Archivio per l'etichetta ‘George Elgar Hicks

Buon martedì sera in poesia “La mia anima era..” E. I. Sodergran – arte Hicks – canzone “Insieme” Mina   1 comment

 
 
 
 
George Elgar Hicks


 
 
 
 
 
 
rosa cuor 3wcurdyj
Il linguaggio dell’amore è un linguaggio segreto 
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso. 
Roberto Musil
rosa cuor 3wcurdyj

 
 
 
   

George Elgar Hicks – La missione della donna nell’epoca Vittoriana
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO 
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.

 
 
 
 

George Elgar Hicks



 
 
 
 
 

 

da Orso Tony



IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
frebiapouce.gif
Ripped Note

 

  

 
 

George Elgar Hicks

 
 
 

Felice martedì sera in poesia “La mia anima era..” Sodergran – arte G. E. Hicks – canzone “Insieme” Mina   Leave a comment

 
 
 
 
George Elgar Hicks


 
 
 
 
 
 
rosa cuor 3wcurdyj
Il linguaggio dell’amore è un linguaggio segreto 
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso. 
Roberto Musil
rosa cuor 3wcurdyj

 
 
 
   

George Elgar Hicks – La missione della donna nell’epoca Vittoriana
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO 
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.

 
 
 
 

George Elgar Hicks



 
 
 
 
 

 

da Orso Tony



IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
frebiapouce.gif
Ripped Note

 

  

 
 

George Elgar Hicks

 
 
 

Buon martedì sera in poesia “La mia anima era..” Sodergran – arte G. E. Hicks – canzone “Insieme” Mina   Leave a comment

 
 
 
 
George Elgar Hicks


 
 
 
 
 
 
rosa cuor 3wcurdyj
Il linguaggio dell’amore è un linguaggio segreto
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso.
Roberto Musil
rosa cuor 3wcurdyj

 
 
 
   

George Elgar Hicks – La missione della donna nell’epoca Vittoriana
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.

 
 
 
 

George Elgar Hicks



 
 
 
 
 

 

da Orso Tony



IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Ripped Note

 

  

 
 

George Elgar Hicks

 
 
 

Felice W. E. in poesia “La mia anima era..” di Sodergran – arte.. G. E. Hicks – canzone.. Insieme di Mina   Leave a comment

 
 
 
 
George Elgar Hicks
 
 
 
 
 
 

Il linguaggio dell'amore è un linguaggio segreto
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso.
Roberto Musil

 
 
 
clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali
George Elgar Hicks – La missione della donna nell'epoca Vittoriana
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.
 
 
 
 

George Elgar Hicks – Donna tra i fiori

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

da Orso Tony

 

 
 

 
 
 
 
 
IL GRUPPO DEGLI ARTISTI
E DEGLI AMICI DELL'ARTE
 
 
 

Buon W. E. in poesia.. La mia anima era un abito azzurro di Sodergran – arte.. G. E. Hicks – canzone.. Insieme di Mina   3 comments

 
 
 
 
George Elgar Hicks
 
 
 
 
 
 
 

Il linguaggio dell'amore è un linguaggio segreto
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso.
Roberto Musil

 
 
 
 
Nota
George Elgar Hicks – La missione della donna nell'epoca Vittoriana
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.
 
 
 
 

George Elgar Hicks – Donna tra i fiori

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

da Orso Tony

 

 
 

 
 
 
 
IL GRUPPO DEGLI ARTISTI
E DEGLI AMICI DELL'ARTE
 
 
 

VOGLIO TE – TAGORE – FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA… ARTE… E…   1 comment

 

 

 

Wladyslaw Czachorski – Donna vestita di viola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cid_0F623646E6184C06BC88DCFF78F1675.gifcid_0F623646E6184C06BC88DCFF78F1675.gifcid_0F623646E6184C06BC88DCFF78F1675.gifcid_0F623646E6184C06BC88DCFF78F1675.gifcid_0F623646E6184C06BC88DCFF78F1675.gif 

 

Le uniche cose che ti appartengono davvero sono i tuoi sogni

 

e la libera volontà di vivere la vita nel modo in cui desideri farlo.

Tutto il resto lo prendiamo soltanto in prestito.

 

Sergio Bambaren

 

 

 

 

 

 

Nota 

Jean Bailly

 

 

 

VOGLIO TE

 

Tagore

 


Voglio te, solo te!
Lascia che il mio cuore
lo ripeta senza fine.

Tutti i desideri che mi distraggono
di giorno e di notte
in sostanza sono fasulli e vani.

 

 

Come la notte tiene nascosta nel buio
l’ansia di luce
così nel profondo del mio cuore
senza ch’io me ne renda conto
un grido risuona:

Voglio te, solo te!

 

 

Come la tempesta cerca la quiete
mentre ancora lotta contro la quiete
con tutte le sue forze
così io mi ribello e lotto
contro il tuo amore
ma grido che voglio te, solo te.

 

 

 

 

George Elgar Hicks – Donna tra i fiori

 

 

 

 

 

 

 

 

by Tony Kospan

 

 

 

 

IL NUOVO GRUPPO DI FB
arte poesia musica etc…
AMICI DI PSICHE E SOGNO
 
 

FELICE WEEK IN POESIA ARTE AFORISMA E… CANZONE   Leave a comment

 
 
 
 
George Elgar Hicks – In riva al mare
 
 
 
 
 
 
 
 

Il linguaggio dell'amore è un linguaggio segreto
e la sua espressione più alta è un abbraccio silenzioso.
Roberto Musil

 
 
 
 
Nota
George Elgar Hicks – Signora in attesa
 
 
 
 
 
LA MIA ANIMA ERA UN ABITO AZZURRO
Edith Irene Sodergran

 
La mia anima era un abito azzurro colore del cielo;
l’ho lasciato su uno scoglio, sul mare
e sono venuta da te, e somigliavo a una donna.
E come una donna mi sono seduta alla tua tavola
e ho bevuto una coppa di vino, e respirato il profumo delle rose.
Hai detto che ero bella, che somigliavo
a qualcosa che avevi visto in sogno.
Ho dimenticato tutto, la mia infanzia e la mia patria,
sapevo solo che le tue lusinghe mi tenevano prigioniera.
E tu, ridendo, hai preso uno specchio e mi hai detto di guardarmi.
Ho visto che le mie spalle erano fatte di stoffa
e si stavano sbriciolando,
ho visto che la mia bellezza era malata,
e che desiderava solo una cosa: sparire.
Oh, tienimi stretta tra le tue braccia,
che io non abbia più bisogno
di niente.
 
 
 
 

George Elgar Hicks – Donna tra i fiori

 
 
 
 
 
 
 
 

 

da Orso Tony

 

 
 

 
 
 
 
IL GRUPPO DEGLI ARTISTI
E DEGLI AMICI DELL'ARTE
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: