Archivio per l'etichetta ‘BUONGIORNO IN POESIA ARTE E…

ALLA MALINCONIA – H. HESSE – FELICE W. E. IN POESIA… ARTE E…   Leave a comment

 

 
 
 
Guillaume Seignac – Giovane faunessa
 
 

 
cuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreira
 
Non dimenticare mai che l'amore che provo per te è come il vento:
non potrai mai vederlo, ma potrai sempre sentirlo. Ovunque sarai.

Sergio Bambaren
 

cuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreiracuore2e4lqw9.gif cuoreazul picture by indiaguerreira
 
 
 
 
 
 
 

Guillaume Seignac – Psiche alla fontana
 
 

ALLA MALINCONIA
– Hermann Hesse –
 
Fuggendo da te mi sono dato ad amici e vino,
perché dei tuoi occhi oscuri avevo paura,
e nelle braccia dell’amore ed ascoltando il liuto
ti dimenticai, io tuo figlio infedele.
 
Tu però in silenzio mi seguivi,
ed eri nel vino che disperato bevevo,
ed eri nel calore delle mie notti d’amore,
ed eri anche nello scherno, che t’esprimevo.
 
Ora mi rinfreschi le mie membra sfinite
ed accolto hai nel tuo grembo il mio capo,
ora che dai miei viaggi son tornato:
tutto il mio vagare dunque era un cammino verso di te.

 
 
Guillaume Seignac – Confidenza
 
 

71x7371x7371x7371x7371x7371x7371x7371x7371x7371x7371x7371x73
 
a tutti da Orso Tony
 
 
 
 
 

IL NUOVO GRUPPO DI
GOOGLE PLUS
DI POESIA E CULTURA
I N S I E M E
 

FARO’ – K. GIBRAN – FELICE INIZIO DI SETTIMANA IN POESIA… ARTE… E…   2 comments

 
 
 
 
Lucien Levy Dhurmer- Mlle Carlier
 
 
 
 
 
Dove gli occhi van volentieri,
anche il cuore va,
né il piede tarda a seguirli.
Carlo Dossi
 
 
 
 
 
 
 
 
FARO'
Kahlil Gibran
 
Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora
per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro
per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiaggia ascolta
la storia delle onde.

 
 
 

Lucien Levy Dhurmer – Camille Mauclair

 
 
 

 
 
 
 
a tutti… da Orso Tony
 
 
 
 
 

 
 
 

RICORDO IL MAGICO ISTANTE – A. PUSKIN – FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA E…   4 comments

 
 
 
 
Belles peintures de femmes  ( F.B)
François Batet
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coloro che vivono d'amore vivono d'eterno.
Emile Verhaeren
 
 

gg-063.gifgg-063.gifgg-063.gifgg-063.gif
 
 
 

 
Belles peintures de femmes  ( F.B)

François Batet
 
 
 

RICORDO IL MAGICO ISTANTE
Aleksander Puskin
 
 
Ricordo il magico istante:
Davanti m'eri apparsa tu,
Come fuggevole visione,
Genio di limpida beltà.
 
Nei disperati miei tormenti,
Nel chiasso delle vanità,
Tenera udivo la tua voce,
Sognavo i cari lineamenti.
 
Anni trascorsero. Bufere
Gli antichi sogni poi travolsero,
Scordai la tenera tua voce,
I tuoi sublimi lineamenti.
 
E in silenzio passavo i giorni
Recluso nel vuoto grigiore,
Senza più fede e ispirazione,
Senza lacrime, ne' vita e amore.
 
Tornata è l'anima al risveglio:
E ancora mi sei apparsa tu,
Come fuggevole visione,
Genio di limpida beltà.
 
E nell'ebbrezza batte il cuore
E tutto in me risorge già
E' la fede e l'ispirazione
E la vita e lacrime e amore.
 
 
 


Belles peintures de femmes  ( F.B)
François Batet
 
 
 
 
 
 
da Orso Tony
 
 
 
 
 
 
 
 
 

LA TUA PAGINA DI SOGNO IN FB
PSICHE E SOGNO photo psiche5Fe5Fsogno.jpg
 
 
 
 

IL FUTURO – J. CORTAZAR – BUON W. E. IN POESIA… ARTE… E…   1 comment

 
 
 
 Alfred Stevens – Donna elegante
 
 

 
 
 
L'amore è l'elemento in cui viviamo.
Senza di esso vegetiamo solo.
L. Byron
 
      
 
 
 

 
Alfred Stevens – Parigina giapponese

 
 
IL FUTURO
J. Cortazar
 
E so molto bene che non ci sarai.
Non ci sarai nella strada,
non nel mormorio che sgorga di notte
dai pali che la illuminano,
neppure nel gesto di scegliere il menù,
o nel sorriso che lenisce
l'intrico delle sotterranee,
nei libri prestati
e nell'arrivederci a domani.
Nei miei sogni non ci sarai,
nel destino originale delle parole,
nè ci sarai in un numero di telefono
o nel colore di un paio di guanti,
di una blusa.
Mi infurierò, amor mio,
e non sarà per te,
e non per te comprerò dolci,
all'angolo della strada mi fermerò,
a quell'angolo a cui non svolterai,
e dirò le parole che si dicono
e mangerò le cose che si mangiano
e sognerò i sogni che si sognano
e so molto bene che non ci sarai,
nè qui dentro,
il carcere dove ancora ti detengo,
nè la fuori,
in quel fiume di strade e di ponti.
Non ci sarai per niente,
non sarai neppure un ricordo,
e quando ti penserò,
penserò un pensiero
che oscuramente
cerca di ricordarsi di te.
 
 

Richard Emil Miller – La modista

 

 

            

 

 

 

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket

 
da Tony Kospan
 
 

 
 
 

ARTE MUSICA POESIA ETC…
NEL GRUPPO DI FB
AMICI DI PSICHE E SOGNO
 
 

IL VOLTO DELL’AMORE – PREVERT – FELICE INIZIO DI SETTIMANA IN POESIA… ARTE… E…   Leave a comment

 
 
 
Louis Ritman – Mimì a colazione (1913)
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
divisore 
 
 
 
Quando la felicità ci viene incontro
non è mai vestita come pensavamo.
Spesso ci passa accanto silenziosa
e non sappiamo riconoscerla.
~ Romano Battaglia~
 
 

divisore

 

 

yoldiabd.gif

 
 
 
IL VOLTO DELL’AMORE
Jacques Prévert
 
Il tenero e rischioso
volto dell’amore
m’è apparso la sera
di un giorno troppo lungo
Forse era un arciere
con l’arco
o forse un musicista
con l’arpa
io non so più
Io non so nulla
Tutto quel che so
è che m’ha ferita
forse con una freccia
forse con un canto
Tutto quel che so
è che m’ha ferita
e ferita al cuore
scottante oh scottante
ferita dell’amore.
 
 
 
William McGregor Paxton –  L'ora del tè (1909)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

a tutti… da
Orso Tony

winnie the pooh 82

 

 

 

Free Image Hosting

ARTE MUSICA POESIA ETC…
NEL GRUPPO DI FB
AMICI DI PSICHE E SOGNO

 

 

 

SECONDO RICORDO – R. ALBERTI – FELICE DOMENICA IN POESIA… ARTE… E…   Leave a comment

 

 

Francois Martin-Kavel

 

 

 

 

 

Che mi cerchino domani.
Oggi ho appuntamento con le rondini.
J. C. Andrade

 
 
 
Nota
art-and-dream:

Artist painted French  François Martin Kavel wonderful
Francois Martin-Kavel
 
 
 
SECONDO RICORDO
– Rafael Alberti –
 
Anche prima,
molto prima della rivolta delle ombre,
e che nel mondo cadessero piume incendiate
e un uccello potesse essere ucciso da un giglio.
Prima,
prima che tu mi domandassi
il numero e il sito del mio corpo.
Assai prima del corpo.
Nell’epoca dell’anima.
Quando tu apristi nella fronte non coronata, del cielo,
la prima dinastia del sogno.
Allorché,
contemplandomi nel nulla,
inventasti la prima parola.
Allora,
il nostro incontro.
 
 
 
Francois Martin-Kavel
 
 
 
 
 
 
 
 

 
a tutti…
e che possiamo vivere insieme…
anche se solo virtualmente…
 Orso Tony
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar

IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
(IN SENSO LATO)
I N S I E M E
Ripped Note

 

COSA AVVENNE? – J. DONNE – BUON W. E. IN POESIA… ARTE… E…   3 comments

 
 
 
 
Emile Vernon – Giovane donna con rose e fiori

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

Vivere in poesia, non vuol dire rinunciar a qualcosa,

ma tenersi sul confine tra l'apparente ed il reale,

sapendo che non si potrà mai conciliarli o delimitarli.

Andrée Chedid (Trad.T.K.)

 

70x8270x8270x8270x8270x8270x8270x82

 

 

Emile Vernon – Giovane donna con cucciolo birichino

 

 

COS'AVVENNE?
John Donne
 
 
Cos'avvenne del mio cuore quando
la prima volta ti vidi?
Portavo un cuore entrando nella stanza,
ma uscendo più non l'avevo…
L'amore, ahimé,
al primo soffio l'aveva infranto come vetro.
Così come gli specchi infranti
mostrano centinaia di piccoli volti,
così i frammenti del mio cuore
possono scegliere, desiderare, adorare,
ma dopo un tale amore
non posso più amare.
 
 
 
 
 
 
Emile Vernon – Estate in campagna
 
 
 
 
 

 
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

 

 

 

a tutti

da Tony Kospan

 
 
 
 
 

 

IL NUOVO GRUPPO DI
GOOGLE PLUS
DI POESIA E CULTURA
I N S I E M E
 
 

E’ IL LAVORO OGGI L’AURORA – S. ALERAMO – BUON 1° MAGGIO IN POESIA… ARTE… E…   Leave a comment


 

 

Mario De Micheli – Il lavoro nell'arte
 
 
 
 
Oggi non possiamo non dedicare
il nostro classico buongiorno
alla
 FESTA DEL LAVORO…
 
 
 
E questo anche se viviamo momenti molto
difficili in cui di lavoro ce n'è poco e… pure precario

 
 
 
 

 
 
 
 

Lavoro così importante, così necessario

per vivere,
ma talvolta così doloroso da farci
morire…
 
 
 

 

 

Il lavoro, il merito e l'esperienza

debbono essere sempre ricompensate.

J.P. Raffarin

 


 


 

 

Sironi – Fabbriche
 
 
 
 
E' IL LAVORO OGGI L'AURORA
Sibilla Aleramo
 

Entro il mio cuore
la tortura, oh tutta la tortura
dal mondo patita
geme ch'io in parole le redima,
e io perdutamente balbetto,
il mio cuore ancora in sè sente
le infinite morti
da uomini inferte a uomini,
gli anni trascorrono
e sempre nel ricordo l'orrore
e sempre l'insostenibile vergogna
e sempre in me il gemito,
vano gemito anzichè parole,
e il terrore che anche il più grande canto
vano pur esso sarebbe,
chi mai l'ascolterebbe
se nuovamente domani sul mondo
la tortura infierisse
infanzia e vecchiaia insiem cancellando
e tutte le speranze?
Speranza aurora!
Chi ancora guarda l'aurora?
Mio cuore, ma tu lo sai!
e non è per essa che ancor batti?
Tanti e tanti e tanti,
vicino a te e lontano
ogni dì s'alzano e non armi impugnano,
o forse armi sono,
martelli, vanghe, libri,
e vanno con questi lor vivi arnesi,
la terra è tutta un cantiere,
ogni dì è lavoro,
quanto lavoro su la terra intera,
da secoli da millenni,
curvo era sino a ieri
ma ora di sè è fiero
s'anche duramente ancor soffre e lotta,
ben saldo nel voler mai più
guerre nè torture,
nel volere il mondo
trasformato in fraterno giardino,
oh mio cuore, più non devi gemere,
abbi fede, tu vedi,
è il lavoro oggi l'aurora!
 
 

Maggie’s Farm–Bob Dylan

 

 

a tutti

da Tony Kospan
 
 
 

QUANDO L’AMORE VI CHIAMA – GIBRAN – BUON INIZIO DI SETTIMANA IN POESIA… ARTE… E…   3 comments

 
 
 
 
 

 
 
 
Francois Martin-Kavel – Ritratto di signora

 

 

 

 

          

 
 
 
 
Colorido  ...  amitié
 
 
 
    
 
 
 
 Le cose migliori della vita
o sono illegali o sono immorali o… ingrassano.
O. Wilde
 

 

 

 

Francois Martin-Kavel – Bellezza con nastro rosso sul cappello

 
 
 
QUANDO L’AMORE VI CHIAMA, SEGUITELO
Kahlil Gibran
 
 
  Quando l’amore vi chiama, seguitelo.
Anche se le sue vie sono dure e scoscese.
e quando le sue ali vi avvolgeranno, affidatevi a lui.
Anche se la sua lama, nascosta tra le piume vi può ferire.
E quando vi parla, abbiate fede in lui.
Anche se la sua voce può distruggere i vostri sogni
 come il vento del nord devasta il giardino.
Poiché l’amore come vi incorona così vi crocefigge.
 E come vi fa fiorire così vi reciderà .
 
  
 
 
 
 
 
 
 
 
Francois Martin-Kavel – Rosa d'estate
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
A TUTTI
DA ORSO TONY
 
 
 
 
 
IL NUOVO GRUPPO DI
GOOGLE PLUS
DI POESIA E CULTURA
I N S I E M E
*

 
 

AMORE DOPO AMORE – D. WALCOTT – FELICE DOMENICA IN POESIA ARTE AFORISMA E…   8 comments

 

 

 

 

Ron Hicks – L'abbraccio

 

 

 

 
 
Che l’amore è tutto,
è tutto ciò che sappiamo dell’amore
(Emily Dickinson)
 
 
 

 

 

Ron Hicks – Passione

 
 
 

AMORE DOPO AMORE

Derek Walcott


” Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell'altro,
e dirà: siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato
per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un altro e che ti sa a memoria.
Dallo scaffale tira giù le lettere d'amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. E' festa: la tua vita è in tavola “
 
 
 

Ron Hicks – True Blue

 
 
 
 
 
 
 

 
da Orso Tony
 
 
 
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: