Archivio per 27 marzo 2020

Buon weekend in poesia “Ciò che ho scritto di noi” Hikmet – arte G. H. Boughton – canzone “Buonasera buonasera” S. Vartan   Leave a comment

 
 
 
 
 

George Henry Boughton – Il geloso che controlla

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ligne fleurs3
L’oscurità non scaccia l’oscurità:solo la luce può farlo. 
L’odio non scaccia l’odio: solo l’amore può farlo.
(Martin Luther King Jr.)

 ligne fleurs3 
 
 
 


George Henry Boughton
 
 
 
 

CIO' CHE HO SCRITTO DI NOI
Nazim Hikmet
 
Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
è la mia nostalgia
cresciuta sul ramo inaccessibile
è la mia sete
tirata su dal pozzo dei miei sogni
è il disegno
tracciato su un raggio di sole
ciò che ho scritto di noi è tutta verità
è la tua grazia
cesta colma di frutti rovesciata sull'erba
è la tua assenza
quando divento l'ultima luce all'ultimo angolo della via
è la mia gelosia
quando corro di notte fra i treni con gli occhi bendati
è la mia felicità
fiume soleggiato che irrompe sulle dighe

ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
ciò che ho scritto di noi è tutta verità.


 
 
 
 
 
George Henry Boughton – Fine della luna di miele

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

 
 
 
 

IL GRUPPO DI CHI AMA L'ARTE FIGURATIVA
(PITTURA, SCULTURA, FOTOGRAFIA E CINEMA)
Ripped Note



.
.
.
.
  (Buonasera buonasera)

George Henry Boughton



Chiusi in casa? Resistere con il sogno per il dr. Morelli! Il suo pensiero e qualche mia riflessione   Leave a comment








ALIENAZIONE DA CHIUSURA IN CASA PER CORONAVIRUS? 
IL SOGNO… LA SOLUZIONE… ED UN MIO PENSIERO



Il dr. Morelli ci ha detto, in una recente intervista su RAI 3, che in queste ore (settimane… mesi) in cui siamo e saremo chiusi in casa, è assolutamente necessario staccare i nostri pensieri dal problema incombente su di noi e… sognare ad occhi apertisognare cose belle.






Questo è fondamentale per la salute del nostro spirito e può farci scaricare le tensioni che si accumulano, giorno dopo giorno, nel nostro animo.

Questo è quindi un ulteriore motivo per amare e valorizzare il sogno nella nostra vita, cosa non nuova per noi sognatori, ma che gli altri non comprendono o non comprendevano.



Kagaya



A ciò aggiungo un mio modesto parere 
“distraiamoci con le cose che amiamo e che possono farci staccare il pensiero dalla spiacevolissima situazione in cui viviamo”.

Ciascuno trovi liberamente il suo modo.



Mike Flan



Io preferisco (e consiglio) leggere, scrivere pensieri… poesie.. ricordi o altro, vedere films coinvolgenti o programmi culturali soprattutto di storia, natura ed arte che ci possono portare in mondi lontani dalle nostre attuali difficoltà, etc..

Poi c'è il “mondo social” che ci consente rapporti fino a pochi decenni fa impossibili ma che è utilizzabile solo da coloro tra noi che si sono avvicinati a questo mondo e a coloro che in questo momento lo satnno facendo.






Possiamo quindi dialogare, scherzare, comunicare ma anche “audio-vedersi” ed in tal modo staccare un po' la spina dalla solitudine o dal silenzio.

Forse sono riflessioni in fondo normali ma ribadirle… consigliarle… male non può fare e potranno aiutare qualcuno.






Ciao da Tony Kospan



Alber Edelfelt



LIBRI – L’importanza della lettura viene esaltata in questa bella e suggestiva poesia di H. Hesse   3 comments

 

 


  




Le poesie di Hesse son tutte belle
e l’autore è assolutamente geniale e profondo
nonché riconosciuto da tutti come tale.

Ma non solo, molte di esse
ci inducono anche ad interessanti riflessioni
come questa.


 

 

 
 
 
 

LIBRI – H. HESSE – POESIA SUBLIME

 
 
 
 
 
(Calw 2.7.1877 – Montagnola 9.8.1962) scrittore, poeta e pittore tedesco
 
 
 


L’importanza della cultura, dei libri,
ovviamente nessuno può scoprirla
tanto essa è evidente.

Ma Hesse ci vuol dire che la loro importanza
non sta tanto nell’accumulare conoscenze, nozioni etc.
bensì nella loro capacità e potenzialità
d’aiutarci a ricercare in noi stessi la nostra luce, 
il nostro universo, la nostra saggezza, la nostra verità.

  

 
 
 

 
 
 

L I B R I
 
Hermann Hesse

 
 

Tutti i libri del mondo


non ti danno la felicità,


però in segreto


 ti rinviano a te stesso.

 

 Lì c’è tutto ciò di cui hai bisogno,


 sole stelle luna.


 Perché la luce che cercavi


 vive dentro di te.

 

 La saggezza che hai cercato


 a lungo in biblioteca


 ora brilla in ogni foglio,


 perché adesso è tua.




 

 

 

da La felicità, versi e pensieri




Hesse tra l'altro è stato anche un apprezzato pittore

ed ecco allora anche un suo dipinto in tema.. libri.

 

 

 

 

Hermann Hesse – Sedia con libri (1921)


 

 

 

Penso che possiate condividere questa mia opinione

sulla poesia, ma, se vi va, 

mi farebbe piacere leggere anche la vostra.

 

 

 

 

 



Ciao da Orso Tony





80x8080x8080x8080x8080x8080x80

UN MODO DIVERSO DI VIVER LA POESIA E LA CULTURA
NELLA PAGINA FB










 

46 anni fa nasceva la saga di Fantozzi – La storia del personaggio ed il video del primo film della mitica serie comica   1 comment





Oggi è il 46°anniversario

della nascita del Fantozzi… cinematografico.


L'uscita di quel “FANTOZZI” fu solo il primo

di una lunga serie di clamorosi successi

e l'inizio di un pezzo di storia del Cinema Italiano.





In verità il personaggio, precedentemente solo televisivo,

doveva veder protagonisti Renato Pozzetto o Ugo Tognazzi

nel film programmato con la Rizzoli Film, ma dato che

entrambi erano impegnati si optò per lo stesso Villaggio.





Il film, diretto da Luciano Salce,

segue la trama di 2 libri best seller

scritti da Paolo Villaggio.


Nasceva dunque, quel 27 marzo 1975,

la saga del ragioniere più sfigato del mondo,

dell'impiegato più sfruttato e maltrattato dai superiori.





Dopo quel film ce ne furono ben altri 9 e nascevano così


anche gli altri mitici personaggi della serie come


la moglie depressa Pina, l'incredibile figlia Mariangela,


il ragionier lunare Filini e la mitica signorina Silvani 


(sogno d'amore del ragioniere… non corrisposto).





Il personaggio,


nonostante le evidenti esagerazioni macchiettistiche


è diventato però uno degli emblemi dell'italiano medio


ed è stato riconosciuto da tutti come di grandezza assoluta


nonché capace perfino d'entrare nella lingua italiana


con diverse espressioni diventate d'uso comune.





Ancor oggi dopo tanti anni è un personaggio amatissimo

nel 2008 il film è stato inserito 

tra i 100 film italiani da salvare.








Ricordiamolo ora

attraverso questo raro video tratto

da quel primo film.







Tony Kospan





F I N E





 PER LE NOVITA'
SE… IL BLOG TI PIACE…
ISCRIVITI




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: