Archivio per l'etichetta ‘EMILY DICKINSON

Buona domenica sera in poesia “L’anima si sceglie..” E. Dickinson – arte E. Manet – canzone “Venezia” di Guccini   Leave a comment

 
 

 
 
 
 

Edouard Manet

 

 

 

 

Sono nato non per partecipare all’odio
ma per partecipare all’amore
– Sofocle –
 
 
 

Edouard Manet – Venezia
 
 

L’ANIMA SI SCEGLIE IL PROPRIO COMPAGNO
Emily Dickinson
 
L’anima si sceglie il proprio compagno
poi chiude la porta
così che la maggioranza divina
non possa più turbarla.
Impassibile vede i cocchi che si fermano
laggiù al cancello.
Impassibile vede un Re inginocchiarsi
alla sua soglia.
Io so che tra tantissimi
l’anima ne scelse uno
per poi sigillare come fossero pietra
le valve della sua attenzione.


 
 
Edouard Manet – Donna che sistema la giarrettiera
 
 
 
 
 
 
 
 
a tutti da Orso Tony
 
 
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I

 
 
Edouard Manet – Al parco


 


 

Annunci

La magia di SETTEMBRE… nelle poesie.. nei dipinti.. nelle canzoni.. negli aforismi e non solo   2 comments




Stavolta parleremo in poesia, arte, aforismi, canzoni e non solo…
del mese che stiamo, da poche ore, vivendo…

 


 

 
 
SETTEMBRE IN POESIA ARTE MUSICA… E…
a cura di Tony Kospan
 
 

 



 
 
E' il mese in cui non sono del tutto svaniti
i colori ed i calori dell'estate
e però vediamo e notiamo nell'aria
nuove e più tenui atmosfere e più fresche temperature.
 
 


 
 
 
E' il mese della vendemmia,
dei funghi, della riapertura delle scuole… etc…
ed è anche il mese in cui è avvenuta, ahimè,
una tragedia che ha sconvolto tutta l'Umanità.

 
 
 

 
 
 
 

Amo Settembre per i suoi colori davvero unici…
soft e avvolgenti… per la sua aria dolce e malinconica,
ma anche tanto romantica…

 

Per questo suo indubbio fascino
questo mese è molto gettonato in poesia…
ma ancor più in musica ed arte…

 
 
 


 

 

Prima di passare alle poesie leggiamo qualche aforisma

che ci parla di lui…

 

 

 

 

Dovrebbe sempre essere settembre
Proverbio


Voglio un settembre rosso come l’amore,
giallo come il sole ancora caldo nel cielo,
arancione come i tramonti accesi al finire del giorno,
porpora come i granelli d’uva da sgranocchiare.
Voglio un settembre da scoprire, vivere, assaggiare.
Stephen Littleword

 

Settembre è il mese perfetto per i matrimoni.
Né caldo né freddo. Né bello né brutto.
Come il matrimonio, appunto.
Luciana Littizzetto

 

Il primo settembre è un pò come il primo dell’anno,
idealmente si ricomincia.
Stephen Littleword

 
 
 

 
 
 
 

Ma veniamo alle poesie prescelte,
e però non vi troverete alcune classicissime…
come “I pastori” di D'annunzio
proprio perché le troverete dappertutto.
 
 
Come sempre sarà bello leggere sul tema
anche poesie vostre, o di altri autori che piacciono a voi,
qui nel blog o nei gruppi virtuali.

 


Antonello Venditti – Settembre

Leonid Afremov

 
 

SETTEMBRE
Vittorio Sereni

Già l’olea fragrante nei giardini
d’amarezza ci punge: il lago un poco
si ritira da noi, scopre una spiaggia
d’aride cose,
di remi infranti, di reti strappate.
E il vento che illumina le vigne
già volge ai giorni fermi queste plaghe
da una dubbiosa brulicante estate.
Nella morte già certa
cammineremo con più coraggio,
andremo a lento guado coi cani
nell’onda che rotola minuta.

 

 

Settembre – P. Gagliardi

Giuseppe Arcimboldo

 
 

DUE MESI SETTEMBRE
Joseph Rudyard Kipling
 
All’alba un mormorio corse tra gli alberi,
una lieve increspatura nella cisterna, e nell’aria
un presagio di prossima frescura – ovunque
una voce profetica nella brezza.
Balzò il sole e indorò tutta quella polvere,
e lottò per disseccare ancor più l’oziosa terra,
impotente come un re invecchiato che guerreggia
per un impero che gli si sgretola in mano.
L’un dopo l’altro caddero i petali del loto,
sotto l’assalto dell’anno ribelle,
ammutinato contro un cielo iracondo;
e, lontano, bisbigliò l’inverno; “E’ bene
che muoia la rovente estate. L’ausilio e’ vicino,
giacché quando l’umano bisogno più stringe, io arrivo.” 

 

 

September Morn – Neil Diamonds
Mary Cassatt



L'ESTATE E' FINITA
Emily Dickinson
 
Sono più miti le mattine
e più scure diventano le noci
e le bacche hanno un viso più rotondo.
La rosa non è più nella città.
L'acero indossa una sciarpa più gaia.
La campagna una gonna scarlatta,
Ed anch'io, per non essere antiquata,
mi metterò un gioiello.
 

lucio battisti- 29 settembre

Edward Cucuel
 
 

RONDINI ADDIO
Giovanni Pascoli
 

Dunque, rondini rondini, addio!
Dunque andate, dunque ci lasciate
per paesi tanto a noi lontani.
E' finita qui la rossa estate.
Appassisce l'orto: i miei gerani
più non han che i becchi di gru.
Oh, se, rondini rondini, anch'io…
Voi cantate forse morti eroi
su quest'alba, dalla vostre altane,
quando ascolto voi parlar tra voi
una vostra lingua di gitane,
una lingua che più non si sa.
Oh, se, rondini rondini, anch'io…
O son forse gli ultimi consigli
ai piccini per il lungo volo.
Rampicati stanno al muro i figli
che alloro nido, con un grido solo,
si rivolgono a dire: si va?
Dunque, rondini rondini, addio!
 

Impressioni di settembre
Raffaello Isola

 

VEDER CADERE LE FOGLIE
N. Hikmet
 

Veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali
Soprattutto se sono ippocastani
soprattutto se passano dei bimbi
soprattutto se il cielo è sereno
soprattutto se ho avuto,quel giorno,
una buona notizia
soprattutto se il cuore,quel giorno,
non mi fa male
soprattutto se credo,quel giorno,
che quella che amo mi ami
soprattutto se quel giorno
mi sento d'accordo
con gli uomini e con me stesso.
Veder cadere le foglie mi lacera dentro
soprattutto le foglie dei viali
dei viali d'ippocastani.
 
 

 

 

FELICE… POETICO… SETTEMBRE A TUTTI
DA TONY KOSPAN
 
 

 
  
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar

LA POESIA E LA CULTURA IN TUTTE LE SUE FORME…
 
 
 
 
 

Alfons Mucha




Con la bella minipoesia.. “L’amore”.. di Emily Dickinson felice notte a tutti   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L'AMORE
 Emily Dickinson
 
 
L'Amore
 
– è anteriore alla Vita
 
– posteriore alla Morte
 
– radice della Creazione,
 
ed esponente della Terra
 
 
 
 
 







 
 
by Tony Kospan

 

 

  


LA TUA PAGINA DI… SOGNO?

Foto animata

Foto animata

.

.

.

.

 
 Charles West Cope La Spina
 
 
 
 
 
 

Con la bella minipoesia “Ho perso un mondo” di Emily Dickinson.. felice notte   Leave a comment

 
 
 

 
 
 
 
 
HO PERSO UN MONDO
Emily Dickinson

Ho perso un mondo, qualche giorno fa!
Qualcuno l'ha trovato?
Lo si può riconoscere dalla corona di stelle
intorno al capo.
Un ricco  potrebbe non notarlo
eppure ai miei modesti occhi
ha più valore dei ducati.
Oh trovatelo – signore – per me!


 


 
 
 
Van Gogh – Notte sul Rodano

 

 

 

 

 

 

 

 

IL GRUPPO DEGLI ARTISTI
E DI CHI AMA L'ARTE

 

 

 

 Josephine Wall

 

 

 

Emily Dickinson – Breve ricordo ed alcune mitiche poesie della più grande poetessa USA dell’ottocento   Leave a comment

 

 

 

 

 

Emily Dickinson, poetessa americana…,

è considerata una tra le più grandi del XIX secolo

ed una grande innovatrice del modo di far poesia.

 

Eppure quand’era in vita

nessuno sapeva nulla delle sue opere…

e pochissimi, oltre ai familiari, della sua esistenza .

 

Conosciamo un po’ lei e la sua storia…

 

 

Emily Elizabeth Dickinson (rara foto)

(Amherst 10 12 1830 – Amherst 15 5 1886)

 

 

 

EMILY DICKINSON LA SUA VITA ED ALCUNE SUE POESIE

 

 

Nata in una famiglia molto in vista

 la sua vita si svolse tutta in un ambiente sì… d’élite…

ma ahimè anche molto severo, chiuso e formale

essendo il padre un notissimo avvocato ed un affermato politico

nel Massachusetts e non solo…

 

 

Emily (la 1° a sin.) ed i suoi fratelli

 

 

Per questo, e per motivi fisici, dall’età di 25 anni in poi

non uscì più dalla casa paterna, tranne alcuni viaggi,

e negli ultimi anni addirittura neanche dalla sua stanza…

se non con… le ali della sua magica poesia…

 

 

La casa paterna in cui visse

 

 

MI SON NASCOSTA

 


Mi son nascosta nel mio fiore,

così che,

quando appassirà dentro il tuo vaso,

per me tu senta,

senza sospettarlo,

quasi una solitudine.

 

 

 

 

 

 

L’amore della sua vita, platonico,

fu quello che ebbe verso il Reverendo Charles Wadsworth,

pastore presbiteriano che aveva conosciuto a Washington

in uno dei suoi rarissimi viaggi…

 

 

 

Reverendo Charles Wadsworth



Fu la sorella, dopo la morte, a trovare i 1775 foglietti

su cui erano scritte le sue poesie ed a pubblicarle…

e quindi è lei che dobbiamo ringraziare…

per averci fatto conoscere tante fantastiche poesie…

 

 Esse  pian piano, grazie all’interesse ed all’entusiasmo dei lettori,

 raggiunsero quel grande successo che non è mai più terminato…





In realtà si stima che ne abbia scritte circa 3500

e sui più diversi supporti, perfino su buste per lettere,

ed abbia utilizzato in modo molto particolare la punteggiatura

per accentuare il senso dei suoi versi

ma i primi tipografi purtroppo la cambiarono “per far pulizia”!


 

 




Ci fu però chi comprese la bellezza

e la genialità delle sue poesie,

il suo amico T. W. Higginson,

ma la distolse dall’idea di pubblicarle

dicendole che non sarebbero state capite dal pubblico…





 

 

 


SE POTRO’ IMPEDIRE

 

Se io potrò impedire

a un cuore di spezzarsi

non avrò vissuto invano

Se allevierò il dolore di una vita,

o guarirò una pena,

o aiuterò un pettirosso caduto

a rientrare nel nido,

non avrò vissuto invano.

 

 

 

Fac simile del suo erbario giovanile

 

 

 

DI COSA PARLANO LE SUE POESIE?

 

La sua poetica si sofferma, in modo geniale e sublime,

principalmente sui temi dell’amore, della morte e della natura…

 

Un suo celebre aforisma:

Che l’amore è tutto, è tutto ciò che sappiamo dell’amore

 

 

 



 

 

Ecco ora in questo bel video

alcune tra le sue più note e mitiche poesie…


N.B. Purtroppo per motivi di copyright

è stata cancellata la base musicale

 

 

 

 

Tony Kospan

 

 

 




VIETATA LA COPIA CON L’OMISSIONE


DEL NOME DELL’AUTORE DEL POST E DEL BLOG

 

 

 

 



LA PAGINA DI FB
DELLA POESIA E DELLA CULTURA








 


Buon lunedì sera in poesia “L’infinito mistero” F. Santucci – arte Manet – canzone “The power of love”   Leave a comment

 

 
 
 
Edouard Manet
 
 
 
 
 
 
Che l'amore è tutto, è tutto ciò
che sappiamo dell'amore.
Emily Dickinson



 
 
Manet dipinge Monet all'opera nella sua barca-studio
 
 

 

 

 

L'INFINITO MISTERO

Francesca Santucci

 

Improvviso, il buio della casa

il sole rischiarò,

il canto dei canarini rallegrò,

rianimò il salto del gatto,

ravvivò i fiori del giardino

le lacrime si tramutarono in sorriso,

il pianto in gioia

e la tristezza diventò quasi allegria:

oh, Amore, l'infinito

 

 

 

Manet – Al parco

  

 

         

 

  


  

   

 

  

 

  

 

Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting
LEGGERLE, SCRIVERLE O PARLARNE…
NEL GRUPPO DI FACEBOOK…




Manet – Prima colazione

 


Felice notte con la bella minipoesia “Le cortesie” di Emily Dickinson   1 comment


 
 
 
 
 
 
 


LE CORTESIE
Emily Dickinson


Le cortesie più piccole

– un fiore o un libro –

piantano sorrisi come semi

che germogliano nel buio.



 


 

 
  (MY WAY)
Vittorio Corcos – Bellezza fiorentina
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
by Tony Kospan
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: