Archivio per 29 novembre 2019

L’ASINO ED IL LEONE – SAGGIA FAVOLETTA DEL GRANDE SCRITTORE RUSSO… TOLSTOJ   Leave a comment








Sagge sì…
ma anche molto simpatiche le favolette
del grande scrittore russo.

Stavolta ci parla di qualcosa
che quasi certamente sarà capitata anche a voi.








Ci sono persone che si danno molte arie
e si pavoneggiano a più non posso
mostrandosi per quel che non sono…
ma prima o poi commettono qualche errore
e vengono smascherate… (T.K.)









L'ASINO


 Leone Tolstoj




Un asino si mise addosso la pelle di un leone e andava attorno
seminando il terrore fra tutte le bestie.

Vide una volpe e volle provarsi a far paura anche a lei.

Ma quella, che per caso aveva già sentito la sua voce un'altra volta, gli disse:
 – Sta pur sicuro che, se non ti avessi mai sentito ragliare,
avresti fatto paura anche a me -.

 Cosi ci sono degli ignoranti che, grazie alle loro fastose apparenze,
sembrerebbero persone importanti, se la smania di parlare non li tradisse.










Felice weekend in poesia “L’angelo buono” R. Alberti – arte E. Vernon – canzone “Perché ti amo”   1 comment

.
.
.
.

Emile Vernon

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.


long-cuor-1xd5ccc79d3036b11410.gif

Amano davvero,
quelli che tremano nel dire che amano
Philip Sidney
long-cuor-1xd5ccc79d3036b11410.gif
.
.
.
.
.
.

Emile Vernon

.
.
.
.
.

L’ANGELO BUONO
Rafael Alberti

Venne quello che amavo,
quello che invocavo.
Non quello che spazza cieli senza difese,
astri senza capanne,
lune senza patria,
nevi.
Nevi di quelle cadute da una mano,
un nome,
un sogno,
una fronte.
Non quello che alla sua chioma
legò la morte.
Quello che io amavo.
Senza graffiare i venti,
senza foglia ferire né smuovere cristalli.
Quello che alla sua chioma
legò il silenzio.
Senza farmi del male,
per scavarmi un argine di dolce luce nel petto
e rendermi l’anima navigabile.



.
Emile Vernon
.
.
.
.
.
.
aa 7f8ffc8aa 7f8ffc8

.
.
.
.
.
.


da Orso Tony
.
.
.
.
.
.



.Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
PER LE NOVITA’ DEL BLOG
SE TI PIACE… ISCRIVITI

.
.
.

Emile Vernon


.
.
.

L’INCONTRO D’AMORE – Poesie.. aforismi.. canzoni e dipinti che ci parlano di questo decisivo primo momento   3 comments




IL PERCORSO DELL'AMORE UMANO 

II PARTE

L'INCONTRO

 
 
 
Ron Hicks

 
 
 
Care amiche ed amici amanti della poesia
proseguiamo, dopo aver parlato dello SGUARDO,
 in questa mini antologia poetica sul percorso dell’amore umano.
 
 
L'INCONTRO… IN POESIA ARTE AFORISMI CANZONI E…
a cura di Tony Kospan 
 
 
 
Dunque dopo che gli occhi ed i cuori
hanno provocato la… scintilla d’amore
cos’avviene se non… l’incontro?
 

L'incontro, il primo incontro,
è uno dei momenti fondamentali in ogni storia d'amore.
 
 
 
 
 
Sir Luke Fildes
 
 
 
 
E' il momento della prima vera verifica…
tra le nostre impressioni e le emozioni reali…
 
 
Esso può concludersi con l'entusiasmante perdersi…
in una calda nuvola d'amore… o ahimé
con il riconoscer d'aver vissuto solo un abbaglio.
 

Prima di passare alle poesie, come sempre,
leggiamo qualche aforisma sul tema.
 

 

Julius Leblanc Stewart

 
 
 
 
Gli incontri più importanti
sono già combinati dalle anime
prim'ancora che i corpi si vedano.
Paulo Coelho

Come ti vidi mi innamorai.
E tu sorridi perché lo sai.
Arrigo Boito
 

Camminavamo senza cercarci
pur sapendo che camminavamo per incontrarci.
Julio Cortázar

 
 
 

William-Adolphe Bouguereau

 
 
 
 
 
 
 
 
Le poesie prescelte sono di autori noti e non noti e come sempre
mi piacerebbe leggere quelle che, sul tema, amate voi.

 
 
 
 
 Sir James Jebusa Shannon
 
 
 
INCONTRO D'AMORE
Rosalba Satta Ceriale
 
Per ridere
ho tracciato un viso nel quaderno.
Una fronte qualunque
una bocca qualunque
un mento qualunque:
un profilo qualunque
di in qualunque tipo.
Adesso
è rimasta quella fronte
quel naso
quella bocca
quel mento
quel profilo
ma è scomparso il “qualunque”
e soprattutto quel “qualunque tipo”
perché ti ho conosciuto
… e quel viso ti appartiene.
 
 
 

Ron Hicks

 
 
 
E TU STAI LI'
Elgreco
 
E tu stai lì a guardarmi con gli occhi accesi,
spaventata dal trovarti
ad amarmi,
e tu stai in silenzio
le mani che cercano le mani,
le parole che cercano
le parole,
e tu stai li con respiro
lento ad assaporare
il desiderio di un bacio,
guardando labbra
che sorridono,
e tu stai li a sognare
di volare,
mentre gli occhi
si chiudono a sognare,
e tu stai li
all’angolo della strada,
con la mano aperta
a salutare,
tu stai li
ed io mi fermo
mi volto
e torno con te a volare.
 
 
 
Belmiro de Almeida
 
 
 
L’INCONTRO
Anna Andreevna Achmatova
 
Al collo un filo di esili grani,
celo le mani nel largo manicotto,
gli occhi guardano distratti
e non piangeranno mai più.
Sembra il volto più pallido
per la seta che tende al lilla,
arriva quasi alle sopracciglia
la mia frangetta non ondulata.
E non somiglia ad un volo
questa lenta andatura, quasi avessi
sotto i piedi una zattera
e non i quadretti del parquet.
La bocca bianca è socchiusa,
ineguale il respiro affannato,
e sul mio petto tremano i fiori
dell’incontro che non c’è stato.
 
 
 
Brent Lynch
 
 
 
TI HO INCONTRATA
Mario Vecchione
 
Ti ho incontrata
lungo la vita
che suonavi
le corde del vento
e cantavi canzoni di sole
canzoni d’amore
io pifferaio senza topi
tu in cerca
dell’ultimo fiore
siam caduti
nell’argento dei rimpianti;
ti ho incontrata
lungo la vita
che scrivevi
su foglie di gelso
e parlavi di storie di stelle
di storie d’amore
io don chisciotte senza mulini
tu violinista senza un archetto
siam caduti
nel buco nero dell’amore;
e adesso che
siamo vicini
pure lontani
come due poli
non indosso più gilè
grigio scuri
la tua mano nella mia
come un messaggio planetario
con il nettare di dio
nei nostri cuori.
 
 
 

Rob Hefferan

 

 

SECONDO RICORDO
Rafael Alberti
 
Anche prima,
molto prima della rivolta delle ombre,
e che nel mondo cadessero piume incendiate
e un uccello potesse essere ucciso da un giglio.
Prima,
prima che tu mi domandassi
il numero e il sito del mio corpo.
Assai prima del corpo.
Nell’epoca dell’anima.
Quando tu apristi nella fronte non coronata del cielo,
la prima dinastia del sogno.
Allorché,
contemplandomi nel nulla,
inventasti la prima parola.
Allora,
il nostro incontro.

 

 

 

 

Auguro infine un felice incontro
a chi ancora deve incontrare l'amore
e buon  proseguimento a chi lo ha già… incontrato.
 
 Tony Kospan
 
 

 
 
 
 
 
 

Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

PER LE NOVITA' DEL BLOG
frebiapouce.gif
SE TI PIACE… ISCRIVITI






Federico Andreotti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: