Archivio per l'etichetta ‘Paolo Malatesta

La vera storia dell’amore tra Paolo e Francesca, i versi di Dante ed una mia poesia.   Leave a comment





Dante Gabriel Rossetti



LA VERA STORIA DI PAOLO E FRANCESCA


Giovanni Malatesta, chiamato Gianciotto (ma anche Giovanni lo zoppo) era notoriamente poco attraente, oltre che zoppo per questo i Signori di Rimini e Ravenna che avevano deciso il matrimonio organizzarono l’inganno.

Quindi, volendo eliminare le resistenze di Francesca, a chiedere la sua mano fu mandato a Ravenna suo fratello Paolo, detto il bello.

Francesca convinta di sposare Paolo accettò ma poi scoprì l’amara verità.

Non solo non era bello Gianciotto ma anche rozzo, cattivo e volgare a differenza di Paolo che era pure colto e gentile.

Non era dunque imprevedibile il tradimento che puntualmente avvenne e Gianciotto secondo le regole del tempo lavò l’onta con l’uccisione degli amanti.

Questa non è una storia di fantasia ma avvenne davvero e si verificò nel Castello di Gradara a Rimini.

Dante quasi certamente conobbe Paolo che per un periodo era stato Capitano del Popolo a Firenze tra il 1282 e il 1283.



Ary Scheffer



DANTE E L'INCONTRO CON GLI AMANTI NEL V CANTO


La vicenda dei due amanti è ormai, anche grazie ai versi del Sommo, divenuta simbolo mondiale e poetico dell’amore passionale.

Le parole di Dante, perplesso, turbato e dubbioso, per la gravità della  pena data agli innamorati, mi hanno da sempre colpito.

Leggiamo ora l’intero “cuore” del mitico passo.

….

Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende,

prese costui de la bella persona

che mi fu tolta; e ’l modo ancor m’offende.

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,

mi prese del costui piacer sì forte,


che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Amor condusse noi ad una morte.

Caina attende chi a vita ci spense”.


Queste parole da lor ci fuor porte.

Quand’io intesi quell’anime offense,

china’ il viso e tanto il tenni basso,


fin che ’l poeta mi disse: “Che pense?”.

Quando rispuosi, cominciai: “Oh lasso,

quanti dolci pensier, quanto disio


menù costoro al doloroso passo!”.

Poi mi rivolsi a loro e parla’ io,

e cominciai: “Francesca, i tuoi martiri


a lagrimar mi fanno tristo e pio.

Ma dimmi: al tempo d’i dolci sospiri,

a che e come concedette amore


che conosceste i dubbiosi disiri?”.

E quella a me: “Nessun maggior dolore

che ricordarsi del tempo felice


ne la miseria; e ciò sa ’l tuo dottore.

Ma s’a conoscer la prima radice

del nostro amor tu hai cotanto affetto,


dirò come colui che piange e dice.

Noi leggiavamo un giorno per diletto

di Lancialotto come amor lo strinse;


soli eravamo e sanza alcun sospetto.

Per più fiate li occhi ci sospinse

quella lettura, e scolorocci il viso;


ma solo un punto fu quel che ci vinse.

Quando leggemmo il disiato riso

esser basciato da cotanto amante,


questi, che mai da me non fia diviso,

la bocca mi basciò tutto tremante.

Galeotto fu ’l libro e chi lo scrisse:


quel giorno più non vi leggemmo avante”.

Mentre che l’uno spirto questo disse,

l’altro piangëa; sì che di pietade


io venni men così com’io morisse.
E caddi come corpo morto cade.




Amos Cassioli



Dante, certo collega la pena al mancato rispetto delle regole ma poi di fronte alla forza del vero amore, come mai più gli accadrà nella Commedia, non se ne capacita e prova grande compassione per gli amanti di fronte ad una pena così dura per un peccato d’amore ed in pratica… sviene perfino.



io venni men così com’io morisse.

E caddi come corpo morto cade.




Gabriele Dell'otto



Ebbene la lettura dei mitici ed amatissimi versi danteschi mi portarono un giorno a scrivere la poesia che segue e che un addetto ad un noto sito di poesie, che non nomino per carità di patria, non voleva pubblicarla perché c’erano (ohibò) i nomi propri di persone e solo dopo una corrispondenza si rese conto che erano quelli dei personaggi della Divina Commedia.



Sir Joseph Noel Paton



LA MIA POESIA – PAOLO E FRANCESCA

 
Quale arcana forza
Paolo spinse 
tra l'amorevoli braccia
della dolce Francesca
così rompendo 
d'umane leggi il muro?
 Qual'irresisitibil forza
Francesca spinse
tra le calde braccia
dell'amato Paolo
così rompendo
d'antico dogma il vincolo?
 Questa forza così grande
così vigorosa
così esplosiva
così intensa
così travolgente
così entusiasmante
così magica
così invincibile
caro grande Dante 
che sconvolto
“cadesti come corpo morto cade”
mossa non fu 
da terrena passione
ma da divina
nulla contr'essa potendo
le inermi difese
degl'infelici amanti.
 Sull'altare 
di tal sovrumano richiamo,
sensuali purezze immortali
incarnando,
all'amaro destino 
s'immolarono
poetico simbolo eterno
diventando
dell'infinito… assoluto
AMORE.
– Tony Kospan –






Tony Kospan


F I N E


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: