Archivio per la categoria ‘MUSICA ITALIANA E CANZONI DELL’ESTATE

MANGO – Breve ricordo del cantante dalle calde ed originali vocalità anche con i suoi successi.. “Mediterraneo” e “Oro”   Leave a comment



Con la sua voce inimitabile
stava cantando “Oro”, una delle sue canzoni più belle,
quando il 7 dicembre 2014 fu colpito da infarto
 nel corso di un concerto a Policoro (Matera).

Fece in tempo a chiedere scusa al pubblico
e poi si accasciò.

Fans, colleghi cantanti e musicisti
inondarono il web con una marea di messaggi
con cui esprimevano il loro dolore ed i loro ricordi.



Giuseppe Mango ( Lagonegro 6.11.1954 – Policoro 7.12.2014)



E' stato un personaggio che ci ha accompagnato per molti anni 
con le sue indimenticabili canzoni, assolutamente inconfondibili
grazie ad una sonorità vocale unica ed emozionante.

E’ stato il cantante di “Bella d’estate” scritta con Dalla,
“Mediterraneo”, “Oro”, “Lei verrà” ed altri successi.







Aveva appena compiuto i 60 anni il 6 novembre precedente
ed era su quel palco per un concerto di beneficenza.

L’artista lucano era notoriamente una persona molto corretta,
generosa ed amava la sua terra, la musica e la sua famiglia.






Pur non essendo mai diventato un vero e proprio divo,
anche forse per il suo carattere riservato,
era comunque molto apprezzato negli ambienti musicali
e soprattutto molto amato da un grande numero di ammiratori.

Ma non era solo un cantante
perché ha anche scritto diverse note canzoni
per artisti come.. Mia Martini, Patty Pravo, Bocelli,
Loretta Goggi, Loredana Berté ed altri.





Qui con la moglie Laura Valente al Festival di Sanremo 2007



Il suo stile musicale era davvero particolare…
in quanto era un mix  di pop, rock, soul e world music.

Ricordiamolo ora rivedendolo e riascoltandolo
in questi bei video… dedicati a 2 suoi successi.

.
.


   Mediterraneo




Mango starà ora certamente continuando a cantare tra le stelle
con la tua fantastica voce ed il suo stile inimitabile.


   “Oro”


Tony Kospan





LA TUA PAGINA DI… SOGNO

PER COLORARE LE TUE ORE?

Foto:









Annunci

Breve ricordo di Mino Reitano… un mito della canzone popolare italiana… anche con 2 suoi successi   Leave a comment

 

Un cantante amatissimo dalla gente semplice
e che possiamo definire “nazionalpopolare
sia per il suo modo semplice di porsi 
 che per i temi delle sue canzoni.






Mino Reitano.. il «ragazzo» di Calabria



San Pietro di Fiumara 7.12.1944 – Agrate Brianza 27.1.2009



Sfondò con «Avevo un cuore»

In Germania ebbe modo di conoscere

quelli che sarebbero diventati i mitici Beatles





 


MILANO — E' stato il rappresentante più clamoroso del così detto bel canto all'italiana, quello «alla Claudio Villa».
Il suo spiegamento di voce era generoso come il suo carattere, che lo aveva portato a distribuire i guadagni ottenuti fra schiere di parenti.
Era nato a Fiumara, non lontano da Reggio Calabria, il 7 dicembre 1944.
Di famiglia povera, studiò per 8 anni al conservatorio di Reggio.
Trasferitosi giovanissimo in Germania, mosse i primi passi della carriera musicale assieme ai suoi fratelli (la band si chiamava proprio così: i Fratelli Reitano) dandosi al rock and roll.
Ad Amburgo ebbe luogo uno degli episodi più incredibili della sua vita: si esibì in un club assieme ai Quarrymen, che altri non erano che i Beatles ai loro esordi ed ebbe una buona amicizia coi Fab Four.









Nel 1966 partecipò al Festival di Castrocaro, per poi debuttare nel 1967 a Sanremo con una canzone scritta da Mogol e Lucio Battisti «Non prego per me».
Ma per avere il Reitano che commuove gli amanti della musica popolare italiana bisogna aspettare il 1968, quando esplodono due canzoni che diventano dei classici: «Avevo un cuore (che ti amava tanto)» e «Una chitarra cento illusioni».
Grazie al successo di questi brani acquistò un terreno ad Agrate Brianza dove costruì una sorta di ranch in cui portò fratelli, cognati e nipoti, allestendo anche una sala di registrazione.
Nel 1971 vinse “Un disco per l'estate” con «Era il tempo delle more».










Sono gli anni di ottimi piazzamenti e riconoscimenti (Cantagiro, Festivalbar, dischi d'oro, tournée).
Scrive brani per grandi interpreti della musica italiana come Mina o Ornella Vanoni.
Per otto anni è a Canzonissima, guadagnandosi sempre la finale e classificandosi tra i primi.
Le giovani generazioni e i critici, mentre avanza la canzone d'autore e il rock, lo considerano una sorta di reperto archeologico.
In parecchi hanno ironizzano sulla laurea honoris causa assegnatagli dalla Loyola University.
Ma lui è un buono, uno che porge l'altra guancia:
«Non ce l'ho con chi mi critica. Grazie a molti detrattori credo di essere migliorato. E quando appaio in tv l'ascolto non scende, anzi… ».









Nel 1988 si ripresenta a Sanremo con «Italia» che arriva al sesto posto.
La sua enfasi, ma anche la sua bontà sembrano in netto contrasto con un mondo della canzone sempre più aggressivo.
Nel 2007 scopre di avere una grave malattia, ma fino all'ultimo vuole apparire in tv.
Portando nel programma di Magalli la testimonianza della malattia che lo stava uccidendo e non disdegnando nemmeno di fare dell'autoironia nel programma di Chiambretti.
Mino Reitano è morto a 64 anni ad Agrate Brianza, dove viveva, dopo una lunga e dolorosa malattia.

Mario Luzzatto Fegiz





Aggiungo 2 parole a quelle del noto esperto musicale.

Mino è stato uno di quegli artisti  che con le sue canzoni, la maggior parte di successo, e per il suo stile popolare, ci ha accompagnati nel corso della vita (ovviamente ciò vale per coloro che hanno qualche anno in più).

Di lui ho sempre apprezzato la serietà professionale, la grande passione, la correttezza e la gentilezza verso tutti.

Alcune sue canzoni hanno un importante posto nel patrimonio musicale italiano.

.

.

.


Chiudo questo breve ricordo con questa sua nota canzone che sembra quasi parlarci del suo cuore…


.

.





Testo di Mario Luzzatto Fegiz scritto in occasione della morte di Mino ed adattato ora per l'anniversario.



Orso Tony








Breve ricordo di Nicola Arigliano.. cantante.. jazzista e non solo.. anche con un suo grande successo   Leave a comment

.
.
.

.


.


.

Oggi è l'anniversario della nascita di Nicola Arigliano
un cantante che ci ha accompagnati per lunghi anni
dagli anni '50 in poi…
.
Col suo modo di cantare, anche se un po' particolare,
è stato accanto noi in tv, al cinema e.. nella pubblicità
avendo sempre sullo sfondo però
il grande amore della sua vita…il
jazz.
.

.


.

Nicola Arigliano (Squinzano 6 12 1923 – Calimera 30 3 2010)

.
.
.
Nato in provincia di Lecce da giovanissimo inizia a cantare..
ed a suonare il sax ed il contrabbasso… a Milano…
dove era andato in cerca di fortuna.
.
Viene notato dal critico musicale Marshall Brown
che gli consiglia d'andare al Festival di Newport.
.
Da quel momento inizia la sua vera carriera,
a Roma dove s'era intanto trasferito,
di artista a tutto tondo ed intrattenitore di piano bar.

.


.
.

.


.
.

Sono del 1956 le sue prime incisioni…
ma il primo vero successo fu “Simpatica“.
.
Grazie ad esso
partecipa a storiche trasmissioni televisive come
Canzonissima… Cantatutto e Sentimentale.

.


.

.

.


.
.

Proprio la sigla di Sentimentale… con lo stesso titolo…
fu il suo secondo successo… a cui seguono molti altri.
.
Ricordiamo… anche altri successi come…
Amorevole, Tre volte baciami,
My wonderful bambina e 20 km al giorno…

.


.
.

.


.
.

Partecipa anche al famosissimo Carosello
pubblicizzando per molti anni il digestivo Antonetto.
Fa pure una notevole apparizione nel cinema…
col film di Monicelli… “La grande Guerra
e recita anche in alcune serie tv.

.


.

.

.

.


.
.



L'ultima sua importante partecipazione televisiva
è a Sanremo con
Colpevole, nel 2005 ad 82 anni,
con cui vince il Premio della Critica.

.


.
.

.


.
.

Lo ricordiamo come il cantante
dalle sonorità fini ed eleganti….
del tutto diverse rispetto a quelle classiche
della musica leggera italiana…
ma anche
come il cantante della modestia e della simpatia.
.
E' giunto il momento di omaggiarlo
riascoltandolo inArrivederci

.


.
.

.


.


.

Orso Tony
.


.


.

ARTE POESIA MUSICA… INSIEME…
NEL GRUPPO DI FB











Breve ricordo di Tata Giacobetti e del mitico… Quartetto Cetra… anche con 2 loro grandi successi   Leave a comment

.
.
.
.
Vi parlerò di Tata Giacobetti
cantante, contrabbassista, paroliere ed attore
e del mitico “Quartetto Cetra




(Roma 24.6.1922 – Roma 2.12.1988)




Nell'ambito dello straordinario quartetto
Tata Giacobetti…
svolse la funzione, oltre che di cantante,
anche quella di autore dei testi che venivano poi musicati
insieme all'altro membro Virgilio Savona.







BREVE STORIA DEL QUARTETTO CETRA


Piccola storia di un gruppo musicale,
davvero unico nel suo genere e tutto italiano,
che ci ha accompagnati
dagli anni 40 fino agli anni 80




Il Quartetto Cetra è stato un vero e proprio grande mito
della televisione e dello spettacolo del dopoguerra.






Nacque nel 1940 ma il suo successo
ebbe inizio con il successo della canzone “Vecchia fattoria“.
In un primo tempo il gruppo si limitava
ad arrangiamenti musicali jazz
sullo stile dei Mill Brothers



Foto:



La formula vincente la trovarono quando iniziarono a mixare
canzoni e scenette divertenti… sfondando prima in radio…
poi in teatro ed infine in tv.
Giunsero perfino a fare delle miniserie Tv
scherzose e cantate che consolidarono il loro successo…
Il Quartetto Cetra era formato da
Felice Chiusano, Giovanni (Tata) Giacobetti,
Lucia Mannucci e Virgilio Savona
.



L'immagine può contenere: 2 persone, persone in piedi e spazio all'aperto




Sono migliaia le canzoni interpretate dal gruppo
e tra le più famose ricordiamo:
Aveva un bavero (Sanremo 1954),
Il Visconte di Castelfombrone,
Un disco dei Platters, Che centrattacco,
Nella vecchia fattoria,
Vecchia America (musica di Lelio Luttazzi),
Un bacio a mezzanotte (musica di Gorni Kramer),
I ricordi della sera e Però mi vuole bene.







Molte delle loro canzoni, come accennavo su,
furono scritte dalla coppia Giacobetti-Savona.
Il gruppo è stato attivo fino agli anni ottanta…
.






2 VIDEO PER RICORDAR IL QUARTETTO
O PER FARLO CONOSCERE AI PIU' GIOVANI



Ricordiamo dunque il mitico gruppo anche con questi brevi video…
che ci fanno comprendere il loro stile ed il loro genere musicale.
Il primo è con la canzone PERO' MI VUOLE BENE






ed il 2° ci mostra
il più famoso pezzo del loro repertorio…
NELLA VECCHIA FATTORIA




Foto:




ULTIME FOTO DEL QUARTETTO




.
.
.
.
.

Lucia Mannucci la voce solista del Quartetto Cetra col marito Virgilio Savona



CIAO DA TONY KOSPAN




PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I


.
.
.
L'immagine può contenere: 4 persone, persone che sorridono, persone in piedi e vestito elegante
.
.
.

Sssssss… siamo pronti per un’avventura? Test davvero impertinente… ma simpaticissimo!   Leave a comment











Ecco un test inusuale… e…


direi… simpaticamente impertinente…








Beh lo facciamo qui tra noi per giococome sempre…
e come sempre possiamo dire cosa ne pensiamo…

Personalmente l’ho testato… e devo dire che non è male…

(Non dirò cosa mi ha detto eh eh A bocca aperta Imbarazzato)




Un po' di musica mentre rispondiamo alle domande?


 
L'immagine può contenere: una o più persone e sMS

 



Ma veniamo al test…


SIETE/SIAMO PRONTI PER UN'AVVENTURA?











Se ci va… diciamo il ns risultato…Angelo






Ciao dall’Orso..









LA TUA PAGINA DI PSICHE E SOGNO
PER COLORARE LE TUE ORE…




Foto:





 

Mango – Breve ricordo di un vero signore della canzone italiana.. anche con i suoi successi “Mediterraneo” e “Oro”   Leave a comment

.


Con la sua voce inimitabile
stava cantando “Oro”, una delle sue canzoni più belle,
quando il 7 dicembre 2014 fu colpito da infarto.

Fece in tempo a chiedere scusa al pubblico
e poi si accasciò…

Fans, colleghi cantanti e musicisti
inondarono il web con una marea di messaggi
con cui esprimevano il loro dolore ed i loro ricordi…



Giuseppe Mango ( Lagonegro 6.11.1954 – Policoro 7.12.2014)



Dunque un altro personaggio che ci ha accompagnato
con le sue indimenticabili canzoni,
assolutamente inconfondibili
grazie ad una sonorità vocale unica ed emozionante,
ci lasciava a Policoro (Matera) nel corso di un concerto.

E’ stato il cantante di Bella d’estate scritta con Dalla,
Mediterraneo, Oro, Lei verrà ed altri successi.







Aveva appena compiuto i 60 anni il 6 novembre precedente
ed era su quel palco per un concerto di beneficenza.

L’artista lucano era notoriamente una persona molto corretta,
generosa ed amava la sua terra, la musica e la sua famiglia.






Pur non essendo mai diventato un vero e proprio divo,
anche forse per il suo carattere riservato,
era comunque molto apprezzato negli ambienti musicali
e soprattutto molto amato da un grande numero di ammiratori…

Ma non era solo un cantante
perché ha anche scritto diverse note canzoni
per artisti come.. Mia Martini, Patty Pravo, Bocelli,
Loretta Goggi, Loredana Berté ed altri.





Qui con la moglie Laura Valente al Festival di Sanremo 2007



Il suo stile musicale era davvero particolare…
in quanto era un mix
di pop, rock, soul e world music.

Ricordiamolo ora rivedendolo e riascoltandolo
in questi bei video… dedicati a 2 suoi successi

.
.


   Mediterraneo




Mango… starà ora certamente
continuando a cantare tra le stelle
con la tua fantastica voce…
ed il suo stile inimitabile…


   “Oro”


Tony Kospan





LA TUA PAGINA DI… SOGNO

PER COLORARE LE TUE ORE?

Foto:








Rino Gaetano – Breve ricordo del grande cantautore degli anni ’70.. anche con due sue grandi canzoni   Leave a comment


.
.
.
Rino Gaetano,
è lo pseudonimo di Salvatore Antonio Gaetano
che è stato un vero talento musicale (e non solo) che,
senza compromessi… tra sorrisi ed ironie,
ha raccontato i nostri vizi ed i nostri difetti.



(Crotone 29.10.1950 – Roma 2.6.1981)


Considerato il “figlio unico” della canzone italiana,
è ancor oggi ricordato per la sua voce ruvida e spontanea,
per la graffiante ironia delle sue canzoni
nonché per la denuncia sociale,
nascosta dietro i suoi testi apparentemente leggeri.







Personalità davvero libera ed indipendente la sua.


Infatti faticò molto per aver un vero successo

sia per il suo carattere non semplice

che per i testi spesso di critica verso le diseguaglianze sociali

che non erano ben accolti dai soliti ambienti conservatori.

.
.
.




Il successo lo raggiunse con alcune canzoni poesie
che possiamo definire veri capolavori…
ma il vero mito esplose solo dopo la sua precoce morte
avvenuta a 31 anni, per un incidente stradale.








Come ricordarlo se non con 2 sue bellissime canzoni?

Ecco la prima…



 




e quest'altra è la seconda…



 




Tony Kospan



LA TUA NUOVA PAGINA DI SOGNO
PER COLORARE AL MEGLIO LE TUE ORE
Foto animata





.
.
.
.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: