Archivio per l'etichetta ‘EGITTO ANTICO

Un sarcofago egizio intatto e dai colori bellissimi – Vediamo le immagini e conosciamo la storia del ritrovamento   2 comments

 
.
.
 
 
 
 
 


Osserveremo le immagini del rinvenimento
di un sarcofago intatto e con i colori originali!!!

 
 
E’ considerato il sarcofago più bello
tra quelli scoperti fino ad ora.
 
.
.
 
 

 

 


Qualche anno fa è stato scoperto a 60 chilometri dal Cairo
nell’area archeologica di Saqqara.

 
Risalirebbe alla trentesima dinastia e quindi a 2200-2300 anni fa. 








    Mai, negli scavi di Saqqara, si era mai visto un sarcofago in condizioni
    così perfette da essere considerate eccezionali.

     

     


     

     

    Si pensa che si tratti della mummia

    di una persona di alto rango.




      
     
     
     

    In ogni caso è considerato “il più bello” mai trovato lì.  
     
    La mummia dopo i vari accertamenti tecnici è stata portata, 
    su disposizione del famoso archeologo Zahi Hawass, al Museo di Saqqara.


     
     
     
     
     
     
     
     
     – Fonti: Corriere della Sera e Repubblica (con mini modifiche)

    – Impaginazione Orso Tony
     
     


    Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

    PER LE NOVITA’ DEL BLOG
    SE TI PIACE… ISCRIVITI









    Il mitico e favoloso Tesoro di Tutankamon.. vera archeologia di sogno.. in immagini e video   Leave a comment

     
     
     
     
     
     

     


     

     

    Il tesoro, scoperto solo nel 1922 da un archeologo inglese,

    è costituito da oggetti raffinati e di gran pregio, 

    come letti e sedie, dorati, intarsiati e disegnati.

     

     

     

    .

    .

    .

     

     

    Inoltre vi sono monili ed oggettistica d’oro, 

    insieme a mobili, giochi, statue, etc. 

     

     

     

     

     

     

     

    Lo stesso sarcofago, di oltre cento kg, è d’oro

    come anche la famosissima maschera sul volto di Tutankhamon 

    di una bellezza superba.

     

     

     

     
     
     
     
    Ora possiamo ammirar questo tesoro ancor meglio grazie
    a questo video davvero bellissimo per chi ama l’antico Egitto.
     
     
     
     

     
     
     
     
    Qui potremo ammirare non solo reperti archeologici
    ma anche oggetti di immensa bellezza e senza tempo.
     
     
     
     
     
     
     
    Nel video, insieme ad una bella musica, ci sono le immagini classiche,
    che ben conosciamo di Tutankhamon,
    ma anche tante altre del tutto nuove e sorprendenti.
     
     
     
     
     
     
    Il video è fantastico e davvero imperdibile…
    e ci consente di approfondire la conoscenza del tesoro.
     
    Buona visione 
     
     
     

     

     
     
     
     
     
     
     
     
    CIAO DA TONY KOSPAN

     

     
     
     
     
     
     
    IL GRUPPO DI CHI AMA LA STORIA ED I RICORDI

     

     



     



     


     
     

    Questa… in breve sintesi… la plurimillenaria storia letteraria dell’Antico Egitto   Leave a comment



    Nei suoi 3000 anni circa
     la civiltà egizia ha avuto tantissime forme culturali e letterarie…
     
     
    Non potendo approfondire, nello stretto spazio di un post,
    tutta l’enorme mole di documentazione giunta a noi…
    ecco un breve excursus sulla storia letteraria
    di quella grandissima civiltà…
     
     
     
     
     
     


      




    MINI STORIA LETTERARIA DEGLI EGIZI


     


     


    La storia letteraria dei popoli egizi riflette la complessità di uno sviluppo storico caratterizzato da continuità culturali ma anche da cesure, riprese, periodi di ricchezza e vigore e periodi di regresso e decadenza. 
    E’ un processo che ha radici antichissime: gli egizi sono tra i popoli di cui sappiamo di più , per cui riusciamo ad “arrivare” più indietro nel tempo. 
    E anche per la sua posizione geografica è stata una cultura di cui i popoli europei hanno conosciuto nei suoi elementi principale, anche se non sappiamo esattamente quanto ne siano stati influenzati.
     

     


     

     
     
    Sinteticamente, per quanto riguarda i prodotti letterari di questi popoli nelle epoche precedenti le prime testimonianze letterarie conosciute dei popoli europei, si distinguono cinque periodi.
     

     


     
     
     

     

     
     
     

    Al periodo 2778/2250 (-) circa appartengono testi delle piramidi e delle mastaba. I “Testi delle piramidi” sono iscrizioni funerarie: inni, rituali, frasi magiche, testi religiosi scolpite in geroglifico sulle pareti della camera sepolcrale dei sovrani della V dinastia (secolo XXV-) e di re e regine successive. I testi furono scoperti a Saqqarah da *A. Mariette nel 1880-1+ e pubblicati per la prima volta da G. Maspero nel 1894. 
    Si tratta di più di 700 formule. Dovevano servire per aiutare il sovrano a superare gli ostacoli nel suo viaggio verso il cielo per essere assunto tra gli dei.
    I mastaba erano tumuli bassi, con due stele e una camera per le offerte, in cui erano sepolti personaggi illustri e nobili. 
    Vi sono testi che esplicitano quanto è raffigurato sulle pareti, ma anche testi biografici (l’autobiografia di Uni).
    A questo periodo appartengono raccolte sapienziali di detti di saggi: di Imhotep e Hardedef, di Ptahotep, uno attribuito al figlio del faraone Cheope.
     

     
     


     
     
     

     
     

    MERIKARA
     
    Nel 2250/2160 (-) circa, un periodo di crisi caratterizzato da profondi mutamenti sociali. Nelle Ammonizioni di un saggio il principe Ipu con passione rimpiange il passato e descrive incisivamente il presente. 
    Nel Dialogo di un disperato con la sua anima un saggio discute dell’inutilità di restare in vita in un mondo triste e duro.
    Nel Canto dell’arpista le traversie della vita fanno parte delle leggi naturali per cui è inutile rimpiangere il passato e non si deve disperare del presente.
    L’Insegnamento per Merikara presenta il sovrano nelle sue qualità umane e approfondisce il senso del divino. 
    L’Oasita eloquente è la storia di un contadino defraudato da un funzionario che chiede giustizia a un alto dignitario della corte e viene posto nell’ufficio del funzionario che lo aveva defraudato.
     

     


     
     
     

     
     
     

    SCRIBA
     
    Nel 2160/1580 (-) due generi letterari: politico e narrativo. Significativo l’elegante testo ‘profetico’ di Neferty per l’avvento al trono di Amenemhet I fondatore della XII dinastia.
    Kethy è autore dell’Insegnamento di Amenemhet I al figlio Sesostri I imperniato sul concetto amaro che chi fa del bene non raccoglie bene, e della Satira dei mestieri, elogio della carriera di scriba e satira delle altre professioni.
    Testo narrativo è Avventure di Sinuhe, divenuto poi un classico nelle scuole egizie. 
    E’ stato rinvenuto in vari papiri. Dopo la morte misteriosa di Amenemhet I (20001970), Sinuhe fugge, visita i paesi dell’Asia vicina. 
    Si stabilisce nel paese di Retenu (Siria), diventa un ricco capo tribù amato e stimato da tutti, ma diventato vecchio la nostalgia della sua terra e il desiderio di conquistare il favore del nuovo sovrano Sesostri I (figlio e successore di Amenemhet I) lo spingono a tornare in Egitto. 
    Accolto con grandi onori dal faraone, Sinuhe attende serenamente la morte. Il racconto, svolto sotto la forma di un’epigrafe autobiografica in cui Sinuhe parla in prima persona, era considerato presso gli antichi egizi capolavoro della narrativa antica per vivacità descrittiva e eleganza di stile. Simile è il Racconto di un naufrago.
    I Racconti del papiro Westcar sono una raccolta di storie meravigliose del passato, narrate a turno da principi, alla presenza del faraone Cheope.

     
     


     
     
     
     

     
     

    INNO AL SOLE
     
    Nel 1580/1320 (-) il periodo dei faraoni liberatori del delta del Nilo dagli asiatici e conquistatori: Ahmose, Tutmosi I, Tutmosi III, Tutankhamon. 
    Anche in letteratura è un periodo di splendore.
    Alla letteratura di corte appartiene il racconto della concezione divina della regina Hatshepsut, la narrazione dell’impresa di Tutmosi III a Meghiddo.
    Alla produzione religiosa… l’istruzione al sommo sacerdote di Ptahotep, l’Inno al sole, il grande Inno al dio Amon, e il celebre Inno ad Aton dio solare.
    Di carattere morale è l’Insegnamento di Any.
     
     

     
     


     
     
     

     
     


    A partire dal XVI secolo (-) e cioè dalla 18° dinastia, cominciarono a essere deposti nelle tombe, appoggiato al sarcofago oppure meso tra le bende che avvolgevano il morto delle formule magico-funerarie su papiro. 
    Convenzionalmente si dà il nome di “Libro dei morti” a queste iscrizioni, ma gli egizi le chiamavano Libro dell’uscire alla luce. Destinate a assicurare un aldilà senza incertezze, i manoscritti del “libro” furono scritti prima in geroglifico corsivo, poi in ieratico (dalla 21° dinastia), poi in demotico. 
    Ne sono pervenuti in gran numero, per lo più illustrati con vignette, vere e proprie miniature. I temi erano incentrati sul mito di Osiri signore dell’oltretomba, sul giudizio del defunto (psicostasia) e sulla esistenza dopo la morte. 
    L’esemplare più antico del “Libro dei morti” è il Papiro di Torino, di epoca tolemaica. Suddiviso in 165 formule. E’ stato edito da K.R. Lepsius (1842+).  

     
     


     
     
     

     
     


    Nel 1320/950, l’inserimento della borghesia mercantile e artigiana in posti di responsabilità, la diffusione della cultura media con la formazione di un gran numero di funzionari, i maggiori contatti con le culture asiatiche produce nuovi generi letterari e forme espressive. 
    La lingua usata aveva conservato lo stesso tipo di struttura morfologica: ora muta sotto l’influsso del parlato.
    A proposito di questa lingua nuova e di questa nuova letteratura si parla di neoegizio.
    Tra i testi di questo periodo sono Il racconto dei due fratelli e La disputa tra Horo e Seth aspiranti all’eredità del defunto Osiri.
    E una vasta produzione letteraria di carattere amoroso, idillica, sensuale, erotica.

     
     
     
     
     
     
     
     



    testo dal web – impaginazione t.k. 


     
     
     
    CIAO DA TONY KOSPAN









    Accertata la causa della morte e ricostruito il volto del mitico faraone Tutankhamon   Leave a comment



     



    La tecnologia moderna ci consente
    cose davvero impensabili…
    fino a pochi decenni fa.


     
     

     
     
     


    Abbiamo ora la ricostruzione del volto del mitico faraone
    ed anche nuove rivelazioni sulla causa della sua morte:
    una cancrena.

     
     
     
     
      

    IL CAIRO – Un team di esperti francesi, statunitensi ed egiziani è riuscito a ricostruire il volto di Tutankhamon, attraverso una tomografia computerizzata della mummia del faraone vissuto nel XIV secolo a.C..

    Dalla ricostruzione il faraone egiziano appare un uomo giovane, di circa di 19 anni, dalle labbra carnose.
     

     

     

     Il volto del faraone
     
     
     
     
    Gli studi sulle spoglie di Tutankamon erano iniziati a gennaio quando un equipe di scienziati sotto la direzione del segretario generale dell’Amministrazione archeologica del Cairo, Zahi Hawwas, ha estratto dal sarcofago che si trova nella Valle dei Re, la mummia del faraone.

    Una delle riproduzioni mostra un giovane dalla faccia di bambino, dalle guance paffute e dal mento rotondo, con una rassomiglianza con la famosa maschera d’oro dello stesso regnante, rinvenuta nella sua tomba nel 1922 dall’archeologo britannico Howard Carter.








    Gli studiosi hanno realizzato a computer modelli del viso del faraone-ragazzo, basati su circa 1.700 scansioni ad alta risoluzione ricavate dalla tomografia computerizzata della mummia, al fine di rivelare le sembianze dell’antico re al momento della sua morte, circa 3.300 anni fa.

    La forma del viso e del teschio sono notevolmente simili ad un famoso ritratto di Tutankhamon da ragazzo – ha precisato Zahi Hawass – , quando fu mostrato come il dio Sole all’alba, sorgente da un germoglio di loto».



    Il volto del faraone Tutankhamon ricostruito al computer (Ap)




    Le indagini hanno svelato anche che il leggendario re egiziano morì di una cancrena fulminante, dopo essersi rotto una gamba. 

    Dopo esserci consultati con esperti italiani e svizzeri e scienziati egiziani – spiegano gli studiosi che hanno realizzato l’impresa – abbiamo concluso che una frattura alla gamba sinistra del re, procurata il giorno precedente la sua morte, era infettata dalla cancrena e fu la causa del decesso.

    E ancora: La frattura non si verificò durante il processo di mummificazione nè fu il risultato di un danneggiamento della mummia, come sostenuto dall’archeologo britannico Howard Carter, ovvero colui che nel 1922 scoprì il sarcofago del leggendario faraone.

    Gli scienziati non hanno trovato prove che il faraone fosse stato colpito alla testa, nè che fosse stato ucciso, come è stato detto in passato.



     

     


    Testo dal     Impaginaz. e coordinam. T.K. 

    .

    .

    .

    P.S. Non c’è da meravigliarsi del fatto che nella ricostruzione virtuale

    del volto il faraone appaia truccato dato che

    nell’Antico Egitto il trucco era usato anche dagli uomini. (NTK) 


    Ciao da Tony Kospan



     
     
     
     Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

     IL GRUPPO DI CHI AMA I RICORDI E LE ATMOSFERE DI UN TEMPO

     
    .
    .
    .
    .

    ,
    ,
    ,

    La scoperta di un sarcofago egizio intatto e dai colori bellissimi – Le immagini e la storia   Leave a comment

     
    .
    .
     
     
     
     
     


    Osserveremo le immagini del rinvenimento
    di un sarcofago intatto e con i colori originali!!!

     
     
    E’ considerato il sarcofago più bello
    tra quelli scoperti fino ad ora.
     
    .
    .
     
     

     

     


    Qualche anno fa è stato scoperto a 60 chilometri dal Cairo
    nell’area archeologica di Saqqara.

     
    Risalirebbe alla trentesima dinastia e quindi a 2200-2300 anni fa. 








      Mai, negli scavi di Saqqara, si era mai visto un sarcofago in condizioni
      così perfette da essere considerate eccezionali.

       

       


       

       

      Si pensa che si tratti della mummia

      di una persona di alto rango.




        
       
       
       

      In ogni caso è considerato “il più bello” mai trovato lì.  
       
      La mummia dopo i vari accertamenti tecnici è stata portata, 
      su disposizione del famoso archeologo Zahi Hawass, al Museo di Saqqara.


       
       
       
       
       
       
       
       
       – Fonti: Corriere della Sera e Repubblica (con mini modifiche)

      – Impaginazione Orso Tony
       
       


      Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

      PER LE NOVITA’ DEL BLOG
      SE TI PIACE… ISCRIVITI









      Il mitico e favoloso Tesoro di Tutankamon… affascinante archeologia di sogno… in immagini e video   2 comments

       
       
       
       
       
       

       


       

       

      Il tesoro, scoperto solo nel 1922 da un archeologo inglese,

      è costituito da oggetti raffinati e di gran pregio, 

      come letti e sedie, dorati, intarsiati e disegnati.

       

       

       

      .

      .

      .

       

       

      Inoltre vi sono monili ed oggettistica d’oro, 

      insieme a mobili, giochi, statue, etc. 

       

       

       

       

       

       

       

      Lo stesso sarcofago, di oltre cento kg, è d’oro

      come anche la famosissima maschera sul volto di Tutankhamon 

      di una bellezza superba.

       

       

       

       
       
       
       
      Ora possiamo ammirar questo tesoro ancor meglio grazie
      a questo video davvero bellissimo per chi ama l’antico Egitto.
       
       
       
       

       
       
       
       
      Qui potremo ammirare non solo reperti archeologici
      ma anche oggetti di immensa bellezza e senza tempo.
       
       
       
       
       
       
       
      Nel video, insieme ad una bella musica, ci sono le immagini classiche,
      che ben conosciamo di Tutankhamon,
      ma anche tante altre del tutto nuove e sorprendenti.
       
       
       
       
       
       
      Il video è fantastico e davvero imperdibile…
      e ci consente di approfondire la conoscenza del tesoro.
       
      Buona visione 
       
       
       

       

       
       
       
       
       
       
       
       
      CIAO DA TONY KOSPAN

       

       
       
       
       
       
      Flowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PHFlowers tiny PH
      IL GRUPPO DI CHI AMA LA STORIA ED I RICORDI 
       


       



       


       
       

      Stupenda visita virtuale al museo egizio del Cairo per ammirare i tesori dell’Antico Egitto   Leave a comment



      Un'ottima occasione per un tuffo
      nell'affascinante mondo
      dell'Antico Egitto…









      FANTASTICA VISITA VIRTUALE
      AL FAMOSO MUSEO EGIZIO DEL CAIRO









      Chi ama l’Egitto antico e non può andarvi,
      o può andarvi 
      ma teme il complesso clima sociale di questi tempi, 
      o chi c’è già stato ma vuol rivedere
      le incredibili opere
      prodotte da quella millenaria civiltà,
      avrà piacere, penso, 
      di ammirarle o riammirarle grazie a questo video.








      Sono le opere dall’incredibile fascino
      e dall’indiscutibile valore artistico e storico
      custodite nel Museo egizio del Cairo.







      CIAO DA TONY KOSPAN





      STORIA.. RICORDI E ATMOSFERE DI UN TEMPO
       





      .
      .
      .
      .

      Ricostruito il volto ed accertata la causa della morte del mitico faraone Tutankhamon   Leave a comment



       



      La tecnologia moderna ci consente
      cose davvero impensabili…
      fino a pochi decenni fa.


       
       

       
       
       


      Abbiamo ora la ricostruzione del volto del mitico faraone
      ed anche nuove rivelazioni sulla causa della sua morte:
      una cancrena.

       
       
       
       
        


      IL CAIRO – Un team di esperti francesi, statunitensi ed egiziani è riuscito a ricostruire il volto di Tutankhamon, attraverso una tomografia computerizzata della mummia del faraone vissuto nel XIV secolo a.C..

      Dalla ricostruzione il faraone egiziano appare un uomo giovane, di circa di 19 anni, dalle labbra carnose.
       

       

       

       Il volto del faraone
       
       
       
       
      Gli studi sulle spoglie di Tutankamon erano iniziati a gennaio quando un equipe di scienziati sotto la direzione del segretario generale dell’Amministrazione archeologica del Cairo, Zahi Hawwas, ha estratto dal sarcofago che si trova nella Valle dei Re, la mummia del faraone.

      Una delle riproduzioni mostra un giovane dalla faccia di bambino, dalle guance paffute e dal mento rotondo, con una rassomiglianza con la famosa maschera d’oro dello stesso regnante, rinvenuta nella sua tomba nel 1922 dall’archeologo britannico Howard Carter.








      Gli studiosi hanno realizzato a computer modelli del viso del faraone-ragazzo, basati su circa 1.700 scansioni ad alta risoluzione ricavate dalla tomografia computerizzata della mummia, al fine di rivelare le sembianze dell’antico re al momento della sua morte, circa 3.300 anni fa.

      La forma del viso e del teschio sono notevolmente simili ad un famoso ritratto di Tutankhamon da ragazzo – ha precisato Zahi Hawass – , quando fu mostrato come il dio Sole all’alba, sorgente da un germoglio di loto».



      Il volto del faraone Tutankhamon ricostruito al computer (Ap)




      Le indagini hanno svelato anche che il leggendario re egiziano morì di una cancrena fulminante, dopo essersi rotto una gamba. 

      Dopo esserci consultati con esperti italiani e svizzeri e scienziati egiziani – spiegano gli studiosi che hanno realizzato l’impresa – abbiamo concluso che una frattura alla gamba sinistra del re, procurata il giorno precedente la sua morte, era infettata dalla cancrena e fu la causa del decesso.

      E ancora: La frattura non si verificò durante il processo di mummificazione nè fu il risultato di un danneggiamento della mummia, come sostenuto dall’archeologo britannico Howard Carter, ovvero colui che nel 1922 scoprì il sarcofago del leggendario faraone.

      Gli scienziati non hanno trovato prove che il faraone fosse stato colpito alla testa, nè che fosse stato ucciso, come è stato detto in passato.



       

       


      Testo dal     Impaginaz. e coordinam. T.K. 

      .

      .

      .

      P.S. Non c'è da meravigliarsi del fatto che nella ricostruzione virtuale

      del volto il faraone appaia truccato dato che

      nell'Antico Egitto il trucco era usato anche dagli uomini. (NTK) 


      Ciao da Tony Kospan



       
       
       
       Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

       IL GRUPPO DI CHI AMA I RICORDI E LE ATMOSFERE DI UN TEMPO

       
      .
      .
      .
      .

      ,
      ,
      ,

      Scoperto un sarcofago egizio intatto e dai colori bellissimi – Le immagini e la storia   17 comments

       
      .
      .
       
       
       
       
       


      Osserveremo le immagini del rinvenimento
      di un sarcofago intatto e con i colori originali!!!

       
       
      E’ considerato il sarcofago più bello
      tra quelli scoperti fino ad ora.
       
      .
      .
       
       

       

       


      Qualche anno fa è stato scoperto a 60 chilometri dal Cairo
      nell’area archeologica di Saqqara.

       
      Risalirebbe alla trentesima dinastia e quindi a 2200-2300 anni fa. 








      Mai, negli scavi di Saqqara, si era mai visto un sarcofago in condizioni
      così perfette da essere considerate eccezionali.

       

       


       

       

      Si pensa che si tratti della mummia

      di una persona di alto rango.




        
       
       
       

      In ogni caso è considerato “il più bello” mai trovato lì.  
       
      La mummia dopo i vari accertamenti tecnici è stata portata, 
      su disposizione del famoso archeologo Zahi Hawass,  al Museo di Saqqara.


       
       
       
       
       
       
       
       
       – Fonti: Corriere della Sera e Repubblica (con mini modifiche)

      – Impaginazione Orso Tony
       
       


      Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

      PER LE NOVITA' DEL BLOG
      SE TI PIACE… ISCRIVITI









      L’incredibile e favoloso Tesoro di Tutankamon – Il fascino dell’archeologia di sogno in immagini e video   Leave a comment

       
       
       
       
       
       

       


       

       

      Il tesoro, scoperto solo nel 1922 da un archeologo inglese,

      è costituito da oggetti di gran pregio, 

      come letti e sedie, dorati, intarsiati e disegnati.

       

       

       

      .

      .

      .

       

       

      Inoltre vi sono monili ed oggettistica d’oro, 

      mobili, giochi, statue, etc. 

       

       

       

       

       

       

       

      Lo stesso sarcofago, di oltre cento kg, è d’oro

      come anche la famosissima maschera sul volto di Tutankhamon 

      di una bellezza superba.

       

       

       

       
       
       
       
      Ora possiamo ammirar questo tesoro grazie
      a questo video davvero bellissimo  per chi ama l’antico Egitto.
       
       
       
       

       
       
       
       
      Qui potremo ammirare non solo reperti archeologici… 
      ma anche oggetti di immensa bellezza e senza tempo.
       
       
       
       
       
       
       
      Nel video, insieme ad una bella musica, ci sono le immagini classiche,
      che ben conosciamo, di Tutankhamon… 
      ma anche tante altre del tutto nuove e sorprendenti.
       
       
       
       
       
       
      Il video è fantastico e davvero imperdibile…
      e ci consente di approfondire la conoscenza del tesoro.
       
      Buona visione 
       
       
       

       

       
       
       
       
       
       
       
       
      CIAO DA TONY KOSPAN

       

       
       
       
       
       
       
      IL GRUPPO DI CHI AMA LA STORIA ED I RICORDI

       

       



       



       


       
       
      %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: