Archivio per l'etichetta ‘LE 7 OPERE DI MISERICORDIA ANALISI

CARAVAGGIO – STORIA E ANALISI DELLE “7 OPERE DI MISERICORDIA” ESAMINANDOLE UNA PER UNA   Leave a comment






L’opera, molto nota, ma forse meno di altre dell’artista, appare come un grande abbraccio all’Umanità nonostante mostri le tante differenze esistenti nella realtà sociale.

Possiamo dire, con altre parole, che con forza e intensità, essa ci mostra, come se fosse uno specchio, la verità della vita umana con i suoi contrasti infiniti tra ricchi e poveri, sani e malati, sazi e affamati etc.

Ci mostra infatti persone molto dolenti e bisognose aiutate e/o assistite da altre di nobile cuore.

Tutto questo il Caravaggio riesce a farlo in un’unica scena!



LA STORIA DEL DIPINTO






Siamo nel 1606 a Napoli.

Sette gentiluomini, uno per ogni opera di carità, decidono di creare un’associazione, il Pio Monte della Misericordia, per aiutare i bisognosi.

Chiedono allora al Caravaggio, che è in città, di dipingere nella sede dell’associazione un’opera che rappresenti significato e temi delle loro attività assistenziali, le 7 Opere di Carità appunto.

Caravaggio non si spaventa minimamente anzi, prendendo spunto dalla realtà delle strade di Napoli, in cui sono mescolati nobili e mendicanti, persone benestanti e tanta varia umanità sofferente rovescia il tutto nel dipinto con la forza, l’intensità e le suggestioni senza fronzoli o tabù secondo il suo inconfondibile stile e consegna il dipinto il 9 gennaio 1607.



LE 7 OPERE DI MISERICORDIA NEL DIPINTO








A quanto appena detto Caravaggio aggiunge anche riferimenti antichi e religiosi, secondo lo stile dell’epoca, come possiamo notare esaminando, una per una le 7 opere:

Cimone e Pero*:  La donna che allatta il vecchio attraverso la grata del carcere.*
1 (Dar da mangiare agli affamati) e 2 (Visitare i carcerati)

San Martino: Un gentiluomo con la spada divide il mantello per donarlo al mendicante
3 (Vestire gli ignudi)

– Lo stesso cavaliere opera nei confronti dello storpio raffigurato a sinistra in basso.
4 (Curare gli infermi)

Sansone: l’assetato si serve della mascella d’asino. 
5 (Dar da bere agli assetati)

A questi classici riferimenti il nostro aggiunge riferimenti reali.

– A sinistra, un uomo indica un riparo ad un pellegrino.
6 (Ospitare i pellegrini)

– A destra alcune persone trasportano un cadavere di cui si vedono solo i piedi.
7 (Seppellire i morti)

*(La virtuosa Pero, poiché il padre Cimone è in carcere e condannato a morire per fame, va di nascosto nella prigione per nutrirlo con l’unico mezzo possibile, il latte del proprio seno. 
La storia ha un lieto fine. Un carceriere li scopre e lo comunica al comandante che, commosso, rilascia il vecchio.
– dal racconto dello storico  Valerio Massimo “De Factis Dictisque Memorabilibus – Libro IX”)







BREVE ANALISI DEL DIPINTO


A prima vista notiamo subito l’intreccio di scene e personaggi, il forte contrasto tra luci ed ombre, una evidente esaltazione simbolica delle azioni dei personaggi ed un estremo realismo dei tanti particolari.

L’intento dell’artista è quello di evidenziare il reale contesto umano in cui si mescolano agiatezza e miseria, malattia e cure, peccato e perdono, etc.







Su questo coacervo contrastante la Madonna apre il suo mantello per non lasciar nessuno fuori dalla sua protezione… e dal suo amore.

Anche questo suo dipinto è assolutamente sorprendente in quanto presenta in primo piano la realtà umana e solo come complemento appare la religione, benché posta in alto.







IL DIPINTO E L’ISTITUTO


Benché il dipinto apparisse all’epoca inaudito se ne comprese ben presto la geniale bellezza e dopo 50 anni si decise di costruirgli intorno una chiesa, cosa questa di evidente ed assoluta rarità.

L’opera e l’istituzione erano, e sono ancor oggi, un unicum vivo e funzionante con le stesse modalità di allora.

L’opera infine, con decreto dei reggenti del Pio Monte del 1621, non si potrà mai spostare o essere toccata “avendo riguardo più al pubblico decoro che al privato comodo” dimostrando quindi un grande amore per il bene pubblico, cosa oggi purtroppo quasi impensabile.

Tony Kospan



IL GRUPPO DI CHI AMA L’ARTE





Caravaggio – Autoritratto




CARAVAGGIO – LE “7 OPERE DI MISERICORDIA” VISTE UNA PER UNA.. CON STORIA ED ANALISI DEL DIPINTO   4 comments






L'opera, molto nota, ma forse meno di altre dell'artista, appare come un grande abbraccio all'Umanità nonostante mostri le tante differenze esistenti nella realtà sociale.

Possiamo dire, con altre parole, che con forza e intensità, essa ci mostra, come se fosse uno specchio, la verità della vita umana con i suoi contrasti infiniti tra ricchi e poveri, sani e malati, sazi e affamati etc.

Ci mostra infatti persone molto dolenti e bisognose aiutate e/o assistite da altre di nobile cuore.

Tutto questo il Caravaggio riesce a farlo in un'unica scena!



LA STORIA DEL DIPINTO






Siamo nel 1606 a Napoli.

Sette gentiluomini, uno per ogni opera di carità, decidono di creare un'associazione, il Pio Monte della Misericordia, per aiutare i bisognosi.

Chiedono allora al Caravaggio, che è in città, di dipingere nella sede dell'associazione un'opera che rappresenti significato e temi delle loro attività assistenziali, le 7 Opere di Carità appunto.

Caravaggio non si spaventa minimamente anzi, prendendo spunto dalla realtà delle strade di Napoli, in cui sono mescolati nobili e mendicanti, persone benestanti e tanta varia umanità sofferente rovescia il tutto nel dipinto con la forza, l'intensità e le suggestioni senza fronzoli o tabù secondo il suo inconfondibile stile e consegna il dipinto il 9 gennaio 1607.



LE 7 OPERE DI MISERICORDIA NEL DIPINTO








A quanto appena detto Caravaggio aggiunge anche riferimenti antichi e religiosi, secondo lo stile dell'epoca, come possiamo notare esaminando, una per una le 7 opere:

Cimone e Pero*:  La donna che allatta il vecchio attraverso la grata del carcere.*
1 (Dar da mangiare agli affamati) e 2 (Visitare i carcerati)

San Martino: Un gentiluomo con la spada divide il mantello per donarlo al mendicante
3 (Vestire gli ignudi)

– Lo stesso cavaliere opera nei confronti dello storpio raffigurato a sinistra in basso.
4 (Curare gli infermi)

Sansone: l'assetato si serve della mascella d'asino. 
5 (Dar da bere agli assetati)

A questi classici riferimenti il nostro aggiunge riferimenti reali.

– A sinistra, un uomo indica un riparo ad un pellegrino.
6 (Ospitare i pellegrini)

– A destra alcune persone trasportano un cadavere di cui si vedono solo i piedi.
7 (Seppellire i morti)

*(La virtuosa Pero, poiché il padre Cimone è in carcere e condannato a morire per fame, va di nascosto nella prigione per nutrirlo con l’unico mezzo possibile, il latte del proprio seno. 
La storia ha un lieto fine. Un carceriere li scopre e lo comunica al comandante che, commosso, rilascia il vecchio.
– dal racconto dello storico  Valerio Massimo “De Factis Dictisque Memorabilibus – Libro IX”)







BREVE ANALISI DEL DIPINTO


A prima vista notiamo subito l'intreccio di scene e personaggi, il forte contrasto tra luci ed ombre, una evidente esaltazione simbolica delle azioni dei personaggi ed un estremo realismo dei tanti particolari.

L'intento dell'artista è quello di evidenziare il reale contesto umano in cui si mescolano agiatezza e miseria, malattia e cure, peccato e perdono, etc.







Su questo coacervo contrastante la Madonna apre il suo mantello per non lasciar nessuno fuori dalla sua protezione… e dal suo amore.

Anche questo suo dipinto è assolutamente sorprendente in quanto presenta in primo piano la realtà umana e solo come complemento appare la religione, benché posta in alto.







IL DIPINTO E L'ISTITUTO


Benché il dipinto apparisse all'epoca inaudito se ne comprese ben presto la geniale bellezza e dopo 50 anni si decise di costruirgli intorno una chiesa, cosa questa di evidente ed assoluta rarità.

L'opera e l'istituzione erano, e sono ancor oggi, un unicum vivo e funzionante con le stesse modalità di allora.

L'opera infine, con decreto dei reggenti del Pio Monte del 1621, non si potrà mai spostare o essere toccata “avendo riguardo più al pubblico decoro che al privato comodo” dimostrando quindi un grande amore per il bene pubblico, cosa oggi purtroppo quasi impensabile.

Tony Kospan



IL GRUPPO DI CHI AMA L'ARTE





Caravaggio – Autoritratto




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: