Archivio per l'etichetta ‘CARNEVALE VIRTUALE

VENITE TUTTI AL PRIMO VEGLIONE DI CARNEVALE… VIRTUALE…   2 comments

 

 
 

 
 
Venghino signori… venghino…
 
 
 

 
 
 
Stasera è proprio qui
la festa di Carnevale…
 
 
Una volta all'anno è lecito far pazzie…
(Semel in anno licet insanire dicevano i latini)
 
 
 

 
 
Chi non esce per veglioni
può venire qui…
 
 
 

 
 
 
Sìììììììììììììììììììììììììììììììì
è qui… proprio quiiiiiiiiiiii…. la festa…
e… con questi chiari di luna…
senza pagar nemmeno un euro…!!!!
 

 

 
 
Ciascuno può indossare una maschera… o un costume…
ovviamente virtuale…
e portar dolcetti… o coriandoli*… o quel che vuole
per divertirci insieme…
 
 
 
 
Tu che maschera indosserai?
 
 
 
 
 
 
Anche se stai per andar al veglione…
prima di uscire… puoi dirci come ti mascheri…
 
 
 
 
 
 
Qui e solo per noi… e tra noi…
frizzi… lazzi e cotillons…
 
 

 

 

cioè musiche gif immagini poesie etc… divertenti

 

 

 

 

C'è posto per tutti, non spingete
qui abbiamo un bel servizio d'ordine come vedete…
 
 
 
 
 
 
Si dia dunque subito inizio alle danze…
e scateniamoci senza problemi
dato che ballando virtualmente non si suda…
e non ci si stanca…
 
 
 
 
 
Non può mancare qualche poesia divertente…
 
 
 
 
 
 
 
DELIRIO N°666
Eleonora Albanese
(da leggere tutte d'un fiato!)
“Le sigarette fan bene alle tette!”.
Ma dove le ho lette io queste parole
le solite sole
per farti fumare e pagare
un pacchetto
per avere più petto
ma io non lo accetto
ah, chi me lo ha detto!
Anche se a letto
vorrei a te piacere
e non farti vedere
un piccolo seno
che poi mi avveleno
se guardi le poppe
lì dentro le coppe
delle altre ragazze
di tutte le razze
che incontri per strada
c'è sempre una “ladra”
che ce le ha più tonde
e che ti confonde
ti prende e ti stende
sul divano di pelle
e le dici “che belle
che sono le tue
non come le sue o quelle del bue”
e affondi la faccia
e muovi le braccia
per toccargliele ancora
ed io Eleonora
ti aspetto da un'ora
lì sotto casa
e come un invasa
continuo a fumare
e voglio pensare
che tu le mie tette
non dovrai più toccare
e vatti a lavare
e non mi scocciare
ma sai che ti dico?
adesso vò al mare
mi tolgo il costume
e lascio vedere
a chi se ne intende
da cosa dipende
che il mio fidanzato
mi ha trascurato
e sono sicura
così mi consolo
tra mille lo trovo
quello che solo
guarda il mio petto
e per lui da domani
ci puoi giurare
smetto felice
sì, di fumare!
 
 
 
 
 
 
 
AH SMETTI SEDIA…
Patrizia Cavalli
 
Ah smetti sedia di esser cosi sedia!
E voi, libri, non siate così libri!
Come le metti stanno, le giacche abbandonate.
Troppa materia, troppa identità.
Tutti padroni della propria forma.
Sono. Sono quel che sono, Solitari.
E io li vedo a uno a uno separati
e ferma anch'io faccio da piazzetta
a questi oggetti fermi, soli, raggelati.
Ci vuole molta ariosa tenerezza,
una fretta pietosa che muova e che confonda
queste forme padrone sempre uguali, perché
non è vero che si torna, non si ritorna
al ventre, si parte solamente,
si diventa singolari.
 
 
 
 
ed una mitica canzone di Rino Gaetano
 

 
 
 
 
 
ANCORA UN ULTIMO…MUSICALE

 
 
 
 
DA TONY KOSPAN
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: