Archivio per l'etichetta ‘poesia esotica

Nessuno potrà… antica breve ma sublime poesia giapponese di… sogno   5 comments

 
 
 
 
Le poesie non si misurano con il metro del numero dei versi
né con quello della bellezza ed eleganza delle parole
ma solo con quello delle emozioni e suggestioni che ci donano.

Questa che ci giunge da lontano, sia per il tempo che per lo spazio,
ha pochi… pochissimi… ma… esplosivi versi di sogno…
 
 
 
 

 
 
 
 
 
Nell’ambito delle poesie in cui il sogno
è il principale ispiratore dei versi
penso che non possa mancare questa antica poesia giapponese
che è sì breve… anzi brevissima… ma che,
anche in in relazione all’epoca ed al Paese in cui fu scritta,
è di una profondità grandissima
nonché densissima di fantastici significati
e di dolci suggestioni…
 
 
 
 
 
 
 
 

NESSUNO POTRA’


– ANTICA MINI POESIA GIAPPONESE DI SOGNO –

 
 
 
 
Walter-Ernest Webster
 
 
 
 
Significati poi che direi essere anche davvero modernissimi
e che, chi, come me, ama il sogno…,
non può non tenere tra le
poetiche gemme più care…
 
 
Nel leggerla lasciatevi andare all’immaginazione
per coglierne le tante sfumature nascoste…
di sogno e d’amore…
 
 
 
 

 
 
 
 
NESSUNO POTRA’

Kakinomoto No Hitomaro
(660 ca. – 708 ca.)
 
 
 
 
Nessuno potrà vedermi
 
né chiedermi qualcosa
 
– In sogno verrò da te stanotte;
 
non chiudere la porta al sogno -.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Come sempre sarà bello leggere le vostre riflessioni
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan

 
 
 
 
 

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

IL SALOTTO DI SOGNO DI FB?

APRI LO SCRIGNO

 
 
 

STAMANE ALL’ALBA – L’ESOTICA MINIPOESIA PER UNA NOTTE FELICE…   1 comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
STAMANE ALL’ALBA
 Nahabed Kuciag, Armenia, XVI secolo
 
Stamane all’alba cantano
 uccelli di primavera.
 O miei gentili uccelli,
 dolce fra tutte è la voce
 dell’usignolo.
Canta amore
 e mi ha colpito in mezzo al petto.
 E piango.

 

 

 

 
 

 
 
 

 

da Tony Kospan

 

 

 

LA TUA PAGINA DI SOGNO DI FB
 
 
 

VENIAMO SOLO PER SOGNARE – SUBLIME POESIA… AZTECA   3 comments

 
 
 
 
 
Care amiche e cari amici,
stavolta parleremo di una poesia
e di un poeta davvero “esotici”.
 
 
Il poeta definito il “forgiatore di canti”,
Tochihuitzin Coyolchiuhqui,
è un poeta azteco nato verso la fine del XIV secolo
e morto verso la metà del secolo seguente.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
VENIAMO SOLO PER SOGNARE
– SUBLIME POESIA… AZTECA –
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La poesia appare un vero incanto,
vien voglia d'ascoltar lo scorrer di fiumi…
d'osservar fiori ondeggiare
per la brezza primaverile…
 
 
Ma soprattutto
ci dipinge la sua visione della vita…
sul nostro pianeta…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La vita, lunga o breve,
 per lui si svolge tra sogno  natura… e amore.
 
 
Ma ora leggiamola…
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

VENIAMO SOLO PER SOGNARE

Tochihuitzin Coyolchiuhqui

 

 

Non è vero, non è vero,

che veniamo sulla terra per vivere!

Veniamo solo per dormire.

Veniamo solo per sognare.

 

Il nostro corpo è un fiore.

L’erba diventa verde in primavera,

così i nostri cuori si aprono

e sbocciano come fiori.

 

Alcuni aprono la corolla,

poi appassiscono.

 

 

 

 

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 

 

IL TUO GRUPPO DI FB…
D'ARTE POESIA MUSICA ETC
APRI LO SCRIGNO
AMICI DI PSICHE E SOGNO
 
 

VENIAMO SOLO PER SOGNARE – ESOTICA POESIA SUL SENSO DELLA VITA   5 comments

 
 
 
 
 
Care amiche e cari amici,
stavolta parleremo di una poesia
e di un poeta davvero “esotici”.
 
 
Il poeta definito il “forgiatore di canti”,
Tochihuitzin Coyolchiuhqui,
è un poeta azteco nato verso la fine del XIV secolo
e morto verso la metà del secolo seguente.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
VENIAMO SOLO PER SOGNARE
– SUBLIME POESIA… AZTECA –
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La poesia appare un vero incanto,
vien voglia d'ascoltar lo scorrer di fiumi…
d'osservar fiori ondeggiare
per la brezza primaverile…
 
 
Ma soprattutto
ci dipinge la sua visione della vita…
sul nostro pianeta…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La vita, lunga o breve,
 per lui si svolge tra sogno  natura… e amore.
 
 
Ma ora leggiamola…
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

VENIAMO SOLO PER SOGNARE

Tochihuitzin Coyolchiuhqui

 

 

Non è vero, non è vero,

che veniamo sulla terra per vivere!

Veniamo solo per dormire.

Veniamo solo per sognare.

 

Il nostro corpo è un fiore.

L’erba diventa verde in primavera,

così i nostri cuori si aprono

e sbocciano come fiori.

 

Alcuni aprono la corolla,

poi appassiscono.

 

 

 

 

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 

 

IL TUO GRUPPO DI FB…
D'ARTE POESIA MUSICA ETC
APRI LO SCRIGNO
AMICI DI PSICHE E SOGNO
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: