Quando finisce la notte? – Un breve racconto che ci dona un bell’inno alla fratellanza universale   Leave a comment



 


 


                    


 


 



UN RACCONTINO… CHE MI SEMBRA GIUSTO


DEFINIRE SUBLIME…



 


 



 
 
 
 
 

QUANDO FINISCE LA NOTTE?


(Bruno Ferrero, Il Canto del Grillo)



Un vecchio rabbino domandò una volta ai suoi allievi


da che cosa si potesse riconoscere il momento preciso


in cui finiva la notte e cominciava il giorno.

 

“Forse da quando si può distinguere con facilità
un cane da una pecora?”.

 

“No”, disse il rabbino.

 

“Quando si distingue un albero di datteri da un albero di fichi?”.

 

“No”, ripeté il rabbino.

 

“Ma quand’è, allora?”, domandarono gli allievi.

 

Il rabbino rispose:


“E’ quando guardando il volto di una persona qualunque,
tu riconosci un fratello o una sorella.



Fino a quel punto è ancora notte nel tuo cuore”.

 

 
 
 

 

 


“Abbiamo imparato a volare come gli uccelli,
a nuotare come i pesci,
ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli”
(Martin Luther King).

 
 
 
 
 
 

 

 

Ciao da Tony Kospan

.
.
.
.


 


 



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: