Archivio per l'etichetta ‘Elsa Emilienne Anne Niola

La sana alimentazione davvero allunga la vita? La risposta in questo studio!   Leave a comment


.

.

 
 
 
 
LA SANA ALIMENTAZIONE ALLUNGA DAVVERO LA VITA?
SI’!
 
(ma con i dovuti accorgimenti)

 
 
 
Ecco le regole che garantiscono 
longevità, pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, 
evacuazione regolare e pancia piatta

 
 
 
 
 
 
 
 


Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello 

e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%. 


Lo dice la scienza dell’alimentazione.


 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:





consumare cibi ricchi di fibre


privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati 

“cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti 

bere tanta acqua minerale 

andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti 

inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone 

evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti 

preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati) 

non saltare la prima colazione

fare sempre uno spuntino a metà mattina 

e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra) 

avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena) 

privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne 

scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello) 

evitare cibi in scatola

limitare il consumo di sale 

praticare attività fisica, anche leggera

ritagliarsi spazi per hobby o riposo

passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico 

stare lontani il più possibile dallo stress 

eliminare o ridurre il consumo di alcolici. 




 
 

 

 

 


La nostra dieta mediterranea

unita a una regolare attività fisica

è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.



 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in
cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, 
frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi 
(pasta, riso, e pane, meglio se integrali), 
che riducono anche la pressione sanguigna, 
grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio,
triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 




Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo!


E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali:

stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini.


Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, 

né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio.


Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, 

rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati.


Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio:

molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.


Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, 

che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate.


Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 



 


Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

TESTO DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. –




CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 




 
 
 

Ma… la corretta alimentazione… davvero allunga la vita? La risposta in questo studio!   1 comment


.

.

 
 
 
 
LA SANA ALIMENTAZIONE ALLUGA DAVVERO LA VITA?
SI’!
 
(ma con i dovuti accorgimenti)

 
 
 
Ecco le regole che garantiscono 
longevità, pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, 
evacuazione regolare e pancia piatta

 
 
 
 
 
 
 
 


Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello 

e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%. 


Lo dice la scienza dell’alimentazione.


 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:





consumare cibi ricchi di fibre


privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati 

“cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti 

bere tanta acqua minerale 

andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti 

inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone 

evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti 

preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati) 

non saltare la prima colazione

fare sempre uno spuntino a metà mattina 

e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra) 

avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena) 

privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne 

scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello) 

evitare cibi in scatola

limitare il consumo di sale 

praticare attività fisica, anche leggera

ritagliarsi spazi per hobby o riposo

passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico 

stare lontani il più possibile dallo stress 

eliminare o ridurre il consumo di alcolici. 




 
 

 

 

 


La nostra dieta mediterranea

unita a una regolare attività fisica

è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.



 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in
cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, 
frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi 
(pasta, riso, e pane, meglio se integrali), 
che riducono anche la pressione sanguigna, 
grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio,
triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 




Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo!


E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali:

stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini.


Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, 

né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio.


Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, 

rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati.


Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio:

molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.


Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, 

che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate.


Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 



 


Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

TESTO DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. –




CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 




 
 
 

Ma… la sana alimentazione… davvero allunga la vita? Vediamo cosa dice questo studio   1 comment


.

.

 
 
 
 
LA SANA ALIMETAZIONE ALLUGA DAVVERO LA VITA?
SI’
 
 ma con i dovuti accorgimenti.

 
 
 
Ecco le regole che garantiscono longevità,
pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, evacuazione regolare e pancia piatta

 
 
 
 
 
 
 
 


Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%.

Lo dice la scienza dell’alimentazione.


 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:

consumare cibi ricchi di fibre

privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati

“cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti

bere tanta acqua minerale

andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti

inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone

evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti

preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati)

non saltare la prima colazione

fare sempre uno spuntino a metà mattina e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra)

avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena)

privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne

scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello)

evitare cibi in scatola

limitare il consumo di sale

praticare attività fisica, anche leggera

ritagliarsi spazi per hobby o riposo

passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico

stare lontani il più possibile dallo stress

eliminare o ridurre il consumo di alcolici. 



 
 

 

 

 


La nostra dieta mediterranea, unita a una regolare attività fisica, è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.



 

 

 

 

 

 


L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi (pasta, riso, e pane, meglio se integrali), che riducono anche la pressione sanguigna, grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio, triptofano (precursore della serotonina) e fibre.


 

 

 

 

 



Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo!

E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali: stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini. 


Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio.

Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati.

Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio: molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.


Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate.

Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 

 


Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

TESTO DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. –




CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 



 
 
 

Mangiare in modo salutare… davvero allunga la vita?   Leave a comment

 

 
 
 
 
SI’
 
 ma con i dovuti accorgimenti.
 
 
 
Ecco le regole che garantiscono longevità,
pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, evacuazione regolare e pancia piatta
 
 
 
 
 
 
 
 

Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%.

Lo dice la scienza dell’alimentazione.

 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:

  • consumare cibi ricchi di fibre

  • privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati

  • “cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti

  • bere tanta acqua minerale

  • andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti

  • inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

  • mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone

  • evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti

  • preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati)

  • non saltare la prima colazione

  • fare sempre uno spuntino a metà mattina e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra)

  • avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena)

  • privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne

  • scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello)

  • evitare cibi in scatola

  • limitare il consumo di sale

  • praticare attività fisica, anche leggera

  • ritagliarsi spazi per hobby o riposo

  • passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico

  • stare lontani il più possibile dallo stress

  • eliminare o ridurre il consumo di alcolici. 


 

 

 

 

 

La nostra dieta mediterranea, unita a una regolare attività fisica, è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.

 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi (pasta, riso, e pane, meglio se integrali), che riducono anche la pressione sanguigna, grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio, triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 

 

 

Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo!

E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali: stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini. 


Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio.

Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati.

Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio: molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.


Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate.

Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 

 

Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

TESTO DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. –




CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 


PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I





 
 
 

Ma davvero mangiare in modo salutare… allunga la vita?   Leave a comment

 

 

 
 
 
 
SI’
 
 ma con i dovuti accorgimenti.
 
 
 
Ecco le regole che garantiscono longevità,
pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, evacuazione regolare e pancia piatta
 
 
 
 
 
 
 
 

Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%.

Lo dice la scienza dell’alimentazione.

 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:

  • consumare cibi ricchi di fibre

  • privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati

  • “cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti

  • bere tanta acqua minerale

  • andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti

  • inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

  • mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone

  • evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti

  • preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati)

  • non saltare la prima colazione

  • fare sempre uno spuntino a metà mattina e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra)

  • avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena)

  • privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne

  • scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello)

  • evitare cibi in scatola

  • limitare il consumo di sale

  • praticare attività fisica, anche leggera

  • ritagliarsi spazi per hobby o riposo

  • passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico

  • stare lontani il più possibile dallo stress

  • eliminare o ridurre il consumo di alcolici.

 

 

 

 

 

 

La nostra dieta mediterranea, unita a una regolare attività fisica, è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.

 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi (pasta, riso, e pane, meglio se integrali), che riducono anche la pressione sanguigna, grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio, triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 

 

 

Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo!

E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali: stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini. 


Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio.

Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati.

Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio: molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.


Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate.

Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 

 

Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

TESTO DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. –




CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 


PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 
 

Una sana alimentazione può davvero migliorare ed allungare la vita?   1 comment

 

 

 
 
 
 
SI’
 
 ma con i dovuti accorgimenti.
 
 
 
Ecco le regole che garantiscono longevità,
pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, evacuazione regolare e pancia piatta
 
 
 
 
 
 
 
 

Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%.

Lo dice la scienza dell’alimentazione.

 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:

  • consumare cibi ricchi di fibre

  • privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati

  • “cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti

  • bere tanta acqua minerale

  • andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti

  • inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

  • mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone

  • evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti

  • preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati)

  • non saltare la prima colazione

  • fare sempre uno spuntino a metà mattina e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra)

  • avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena)

  • privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne

  • scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello)

  • evitare cibi in scatola

  • limitare il consumo di sale

  • praticare attività fisica, anche leggera

  • ritagliarsi spazi per hobby o riposo

  • passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico

  • stare lontani il più possibile dallo stress

  • eliminare o ridurre il consumo di alcolici.

 

 

 

 

 

 

La nostra dieta mediterranea, unita a una regolare attività fisica, è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.

 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi (pasta, riso, e pane, meglio se integrali), che riducono anche la pressione sanguigna, grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio, triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 

 

 

Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo!

E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali: stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini. 


Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio.

Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati.

Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio: molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.


Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate.

Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 

 

Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

TESTO DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. –




CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 


PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 
 

L’alimentazione può, e se sì, in che modo migliorare ed allungare la vita?   1 comment

 

 

 

 

L’ALIMENTAZIONE
PUO’ DAVVERO ALLUNGARE
E MIGLIORARE LA VITA?
 
 
 
 
 
 
 
 
SI’
 
 ma con i dovuti accorgimenti.
 
 
 
Ecco le regole che garantiscono longevità,
pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, evacuazione regolare e pancia piatta
 
 
 
 
 
 
 
 

Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%. Lo dice la scienza dell’alimentazione.

 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:

  • consumare cibi ricchi di fibre

  • privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati

  • “cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti

  • bere tanta acqua minerale

  • andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti

  • inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

  • mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone

  • evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti

  • preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati)

  • non saltare la prima colazione

  • fare sempre uno spuntino a metà mattina e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra)

  • avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena)

  • privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne

  • scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello)

  • evitare cibi in scatola

  • limitare il consumo di sale

  • praticare attività fisica, anche leggera

  • ritagliarsi spazi per hobby o riposo

  • passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico

  • stare lontani il più possibile dallo stress

  • eliminare o ridurre il consumo di alcolici.

 

 

 

 

 

 

La nostra dieta mediterranea, unita a una regolare attività fisica, è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.

 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi (pasta, riso, e pane, meglio se integrali), che riducono anche la pressione sanguigna, grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio, triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 

 

 

Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo! E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali: stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini. 

Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio. Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati. Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio: molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.

Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate. Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 

 

Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K. CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 


PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
O
METTILO NEI PREFERITI
 
 
 

ALIMENTAZIONE E LONGEVITA’   1 comment

 

 

 

 

L’ALIMENTAZIONE
PUO’ DAVVERO ALLUNGARE
E MIGLIORARE LA VITA?
 
 
 
 
 
 
 
 
SI’
 
 ma con i dovuti accorgimenti.
 
 
 
Ecco le regole che garantiscono longevità,
pelle liscia, dimagrimento senza rinunce, evacuazione regolare e pancia piatta
 
 
 
 
 
 
 
 

Il consumo di pasti a basso contenuto calorico e ricchi di fibre è in grado di rallentare l’invecchiamento del cuore e del cervello e di prolungare il corso della vita del nostro organismo, anche del 50%. Lo dice la scienza dell’alimentazione.

 

 

 

 

Il miglior metodo è variare, seguendo queste semplici ma fondamentali regole di base:

  • consumare cibi ricchi di fibre

  • privilegiare gli alimenti integrali a quelli raffinati

  • “cambiare” ogni giorno tipo e qualità dei nutrimenti

  • bere tanta acqua minerale

  • andare in bagno regolarmente, aiutandosi se necessario con appositi integratori e non con lassativi o purganti

  • inserire sempre nel menù giornaliero verdura a volontà (cruda e cotta) e frutta di stagione

  • mangiare con calma e lentamente, masticando bene ogni boccone

  • evitare di guardare la televisione mentre si consumano i pasti

  • preferire i grassi di origine vegetale (come l’olio extravergine d’oliva) rispetto a quelli di origine animale (burro, strutto e derivati)

  • non saltare la prima colazione

  • fare sempre uno spuntino a metà mattina e un altro a metà pomeriggio (meglio se accompagnati da una mini porzione di frutta o verdura ricca di fibra)

  • avere, quindi, cinque contatti quotidiani con il cibo (mattina, merenda a metà mattina, pranzo, merenda a metà pomeriggio, cena)

  • privilegiare il consumo di pesce rispetto a quello di carne

  • scegliere, comunque, carne bianca e magra (tacchino, pollo e vitello)

  • evitare cibi in scatola

  • limitare il consumo di sale

  • praticare attività fisica, anche leggera

  • ritagliarsi spazi per hobby o riposo

  • passeggiare spesso nella natura, respirando a pieni polmoni, lontani da smog e traffico

  • stare lontani il più possibile dallo stress

  • eliminare o ridurre il consumo di alcolici.

 

 

 

 

 

 

La nostra dieta mediterranea, unita a una regolare attività fisica, è la soluzione ottimale per mantenersi in forma e in salute.

 

 

 

 

 

 

L’alimentazione deve essere bilanciata e ricca dei nutrienti contenuti in cereali integrali, ortaggi, legumi, pesce, verdura cotta e cruda, frutta, frullati, latticini magri, acqua e carboidrati complessi (pasta, riso, e pane, meglio se integrali), che riducono anche la pressione sanguigna, grazie alla presenza di aminoacidi, magnesio, triptofano (precursore della serotonina) e fibre.

 

 

 

 

 

Basta con le diete improvvisate che possono causare gravi malattie e accelerare l’invecchiamento dell’organismo! E per ottenere i migliori benefici dalla dieta quotidiana dobbiamo inoltre evitare le calorie “vuote”, prive cioè di vitamine e sali minerali: stop dunque ad alcolici, merendine preconfezionate, snack, pizzette, grissini e tramezzini. 

Non serve a nulla mangiare metà hamburger o mezzo pacchetto di patatine fritte, né bere mezza lattina di una delle tante bevande zuccherate in commercio. Meglio preferire cibi naturali e meno processati come verdure, cereali integrali, legumi, pesce, olio extravergine di oliva e frutta, rispetto ai cibi industriali raffinati e particolarmente elaborati. Non facciamoci ingannare dalla pizza al trancio: molto meglio una semplice marinara con sopra verdure alla griglia.

Una dieta ricca di frutta, verdura e cibi integrali fa parte di uno stile di vita sano, che previene l’insorgere o l’aumento della stipsi e le malattie croniche collegate. Mangiare meno e meglio, dunque, favorisce la longevità, aiutandoci ad invecchiare in salute.

 

 

 

Dott.ssa Elsa Emilienne Anne Niola

 

 

 

DAL WEB – IMPAGINAZ. T.K.

CIAO DA TONY KOSPAN

LA TUA PAGINA DI SOGNO DI FACEBOOK?

PSICHEESOGNO1RID.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: