Archivio per l'etichetta ‘1992

Giovanni Falcone – Uomo vero e giudice martire ma vero eroe della.. normalità del dovere   Leave a comment



 
 
 
 
 

Il 23 maggio del 1992 la Strage di Capaci
colpì il giudice, che era il simbolo della lotta alla Mafia,
insieme a sua moglie ed agli uomini della sua scorta.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ancora oggi non tutto è chiarissimo.
 
 
Ci sono zone d’ombra che non si riescono ad illuminare,
ma quel che è certo è che un giudice in prima linea
nella lotta alla criminalità organizzata
era il bersaglio che doveva essere eliminato
ad ogni costo.

 
 
 
 
 
 
Il giudice Falcone
 
 
 
 

Desidero ricordarlo
insieme a tutti coloro che con lui condivisero
giorni, affetti, ideali ed ahimè la fine
come la moglie e gli uomini della scorta.

 
 

Falcone con Borsellino.. collega ed amico anche lui vittima di strage poco dopo 

 



Desidero farlo con 3 sue citazioni ed un video…
perché in un momento in cui ancora imperano…
 velinismo e prostituzione intellettuale…
e si vedono insensati attacchi alla magistratura…
il suo esempio,  le sue parole ed il suo sacrificio
non siano dimenticati.

  
 



Palermo 18.5.1939 – Palermo 23.5.1992
 
 
 
 
 
Questi suoi brevi ma significativi pensieri
ci mostrano la grande statura dell’uomo e del magistrato.
 






 arte Logoarte Logoarte Logoarte Logo


Il coraggioso muore una volta,
il codardo cento volte al giorno.
Gli uomini passano, le idee restano.
Restano le loro tensioni morali
e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.

La mafia non è affatto invincibile.
è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio,
e avrà anche una fine.
Piuttosto bisogna rendersi conto
che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave
e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini,
ma impegnando in questa battaglia
 tutte le forze migliori delle istituzioni.

arte Logoarte Logoarte Logoarte Logo

 
 
 
 
 

VIDEO OMAGGIO DEDICATO A FALCONE
 
 
 
 
 
Non possiamo non ringraziare Falcone,
la moglie, anche lei magistrato, la loro scorta  
e tutte le altre vittime della mafia…
per il loro immenso sacrificio in nome
della legalità, dell’onestà… e della vera libertà
che non può mai esser disgiunta dal diritto.



indaco zen19

Beata la nazione che non ha bisogni di eroi…
Brecht

indaco zen19



Purtroppo non è il caso dell’Italia
anche se lui è stato un eroe “normale”
in quanto voleva fare solo il suo dovere
nel miglior modo possibile
e questo da noi, ahimè, è spesso
una cosa… straordinaria… e perfino pericolosa.
 
 
 
 
Tony Kospan








Mare mare di Luca Carboni… La canzone e l’atmosfera dell’estate 1992   2 comments

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

LE CANZONI DELLE NOSTRE ESTATI
by Tony Kospan

 
 
 
 
 

       

 
 
 
 
 
 
 
MARE MARE
 
 
 
 
 
 
 
Eccoci stavolta con
MARE MARE…
di Luca Carboni
 
 
 

 
 
 
autentico inno dell'estate 1992…
anche se canzone certamente atipica…
ma anche vincitrice del Festivalbar.
 
 
 

 
 
 
Il 1992 è ahimé l'anno delle stragi di mafia che
colpirono Falcone, Borsellino e le loro scorte…
 
 
 

 

 

dell'elezione di Bill Clinton

 

 

 
 
 
e dell'arresto di Mario Chiesa
che diede inizio alla vicenda di MANI PULITE…
che cambiò l'Italia…
comunque la si voglia vedere…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ma veniamo alla canzone
il cui titola ci riporta immediatamente
all'estate alle vacanze etc…
 
 
 
 
 
 
 
Ne leggeremo prima il testo
ammirandone l'originalità…
secondo il consueto stile di Luca Carboni
 
 
 
 
 
 
 

 
 
MARE MARE
 
Ho comprato anche la moto
usata ma tenuta bene
ho fatto il pieno e in autostrada
prendo l'aria sulla faccia.
Olè tengo il ritmo prendo un caffè
lo so questa notte ti troverò
Son partito da bologna
con le luci della sera
ma forse tu mi stai aspettando
mentre io attraverso il mondo.
Olè questa notte mi porta via
alè questa vita mi porta via
Mi porta al mare…
Mare mare mare ma che voglia di arrivare lì da te da te
sto accelerando e adesso ormai ti prendo
Mare mare mare sai che ognuno ch'ha il suo mare dentro al cuore si
e che ogni tanto gli fa sentire l'onda
Mare mare mare ma sai che ognuno c'ha i suoi sogni da inseguire si
per stare a galla e non affondare no
Ma son finito quì sul molo
a parlare all'infinito
le ragazze che sghignazzano
e mi fan sentire solo si ma …
Cosa son venuto a fare
ho già un sonno da morire
Va beh cameriere un altro caffè
per piacere alà?
tengo il ritmo e ballo con me
Mare mare mare cosa son venuto a fare se non ci sei tu
no non voglio restarci più no no no
Mare mare mare ma cosa son venuto a fare se non ci sei tu
no non voglio restarci più no no no no
Mare mare mare avevo voglia di abbracciare tutte quante voi
ragazze belle del mare mare mare
Mare mare mare poi lo so che torno sempre a naufragare qui
Mare mare mare poi lo so che torno sempre a naufragare qui

 

 

 

 

 

 

e poi ascoltandola in questo bel video…
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic
 
 
 
 
Ciaooooooooooo a tutti
da Orso Tony
 
 
 

 

 

 

 

ARTE MUSICA POESIA ETC
NEL GRUPPO DI FB
 
 
 
 

MARE MARE – 1992 – ATIPICA CANZONE MA VERO INNO DI QUELL’ESTATE   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

LE CANZONI DELLE NOSTRE ESTATI
by Tony Kospan

 
 
 
 
 

       

 
 
 
 
 
 
 
MARE MARE
 
 
 
 
 
 
 
Eccoci stavolta con
MARE MARE…
di Luca Carboni
 
 
 

 
 
 
autentico inno dell'estate 1992…
anche se canzone certamente atipica…
ma anche vincitrice del Festivalbar.
 
 
 

 
 
 
Il 1992 è ahimé l'anno delle stragi di mafia che
colpirono Falcone, Borsellino e le loro scorte…
 
 
 

 

 

dell'elezione di Bill Clinton

 

 

 
 
 
e dell'arresto di Mario Chiesa
che diede inizio alla vicenda di MANI PULITE…
che cambiò l'Italia…
comunque la si voglia vedere…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ma veniamo alla canzone
il cui titola ci riporta immediatamente
all'estate alle vacanze etc…
 
 
 
 
 
 
 
Ne leggeremo prima il testo
ammirandone l'originalità…
secondo il consueto stile di Luca Carboni
 
 
 
 
 
 
 

 
 
MARE MARE
 
Ho comprato anche la moto
usata ma tenuta bene
ho fatto il pieno e in autostrada
prendo l'aria sulla faccia.
Olè tengo il ritmo prendo un caffè
lo so questa notte ti troverò
Son partito da bologna
con le luci della sera
ma forse tu mi stai aspettando
mentre io attraverso il mondo.
Olè questa notte mi porta via
alè questa vita mi porta via
Mi porta al mare…
Mare mare mare ma che voglia di arrivare lì da te da te
sto accelerando e adesso ormai ti prendo
Mare mare mare sai che ognuno ch'ha il suo mare dentro al cuore si
e che ogni tanto gli fa sentire l'onda
Mare mare mare ma sai che ognuno c'ha i suoi sogni da inseguire si
per stare a galla e non affondare no
Ma son finito quì sul molo
a parlare all'infinito
le ragazze che sghignazzano
e mi fan sentire solo si ma …
Cosa son venuto a fare
ho già un sonno da morire
Va beh cameriere un altro caffè
per piacere alà?
tengo il ritmo e ballo con me
Mare mare mare cosa son venuto a fare se non ci sei tu
no non voglio restarci più no no no
Mare mare mare ma cosa son venuto a fare se non ci sei tu
no non voglio restarci più no no no no
Mare mare mare avevo voglia di abbracciare tutte quante voi
ragazze belle del mare mare mare
Mare mare mare poi lo so che torno sempre a naufragare qui
Mare mare mare poi lo so che torno sempre a naufragare qui

 

 

 

 

 

 

e poi ascoltandola in questo bel video…
 
 
 
 

 

 
 
 
 
 
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic Image and video hosting by TinyPic
 
 
 
 
Ciaooooooooooo a tutti
da Orso Tony
 
 
 

 

 

 

 

ARTE MUSICA POESIA ETC
NEL GRUPPO DI FB
 
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: