Archivio per l'etichetta ‘Ballando con una sconosciuta

Buona serata in poesia “Mi piaci quando taci” Neruda – arte De Chirico – canzone “Ballando con una sconosciuta””   1 comment

.
 
 
De Chirico – Ritratto di Isa con Minerva (part.) – 1933
 
 
.
.
 
 
 
.
 
 
 
Quando io ti amo e tu mi ami,
siamo l’uno come lo specchio dell’altro, 
e riflettendoci l’uno nello specchio dell’altro,
vediamo l’infinito. 
~ Leo Buscaglia ~
 
 
 
 
 

Giorgio de Chirico – Bagnanti
 
 
 

MI PIACI QUANDO TACI
Pablo Neruda
 
Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.
Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell’anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.
Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.
Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.
Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.

 
 
 
Giorgio de Chirico – Cavalli in riva al mare
 
 
 
 
 
 
 
da Orso Tony
 
 
 
 
 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
frebiapouce.gif
Ripped Note



 
 
 

Giorgio de Chirico – Piazza Italia




 
 

Buona serata in poesia “Mi piaci quando taci” Neruda – arte De Chirico – canzone “Ballando con una sconosciuta”   Leave a comment

.
 
 
De Chirico – Ritratto di Isa con Minerva (part.) – 1933
 
 
.
.
 
 
 
.
 
 
 
Quando io ti amo e tu mi ami,
siamo l’uno come lo specchio dell’altro, 
e riflettendoci l’uno nello specchio dell’altro,
vediamo l’infinito. 
~ Leo Buscaglia ~
 
 
 
 
 

Giorgio de Chirico – Bagnanti
 
 
 

MI PIACI QUANDO TACI
Pablo Neruda
 
Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.
Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell’anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.
Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.
Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.
Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.

 
 
 
Giorgio de Chirico – Cavalli in riva al mare
 
 
 
 
 
 
 
da Orso Tony
 
 
 
 
 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L’ARTE
I N S I E M E
frebiapouce.gif
Ripped Note



 
 
 

Giorgio de Chirico – Piazza Italia




 
 

Buon martedì sera in poesia “Mi piaci quando taci” Neruda – arte De Chirico – canzone “Ballando con una sconosciuta”   1 comment

.
 
 
Giorgio de Chirico – Piazza Italia
 
 
.
.
 
 
 
.
 
 
 
Quando io ti amo e tu mi ami,
siamo l'uno come lo specchio dell'altro,
e riflettendoci l'uno nello specchio dell'altro,
vediamo l'infinito.
~ Leo Buscaglia ~
 
 
 
 
 

Giorgio de Chirico – Bagnanti
 
 
 

MI PIACI QUANDO TACI
Pablo Neruda
 
Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti da lungi e la mia voce non ti tocca.
Sembra che gli occhi ti sian volati via
e che un bacio ti abbia chiuso la bocca.
Poiché tutte le cose son piene della mia anima
emergi dalle cose, piene dell’anima mia.
Farfalla di sogno, rassomigli alla mia anima,
e rassomigli alla parola malinconia.
Mi piaci quando taci e sei come distante.
E stai come lamentandoti, farfalla turbante.
E mi ascolti da lungi, e la mia voce non ti raggiunge:
lascia che io taccia col tuo silenzio.
Lascia che ti parli pure col tuo silenzio
chiaro come una lampada, semplice come un anello.
Sei come la notte, silenziosa e costellata.
Il tuo silenzio è di stella, così lontano e semplice.
Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così.

 
 
 
Giorgio de Chirico – Cavalli in riva al mare
 
 
 
 
 
 
 
da Orso Tony
 
 
 
 
 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E
Ripped Note



 
 
 
De Chirico – Ritratto di Isa con Minerva (part.) – 1933


 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: