Archivio per l'etichetta ‘J.P. Raffarin

Felice pomeriggio e buon 1° Maggio in poesia “E’ il lavoro oggi” S. Aleramo – arte P. de Volpedo – canzone “Operai” Gaber   Leave a comment

 

Jules Breton
 
.
.
.


 
 
 
e
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico saluto in poesia.. arte.. musica etc.. alla
 FESTA DEL LAVORO
 
 
 
lavoro
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n’è poco e forse pochissimo
a causa della tremenda pandemia.






 

Cerchiamo tutti di favorire un’inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente
ma nel rispetto della salute di tutti, in primis dei lavoratori.

 
 
 
 

Courbet – Gli spaccapietre

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è anche così pericoloso che può farci morire.

.
.
.




Il lavoro, il merito e l’esperienza
debbono essere sempre ricompensati.
– J. P. Raffarin –
 


 


Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E’ IL LAVORO OGGI L’AURORA
Sibilla Aleramo 
 
Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch’io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l’orrore
e sempre l’insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l’ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l’aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s’alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s’anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l’aurora!



Angelo Morbelli – Mondine

 
 
 
 
Né può infine oggi mancare un ricordo 
delle lotte fatte dai lavoratori per migliorare
le loro condizioni economiche e sui luoghi di lavoro.

 

 

Disegno della repressione della manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “saluto speciale”

con il video di una bella canzone di Giorgio Gaber

“Gli operai”

 
 
 
 
 Giorgio Gaber – Gli operai

.

.

.

indaco-zen19.gifindaco-zen19.gif

 

 



ed ancora…
 

a tutti coloro che il lavoro ce l’hanno
con l’aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi invece lo cerca 
perché l’ha perso o non l’ha mai trovato.

Tony Kospan


.

.

.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche



 
 

Buon pomeriggio e buon 1° Maggio in poesia “E’ il lavoro oggi” S. Aleramo – arte P. de Volpedo – canzone “Operai” G. Gaber   Leave a comment

 

 
.
.
.


 
 
 
e
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico saluto in poesia.. arte.. musica etc.. alla
 FESTA DEL LAVORO
 
 
 
lavoro
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n’è poco e forse pochissimo
a causa della tremenda pandemia.
 

Cerchiamo tutti di favorire un’inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente
ma nel rispetto della salute di tutti, in primis dei lavoratori.

 
 
 
 

Courbet – Gli spaccapietre

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è anche così pericoloso che può farci morire.

.
.
.




Il lavoro, il merito e l’esperienza
debbono essere sempre ricompensati.
– J. P. Raffarin –
 


 


Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E’ IL LAVORO OGGI L’AURORA
Sibilla Aleramo 
 
Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch’io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l’orrore
e sempre l’insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l’ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l’aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s’alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s’anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l’aurora!



Angelo Morbelli – Mondine

 
 
 
 
Né può infine oggi mancare un ricordo 
delle lotte fatte dai lavoratori per migliorare
le loro condizioni economiche e sui luoghi di lavoro.

 

 

Disegno della repressione della manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “saluto speciale”

con il video di una bella canzone di Giorgio Gaber

“Gli operai”

 
 
 
 
 Giorgio Gaber – Gli operai

.

.

.

indaco-zen19.gifindaco-zen19.gif

 

 



ed ancora…
 

a tutti coloro che il lavoro ce l’hanno
con l’aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi invece lo cerca 
perché l’ha perso o non l’ha mai trovato.

Tony Kospan


.

.

.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche



 
 

Buona serata e buona fine del 1° Maggio in poesia “E’ il lavoro oggi” S. Aleramo – arte P. de Volpedo – canzone “Operai” Gaber   2 comments

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
.
.
.


 
 
 
e
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico saluto in poesia.. arte.. musica etc.., 
anche se siamo alla fine del giorno,
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n'è poco e… spesso precario… o nero.
 

Cerchiamo  tutti di favorire un'inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è così pericoloso da farci morire…

.
.
.



Il lavoro, il merito e l'esperienza
debbono essere sempre ricompensati.
– J. P. Raffarin –


 
 


 


 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo 
 
Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!



.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Nè può infine oggi mancare
un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare
le loro condizioni economiche e di lavoro.

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “saluto speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 



e
 

a tutti coloro che il lavoro ce l'hanno
con l'aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi  invece lo cerca…

Tony Kospan


Pellizza da Volpedo – Speranze deluse



 
 

Buon pomeriggio e buon 1° Maggio in poesia “E’ il lavoro oggi” S. Aleramo – arte P. de Volpedo – canzone “Operai” di Gaber   Leave a comment

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
.
.
.


 
 
 
e
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico saluto in poesia.. arte.. musica etc..
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n'è poco e… spesso precario… o nero.
 

Cerchiamo  tutti di favorire un'inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è così pericoloso da farci morire…

.
.
.



Il lavoro, il merito e l'esperienza
debbono essere sempre ricompensati.
– J. P. Raffarin –


 
 


 


 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo 
 
Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!



.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Nè può infine oggi mancare
un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare
le loro condizioni economiche e di lavoro.

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “saluto speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 



e
 

a tutti coloro che il lavoro ce l'hanno
con l'aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi  invece lo cerca…

Tony Kospan


Pellizza da Volpedo – Speranze deluse



 
 

Buona settimana e buon 1° Maggio in poesia “E’ il lavoro oggi” S. Aleramo – arte P. de Volpedo – canzone “Operai” di Gaber   1 comment

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
.
.
.


 
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
 
 
e
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n’è poco e… spesso precario… o nero.
 
Ma invece di piangerci addosso
cerchiamo di favorire un’inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è così pericoloso da farci morire…

.
.
.



Il lavoro, il merito e l’esperienza
debbono essere sempre ricompensati.
J. P. Raffarin


 
 


 


 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E’ IL LAVORO OGGI L’AURORA
Sibilla Aleramo 
 
Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch’io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l’orrore
e sempre l’insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l’ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l’aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s’alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s’anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l’aurora!



.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Né può infine oggi mancare
un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare
le loro condizioni economiche e di lavoro.

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “buongiorno speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 

e
 

a tutti coloro che il lavoro ce l’hanno
con l’aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi  invece lo cerca…

Tony Kospan


Pellizza da Volpedo – Speranze deluse



 
 

Buona domenica e buon 1° Maggio in poesia “E’ il lavoro oggi..” S. Aleramo – arte.. de Volpedo – canzone “Operai”di Gaber   3 comments

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
.
.
.


 
 
 
E
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n'è poco e… spesso precario… o al nero.
 
Ma invece di piangerci addosso
cerchiamo di favorire un'inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è così pericoloso da farci morire…

.
.
.



Il lavoro, il merito e l'esperienza
debbono essere sempre ricompensate.
J.P. Raffarin


 
 


 


 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo 
 

Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!
 



.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Né può oggi mancare
un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare
le loro condizioni economiche e di lavoro

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “buongiorno speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 

e
 

a tutti coloro che il lavoro ce l'hanno
con l'aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi  invece lo cerca…

Tony Kospan



Pellizza da Volpedo – Speranze deluse



 
 

Buon W. E. e 1° Maggio in poesia.. E’ il lavoro oggi l’aurora di S. Aleramo – arte.. P. de Volpedo – canzone di Gaber   Leave a comment

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
.
.
.


 
 
 
E
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n'è poco e… spesso precario… o al nero.
 
Ma invece di piangerci addosso
cerchiamo di favorire un'inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è così pericoloso da farci morire…

.
.
.



Il lavoro, il merito e l'esperienza
debbono essere sempre ricompensate.
J.P. Raffarin


 
 


 


 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo 
 

Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!
 



.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Né può oggi mancare
un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare
le loro condizioni economiche e di lavoro

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “buongiorno speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 

e
 

a tutti coloro che il lavoro ce l'hanno
con l'aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi  invece lo cerca…

Tony Kospan



 
 
 

Buon 1° Maggio in poesia.. E’ il lavoro oggi l’aurora di S. Aleramo – arte.. P. de Volpedo – canzone di Gaber.. e..   2 comments

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
.
.
.


 
 
 
E
BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n'è poco e… spesso precario… o al nero.
 
Ma invece di piangerci addosso
cerchiamo di favorire un'inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

.
.
.
Il lavoro è così importante, e così necessario per vivere,
ma talvolta è così pericoloso da farci morire…

.
.
.



Il lavoro, il merito e l'esperienza
debbono essere sempre ricompensate.
J.P. Raffarin


 
 


 


 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo 
 

Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!
 



.

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Né può oggi mancare
un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare
le loro condizioni economiche e di lavoro

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “buongiorno speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 

e
 

a tutti coloro che il lavoro ce l'hanno
con l'aggiunta di un grande in bocca al lupo
a chi  invece lo cerca…

Tony Kospan



 
 
 

E’ IL LAVORO OGGI L’AURORA – S. ALERAMO – BUON 1° MAGGIO IN POESIA ARTE AFORISMA E… GABER   1 comment


 

 

Pellizza da Volpedo – Mondine
 
 
 
 
E BUON 1° MAGGIO
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto difficili 
in cui di lavoro ce n'è poco e… pure precario…
 
Ma invece di piangerci addosso
cerchiamo di favorire un'inversione di tendenza
che possa riuscire a metter da parte gli interessi particolari
a favore di quelli generali e di chi soffre maggiormente.

 
 
 
 

 
 
 
 

Lavoro così importante, così necessario

per vivere,
ma talvolta così pericoloso da farci
morire…
 
 
 

 

 

Il lavoro, il merito e l'esperienza

debbono essere sempre ricompensate.

J.P. Raffarin

 


 


 

 

Pellizza da Volpedo –  Quarto stato
 
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo
 
 

Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sé sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anziché parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sé è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre né torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!
 
 

Pellizza da Volpedo – Membra stanche
 
 
 
 
 
Né può oggi mancare un ricordo delle lotte fatte dai lavoratori
per migliorare le loro condizioni economiche e di lavoro

 

 

Manifestazione di operai a Chicago nel 1886

 

 

Concludiamo questo “buongiorno speciale”

con il video di una bella canzone di Gaber

 
 
 
 
Giorgio Gaber – Gli operai

 

 

 

a tutti coloro che lavorano
con l'aggiunta di un grande in bocca al lupo
per chi  invece è in cerca…
da Tony Kospan
 
 
 

E’ IL LAVORO OGGI L’AURORA – S. ALERAMO – BUON 1° MAGGIO IN POESIA… ARTE… E…   Leave a comment


 

 

Mario De Micheli – Il lavoro nell'arte
 
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto
difficili in cui di lavoro ce n'è poco e… pure precario

 
 
 
 

 
 
 
 

Lavoro così importante, così necessario

per vivere,
ma talvolta così doloroso da farci
morire…
 
 
 

 

 

Il lavoro, il merito e l'esperienza

debbono essere sempre ricompensate.

J.P. Raffarin

 


 


 

 

Sironi – Fabbriche
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo
 

Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sè sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anzichè parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sè è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre nè torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!
 
 

Maggie’s Farm–Bob Dylan

 

 

a tutti

da Tony Kospan
 
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: