Archivio per l'etichetta ‘scavi di pompei

SIPARIO PER PARADE – Storia ed analisi del più grande dipinto di Picasso   Leave a comment

.
.

Sipario per Parade (partic.)

 


 

Sipario per Parade”, lunga 17 metri e alta 11,

è la più grande pittura di Pablo Picasso.

 

L’opera, conservata al Centre George Pompidou di Parigi

viene esposta solo in rarissime (solo 3 in cento anni) occasioni.

 

 

 

Autoritratto – Io il Re

 

 

 

L’opera fu creata da Picasso a Roma nel 1917 (quindi ha oltre 100 anni)

come scenario del balletto “Parade” di Erik Satie (da cui prende il nome)

che si tenne al Théâtre du Châtelet di Parigi nel maggio dello stesso anno.

 

 

 

Olga amata da Picasso

 

 

 

In quel periodo Picasso, insieme allo scrittore Jean Cocteaou,

si muoveva tra Napoli… Pompei e Roma rimanendo entusiasta

sia dalle vestigia antiche che delle atmosfere popolari.

 

A Roma incontrò e s’innamorò della ballerina Olga

che faceva parte del balletto.

 

 

 

Picasso a Napoli

 

 

 

Il dipinto rappresenta una grande casa con ballerine e animali che danno vita

ad un circo suggestivo, poetico, allegro ma nel contempo triste.

 

L’opera fa parte di quella notevole, per numero e qualità di opere (circa 300)

galleria di dipinti definita “Picasso et le cirque” in cui gli artisti circensi

mostrano il “languore di un circo senza pubblico” e cioè

gesti, piroette, espressioni e colori sono uniti a momenti malinconici.

 

 

 

Famiglia di saltimbanchi

 




Orbene questa opera di recente è giunta a Napoli e, 

con una complessa organizzazione per la sua salvaguardia, 

è stata portata al 2° piano del Museo di Capodimonte,

per una mostra che si è tenuta prima lì e poi presso gli “Scavi di Pompei”.

 

Le mostre tenutesi in Italia nel 2017

hanno inteso festeggiare il centenario della permanenza 

a Roma e a Napoli del grande artista.





Sipario per Parade


.

.

.

Tony Kospan

.

.

LA PAGINA PER DARE COLORE ALLE TUE ORE 

.

.

.


I GLADIATORI – Il sorprendente affresco e le ultime scoperte archeologiche dell’antica Pompei   Leave a comment









ULTIME SCOPERTE ARCHEOLOGICHE A POMPEI



Negli ultimi anni si sono avuto spesso nuove scoperte e quasi tutte nella Regio V di Pompei.







I GLADIATORI


Un affresco, seminascosto nel sottoscala di quella che appare una taverna, è una delle “ultimissime”.

L'affresco riprende gli ultimi momenti di una lotta tra gladiatori e mostra chiaramente chi ha vinto e chi si sta arrendendo.

Il dipinto è sorprendente in quanto, forse (e soprattutto) per la modestia del luogo, non mostra la classica eleganza pittorica presente in quasi tutte le domus pompeiane… ma ci mostra, con poco stile, 2 corpi tozzi e sgraziati, polpacci esagerati, sangue che schizza dappertutto etc. 

Eppure il dipinto non manca di alcun aspetto essenziale della lotta tra gladiatori, come gli elmi, gli schinieri, la celata sul viso e perfino il dito in alto col quale il soccombente chiede la grazia.

Gli archeologi si sono quindi molto meravigliati di questo dipinto definendolo un po' “trash” (volgare) escludendo ovviamente gli affreschi a luci rosse.

Passiamo ora a vedere alcune delle altre recenti scoperte avvenute negli Scavi di Pompei








LEDA E IL CIGNO


Il dipinto, che riprende il classicissimo tema mitologico, è stato ritrovato in una casa di via Vesuvio che porta proprio il suo nome.

E' uno splendido affresco dai vivaci colori. 

La scena, pur essendo implicitamente spinta dovendo rappresentare il noto mito greco, appare viceversa ritratta in modo non volgare.








NARCISO


Nella stessa casa in cui è stata trovata Leda e il cigno è stato trovato l'affresco di Narciso.

Anche questo mito è rappresentato secondo i canoni classici.

Infatti ci mostra Narciso che, innamorato della sua bellezza, si specchia nell'acqua.







IL MOSAICO DI ORIONE


Qui è raffigurato Orione che dopo la morte diviene una costellazione. 

Il mosaico, rinvenuto negli scavi della Regio V di Pompei, insieme ad altri, ci hanno fatto comprendere chi era il proprietario di quella casa.

Infatti si è stabilito che doveva essere un agrimensore, cioè un tecnico altamente specializzato in misurazioni agrarie. 








NEREIDE E IL CAVALLO MARINO


L'affresco è stato rinvenuto in un termopolio, cioè in un negozio in cui si vendevano bevande e generi alimentari.






Accanto ad esso un altro che appare chiaramente indicativo dell'attività della bottega… (inoltre, durante lo scavo, sono state trovate proprio anfore come quelle del dipintoe che potremmo definire quindi… un'insegna commerciale ante litteram.


Tony Kospan








SIPARIO PER PARADE – Storia e breve analisi del più grande dipinto di Picasso.   1 comment

.
.

Sipario per Parade (partic.)

 


 

Sipario per Parade”, lunga 17 metri e alta 11,

è la più grande pittura di Pablo Picasso.

 

L’opera, conservata al Centre George Pompidou di Parigi

viene esposta solo in rarissime (solo 3 in cento anni) occasioni.

 

 

 

Autoritratto – Io il Re

 

 

 

L’opera fu creata da Picasso a Roma nel 1917 (quindi ha oltre 100 anni)

come scenario del balletto “Parade” di Erik Satie (da cui prende il nome)

che si tenne al Théâtre du Châtelet di Parigi nel maggio dello stesso anno.

 

 

 

Olga amata da Picasso

 

 

 

In quel periodo Picasso, insieme allo scrittore Jean Cocteaou,

si muoveva tra Napoli… Pompei e Roma rimanendo entusiasta

sia dalle vestigia antiche che delle atmosfere popolari.

 

A Roma incontrò e s’innamorò della ballerina Olga

che faceva parte del balletto.

 

 

 

Picasso a Napoli

 

 

 

Il dipinto rappresenta una grande casa con ballerine e animali che danno vita

ad un circo suggestivo, poetico, allegro ma nel contempo triste.

 

L’opera fa parte di quella notevole, per numero e qualità di opere (circa 300)

galleria di dipinti definita “Picasso et le cirque” in cui gli artisti circensi

mostrano il “languore di un circo senza pubblico” e cioè

gesti, piroette, espressioni e colori sono uniti a momenti malinconici.

 

 

 

Famiglia di saltimbanchi

 




Orbene questa opera di recente è giunta a Napoli e, 

con una complessa organizzazione per la sua salvaguardia, 

è stata portata al 2° piano del Museo di Capodimonte,

per una mostra che si è tenuta prima lì e poi presso gli “Scavi di Pompei”.

 

Le mostre tenutesi in Italia nel 2017

hanno inteso festeggiare il centenario della permanenza 

a Roma e a Napoli del grande artista.





Sipario per Parade


.

.

.

Tony Kospan

.

.

LA PAGINA PER DARE COLORE ALLE TUE ORE 

.

.

.


I GLADIATORI – Il sorprendente affresco e le ultime scoperte archeologiche pompeiane   Leave a comment









ULTIME SCOPERTE ARCHEOLOGICHE A POMPEI



Negli ultimi anni si sono avuto spesso nuove scoperte e quasi tutte nella Regio V di Pompei.







I GLADIATORI


Un affresco, seminascosto nel sottoscala di quella che appare una taverna, è una delle “ultimissime”.

L'affresco riprende gli ultimi momenti di una lotta tra gladiatori e mostra chiaramente chi ha vinto e chi si sta arrendendo.

Il dipinto è sorprendente in quanto, forse (e soprattutto) per la modestia del luogo, non mostra la classica eleganza pittorica presente in quasi tutte le domus pompeiane… ma ci mostra, con poco stile, 2 corpi tozzi e sgraziati, polpacci esagerati, sangue che schizza dappertutto etc. 

Eppure il dipinto non manca di alcun aspetto essenziale della lotta tra gladiatori, come gli elmi, gli schinieri, la celata sul viso e perfino il dito in alto col quale il soccombente chiede la grazia.

Gli archeologi si sono quindi molto meravigliati di questo dipinto definendolo un po' “trash” (volgare) escludendo ovviamente gli affreschi a luci rosse.

Passiamo ora a vedere alcune delle altre recenti scoperte avvenute negli Scavi di Pompei








LEDA E IL CIGNO


Il dipinto, che riprende il classicissimo tema mitologico, è stato ritrovato in una casa di via Vesuvio che porta proprio il suo nome.

E' uno splendido affresco dai vivaci colori. 

La scena, pur essendo implicitamente spinta dovendo rappresentare il noto mito greco, appare viceversa ritratta in modo non volgare.








NARCISO


Nella stessa casa in cui è stata trovata Leda e il cigno è stato trovato l'affresco di Narciso.

Anche questo mito è rappresentato secondo i canoni classici.

Infatti ci mostra Narciso che, innamorato della sua bellezza, si specchia nell'acqua.







IL MOSAICO DI ORIONE


Qui è raffigurato Orione che dopo la morte diviene una costellazione. 

Il mosaico, rinvenuto negli scavi della Regio V di Pompei, insieme ad altri, ci hanno fatto comprendere chi era il proprietario di quella casa.

Infatti si è stabilito che doveva essere un agrimensore, cioè un tecnico altamente specializzato in misurazioni agrarie. 








NEREIDE E IL CAVALLO MARINO


L'affresco è stato rinvenuto in un termopolio, cioè in un negozio in cui si vendevano bevande e generi alimentari.






Accanto ad esso un altro che appare chiaramente indicativo dell'attività della bottega… (inoltre, durante lo scavo, sono state trovate proprio anfore come quelle del dipintoe che potremmo definire quindi… un'insegna commerciale ante litteram.


Tony Kospan








SIPARIO PER PARADE… il più grande dipinto di Picasso. La sua storia ed una breve analisi   1 comment

.
.

Sipario per Parade (partic.)



Sipario per Parade”, lunga 17 metri e alta 11,

è la più grande pittura di Pablo Picasso.


L'opera, conservata al Centre George Pompidou di Parigi

viene esposta solo in rarissime (solo 3 in cento anni) occasioni.




Autoritratto – Io il Re




L'opera fu creata da Picasso a Roma nel 1917 (quindi ha 101 anni)

come scenario del balletto “Parade” di Erik Satie (da cui prende il nome)

che si tenne al Théâtre du Châtelet di Parigi nel maggio dello stesso anno.




Olga amata da Picasso



In quel periodo Picasso, insieme allo scrittore Jean Cocteaou,

si muoveva tra Napoli.. Pompei e Roma rimanendo entusiasta

sia dalle vestigia antiche che delle atmosfere popolari.


A Roma incontrò e s'innamorò della ballerina Olga

che faceva parte del balletto.




Picasso a Napoli




Il dipinto rappresenta una grande casa con ballerine e animali che danno vita

ad un circo suggestivo, poetico, allegro ma nel contempo triste.


L'opera fa parte di quella notevole, per numero e qualità di opere (circa 300)

galleria di dipinti definita “Picasso et le cirque” in cui gli artisti circensi

mostrano il “languore di un circo senza pubblico” e cioè

gesti, piroette, espressioni e colori sono uniti a momenti malinconici.




Famiglia di saltimbanchi




Orbene questa opera di recente è giunta a Napoli e, 

con una complessa organizzazione per la sua salvaguardia, 

è stata portata al 2° piano del Museo di Capodimonte,

per una mostra che si è tenuta prima lì e poi presso gli “Scavi di Pompei”.


Le mostre del 2017, in cui sono state presenti anche altre sue opere, 

intendevano festeggiare il centenario della permanenza a Roma e Napoli 

del grande artista.






Sipario per Parade


.

.

.

Tony Kospan

.

.

LA PAGINA PER DARE COLORE ALLE TUE ORE 

.

.

.


SIPARIO PER PARADE – Storia.. immagini e breve analisi del più grande dipinto di Picasso   Leave a comment

.
.

Sipario per Parade (partic.)



Sipario per Parade”, lunga 17 metri e alta 11,

è la più grande pittura di Pablo Picasso.


L'opera, conservata al Centre George Pompidou di Parigi

viene esposta solo in rarissime (solo 3 in cento anni) occasioni.




Autoritratto – Io il Re




L'opera fu creata da Picasso a Roma nel 1917 (quindi ha 101 anni)

come scenario del balletto “Parade” di Erik Satie (da cui prende il nome)

che si tenne al Théâtre du Châtelet di Parigi nel maggio dello stesso anno.




Olga amata da Picasso



In quel periodo Picasso, insieme allo scrittore Jean Cocteaou,

si muoveva tra Napoli.. Pompei e Roma rimanendo entusiasta

sia dalle vestigia antiche che delle atmosfere popolari.


A Roma incontrò e s'innamorò della ballerina Olga

che faceva parte del balletto.




Picasso a Napoli




Il dipinto rappresenta una grande casa con ballerine e animali che danno vita

ad un circo suggestivo, poetico, allegro ma nel contempo triste.


L'opera fa parte di quella notevole, per numero e qualità di opere (circa 300)

galleria di dipinti definita “Picasso et le cirque” in cui gli artisti circensi

mostrano il “languore di un circo senza pubblico” e cioè

gesti, piroette, espressioni e colori sono uniti a momenti malinconici.




Famiglia di saltimbanchi




Orbene questa opera di recente è giunta a Napoli e, 

con una complessa organizzazione per la sua salvaguardia, 

è stata portata al 2° piano del Museo di Capodimonte,

per una mostra che si è tenuta prima lì e poi presso gli “Scavi di Pompei”.


Le mostre del 2017, in cui sono state presenti anche altre sue opere, 

intendevano festeggiare il centenario della permanenza a Roma e Napoli 

del grande artista.






Sipario per Parade


.

.

.

Tony Kospan

.

.


LA TUA PAGINA DI… SOGNO?

Foto animata

Foto animata

.

.

.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: