CARPE DIEM – ECCO LA POESIA DA CUI E’ NATA QUESTA MITICA ESPRESSIONE (ED UNA RIFLESSIONE)   Leave a comment







Sovente usiamo parole o frasi antichissime che per qualche motivo… brevità, concisione del concetto, facilità di comprensione etc. sono diventate notissime e di uso comune. 

Tuttavia molto spesso ignoriamo dove, quando e come siano nate ed anche il loro esatto significato.

Una di queste espressioni è certamente la sintetica “Carpe diem” sulla quale però sono stati scritti tanti libri, saggi e poesie.







E’ anche diventata indicativa di un modo di vivere in cui si privilegia in modo assoluto il presente… anzi quasi il… momento… senza se e senza ma.

Personalmente ne condivido il significato generale ma ho sempre ritenuto che fosse necessario aggiungere la parola… “ragionato”.






Sì perché vivendo e godendo in modo totale il presente si rischia di sprecare tutte le risorse e tutte le energie e quindi di non poter vivere bene il “presente” del giorno dopo.



BOOM b8a15a6d5ab




Esempio classico è quello di chi, per raggiungere il proprio massimo piacere, brucia tutte le sue finanze ed il giorno dopo finisce sotto i ponti.

Un carpe diem “totale” ci farebbe godere sì oggi alla grande… forse alla grandissima…  ma il domani sarebbe quantomeno  oscuro e/o doloroso.







Dunque penso che sia meglio vivere bene e liberamente il presente ma conservando in qualche angolo risorse ed energie utili a farci vivere bene nuove belle avventure di vita ed emozioni anche nei giorni successivi.

Ma torniamo all’origine di questa mitica espressione nota ed usata in tutto il mondo.

Eccola.. è nata in questa poesia di Orazio, noto poeta latino, tenendo presente che la sua traduzione letterale può essere questa: “afferra il giorno (o l’oggi)”






CARPE DIEM (COGLI L’OGGI)
– Orazio – 

Tu non cercare, non è lecito saperlo,
quale fine gli dei abbiano
assegnato a me,
né quale abbiano assegnato a te, o Leuconoe,
e non consultare i numeri babilonesi*.
Quanto è meglio accettare qualsiasi cosa accadrà!
Sia che Giove abbia ordinato più inverni,
sia che abbia predisposto come ultimo inverno questo
che ora sfianca il mar Tirreno con le rocce di pomice,
saggia, filtra il vino 
e ritaglia la speranza che si proietta nel prossimo futuro.
Mentre parliam, già è fuggito il tempo invidioso,
cogli l’oggi, e del doman non ti fidar.

*Cabale che venivano usate per predire il futuro.







Tony Kospan per il blog “Il Mondo di Orsosognante”


Chi volesse approfondire l’argomento con un’altra riflessione e leggere la mitica “Canzone di Bacco” (Chi vuol esser lieto sia, del doman non c’è certezza)
può cliccare qui giù.







DESIDERI PUBBLICIZZARE QUALCOSA?

DESIDERI UNA RECENSIONE DI UNA TUA OPERA,
DI UN TUO LIBRO, DI UNA TUA ATTIVITA’?

CONTATTA IL BLOG CON UN COMMENTO
Gif Animate Frecce (117)



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: