Archivio per l'etichetta ‘Giovanni Capogna

IL SENSO DELLA VITA… IN POESIA… IN MUSICA… E NON SOLO   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
IL SENSO DELLA VITA
IN POESIA E NON SOLO (2012)
a cura di Tony Kospan
 
 
 
Torniamo a parlar di questo tema…,
la cui importanza è di solare evidenza,
 in quanto è tra i più amati dai poeti,
ed è inferiore, per numero di poesie,
 forse solo a quello dell'amore…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Se volessimo affrontar l'argomento
da un'angolazione filosofica
non basterebbe un'intera biblioteca…
ma le poesie ci consentono,
come dice Bukowski,
di dire e capire molte cose in poche parole
a differenza della prosa…
 
 
La Primavera… con i giorni sempre più lunghi…
e con il risveglio della natura…
secondo cicli eterni ed immutabili
ci ricorda che
,
nonostante i progressi scientifici,
la prosopopea umana deve abbassare la testa
di fronte alla suprema forza della Natura
ed all'infinito mistero della vita…
 
 
 
 
 
 
 
 

Questo ci porta ad individuare,
quasi naturalmente,
il tema poetico di questa domenica
sul
SENSO DELLA VITA

 
La vita è fatta di giorni
di sole o di pioggia…
ma poi arriva sempre e comunque…
la notte…
ed ogni tanto dobbiamo ricordarcelo…
 
 
 
 

 
 
 
 
 
Cercando d'evitar quelle molto malinconiche…
ho scelto queste poesie che mi appaiono
interessanti liriche visioni del vivere… 
tese semplicemente a scrutare
gli aspetti reali e misteriosi…
della nostra presenza sulla Terra.

 

Quelle che seguono sono le prescelte
di quest'anno e come sempre sarà bello
leggere quelle che parlano al vostro cuore.

 
 
 
 lanternelanternelanterne

 

 
 
 
IL SOGNO IMPOSSIBILE
Josei Toda
 
Sognare il sogno impossibile
combattere il nemico invincibile
sopportare il dolore insopportabile
correre dove l'audace non osa andare.
Correggere l'errore irreparabile
amare al di là di tutto
sforzandosi quando le braccia sono troppo stanche
raggiungere la stella irraggiungibile.
Questa è la mia ricerca.
Combattere per il giusto senza domande né soste.
Io so che se sarò fedele a questa ricerca
il mio cuore sarà tranquillo
e quando non ci sarò più
io sarò felice se grazie a me
il mondo sarà un pò migliore
perchè un altro uomo indegno e ferito
si sforzerà ancora, con la sua ultima oncia di coraggio,
di raggiungere la stella irraggiungibile.
 
 

heaven.gif image by fearofmydelusion

 
 
 
LA RICERCA NON SI FERMERA’ QUI
Giovanni Capogna
 
La ricerca non si fermerà qui
Lo avevano già previsto i filosofi pagani,
il tempo circolare, le altezze del cielo,
Le molteplici verità,
tutto quello che è e che dovrà finire,
la proiezione infinita dei corpi,
la successione di tutte le cose.
La scrittura nega l’essere che si consacra al silenzio.
La ricerca non si fermerà qui.
Il crepuscolo ama l’abisso, il ventre caldo, la luce.
L’eterno cresce come un fiume.
Sto dirimpetto al cielo,
questa nudità è la mia morte.
 
 
 
 
 

LA VITA IN PROSA
Eugenio Montale
 
Il fatto è che la vita non si spiega
né con la biologia
né con la teologia.
La vita è molto lunga
anche quando è corta
come quella della farfalla –
la vita è sempre prodiga
anche quando la terra non produce nulla.
Furibonda è la lotta che si fa
per renderla inutile e impossibile.
Non resta che il pescaggio nell'inconscio
l'ultima farsa del nostro moribondo teatro.
Manderei ai lavori forzati o alla forca
chi la professa o la subisce. è chiaro che l'ignaro
è più che sufficiente per abbuiare il buio.
 
 
 
 
 
 
DISATTENZIONE
Wislawa Szymborska
 
Ieri mi sono comportata male nel cosmo.
ho passato tutto il giorno senza fare domande,
senza stupirmi di niente.
ho svolto attività quotidiane,
come se ciò fosse tutto dovuto.
inspirazione, espirazione, un passo dopo l’altro, incombenze,
ma senza un pensiero che andasse più in là
dell’uscire di casa e del tornarmene a casa.
il mondo avrebbe potuto essere preso per un mondo folle,
e io l’ho preso solo per uso ordinario.
nessun come e perché –
e da dove è saltato fuori uno così –
e a che gli servono tanti dettagli in movimento.
ero come un chiodo piantato troppo in superficie nel muro
(e qui un paragone che mi è mancato).
uno dopo l’altro avvenivano cambiamenti
perfino nell’ambito ristretto d’un batter d’occhio.
su un tavolo più giovane da una mano d’un giorno più giovane
il pane di ieri era tagliato diversamente.
le nuvole erano come non mai e la pioggia era come non mai,
poiché dopotutto cadeva con gocce diverse.
la terra girava intorno al proprio asse,
ma già in uno spazio lasciato per sempre.
è durato 24 ore buone.
1440 minuti di occasioni.
86.400 secondi in visione.
il savoir-vivre cosmico,
benché taccia sul nostro conto,
tuttavia esige qualcosa da noi:
un po’ di attenzione, qualche frase di Pascal
e una partecipazione stupita a questo gioco
con regole ignote.
 
 
 
 
 
IL CUORE CHE RIDE
Charles Bukowski
 
La tua vita è la tua vita.
Non lasciare che le batoste
la sbattano nella cantina dell'arrendevolezza.
Stai in guardia.
Ci sono delle uscite.
Da qualche parte c'è luce.
Forse non sarà  una gran luce
ma la vince sulle tenebre. 
Stai in guardia.
Gli dei ti offriranno delle occasioni.
Riconoscile, afferrale.
Non puoi sconfiggere la morte
ma puoi sconfiggere la morte in vita, qualche volta.
E più impari a farlo di frequente, più luce ci sarà . 
La tua vita è la tua vita.
Sappilo finché ce l'hai.
Tu sei meraviglioso
gli dei aspettano di compiacersi in te.
 
 
 
Image du Blog patty64.centerblog.netImage du Blog patty64.centerblog.netImage du Blog patty64.centerblog.netImage du Blog patty64.centerblog.netImage du Blog patty64.centerblog.netImage du Blog patty64.centerblog.netImage du Blog patty64.centerblog.net
 
 
 
 
 
 
 
 
 

P O E S I E ?
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21
UN MODO DIVERSO DI VIVERLE…
ORSO TONY
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: