Archivio per l'etichetta ‘martedì sera

Martedì sera in poesia “Che mi ami..” J. Keats – arte E. Vernon – canzone “Strani amori” Pausini   Leave a comment

 

 

Emile Vernon


 

 

 

 

 

 

36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d

L’amore, sia quando nasce,

sia quando si desta da un letargo che è sembrato mortale,

riempie il cuore di una luce che si riflette sul mondo circostante.

– Nathaniel Hawthorne – 

36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d

 

 

 

Emile Vernon 


 
 
 
CHE MI AMI TU LO DICI…
John Keats
 

Che mi ami tu lo dici, ma con una voce
Più casta di quella d’una suora
Che per sé sola i dolci vespri canta,
Quando la campana risuona –
Su, amami davvero!
 

Che mi ami tu lo dici, ma con un sorriso
Freddo come un’alba di penitenza,
Suora crudele di San Cupido
Devota ai giorni d’astinenza –
Su, amami davvero!
 

Che mi ami tu lo dici, ma le tue labbra
Tinte di corallo insegnano meno gioia
Dei coralli del mare –
Mai che s’imbroncino di baci –
Su, amami davvero!
 

Che mi ami tu lo dici, ma la tua mano
Non stringe chi teneramente la stringe;
è morta come quella d’una statua
Mentre la mia brucia di passione –
Su, amami davvero!
 

Su, incendiamoci di parole
E bruciandomi sorridimi – stringimi
Come devono gli amanti – su, baciami,
E l’urna, poi, delle mie ceneri seppelliscila nel tuo cuore –
Su, amami davvero!

 
 
 
 

Emile Vernon

 

 

violk39.gifviolk39.gif
 
 
 


da Orso Tony



LOGHI FIRME ORSETTI ORSO TONY

 

 

 

3
PER LE NOVITA’ DEL BLOG
Frecce (174)
SE TI PIACE… ISCRIVITI



 
 
 
 
fre bia pouce    musicAnimata
 
Emile Vernon
 
 
 
 

Martedì sera in poesia “Mi piaci quando taci” Neruda – arte De Chirico – canzone “Ballando con una sconosciuta”   Leave a comment

.
 
 
De Chirico – Ritratto di Isa con Minerva (part.) – 1933
 
 
.
.
 
 
 
.
 
 
6etd1l83kx4
 
Quando io ti amo e tu mi ami,
siamo l’uno come lo specchio dell’altro, 
e riflettendoci l’uno nello specchio dell’altro,
vediamo l’infinito. 
~ Leo Buscaglia ~
 
6etd1l83kx4
 
 
 
 

fre bia pouce    musicAnimata

Giorgio de Chirico – Bagnanti
 
 
 

MI PIACI QUANDO TACI 
Pablo Neruda
 
Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.
Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell’anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.
Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.
Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.
Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.

 
 
 
Giorgio de Chirico – Cavalli in riva al mare
 
 
 
barrafiorita
 
 
 
 
da Orso Tony
 
 
 
 
 
3
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Frecce (174)



 
 
 

Giorgio de Chirico – Piazza Italia




 
 

Martedì sera in poesia “Se avess’io” Merini – arte J. W. Alexander – canzone “E la luna bussò” L. Berté   Leave a comment

 

 
 
 
 
 
John White Alexander
 
 
 
 
 
barrafiorita
 
 
 
 
 
 

 

 
 

ARCOBALEN99
 
Amo le cose belle, le belle storie che dicono qualcosa, 
mi piace tutto ciò che fa palpitare il cuore. 
E’ bello aver la pelle d’oca, significa che stai vivendo. 
– Josè Saramago –
 
ARCOBALEN99

 
 
 
fre bia pouce    musicAnimata

John White Alexander
 
 

SE AVESS’IO
Alda Merini
 

Se avess’io levità di una fanciulla
invece di codesto ,torturato,
pesantissimo cuore e conoscessi
la purezza delle acque come fossi
entro raccolta in miti-sacrifici,
spoglierei questa insipida memoria
per immergermi in te, fatto mio uomo.
 
Io ti debbo i racconti piu fruttuosi
della mia terra che non dà mai spiga.
e ti debbo parole come l’ape
deve miele al suo fiore.

Perchè t’amo caro, da sempre,
prima dell’inferno prima del paradiso,
prima ancora che io fossi buttata nell’argilla
del mio pavido corpo.
 

Amore mio
quanto pesante è adducerti il mio carro
che io guido nel giorno dell’arsura
alle tue mille bocche di ristoro!
 
Anima mia che metti le ali
e sei un bruco possente
ti fa meno male l’oblio
che questo cerchio di velo.



E se diventi farfalla
nessuno pensa più
a ciò che è stato
quando strisciavi per terra
e non volevi le ali.


 
 
 
John White Alexander

 
 
cuore_000017e08e9a45b3243da.gifcuore_000017e08e9a45b3243da.gifcuore_000017e08e9a45b3243da.gif
 
 
 

da Tony Kospan

 

 

John White Alexander


 

Martedì sera in poesia “La tua pupilla” G. A. Becquer – arte Reid – canzone “La nostra vita” Ramazzotti   Leave a comment

 
 
 
Robert Lewis Reid
 
 

 
 

 

 
 
 
 
 
cuore_000017e08e9a45b3243da.gifcuore_000017e08e9a45b3243da.gif

 
Le belle parole dei saggi e dei poeti di tutto il mondo 
mi aiutano spesso a dire quello che non so esprimere 
– Romano Battaglia –
 
cuore_000017e08e9a45b3243da.gifcuore_000017e08e9a45b3243da.gif

 
 
 
fre bia pouce  musicAnimata  ((La nostra vita – Ramazzotti)
Robert Lewis Reid
 
 
 
 
LA TUA PUPILLA 
Gustavo Adolfo Bécquer
 
 
La tua pupilla è azzurra quando ridi
 la sua dolce chiarezza mi ricorda
 il fulgore tremulo del mattino
 che si riflette nel mare,
 .
La tua pupilla è azzurra quando piangi
 le lacrime trasparenti la velano,
 come gocce di rugiada sopra una violetta.

.
 La tua pupilla è azzurra e se un’idea
 come un punto di luce in fondo brilla,
 mi sembra nel cielo della sera
 una perduta stella!

 
 
 
 

Robert Lewis Reid
 

 
 
 
FARF 999FARF 999
 
 
 
 
 
 
 
 
 

long cuor 1xd5

PER LE NOVITA’ DEL BLOG
Frecce (174)
SE TI PIACE… ISCRIVITI







.
.
 
Robert Lewis Reid 
 
 
 
 

Martedì sera in poesia “Qui ti amo” Neruda – arte H. Nelson-Reed – canzone “Moonlight Shadows” M. Oldfield   Leave a comment

 
 
 
 
 Helen Nelson-Reed
 
 
 
 
 
 
 
 
 


36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d
 
Cosa c’è di più forte
del cuore umano 
che si schianta di continuo
e ancora vive? 
– Rupi Kaur – 

36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d



 
 

fre bia pouce   musicAnimata
 Helen Nelson-Reed
 
 
 
 
 
QUI TI AMO 
Pablo Neruda
 
Qui ti amo. Negli oscuri pini si districa il vento.
Brilla la luna sulle acque erranti.
Trascorrono giorni uguali che s’inseguono.
La nebbia si scioglie in figure danzanti.
Un gabbiano d’argento si stacca dal tramonto.
A volte una vela. Alte, alte stelle.
O la croce nera di una nave. Solo.
A volte albeggio, ed è umida persino la mia anima.
Suona, risuona il mare lontano.
Questo è un porto. Qui ti amo.
Qui ti amo e invano l’orizzonte ti nasconde.
Ti sto amando anche tra queste fredde cose.
A volte i miei baci vanno su quelle navi gravi,
che corrono per il mare verso dove non giungono.
Mi vedo già dimenticato come queste vecchie àncore.
I moli sono più tristi quando attracca la sera.
La mia vita s’affatica invano affamata.
Amo ciò che non ho. Tu sei cosi distante.
La mia noia combatte con i lenti crepuscoli.
Ma la notte giunge e incomincia a cantarmi.
La luna fa girare la sua pellicola di sogno.
Le stelle più grandi mi guardano con i tuoi occhi.
E poiché io ti amo, i pini nel vento vogliono cantare
il tuo nome con le loro foglie di filo metallico.
 
.
 
 
 
 Helen Nelson-Reed
 
 
 
 
 
fiori ximqrfiori ximqrfiori ximqr

 
 

 
 
 
 
 
 
 

viola rangeeballon

LA TUA PAGINA DI


CULTURA.. PSICHE E SOGNO


PER COLORARE LE TUE ORE…

Frecce (51)

 

 

 

Helen Nelson-Reed


 

 

Martedì sera in poesia “Tu che giammai” A. Storni – arte T. Lautrec – canzone “Have you ever”   Leave a comment

 
 
 
 
Henri Toulouse-Lautrec

 
 
 
 
f377f93a

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

i413ru6p
L’amore non è un problema, 
come non lo è un veicolo: 
problematici sono soltanto
il conducente, 
i viaggiatori e la strada. 
– F. Kafka –
i413ru6p
 
 
 
 
fre bia pouce    musicAnimata
Henri Toulouse-Lautrec – Il bacio
 
 
 
 
TU CHE GIAMMAI… 
Storni Alfonsina
 
Per capriccio m’hai sabato baciato,
per capriccio di maschio audace e fino;
ma grato fu il capriccio mascolino
a questo cuore, mio lupetto alato.
Non ch’io creda: non credo. Se curvato
sulle mie mani ti sentii, divino,
che me ne inebriai, so questo vino
non è per me; ma il giuoco, ormai,  è avviato.
Io son la donna che già vive accorta;
in te tremendo il maschio prende avvio.
Sembri un torrente che al fiume si porta,
e più ti gonfi, mentre corri e predi.
Resistere che val? Tu mi possiedi,
tu che giammai sarai del tutto mio.
 
 
 
 
 
 
 
Henri Toulouse-Lautrec – Al Salon di rue des Moulins
 
 
 
 
CUORI oi648
 

 
 
 
 
 
da Tony Kospan


3
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Frecce (174)
 
 

 
 
Henri Toulouse-Lautrec – Bal au Moulin de la Galette

 

Martedì sera in poesia “La stazione” W. Szymborska – arte Vettriano – canzone “Michelle” Beatles   Leave a comment

 
 
 
 
Jack Vettriano

 
 
 
 
 
 
 

135135

La forza e la grandezza dell’uomo 
non consistono nel suo avere 
ma nel suo essere
– Michel Quoist –
135135

 
 
 

Jack Vettriano – Danza
.
 
 
LA STAZIONE 
Wislawa Szymborska
 
Il mio arrivo nella città di N.
è avvenuto puntualmente.
Eri stato avvertito
con una lettera non spedita.
Hai fatto in tempo a non venire
all’ora prevista.
Il treno è arrivato sul terzo binario.
E’ scesa molta gente.
L’assenza della mia persona
si avviava verso l’uscita tra la folla.
Alcune donne mi hanno sostituito
frettolosamente
in quella fretta.
A una è corso incontro
qualcuno che non conoscevo,
ma lei lo ha riconosciuto
immediatamente.
Si sono scambiati
un bacio non nostro,
intanto si è perduta
una valigia non mia.
La stazione della città di N.
ha superato bene la prova
di esistenza oggettiva.
L’insieme restava al suo posto.
I particolari si muovevano
sui binari designati.
E’ avvenuto perfino
l’incontro fissato.
Fuori dalla portata
della nostra presenza.
Nel paradiso perduto
della probabilità.
Altrove.
Altrove.
Come risuonano queste piccole parole.
 
 
 
 
 
Jack Vettriano – Filosofi dilettanti
 
 
 
 
 
 
 

  a tutti da Orso Tony

 

 

 

3
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Frecce (174)

 

 

fre bia pouce  musicAnimata   (Michelle – Beatles)


Jack Vettriano



 

 

Lunedì sera in poesia “Non guardare il volto” V. Hugo – arte Zandomeneghi – canzone Gli occhi miei (Dino)   Leave a comment

 
 
 
 
Federico Zandomeneghi – Coppia al caffè
 

 
 
 

 

 

 

ro roro ro

Si crede che tutto sia finito, 
ma poi c’è sempre un pettirosso 
che si mette a cantare.
– Paul Claudel –


ro roro ro

 
 
 

 Federico Zandomeneghi



 
 

 
 
NON GUARDARE IL VOLTO
– Victor Hugo –

Non guardare il volto
fanciulla, guarda il cuore.
Il cuore di un bel giovane è spesso deforme.
Ci sono cuori in cui l’amore non si conserva.
Fanciulla, l’abete non è bello,
non è bello come il pioppo,
ma d’inverno mantiene le foglie.
Ahimè! A che serve dir questo?
Chi non è bello ha il torto di esistere;
la bellezza ama solo la bellezza.
Aprile volge le spalle a Gennaio.
La bellezza è perfetta.
La bellezza può tutto.
La bellezza è la sola cosa che non esiste a metà.
Il corvo vola solo di giorno.
Il gufo vola solo di notte.
Il cigno vola notte e giorno.


 
 
 
 


Federico Zandomeneghi

 


oro
 
  
 
Tony Kospan
 
 
 

 
stella-rosa-angelstarsani.gifstella-rosa-angelstarsani.gifstella-rosa-angelstarsani.gifstella-rosa-angelstarsani.gifstella-rosa-angelstarsani.gifstella-rosa-angelstarsani.gifstella-rosa-angelstarsani.gif

PER LE NOVITA’ DEL BLOG…
frebiapouce.gif
SE… IL BLOG TI PIACE… ISCRIVITI 


fre bia pouce     musical notes

Federico Zandomeneghi


 
 

Martedì sera in poesia “Ieri ti ho baciato” Salinas – arte J. W. Alexander – musica “Venus rapsody”   Leave a comment


 
 
 
 

 
John White Alexander – Il fermaglio verde

 
 
 
 
 
 
 
 
 


 

violk39.gifviolk39.gif

L’aspetto delle cose varia secondo le emozioni,
e così noi vediamo magia e bellezza in loro:
ma bellezza e magia, in realtà, sono in noi.
– Kahlil Gibran –
violk39.gifviolk39.gif


  

 

.



        36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d36688d8d                            

 
 
 

fre bia pouce  musicAnimata   (Venus rapsody)

John White Alexander – Sistemazione dei fiori

 
 
 
 
IERI TI HO BACIATO… 
Salinas
 
Ieri ti ho baciato sulle labbra.
Ti ho baciato sulle labbra.
Intense, rosse.
Un bacio così corto durato più di un lampo,
di un miracolo,
più ancora.
Il tempo
dopo averti baciato
non valeva più a nulla ormai,
a nulla era valso prima.
Nel bacio il suo inizio e la sua fine.
Oggi sto baciando un bacio;
sono solo con le mie labbra.
Le poso non sulla bocca,
no, non più – dov’è fuggita?
Le poso sul bacio che ieri ti ho dato,
sulle bocche unite dal bacio che hanno baciato.
E dura, questo bacio più del silenzio, della luce.
Perché io non bacio ora
né una carne né una bocca,
che scappa, che mi sfugge.
No. Ti sto baciando più lontano.

 
 
 

John White Alexander – Il tè 
  
       


f 2zghuzt49dcd0490000a99ef 2zghuzt49dcd0490000a99e

 
 
 




aa 7f8ffc8

LA TUA NUOVA PAGINA FB
Frecce (174)

 
 
 
 
 
 
John White Alexander
 
 
 

Martedì sera in poesia “La mia anima era..” E. I. Sodergran – arte Hicks – canzone “Insieme” Mina   Leave a comment

 
 
 
 
George Elgar Hicks


 
 
 
 
 
 
rosa cuor 3wcurdyj
Il linguaggio dell’amore è un linguaggio segreto 
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso. 
Roberto Musil
rosa cuor 3wcurdyj

 
 
 
fre bia pouce musical notes

George Elgar Hicks – La missione della donna nell’epoca Vittoriana
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO 
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.

 
 
 
 

George Elgar Hicks



 
 
 
 
 

 

da Orso Tony




3
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
frebiapouce.gif

 

  

 
 

George Elgar Hicks

 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: