“Gli uomini migliorano con gli anni” – W. B. Yeats con questi versi sublimi ci parla di amore.. saggezza e sogno   2 comments


 
 
 
 
 
 
 


Questa poesia, che viaggia tra sogno e realtà
navigando lungo il corso del fiume della nostra vita,
mi appare davvero sublime.


Ovviamente non fa alcun riferimento 
a comportamenti umani reali ma solo ai sogni ed all’amore.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

GLI UOMINI MIGLIORANO CON GLI ANNI
POESIA SUBLIME E DI SOGNO
a cura di Tony Kospan






 
 
Possiamo anche definirla… poesia della maturità, dello sguardo sul tempo,
della sola felicità data dalla saggezza, 

della compagnia comunque dei sogni,
nonostante forse anch’essi, come tutte le cose, invecchino.





Laocoonte




Essa ci parla di un amore platonico
che ha accompagnato l’autore lungo tutta la vita,
di sogni non realizzati
e di leggeri rimpianti per quel che non avvenne.




William Butler Yeats



 

 

Questa poesia, d’alto profilo, mi colpì molto

quando per la prima volta la lessi

e la propongo  alla vostra lettura…

per conoscere anche il vostro parere.


L’autore, grande poeta irlandese,

ricevette nel 1923 il Premio Nobel per la letteratura.

 

 

 

 


 

 

 

Questa è solo una delle sue molte poesie

che, in modo elevato, penetrano e svelano

i diversi aspetti dell’animo umano.

 
  
 
 
 
 

 

 


GLI UOMINI MIGLIORANO CON GLI ANNI
 William Butler Yeats *
 
 Sono logoro di sogni;
Un tritone di marmo, roso dalle intemperie
Tra i flutti;
E tutto il giorno guardo
La bellezza di questa signora
Come avessi trovato in un libro
Una bellezza dipinta,
Lieto d’aver riempito gli occhi
O l’orecchio sapiente,
Felice d’essere saggio e non altro,
Perché gli uomini migliorano con gli anni;
Eppure, eppure,
E’ un mio sogno questo, o è la verità?
Oh, ci fossimo incontrati
Quando avevo la mia ardente giovinezza!
Ma io invecchio tra i sogni,
Un tritone di marmo, roso dalle intemperie
Tra i flutti
 
 
 
 
 

 

 

  

 

 


 *William Butler Yeats (1865 – 1939) poeta, drammaturgo, scrittore e mistico irlandese.

.
.
.
 
 

CIAO DA TONY KOSPAN

.

.


.
.
.


 

.

.

.

2 risposte a ““Gli uomini migliorano con gli anni” – W. B. Yeats con questi versi sublimi ci parla di amore.. saggezza e sogno

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Caro Caspar intanto complimenti perchè non so come fai ad avere il tempo di scrivere cose così belle : biografie, poesie, musiche, ricorrenze ecc Io poi che sono un insegnante mi sono servito di qualche tua mail per affrontarla in classe con i miei alunni.Sei un amante della bellezza come poche persone.Per quello che riguarda la splendida poesia di Yeats “Gli uomini migliorano con gli anni” le sensazioni sono tante e anche i temi affrontati.Intanto ci sono tanti uomini meno giovani che si possono rispecchiare in questa poesia e sulle sensazioni che produce che sono: voglia di sognare, nostalgia del tempo che passa, ammirare la bellezza nel volto di una giovane donna ecc Si certo è un tema quello del rimpianto del tempo fuggito che molti altri scrittori hanno trattato Uno fra tutti Proust nella Ricerca del tempo perduto. Tipico di quelle persone che sono legate al passato (io sono uno di loro) e restano sempre giovani dentro malgrado gli anni. E’ una dimensione di vita quasi onirica ecco perchè è legata al sogno e imparentata con la fanciullezza. Una persona adulta che sogna è anche una persona che realmente non invecchia mai veramente perchè capirà più facilmente il mondo giovanile. A me capita di trovarmi bene a parlare con ragazzi di età giovanile.  A me pare infine di capire che il personaggio descritto nella poesia potrebbe essere il poeta stesso e che si sia innamorato della giovane donna anche se si rende conto che non potrà mai averla. Quindi il suo desiderio di bellezza diventa più contemplazione che possesso e quindi amore platonico come del resto la poesia dell’amor cortese del 1300 in cui il cavaliere contemplava la donna che era già sposata con un altro uomo che non amava. Era un corteggiamento platonico più che con un fine erotico. Insomma una bella poesia ma mi fa anche molta tristezza perchè mi fa pensare a quanti poeti siano in questa condizione di amore platonico (quasi tutti praticamente. Come i musicisti del resto)  Un cordiale saluto Prof Nico Marfil 

    "Mi piace"

    • Ch.mo Prof. Marfil il suo commento ampio e colto mi fa molto piacere, lo condivido in buona sostanza, ed in parte mi ristora delle mie fatiche (sorrido).
      Una delle cose che non condivido è però che i poeti siano tutti degli amanti platonici anche se questa è la loro fama (basti pensare ad Ungaretti amante di giovani donne in concreto fino a tardissima età o a Dante che pur amando angelicamente Beatrice però le sue storie le ebbe).
      In realtà le generalizzazioni e le semplificazionei storiche (pur necessarie) sempre ci ingannano in qualche modo nella visione del passato.
      Il Medio Evo che ha fama di periodo fermo in realtà, secondo gli studi recenti, non lo era affatto ma era un vulcano semi-silenzioso che preparava il boom del Rinascimento.
      Riguardo all’Amor cortese… al di là delle cronache ufficiali… non penso affatto che non ci fossero scappatoie per vere e passiomali storie (è del 1100 quella mitica e sofferta di Abelardo ed Eloisa).
      Ancora grazie e cordiali saluti.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: