Archivio per l'etichetta ‘fotografia surreale

La giovanissima Susannah Benjamin… premiata come fotografa del 2013 e le sue originali foto   Leave a comment








UNA GIOVANISSIMA


PREMIATA COME FOTOGRAFA DELL’ANNO


2013


La giovane Susannah Benjamin, studentessa al 2° anno a Yale,

 ha vinto questo premio per le oltre 1,6 milioni di visualizzazioni web

ottenute grazie all’originalità ed al fascino delle sue foto.


Ma chi è, e che tipo è,

questa giovane considerata un vero talento dell’arte fotografica moderna?


Conosciamola un po’ attraverso questa sua dichiarazione

riguardo all’amore per la fotografia e vedendo alcune sue artistiche foto.

.

.

.

Susannah Benjamin

.

.

“Sono Susannah, 18 anni e matricola all’Università di Yale.
Mi piace raccontare storie e creare arte; questo fa proprio parte di me ed è quel che voglio fare nella mia vita.

,




Ogni volta che un amico si avvicina sono spinta a fare un servizio fotografico.
La fotografia deve per me esser sorprendente nel senso che amo miscelare tutte le mie cose infantili preferite: come giocare fingere, vestirsi in cose folli, parlare, ridere, inventare, etc.






Sebbene molti fotografi adolescenti sono presi dalla mania di diventare i classici fotografi di moda, io non credo nella sola bellezza per la bellezza.
Voglio sparare storie e concetti, perché voglio communicare messaggi ed emozioni attraverso il mio lavoro (cerco sempre di trasmettere il mio pensiero sennò non mi sento soddisfatta come artista).
Io uso la fotografia e la scrittura come mezzi per esternare tutto quello che mi passa nella mia testa.







Il mio lavoro esplora temi della mia crescita, della mia adolescenza, dell’immagine di me.. etc.
La creazione di un servizio fotografico è così snervante, impegnativa ed emozionante  che alla fine sono esausta.






I miei amici dicono d’aver piacere a posare per me quando qualche volta faccio su di loro un servizio fotografico ed io sono davvero contenta ed essi dicono di vedermi in estasi.
Cerco ispirazione nella mitologia e nella letteratura e cerco di conoscere sempre nuove storie in qualsiasi modo o forma.”






F I N E
.
.
.
.
.
.

UNO SPAZIO VIRTUALE COMUNE D’ARTE
POESIA MUSICA SOGNI RACCCONTI
RIFLESSIONI BUONUMORE ETC
.
.




Grete Stern – Maestra.. nel primo ‘900.. della fotografia come arte surreale e sognante   Leave a comment




Niño-flor, 1948


E’ considerata una delle più grandi fotografe tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia

Una fotografa che in un’epoca in cui non c’erano
gli odierni mezzi tecnologici capaci di creare immagini di ogni tipo
è riuscita a creare vere e proprie opere d’arte fotografiche




Elberfeld 9.5.1904 – Buenos Aires 24.12.1999 (Autoritratto 1935)



GRETE STERN
CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan





BREVE BIOGRAFIA

Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All’inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l’arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina… dove frequentò con successo gli ambienti artistici d’avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.






Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all’epoca in auge nel mondo nell’arte.







Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d’architettura e di documentazione.
Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di varie popolazioni aborigene e delle loro culture.





Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.



Autoritratto



LA TECNICA E L’ARTE


E’ da tener presente che all’epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto… ma molto… impegnativo e necessario di grande precisione.
Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…






Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l’epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.







ORA ECCO UNA PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO










Ojo eterno




Artículos eléctricos para el hogar













 

 


Fonti: vari siti web



CIAO DA TONY KOSPAN



 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
 
 
 
 

GRETE STERN – Storica artista della fotografia di cultura.. fantasia e sogno   Leave a comment




Niño-flor, 1948


E’ considerata una delle più grandi fotografe tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia

Una fotografa che in un’epoca in cui non c’erano
gli odierni mezzi tecnologici capaci di creare e modificare immagini di ogni tipo
è riuscita a creare vere e proprie opere d’arte fotografiche



 
Elberfeld 9.5.1904 – Buenos Aires 24.12.1999 (Autoritratto 1935)



GRETE STERN
CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan





BREVE BIOGRAFIA

Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All’inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l’arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina… dove frequentò con successo gli ambienti artistici d’avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.






Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all’epoca in auge nel mondo nell’arte.







Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d’architettura e di documentazione.
Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di varie popolazioni aborigene e delle loro culture.





Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.



Autoritratto



LA TECNICA E L’ARTE


E’ da tener presente che all’epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto… ma molto… impegnativo e necessario di grande precisione.
Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…






Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l’epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.







ORA ECCO UNA PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO









 
Ojo eterno



 
Artículos eléctricos para el hogar













 

 


Fonti: vari siti web



CIAO DA TONY KOSPAN



 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
 
 
 
 

Le foto originali e le idee di Susannah Benjamin.. la giovanissima studentessa premiata come fotografa del 2013   Leave a comment








UNA GIOVANISSIMA


PREMIATA COME FOTOGRAFA DELL’ANNO


2013


La giovane Susannah Benjamin, studentessa al 2° anno a Yale,

 ha vinto questo premio per le oltre 1,6 milioni di visualizzazioni web

ottenute grazie all’originalità ed al fascino delle sue foto.


Ma chi è, e che tipo è,

questa giovane considerata un vero talento dell’arte fotografica moderna?


Conosciamola un po’ attraverso questa sua dichiarazione

riguardo all’amore per la fotografia e vedendo alcune sue artistiche foto.

.

.

.

Susannah Benjamin

.

.

“Sono Susannah, 18 anni e matricola all’Università di Yale.
Mi piace raccontare storie e creare arte; questo fa proprio parte di me ed è quel che voglio fare nella mia vita.

,




Ogni volta che un amico si avvicina sono spinta a fare un servizio fotografico.
La fotografia deve per me esser sorprendente nel senso che amo miscelare tutte le mie cose infantili preferite: come giocare fingere, vestirsi in cose folli, parlare, ridere, inventare, etc.






Sebbene molti fotografi adolescenti sono presi dalla mania di diventare i classici fotografi di moda, io non credo nella sola bellezza per la bellezza.
Voglio sparare storie e concetti, perché voglio communicare messaggi ed emozioni attraverso il mio lavoro (cerco sempre di trasmettere il mio pensiero sennò non mi sento soddisfatta come artista).
Io uso la fotografia e la scrittura come mezzi per esternare tutto quello che mi passa nella mia testa.







Il mio lavoro esplora temi della mia crescita, della mia adolescenza, dell’immagine di me.. etc.
La creazione di un servizio fotografico è così snervante, impegnativa ed emozionante  che alla fine sono esausta.






I miei amici dicono d’aver piacere a posare per me quando qualche volta faccio su di loro un servizio fotografico ed io sono davvero contenta ed essi dicono di vedermi in estasi.
Cerco ispirazione nella mitologia e nella letteratura e cerco di conoscere sempre nuove storie in qualsiasi modo o forma.”






F I N E
.
.
.
.
.
.

UNO SPAZIO VIRTUALE COMUNE D’ARTE
POESIA MUSICA SOGNI RACCCONTI
RIFLESSIONI BUONUMORE ETC
.
.




GRETE STERN – Storica artista della fotografia di cultura e sogno   1 comment




Niño-flor, 1948


E’ considerata una delle più grandi fotografe tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia

Una fotografa che in un’epoca in cui non c’erano
gli odierni mezzi tecnologici capaci di creare e modificare immagini di ogni tipo
è riuscita a creare vere e proprie opere d’arte fotografiche



 
Elberfeld 9.5.1904 – Buenos Aires 24.12.1999 (Autoritratto 1935)



GRETE STERN
CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan





BREVE BIOGRAFIA

Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All’inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l’arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina… dove frequentò con successo gli ambienti artistici d’avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.






Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all’epoca in auge nel mondo nell’arte.







Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d’architettura e di documentazione.
Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di varie popolazioni aborigene e delle loro culture.





Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.



Autoritratto



LA TECNICA E L’ARTE


E’ da tener presente che all’epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto… ma molto… impegnativo e necessario di grande precisione.
Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…






Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l’epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.







ORA ECCO UNA PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO









 
Ojo eterno



 
Artículos eléctricos para el hogar













 

 


Fonti: vari siti web



CIAO DA TONY KOSPAN



 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
 
 
 
 

Le foto surreali e le idee di Susannah Benjamin.. la giovanissima studentessa premiata come fotografa dell’anno 2013   1 comment








UNA GIOVANISSIMA


PREMIATA COME FOTOGRAFA DELL'ANNO


2013


La giovane Susannah Benjamin, studentessa al 2° anno a Yale,

 ha vinto questo premio per le oltre 1,6 milioni di visualizzazioni web

ottenute grazie all'originalità ed al fascino delle sue foto.


Ma chi è, e che tipo è,

questa giovane considerata un vero talento dell'arte fotografica moderna?


Conosciamola un po' attraverso questa sua dichiarazione

riguardo all'amore per la fotografia e vedendo alcune sue artistiche foto.

.

.

.

Susannah Benjamin

.

.

“Sono Susannah, 18 anni e matricola all'Università di Yale.
Mi piace raccontare storie e creare arte; questo fa proprio parte di me ed è quel che voglio fare nella mia vita.

,




Ogni volta che un amico si avvicina sono spinta a fare un servizio fotografico.
La fotografia deve per me esser sorprendente nel senso che amo miscelare tutte le mie cose infantili preferite: come giocare fingere, vestirsi in cose folli, parlare, ridere, inventare, etc.






Sebbene molti fotografi adolescenti sono presi dalla mania di diventare i classici fotografi di moda, io non credo nella sola bellezza per la bellezza.
Voglio sparare storie e concetti, perché voglio communicare messaggi ed emozioni attraverso il mio lavoro (cerco sempre di trasmettere il mio pensiero sennò non mi sento soddisfatta come artista).
Io uso la fotografia e la scrittura come mezzi per esternare tutto quello che mi passa nella mia testa.







Il mio lavoro esplora temi della mia crescita, della mia adolescenza, dell'immagine di me.. etc.
La creazione di un servizio fotografico è così snervante, impegnativa ed emozionante  che alla fine sono esausta.






I miei amici dicono d'aver piacere a posare per me quando qualche volta faccio su di loro un servizio fotografico ed io sono davvero contenta ed essi dicono di vedermi in estasi.
Cerco ispirazione nella mitologia e nella letteratura e cerco di conoscere sempre nuove storie in qualsiasi modo o forma.”






F I N E
.
.
.
.
.
.

UNO SPAZIO VIRTUALE COMUNE D’ARTE
POESIA MUSICA SOGNI RACCCONTI
RIFLESSIONI BUONUMORE ETC
.
.




GRETE STERN – Breve ricordo di una grande artista della fotografia surreale e non solo   Leave a comment




Niño-flor, 1948


E' considerata una delle più grandi fotografe tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia

Una fotografa che in un'epoca in cui non c'erano
gli odierni mezzi tecnologici capaci di creare immagini di ogni tipo
è riuscita a creare vere e proprie opere d'arte fotografiche




Elberfeld 9.5.1904 – Buenos Aires 24.12.1999 (Autoritratto 1935)



GRETE STERN
CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan





BREVE BIOGRAFIA

Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All'inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l'arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina… dove frequentò con successo gli ambienti artistici d'avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.






Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all'epoca in auge nel mondo nell'arte.







Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d'architettura e di documentazione.
Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di varie popolazioni aborigene e delle loro culture.





Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.



Autoritratto



LA TECNICA E L'ARTE


E' da tener presente che all'epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto… ma molto… impegnativo e necessario di grande precisione.
Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…






Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l'epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.







ORA ECCO UNA PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO










Ojo eterno




Artículos eléctricos para el hogar













 

 


Fonti: vari siti web



CIAO DA TONY KOSPAN



 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
 
 
 
 

Grete Stern – La fotografia come arte surreale e sognante   Leave a comment




Niño-flor, 1948


E' considerata una delle più grandi fotografe tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia

Una fotografa che in un'epoca in cui non c'erano
gli odierni mezzi tecnologici capaci di creare immagini di ogni tipo
è riuscita a creare vere e proprie opere d'arte fotografiche




Elberfeld 9.5.1904 – Buenos Aires 24.12.1999 (Autoritratto 1935)



GRETE STERN
CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan





BREVE BIOGRAFIA

Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All'inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l'arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina… dove frequentò con successo gli ambienti artistici d'avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.






Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all'epoca in auge nel mondo nell'arte.







Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d'architettura e di documentazione.
Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di varie popolazioni aborigene e delle loro culture.





Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.



Autoritratto



LA TECNICA E L'ARTE


E' da tener presente che all'epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto… ma molto… impegnativo e necessario di grande precisione.
Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…






Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l'epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.







ORA ECCO UNA PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO










Ojo eterno




Artículos eléctricos para el hogar













 

 


Fonti: vari siti web



CIAO DA TONY KOSPAN



 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
 
 
 
 

GRETE STERN – Breve ricordo della storica artista della fotografia surreale   Leave a comment




Niño-flor, 1948


E' considerata una delle più grandi fotografe tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia

Una fotografa che in un'epoca in cui non c'erano
gli odierni mezzi tecnologici capaci di creare immagini di ogni tipo
è riuscita a creare vere e proprie opere d'arte fotografiche




Elberfeld 9.5.1904 – Buenos Aires 24.12.1999 (Autoritratto 1935)



GRETE STERN
CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan





BREVE BIOGRAFIA

Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All'inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l'arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina… dove frequentò con successo gli ambienti artistici d'avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.






Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all'epoca in auge nel mondo nell'arte.







Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d'architettura e di documentazione.
Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di varie popolazioni aborigene e delle loro culture.





Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.



Autoritratto



LA TECNICA E L'ARTE


E' da tener presente che all'epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto… ma molto… impegnativo e necessario di grande precisione.
Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…






Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l'epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.







ORA ECCO UNA PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO










Ojo eterno




Artículos eléctricos para el hogar













 

 


Fonti: vari siti web



CIAO DA TONY KOSPAN



 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
 
 
 
 

Grete Stern… ovvero regina dell’arte fotografica sognante e surreale   2 comments

 
 
 
 
 

Niño-flor, 1948
 

 
 
 
 
 
 

E' considerata una delle più grandi fotografe d'arte tedesche
e certo ha un posto importante nella Storia della Fotografia
 
 
 

(Elberfeld, 1904 – Buenos Aires, 1999)
 
 

 
 

CULTURA E SOGNO IN FOTOGRAFIA
a cura di Tony Kospan

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
BREVE BIOGRAFIA
 
 
 
Grete Stern nacque nel 1904 a Wppertal, Elberfeld, in Germania.
All'inizio si dedicò allo studio del pianoforte e della chitarra… poi passò alle arti grafiche e fu allieva del fotografo Peterhans Walter.
Nel 1929 con la  sua amica Ellen Auerbach aprì uno studio di “graphic design” e fotografia.
Con l'arrivo al potere di Hitler si trasferì prima a Londra e poi in Argentina…
dove frequentò con successo gli ambienti artistici d'avanguardia e collaborò con la rivista “Idillio” di Buenos Aires.
 
 
 

 
 
 
Portò al massimo livello la tecnica dei fotomontaggi che chiamava “Suenos” (sogni) anche perché volevano proprio illustrare… evocare…emozioni… intese in tutti i sensi ed in tutti i modi.
 
Questi “sogni” apparvero subito dei capolavori… in quanto applicavano alla fotografia le concezioni surrealiste e visionarie all'epoca in auge nel mondo nell'arte.
 
 
 

 
 
 
Nel 1936 sposa il fotografo argentino Horacio Coppola e dopo la fine della guerra si dedicò soprattutto alla fotografia d'architettura e di documentazione. 
 

 

 

 

Ricevette pertanto anche importanti incarichi di reportage tra cui la documentazione dal vero di popolazioni aborigene e delle loro culture.
 
 
 

 
 
 
Nel 1982 ha ricevuto il premio Konex per l’attività di fotografa.
 
 
In verità deve la sua fama  soprattutto alle opere dei 2 decenni antecedenti al secondo conflitto mondiale.
 
 
 
 
 
 

Grete

 
 
 
 
 
 
LA TECNICA E L'ARTE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
E' da tener presente che all'epoca il fotomontaggio non era assolutamente semplice per cui i suoi ingrandimenti… o rimpicciolimenti, le sue scomposizioni delle immagini, i suoi effetti ottici ed i suoi “trucchi” fotografici che componevano quelli che possiamo anche definire dei collages dai risultati sognanti e coinvolgenti erano frutto di un segreto lavoro molto impegnativo e necessario di grande precisione.

Oggi è molto facile con i programmi di foto modificare tutto ma allora… non era proprio così…
 
 
 

 
 
 

Inoltre le sue opere… appaiono molto originali… ironiche e talvolta anche (per l'epoca) trasgressive ma sempre comunque dense di cariche emotive.
 
Tuttavia la rivista Abril che le pubblicava non ne comprese fino in fondo la genialità e per questo se ne sono perse davvero tantissime ma quelle rimaste, per lo più quelle della rivista Idillio, sono comunque in grado di affascinarci e di farci comprendere il suo mondo.
 
 

 

 
 
 
 
 
 
ORA ANDIAMO A QUESTA
PICCOLA “MOSTRA” DI ALTRE SUE FOTO

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ojo eterno
 
 
 
 
 


Artículos eléctricos para el hogar
 
 
 
 
Con sentimiento
 
  
 
 

foto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonti: vari siti web

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

         
LA PAGINA CULTURALE DI FB?
PSICHEESOGNO1RID.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: