Archivio per la categoria ‘ARTE MUSICA E…

La Valse.. (il valzer) unisce grande scultura.. (C. Claudel) grande musica classica (Chopin) e.. poesia   Leave a comment

 

 


Paris. Musée Rodin. Camille Claudel. Vertume et Pomone





Proseguiamo nel nostro libero accostamento tra…

 
 
ARTE* E MUSICA CLASSICA
(*Stavolta scultura )
CON L'AGGIUNTA DI UNA POESIA
 
 
 
 
 
La Vague – L'Onda (altra opera di Camille Claudel)
 
 
 
 
LA VALSE
CAMILLE CLAUDEL**, CHOPIN E MARINA MARIANI
 
 
 
 
 
Camille all'opera

 

 

** Sfortunata scultrice amante del grande Rodin
autore del famoso bacio in cui è raffigurata proprio Camille

 
 
 
 
 
 
 
 

Stavolta il collegamento è, per così dire, automatico
dato che le 3 opere sono unite dal titolo!

 

 

Camille Claudel

 

 

LA VALSE

 (VALZER)

 

Iniziamo dalla poesia, dedicata dall'autrice

alla Valse, che a mio parere, 

contiene in sé il movimento e l'armonia

sia della scultura che della musica…


 

 


 

 

LA VALSE

Marina Mariani

 

Tu
mia immagine,
mio ritmo,
mai come in uno specchio
– nitida, ferma, coi colori
giusti mi sei apparsa
mai.
Piuttosto sull’increspata
onda del lago,
che pure quando è fermo
lo sai, che se la burrasca
lo muove, sarà fatale.
E mai, se t’ho chiamato,
mio ritmo, sei arrivato
subito, come un amico fidato.
T’ho aspettato,
t’aspetto: ed ogni volta,
mia immagine, ti vedo
formarti dall’indistinto,
ti avverto,
mio ritmo, diventare suono
dal silenzio minaccioso,
gravido, che come il lago
non sai se sarà calma
o burrasca.
Poi, finalmente, nasci: e mi stai vicino,
mi accompagni nella mia città,
così grandiosa, la città in cui vivo
che devo stare attenta a non montarmi
la testa…Ci pensa lei,
mi mostra sempre l’inizio,
anche se vado per compere
o a teatro.
Lei ridendo esibisce le rovine,
l’inizio e anche la fine,
sempre davanti agli occhi:
perché in questa città
il giornale, l’attualità,
non dico che non c’è,
ma sta in secondo piano.
E allora,
mio ritmo, m’accompagni
sempre con la costante
dissonanza: la presenza
del doloroso inizio,
della fine improvvisa,
imprevedibile. Dunque non posso
abbandonarmi al festoso
motivo regolare
per poter arrivare
insieme, insieme agli altri
che hanno comprato come me il biglietto,
a battere le mani,
insieme agli altri, guidata
dal Direttore illustre
dell’Orchestra gloriosa.
L’uomo cambia, ma il rito resta uguale,
quello che conta è IL RITO.
(non per me,
mia immagine,
mio ritmo.)

 

 



Chopin

 

 

Ed ora qui, unita alla bella scultura di Claudel,

la grande musica di Chopin….

 

 

 Nota(Valse Chopin)

Risultato immagine




 

 

 

Buon ascolto… se vi va…

 

Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 

P.S. Chi fosse interessato a conoscere
la complessa  e drammatica storia d'amore
tra i 2 grandi scultori Camille Claudel e Rodin,  
da poco tornata alla luce, può cliccare qui giù
 
.
.
.
 
 
 
IL TUO NUOVO GRUPPO DI RICORDI CULTURA ED AMICIZIA


.
.
..
.
.
 
LA VALSE – CAMILLE CLAUDEL
 
 
 
 
Annunci

Musica classica ed arte – Verdi e Matisse uniti da un bel.. brindisi   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
Un lieto brindisi…
si prevede alla fine del pranzo…
che la signora, dipinta da Matisse,
sta preparando…
 
 
 
 


Matisse (Le Cateau-Cambrésis 31.12.1869 – Nizza 3 .1.1954)
 
 
 
 

Ammiriamola mentre sta terminando di
apparecchiare la tavola…
in questo primo dipinto di Matisse…

Seguiranno altri suoi dipinti
dedicati alla musica…
in questo post che associa arte e classica.
 
 
 
 


Henri Matisse – Dinner Table



 
 
  
Ed un brindisi è anche questo…
 dalla Traviata… di Verdi…
e che brindisi!!!!


 
 
 
Matisse – Pianista e giocatori di dama
 
 
 
 
E' a mio parere una musica fantastica…
in quanto nel contempo dolce e scintillante…
ed infatti questo brano è considerato tra i più belli
di tutta la musica classica…
ed uno dei grandi capolavori di Verdi.

 
 
 
 

(Roncole Verdi 10.10.1813 – Milano 27.1.1901)


 
 
 
 
Possiamo ora ascoltarlo e gustarlo
in questa scenografica regia curata da Zeffirelli
con la voce di Placido Domingo.

 
 
 
 

Matisse – Lezione di musica
 
 
 
 
o se preferiamo
nell'interpretazione di Pavarotti…

 
 
 
 

 
 
 
 
 
  
 
 
Ciao da Tony Kospan



PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE TI PIACE – ISCRIVITI




Matisse – Il liuto

 

 

La Marcia nuziale di Mendelssohn e l’Ascesa di Psiche di Bouguereau – Arte e musica classica insieme   Leave a comment

.
.
.
 
L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto
..
.
.
 
 
 
Stavolta parleremo di una delle musiche più note…
associata ad uno dei dipinti più amati. 
 
 
Questa musica è di quelle che suscitano sentimenti di gioia… ricordi belli…
ma ahimè,  in molti, anche sentimenti tristi e ricordi amari…
ma che sempre ed in ogni caso non può lasciare indifferenti.
 
 
..
.
.
 
 
Risultati immagini per L'ascesa di Psiche
William-Adolphe Bouguereau
 
 
 
 
 
LA MARCIA NUZIALE E L'ASCESA DI PSICHE
– CLASSICA ED ARTE –


 
 
 
 
 
 


Eh sì questa musica…
è la famosissima… e classicissima…
marcia nuziale…  
 
 
 
 
 


 
 
 
 
Felix Mendelssohn è un autore… duttile e vivace…
quasi coevo di Bouguereau autore dell'affascinante dipinto
L'ascesa di Psiche
 
 
 
COSA LI UNISCE?
 
 
 
La maestosità e la bellezza dell'espressione artistica.
 
 
 
Per questo mi piace accostare queste 2 mitiche fantastiche opere.

 
 
 
 
William-Adolphe Bouguereau
 
 
 
 

LA MARCIA NUZIALE
di
FELIX MENDELSSOHN
 
 
 
 
Felix Mendelssohn
(Amburgo, 3 febbraio 1809 – Lipsia, 4 novembre 1847)
 
 
 
 
E
 
 
 
L'ASCESA DI PSICHE
di
BOUGUEREAU
 
 
 
 

Adolphe William Bouguereau

(La Rochelle 30. 11.85 – La Rochelle, 19 8 1905)

 
 
 
 
Ascoltiamola… dunque… o riascoltiamola…
 
 
 
 
 
L'ascesa di Psiche – William-Adolphe Bouguereau 

 





 

 

 

Buon ascolto da Orso Tony…

 

 

 

Barres ...

IL GRUPPO DI FB DI CHI AMA
VIVER L'ARTE… INSIEME
Ripped Note


,
,
,
,

Risultati immagini per L'ascesa di Psiche



Omaggio a Beethoven con la mitica 9° Sinfonia e con “Il fregio”… il grande dipinto dedicatogli da Klimt   Leave a comment






.
.
.
.
E' forse, o senza forse,
 il più grande compositore musicale di tutti i tempi
e per molti, il suo genio,
va oltre il concetto stesso di musica!

.
.
.
.

Bonn 16.12.1770 – Vienna 26.3.1827

.

.

.

Nell'anniversario della nascita di Beethoven

desidero rendergli omaggio

attraverso una sua mitica musica

associata ad una grande opera di Klimt

tra l'altro creata proprio in suo onore.

.

.

.

 
 
 
 
Dunque l'associazione tra arte e musica
in questo caso infatti
non è di fantasia ma è in “re ipsa”.
 
 
 
 

Klimt – Fregio di Beethoven – Parete A


 
 
  
IL FREGIO DI BEETHOVEN
 
 

Il Fregio, lungo 24 metri e sviluppato su tre pareti
fu eseguito in occasione della XIX mostra della Secessione
dedicata nel 1902 (e quindi 111 anni fa)
alla grande scultura di Max Klinger raffigurante l'apoteosi di Beethoven.
 
Il tema del Fregio è una interpretazione della Nona Sinfonia di Beethoven.

 
 
 
 

Klimt – Fregio di Beethoven – Parete B

.
.

 
Klimt dipinge direttamente sulla parete 
senza preoccuparsi di cercare materiali duraturi
pensando che l'opera sarebbe stata eliminata
alla fine della manifestazione.
 
Per fortuna, nonostante tutto ciò,
si è potuto conservar bene l'opera.
 
Klimt , che è un amante dei simboli qui vuol narrare
la lotta tra bene e male 
 
 .
.
 


Klimt – Fregio di Beethoven – Parete C

 


E la musica?





 

Non può non esser in questo caso che la mitica


9° sinfonia


che possiamo ascoltare in questo bel video


che associa anch'esso i 2 grandi artisti.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
BUONA VISIONE E BUON ASCOLTO DA TONY KOSPAN
 
 
  
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I




 
 

Manet.. Liszt e Zola in un bel collegamento tra arte.. musica classica e narrativa   Leave a comment

.



Manet

.

.

Stavolta, nell’ambito del libero accostamento
tra arte e musica classica,
s’insinua in modo sublime
anche la “narrativa” di qualche secolo fa.

.

.

Manet – Autoritratto

.

.

ARTE  MUSICA CLASSICA E NARRATIVA
MANET – LISZT E ZOLA
a cura di Tony Kospan




Liszt

.

.

Dunque porto all’auspicabile vostro godimento,

che spero simile al mio,

una liaison tra una mitica rapsodia ungherese di Liszt

e il dipinto di Manet che ritrae… Emile Zola

(insieme ad altri dipinti di Manet)





Emile Zola




Zola, famoso autore del mitico romanzo realista “Nanà”

e considerato il creatore del naturalismo,

è uno degli scrittori francesi dell’800 che preferisco.


.

.

.

.

Per chi ama le emozioni che trasmettono

musica, arte e narrativa… ecco allora

– un pensiero di Zola…

– il noto dipinto dedicato da Manet allo scrittore,

e

– la rapsodia… di Liszt.




La giacca nera – Manet




In mezzo all'aperta pianura, sotto un cielo senza stelle, nero d'un nero d'inchiostro, un uomo percorreva, solo, la strada maestra tra Marchiennes e Montsou; dieci chilometri di massicciata che si lanciava in linea retta attraverso campi di barbabietole.
Quasi non vedeva dove metteva i piedi; e dell'immenso orizzonte piatto che lo circondava aveva solo sentore per le raffiche del vento di marzo: vaste raffiche che spazzavano la pianura come un mare; gelate da leghe e leghe di palude e di landa sulle quali erano passate.
Non un profilo d'alberi sul cielo; diritta come un molo, la strada si protendeva in un buio impenetrabile allo sguardo.
– Emile Zola –




  Rapsodia di Liszt – Un sospiro 
Ritratto di Emile Zola – Edouard Manet




Ciao da Tony Kospan




PER LE NOVITA' DEL BLOG
SE TI PIACE – ISCRIVITI

 




Manet – Isabelle Lemonnier


La BELLE EPOQUE ed il CAN CAN – Arte e classica.. con i dipinti di Degas.. la musica di Offenbach e non solo   Leave a comment

.

.

.

 
Edgar Degas – Ballerine in rosso
 
 
 
 
 
Edgar Degas è definito ilpittore delle ballerine
perché amava rappresentare i riti ed i miti dell’epoca
caratterizzata dalla nota atmosfera “bohemiènne”.

 
 
 
(Parigi 19.7.1834 – Parigi 27.9.1917)




Questo post… intende accostare
il grande cantore della Belle Époque nell’arte
al trionfale e mitico… Can Can… ed alle danze
della favolosa Parigi d’allora.

 


  

Edgar Degas – Scuola di danza

 

 

 

Ci tufferemo attraverso immagini…

dipinti e musiche nelle mitiche ed allegre atmosfere

di fine ‘800 ed inizio ‘900 soprattutto parigine.




Edgar Degas – Piccola ballerina
 
 
 
 
 

IL CAN CAN E… LE BALLERINE

 

 

 

 

 

OFFENBACH E DEGAS – CLASSICA ED ARTE

 
 
 
 
 
Il vero Moulin Rouge – La sala nel 1898

 
 
 
 
 
 
 
  
     DEGAS         OFFENBACH
 
 
 
 
DUNQUE IL FAMOSISSIMO ALLEGRO
CAN CAN
VERA COLONNA SONORA DELLA
BELLE EPOQUE
SARA’ UNITO ALLE STUPENDE TELE DI
DEGAS
DEDICATE ALLE SUE AMATE BALLERINE
 
 
 
 
 


.
.
La liaison è dunque tra Degas
massimo “cantore” delle ballerine
con Offenbach
autore della mitica musica del Can Can

.
.


 



Nel primo video abbiamo una versione recente
del celebre ballo
trasmessa dalla televisione francese….





 
Degas



e nel secondo possiamo vedere
dopo una partenza lenta della musica…
vere immagini d’epoca


 
 
 
 



 
 
 
 
Buon ascolto… e buona visione
da Orso Tony…






Rembrandt e Vivaldi – Dipinti e Musica Classica del ‘600 in tema… Inverno   Leave a comment

 
 
Foto:


OPERE D'ARTE E MUSICHE
DI 2 GRANDISSIMI ARTISTI… DEL '600
DEDICATE… ALL'INVERNO

 
 

 
 

    Rembrandt    e    Vivaldi      

 
 
 
 

REMBRANDT E VIVALDI
 
– ARTE E CLASSICA –

 
 
 

Vivaldi La Dorilla in Tempe – Ouverture

Rembrandt – Il ponte di pietra – 1638 – Rijksmuseum – Amsterdam
 
 
 


Questo quadro è uno dei pochi paesaggi della produzione di Rembrandt. è da notare la grande abilità dell’artista di cogliere soprattutto gli effetti atmosferici, caricando l’immagine di una valenza sentimentale che sembra quasi anticipare la pittura romantica del XIX secolo.

Se confrontiamo questo paesaggio con uno di Poussin, si comprende facilmente come Rembrandt si ponga su un piano molto diverso.

Nel pittore francese l’immagine è organizzata con l’intento di permettere allo sguardo di cogliere più elementi che compongono un insieme di grande spettacolarità.

L’immagine tuttavia colpisce soprattutto l’intelletto di chi guarda. Il paesaggio di Rembrandt è invece diretto alla nostra sensibilità, per farci sentire quella particolare sensazione di trovarsi in un luogo anonimo ma carico di luce, aria, umidità, odori, e così via.


 

 

Vivaldi Inverno (video)

Rembrandt – Hendrickje che si bagna in un fiume – 1654 – National Gallery – Londra
 
 
 



In questo straordinario dipinto, Rembrandt raffigura la moglie Hendrickje che si sta bagnando in un fiume.

Il quadro è straordinario per molti aspetti, innanzitutto per un realismo che concede poco a quel decoro bozzettistico molto apprezzato dal pubblico del tempo. Questa fu infatti una delle cause del venir meno del successo di Rembrandt negli anni successivi, incompreso nella sua eccezionale arte troppo moderna per quei tempi.

Ma straordinaria è anche la tecnica: Rembrandt era un eccezionale disegnatore, e questa sua propensione lo portava a capire l’essenziale dell’immagine e riempire il resto solo con contrasti luminosi. Anche qui procede in questa maniera.

La figura della donna è soprattutto disegnata, scarna com’è di colori ed effetti cromatici. Intorno, invece, per poter meglio evidenziare la figura, lo sfondo è così scuro che si fa quasi fatica ad immaginare che siamo all’aria aperta.

In pratica l’angolo visivo è molto ristretto, così che si intravede un angolo protetto dall’ombra di alberi che giungono fino alla riva del fiume, mentre su una roccia si vede la veste che la donna si è tolta, per restare solo in camicia.

Straordinaria, infine, è anche la resa veristica dell’acqua e dei riflessi che crea, con una perfezione che solo Rembrandt poteva ottenere.

 

 

Questa seconda opera mi appare

 davvero incredibile ed affascinante per il suo realismo…

all'epoca assolutamente impensabile… (N.T.K.)

 

 

 

 

F I N E

 

 

Testo Francesco Morante (dal web) – Impaginaz. e note T.K.

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 


 

LA TUA NUOVA PAGINA DI FB
DI CULTURA.. PSICHE E SOGNO
PER COLORARE LE TUE ORE…
 





Foto:
Rembrandt – Paesaggio invernale


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: