Archivio per l'etichetta ‘police

Buon martedì sera in poesia “Lasciami venire..” G. Ritsos – arte Soulacroix – canzone “Every breath you take”   Leave a comment

.
.


Frederic Soulacroix
 
 

.
.
 
 
 
 
 
 
 
 

Meglio che arrivi l’inverno che si vede e si sente, 

piuttosto che un inverno che non si vede, quello del cuore.

~ Stephen Littleword ~
 
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix
 
 
 
 
LASCIAMI VENIRE CON TE 
Ghiannis Ritsos
 
Lasciami venire con te. Che luna stasera!
La luna è buona – non si vedrà
che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
Lasciami venire con te. […].
Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
e rinfrescandoci al vento di primavera
forse immagineremo pure di volare,
perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
che pare il battito di due ali forti,
e quando ti chiudi in questo rumore del volo
senti irrigidirsi il collo, i fianchi, la tua carne,
e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
nei nervi robusti dell’altezza,
non ha importanza che tu parta o torni
né conta che i miei capelli siano bianchi,
(non è questo che mi dà pena – mi dà pena
che non mi s’imbianchi anche il cuore
).
Lasciami venire con te.
Lo so, ciascuno cammina da solo verso l’amore,
solo verso la gloria e la morte.
Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
Lasciami venire con te.
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix 
 

.
.
71x73 71x73 71x73 71x73 71x73 71x73 71x73 71x73  
 

.
.
 

 

da Tony Kospan

 
 
 
 
 
 
 
123gifs010123gifs010 
STORIA.. RICORDI E ATMOSFERE DI UN TEMPO
frebiapouce.gif
 
 

.
.
 
 
Frederic Soulacroix


 
 
 

Buon martedì notte in poesia “I miei incantesimi” E. A. Poe – arte A. Lynch – canzone “Every breath you take”   Leave a comment

.

.

Albert Lynch

.

.

.

.

.

.

Ti cercherò nel fondo degli abissi, 
nel mormorio del vento. 
Ti ascolterò, 
adagiati sulla luna, ci parleremo, 
ci culleremo nell’occhio del ciclone. 
Perché nel mondo dei sogni ti ho incontrato.
– Paul Eluard –

.

.

.

Albert Lynch – L’ora del tè

.

.

.

Barres & déco diverses

.

.

.

.

.

.

I MIEI INCANTESIMI
Edgar Allan Poe
.
I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un’emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient’altro che Te.

.

.

.

 
Albert Lynch – Il nuovo spartito

.

.

.

.

.

.

da Tony Kospan

.

.

.

PER LE NOVITA’
SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I




Albert Lynch

.

.


Buon martedì sera in poesia “Lasciami venire con te” G. Ritsos – arte Soulacroix – canzone “Every breath you take”   1 comment

.
.


Frederic Soulacroix
 
 

.
.
 
 
 
 
 
 
 
 

Meglio che arrivi l’inverno che si vede e si sente, 

piuttosto che un inverno che non si vede, quello del cuore.

~ Stephen Littleword ~
 
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix
 
 
 
 
LASCIAMI VENIRE CON TE 
Ghiannis Ritsos
 
Lasciami venire con te. Che luna stasera!
La luna è buona – non si vedrà
che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
Lasciami venire con te. […].
Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
e rinfrescandoci al vento di primavera
forse immagineremo pure di volare,
perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
che pare il battito di due ali forti,
e quando ti chiudi in questo rumore del volo
senti irrigidirsi il collo, i fianchi, la tua carne,
e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
nei nervi robusti dell’altezza,
non ha importanza che tu parta o torni
né conta che i miei capelli siano bianchi,
(non è questo che mi dà pena – mi dà pena
che non mi s’imbianchi anche il cuore
).
Lasciami venire con te.
Lo so, ciascuno cammina da solo verso l’amore,
solo verso la gloria e la morte.
Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
Lasciami venire con te.
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix 
 

.
.
71x73 71x73 71x73 71x73 71x73 71x73 71x73 71x73  
 

.
.
 

 

da Tony Kospan

 
 
 
 
 
 
 
123gifs010123gifs010 
STORIA.. RICORDI E ATMOSFERE DI UN TEMPO
frebiapouce.gif
 
 

.
.
 
 
Frederic Soulacroix


 
 
 

Buon martedì sera in poesia “I miei incantesimi” E. A. Poe – arte A. Lynch – canzone “Every breath you take”   2 comments

.

.

Albert Lynch

.

.

.

.

.

.

Nessuna paura che mi calpestino. 
Calpestata, l'erba diventa un sentiero.
– Blaga Dimitrova –

.

.

.

Albert Lynch – L'ora del tè

.

.

.

Barres & déco diverses

.

.

.

.

.

.

I MIEI INCANTESIMI
Edgar Allan Poe
.
I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un'emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient'altro che Te.

.

.

.


Albert Lynch – Il nuovo spartito

.

.

.

.

.

.

da Tony Kospan

.

.

.

PER LE NOVITA'
SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I




Albert Lynch

.

.


Buona serata in poesia con “I miei incantesimi” di E. A. Poe – arte A. Lynch – canzone “Every breath you take”   Leave a comment

.

.

Albert Lynch

.

.

.

.

.

.

Nessuna paura che mi calpestino.
Calpestata, l'erba diventa un sentiero.
Blaga Dimitrova

.

.

.

Albert Lynch – L'ora del tè

.

.

.

.

.

.

.

.

.

I MIEI INCANTESIMI
Edgar Allan Poe
.
I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un'emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient'altro che Te.

.

.

.


Albert Lynch – Il nuovo spartito

.

.

.

.

.

.

da Tony Kospan

.

.

.

Albert Lynch

.

.


Buon martedì sera in poesia “Lasciami venire con te” G. Ritsos – arte Soulacroix – canzone “Every breath you take”   Leave a comment

 
 

Frederic Soulacroix
 
 
 
 
Foto animata
 
 
 
 
 
 

Meglio che arrivi l’inverno che si vede e si sente, 
piuttosto che un inverno che non si vede,
quello del cuore.
~ Stephen Littleword ~
 
 
 
 
 

Frederic Soulacroix
 
 
 
 
LASCIAMI VENIRE CON TE
Ghiannis Ritsos
 
Lasciami venire con te. Che luna stasera!
La luna è buona – non si vedrà
che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
Lasciami venire con te. […].
Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
e rinfrescandoci al vento di primavera
forse immagineremo pure di volare,
perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
che pare il battito di due ali forti,
e quando ti chiudi in questo rumore del volo
senti irrigidirsi il collo, i fianchi, la tua carne,
e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
nei nervi robusti dell’altezza,
non ha importanza che tu parta o torni
né conta che i miei capelli siano bianchi,
(non è questo che mi dà pena – mi dà pena
che non mi s’imbianchi anche il cuore
).
Lasciami venire con te.
Lo so, ciascuno cammina da solo verso l’amore,
solo verso la gloria e la morte.
Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
Lasciami venire con te.
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix – Aver il coraggio di…
 
 
 
 
 
 
L'immagine può contenere: oceano, cielo, crepuscolo, acqua, sMS e spazio all'aperto
 

da Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
 
SOLO PER CHI AMA LA POESIA E LA CULTURA
 
 
 
 
Frederic Soulacroix – Flirt



 
 
 

Buona serata in poesia “I miei incantesimi” di E. A. Poe – arte A. Lynch – canzone “Every breath you take”   Leave a comment

 

 

Albert Lynch

 

 

 

 

 
 
 
 
Nessuna paura che mi calpestino.
Calpestata, l'erba diventa un sentiero.
Blaga Dimitrova
 
 

 
 
 
 
Albert Lynch – L'ora del tè
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I MIEI INCANTESIMI
Edgar Allan Poe
 
I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un'emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient'altro che Te. 
 
 
 
 

Albert Lynch – La cameriera

 

 

 
 
 
 

 

da Tony Kospan


 
 
 
Foto:
Albert Lynch
 

 
 

Buon martedì pomer. in poesia “Lasciami venire con te” G. Ritsos – arte Soulacroix – canzone “Every breath you take”   1 comment

 
 

Frederic Soulacroix
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Meglio che arrivi l’inverno che si vede e si sente, 
piuttosto che un inverno che non si vede,
quello del cuore.
~ Stephen Littleword ~
 
 
 
 
 

Frederic Soulacroix
 
 
 
 
LASCIAMI VENIRE CON TE
Ghiannis Ritsos
 
Lasciami venire con te. Che luna stasera!
La luna è buona – non si vedrà
che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
Lasciami venire con te. […].
Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
e rinfrescandoci al vento di primavera
forse immagineremo pure di volare,
perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
che pare il battito di due ali forti,
e quando ti chiudi in questo rumore del volo
senti irrigidirsi il collo, i fianchi, la tua carne,
e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
nei nervi robusti dell’altezza,
non ha importanza che tu parta o torni
né conta che i miei capelli siano bianchi,
(non è questo che mi dà pena – mi dà pena
che non mi s’imbianchi anche il cuore
).
Lasciami venire con te.
Lo so, ciascuno cammina da solo verso l’amore,
solo verso la gloria e la morte.
Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
Lasciami venire con te.
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix – Aver il coraggio di…
 
 
 
 
 
 
 
A' TOUT LE MONDE
PAR ORSO TONY
 
 
 
 
 
 
 
SOLO PER CHI AMA LA POESIA E LA CULTURA
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix – Flirt
 
 
 

Buonanotte in poesia “I miei incantesimi” di E. A. Poe – arte.. A. Lynch – canzone “Every breath you take”   Leave a comment

 

 

Albert Lynch – Fiori freschi dal giardino

 

 

 

 

 
 
 
 
Nessuna paura che mi calpestino.
Calpestata, l'erba diventa un sentiero.
Blaga Dimitrova
 
 

 
 
 
 
Albert Lynch – L'ora del tè
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
I MIEI INCANTESIMI
Edgar Allan Poe
 
I miei incantesimi sono infranti.
La penna mi cade,
impotente,
dalla mano tremante.
Se il mio libro é il tuo caro nome,
per quanto mi preghi,
non posso più scrivere.
Non posso pensare,
né parlare,
ahimé non posso sentire più nulla,
poiché non é nemmeno un'emozione,
questo immobile arrestarsi sulla dorata
soglia del cancello spalancato dei sogni,
fissando in estasi lo splendido scorcio,
e fremendo nel vedere,
a destra e a sinistra,
e per tutto il viale,
fra purpurei vapori,
lontano
dove termina il panorama
nient'altro che Te. 
 
 
 
 

Albert Lynch – La cameriera

 

 

 
 
 
 

 
by Tony Kospan
 
 
 
 
Albert Lynch –  La barca allegra
 
 

Buon martedì in poesia.. Lasciami venire con te di G. Ritsos – arte.. F. Soulacroix – canzone.. Every breath you take   Leave a comment

 
 
 
 

Frederic Soulacroix
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Meglio che arrivi l’inverno che si vede e si sente, 
piuttosto che un inverno che non si vede,
quello del cuore.
~ Stephen Littleword ~
 
 
 
 
 

Frederic Soulacroix
 
 
 
 
LASCIAMI VENIRE CON TE
Ghiannis Ritsos
 
Lasciami venire con te. Che luna stasera!
La luna è buona – non si vedrà
che si sono imbiancati i miei capelli. La luna
me li farà di nuovo biondi. Non te ne accorgerai.
Lasciami venire con te. […].
Ci sederemo un poco sul muretto, sull’altura,
e rinfrescandoci al vento di primavera
forse immagineremo pure di volare,
perché spesso, e perfino ora, sento il fruscío della mia veste
che pare il battito di due ali forti,
e quando ti chiudi in questo rumore del volo
senti irrigidirsi il collo, i fianchi, la tua carne,
e cosí stretto nei muscoli del vento azzurro,
nei nervi robusti dell’altezza,
non ha importanza che tu parta o torni
né conta che i miei capelli siano bianchi,
(non è questo che mi dà pena – mi dà pena
che non mi s’imbianchi anche il cuore
).
Lasciami venire con te.
Lo so, ciascuno cammina da solo verso l’amore,
solo verso la gloria e la morte.
Lo so. L’ho provato. Non giova a niente.
Lasciami venire con te.
 
 
 
 
 
Frederic Soulacroix – Aver il coraggio di…
 
 
 
 
 
 
 
A' TOUT LE MONDE
PAR ORSO TONY
 
 
 
 
 
 
 
SOLO PER CHI AMA LA POESIA E LA CULTURA
 
 
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: