Il “boom” degli angioletti pensosi di Raffaello – Analisi… storia e le originali immagini   2 comments






IL BOOM DEGLI ANGIOLETTI DI RAFFAELLO 


Gli angioletti meditabondi di Raffaello sono un caso forse più unico che raro di un particolare di un dipinto che raggiunge una diffusione enorme e perfino superiore alla notorietà del dipinto stesso.







Non solo… il dettaglio… è diventato un qualcosa del tutto a se stante .

Eppure il dipinto da cui è ripreso, la mitica Madonna Sistina, è considerato uno dei dipinti più belli del mondo.








Già a Roma, nei mercatini intorno Piazza San Pietro, i due angioletti furoreggiano nelle forme artigianali più disparate.

Eppure le sale dei Musei Vaticani che espongono le opere di Raffaello non sono affatto le più visitate essendo nettamente superate dalla Cappella Sistina di Michelangelo.

Ma ancor di più la cosa sorprende se facciamo un giro nello shopping o nelle immagini di internet.








Lì i 2 cherubini pensosi li troviamo dipinti su di una miriade di oggetti come,  ad esempio, paralumi, borse, custodie per cellulari, tazze e tazzine, ombrelli e perfino su tappetini per mouse.

La storia di questo incredibile “boom” non nasce nell’ambito della storia dell’arte… ma in quello della pubblicità. 

Erano gli anni 70 e un pubblicitario italiano, Italo Lupi, li utilizzò come marchio della società Fiorucci. 







Ma è stato nel decennio successivo che è avvenuta quella che appare una vera e propria esplosione mediat
In realtà già nell’Ottocento la loro immagine era stata talvolta utilizzata su porcellane artistiche tedesche.








Inoltre di recente si è scoperto che alla fine dell’800 in America erano stati utilizzati, modificandoli in maialetti, da una società di salumi e quindi in modo un po’ irriverente. 







Tuttavia si tratta di casi sporadici mentre l’eccezionale diffusione mediatica e commerciale è molto più recente.

Certo tutto nasce nell’ambito del mito di Raffaello che per secoli è stato considerato quasi un Dio pagano dell’arte. 

Il suo mito, oltre che per la sublime bellezza delle sue opere, si era ampliato anche per la sua precoce morte.








Tuttavia oggi per la moderna critica dell’arte Raffaello ha perso un po’ del suo “divino” appeal… ma, come abbiamo visto,  di certo non l’hanno perso i suoi cherubini pensosi.

Ma torniamo agli angioletti e vediamo come appaiono in ogni angolo del mondo reale e virtuale.







































Tony Kospan




Copyright T. K. – Vietata la copia integrale senza indicare autore e blog



IL GRUPPO DI CHI AMA L’ARTE FIGURATIVA
(PITTURA, SCULTURA, FOTOGRAFIA E CINEMA)
.
.
.
.






2 risposte a “Il “boom” degli angioletti pensosi di Raffaello – Analisi… storia e le originali immagini

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Davvero stupendi. Esaustiva la spiegazione. Complimenti. Felice sera

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: