intraducibile… a parer mio… ma per render l’idea… si tratta di bacetti a mò di pizzicotti o di morsetti come il beccar di un uccello).




LA CANZONE








ALCUNE MITICHE BATTUTE



Ora ecco una mini selezione di sue mitiche battute
che possono, talvolta,
anche apparire divertenti aforismi.

.

.

.






– A volte anche un cretino ha un’idea.

– Voglio morire, mi voglio ammazzare, suicidatemi.

– Lei è un cretino, s’informi.

– I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.

– L’acne giovanile si cura con la vecchiaia.

– Questa è la civiltà: hai tutto quello che vuoi quando non ti serve.

– In carcere, con rispetto parlando, stavo tra persone perbene.

– Cavaliere, nessuno vuole farla fesso, non ce n’è bisogno.

– Gli avvocati difendono i ladri. Sai com’è… tra colleghi…

– Nel dolore un orbo è avvantaggiato, piange con un occhio solo.

– Ognuno ha la faccia che ha, ma qualche volta si esagera.






– Sono bello, piaciucchio, ho il mio sex appello.

– Non so leggere, ma intuisco.

– Lei puzza con la “p” maiuscola.

– Il coraggio ce l’ho. E’ la paura che mi frega.

– Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis.

– E’ incredibile come un bipede di genere femminile possa ridurre un uomo.

– Devo andare a un funerale di un morto.

– La sua vita si svolge fra casa e chiesa… E va be’, ma nel tragitto cosa succede?

– E’ la somma che fa il totale.

– Conobbi Miss Angoscia che aveva due belle angosce. Che angosce, che angosce!

– La donna è mobile e io mi sento un mobiliere.

– L’uomo discende dalla scimmia, io no… sono raccomandato…



 





LA MITICA SCENA DELLA LETTERA






CIAO DA TONY KOSPAN




Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
PER LE NOVITA' DEL BLOG
SE TI PIACE… ISCRIVITI

.






.

.

.

Anche la vocale che usi per ridere parla di te! – Scopri cosa dice! – Test   Leave a comment

 


 
 

 
 


Pare… dico pare… che chi riesce a sorridere spesso
 
ha  meno possibilità d'ammalarsi… 

 
Ne sono convinti i medici,  ma a parte ciò…. 
 
quel che è certo è che chi riesce a sorridere spesso

vive senz'altro meglio… 

 

 

 

 

 
Ma sono uguali tutte le risate?


 
 

NO!!!!

  
 
La vocale che usiamo… parla di noi
 

e del momento che stiamo vivendo… 
 

 

 


 
 

 
 

Il modo di ridere è un’importante via di comunicazione:
 
a seconda delle vocali che usiamo,

la risata comunica stati d’animo differenti,  modi diversi di essere.






 
 
 
 
VEDIAMO I SIGNIFICATI DI OGNI SINGOLA VOCALE…
 
 
 



– la risata “ah, ah, ah”:  
 
la “a” è la vocale delle risate di vero cuore, vitale, aperta e solare come la personalità di chi ride in questo modo.
 
Fa bene al cuore apre la respirazione e aiuta la circolazione; è quindi utilissima per stress a stati d’ansia.

 
 
 
 

 
 
 
 

– la risata “oh, oh, oh”:  
 
caratteristica di chi apprezza la buona cucina e si sente a proprio agio soprattutto in una tavolata di amici.
 
La risata in “o” è grassa o di pancia, risuona nel ventre e dà benefici all’apparato digerente.
 
 
 
 


 
 
 
– la risata “uh, uh, uh”:


 
è la più profonda , la più vicina agli istinti.

 
E’ preziosa per sciogliere la tensione, soprattutto quando si accumula nella schiena.

 
 
 
 

 
 
 

 
– la risata “eh, eh, eh”:  
 
risuona nella gola, che fa da ponte tra la testa e il cuore, tra le emozioni e la razionalità.
 
E’ la risata caratteristica di chi privilegia la razionalità nel lavoro e nelle relazioni.
 
Sarcastica e pungente ha spesso per bersaglio qualcosa o qualcuno. 


Può esprimere cinismo, difficoltà di contatto affettivo, tendenza a fuggire le emozioni.

 
Attenzione a non controllare troppo con la testa; lasciate andare un po’ di più la vostra parte emozionale, ne trarranno beneficio mente e corpo.

 
 
 
 

 
 
 

– la risata “ih, ih, ih”:  
 
vibra nel naso e nella testa, ed è piuttosto mentale e controllata.
 
Così è la risata del sarcastico, di chi sta reprimendo l’aggressività.
 
Sembra più una scarica nervosa che un atto piacevole.
 
Comunica spesso disagio, tensione o nervosismo, e può significare un’aggressività repressa che sceglie questo modo per esprimersi. 
 
 

E tu con che vocale ridi?





 
 
 
Copyright Test e Testo Antonella Lucato 2005 – Impaginazione e piccole modificheT.K.

 
 
 
 

Ed ora – quale che sia la vostra vocale –
 facciamoci delle gran belle risate  
con Totò in questo video…
 
 
 
Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognante
 

 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE TI PIACE…ISCRIVITI






 

TOTO’ – Breve ricordo di un artista mitico anche con una poesia.. una canzone.. delle battute ed una scena cult   Leave a comment

.

.




.

Non basterebbero forse 10 post per ricordare


cosa Totò ha significato nel '900 per la storia del teatro,


del cinema, della cultura, della canzone e della tv.







Per questo, desiderando dedicargli un post mi limiterò a ricordarlo 

con una sua poesia… non la notissima ed inflazionatissima “Livella” 

ma con la meno nota e però molto carina Si fosse n'auciello“,

con la sua sofferta canzone Malafemmena,

con alcune sue mitiche fulminanti battute

ed infine con la mitica scena della lettera.





Napoli 15.2.1898 – Roma 15.4.1967


.

.


LA POESIA


SI FOSSE N’AUCIELLO


Si fosse n’auciello, ogne matina

vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:

“Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!”.

E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille

e chiano chiano, comme a na carezza,

cu stu beccuccio accussi piccerillo,

mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo *

si fosse nu canario o nu cardillo.


.

.


 


Per coloro che non conoscono la lingua napoletana

eccola in una mia modesta traduzione


 

SE FOSSI UN UCCELLO


Se fossi un uccello, ogni mattina

vorrei cantare sulla finestra tua:

“Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!”.

E poi vorrei  saltare sui tuoi capelli

e piano piano, … come una carezza,

con questo beccuccio così piccolino,

ti mangerei di baci a… pizzichillo *

se fossi un canarino od un cardellino.


* (intraducibile… a parer mio… ma per render l’idea… si tratta di bacetti a mò di pizzicotti o di morsetti come il beccar di un uccello).




LA CANZONE






ALCUNE MITICHE BATTUTE


Ora ecco una mini selezione di sue mitiche battute

che possono, talvolta, anche apparire divertenti aforismi.

.





A volte anche un cretino ha un’idea.

Voglio morire, mi voglio ammazzare, suicidatemi.

Lei è un cretino, s’informi.

I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.

L’acne giovanile si cura con la vecchiaia.

Questa è la civiltà: hai tutto quello che vuoi quando non ti serve.

In carcere, con rispetto parlando, stavo tra persone perbene.

Cavaliere, nessuno vuole farla fesso, non ce n’è bisogno.

Gli avvocati difendono i ladri. Sai com’è… tra colleghi…

Nel dolore un orbo è avvantaggiato, piange con un occhio solo.

Ognuno ha la faccia che ha, ma qualche volta si esagera.






Sono bello, piaciucchio, ho il mio sex appello.

Non so leggere, ma intuisco.

Lei puzza con la “p” maiuscola.

Il coraggio ce l’ho. E’ la paura che mi frega.

Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis.

E’ incredibile come un bipede di genere femminile possa ridurre un uomo.

Devo andare a un funerale di un morto.

La sua vita si svolge fra casa e chiesa… E va be’, ma nel tragitto cosa succede?

E’ la somma che fa il totale.

Conobbi Miss Angoscia che aveva due belle angosce. Che angosce, che angosce!

La donna è mobile e io mi sento un mobiliere.

L’uomo discende dalla scimmia, io no… sono raccomandato…



 





LA MITICA SCENA DELLA LETTERA


 (clicca sull'immagine per il video)




CIAO DA TONY KOSPAN




VISITA PER LE NOVITA



E.. SE TI PIACE.. ISCRIVITI




.

.

.

.

.

Totò – Breve ricordo di un mito dello spettacolo con una poesia.. una canzone.. delle battute ed una scena cult   Leave a comment

.

.




.

Non basterebbero forse 10 post per ricordare
cosa Totò ha significato nel ‘900 per la storia del teatro,
del cinema, della cultura, della canzone e della tv.







Per questo, desiderando dedicargli un post
mi limiterò a ricordarlo con una sua poesia…
non la notissima ed inflazionatissima “Livella” ma con
una meno nota e però molto carina
Si fosse n’auciello“,
la sua sofferta canzone Malafemmena,
con alcune sue mitiche fulminanti battute
ed infine con la mitica scena della lettera.




Napoli 15.2.1898 – Roma 15.4.1967


.

.


LA POESIA


SI FOSSE N’AUCIELLO


Si fosse n’auciello, ogne matina

vurria cantà ‘ncoppa ‘a fenesta toja:

“Bongiorno, ammore mio,bongiorno, ammore!”.

E po’ vurria zumpà ‘ncoppa ‘e capille

e chiano chiano, comme a na carezza,

cu stu beccuccio accussi piccerillo,

mme te mangiasse ‘e vase a pezzechillo *

si fosse nu canario o nu cardillo.


.

.


 


Per coloro che non conoscono la lingua napoletana

eccola in una mia modesta traduzione


 

SE FOSSI UN UCCELLO


Se fossi un uccello, ogni mattina

vorrei cantare sulla finestra tua:

“Buongiorno, amore mio, buongiorno, amore!”.

E poi vorrei  saltare sui tuoi capelli

e piano piano, … come una carezza,

con questo beccuccio così piccolino,

ti mangerei di baci a… pizzichillo *

se fossi un canarino od un cardellino.


* (intraducibile… a parer mio… ma per render l’idea… si tratta di bacetti a mò di pizzicotti o di morsetti come il beccar di un uccello).




LA CANZONE






ALCUNE MITICHE BATTUTE


Ora ecco una mini selezione di sue mitiche battute
che possono, talvolta,
anche apparire divertenti aforismi.


.





A volte anche un cretino ha un’idea.

Voglio morire, mi voglio ammazzare, suicidatemi.

Lei è un cretino, s’informi.

I parenti sono come le scarpe: più sono stretti e più ti fanno male.

L’acne giovanile si cura con la vecchiaia.

Questa è la civiltà: hai tutto quello che vuoi quando non ti serve.

In carcere, con rispetto parlando, stavo tra persone perbene.

Cavaliere, nessuno vuole farla fesso, non ce n’è bisogno.

Gli avvocati difendono i ladri. Sai com’è… tra colleghi…

Nel dolore un orbo è avvantaggiato, piange con un occhio solo.

Ognuno ha la faccia che ha, ma qualche volta si esagera.






Sono bello, piaciucchio, ho il mio sex appello.

Non so leggere, ma intuisco.

Lei puzza con la “p” maiuscola.

Il coraggio ce l’ho. E’ la paura che mi frega.

Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiedevano il bis.

E’ incredibile come un bipede di genere femminile possa ridurre un uomo.

Devo andare a un funerale di un morto.

La sua vita si svolge fra casa e chiesa… E va be’, ma nel tragitto cosa succede?

E’ la somma che fa il totale.

Conobbi Miss Angoscia che aveva due belle angosce. Che angosce, che angosce!

La donna è mobile e io mi sento un mobiliere.

L’uomo discende dalla scimmia, io no… sono raccomandato…



 





LA MITICA SCENA DELLA LETTERA






CIAO DA TONY KOSPAN




PER LE NOVITA’ DEL BLOG

SE TI PIACE – ISCRIVITI

 




.

.

.

.

.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: