Breve ricordo di Nino Ferrer.. grande cantante francese di origini italiane.. anche con 2 sue note canzoni   Leave a comment

 
 
 

 
 
 
 

Breve ricordo di Nino Ferrer
vero mito della musica dagli anni 60 agli anni 80.
 
 
E' stato un grande artista e non solo un cantante
dal carattere forte ma anche tormentato.

 
 
 
 
 
Genova 15 agosto 1934 – Montcuq 13 agosto 1998
 
 
 
 

Nino Ferrer, all’anagrafe Agostino Arturo Maria Ferrari,
nasce a Genova da padre italiano e madre francese.

 
Dopo aver trascorso l'infanzia nella Nuova Caledonia
torna a Genova con la famiglia
che però poi, dopo la guerra, si trasferisce a Parigi.

 
 
 
 
 
 
 
 

Qui si laurea alla Sorbona in Lettere e filosofia.

Dopo una prima esperienza nel disegno
s'innamora della musica
cimentandosi prima come contrabbassista
e poi come cantante.




 


 



La sua voce, calda e profonda,
simile a quella dei mitici cantanti neri americani
ben presto lo fa conoscere ed a apprezzare
prima nell'ambiente musicale parigino
e poi in tutto il mondo ma soprattutto in Italia e Francia.



 
 
 
 
 
 
 
 


I temi della sue canzoni sono spesso molto impegnati
come “La pelle nera” contro il razzismo,
 o come “Il Re d’Inghilterra” contro la guerra
o “Il baccalà” contro lo stress della vita moderna etc…
ma anche leggeri come “Donna Rosa”, “Io, Agata e Tu” etc..


 
 
 
 
 
 
 
 
 



I suoi successi italiani e francesi lo rendono un idolo amatissimo.
 
 
Dopo una breve ma intensa storia d'amore con Brigitte Bardot torna
dalla sua fidanzata storica che sposerà e da cui avrà 2 figli.


 
 
 
 
 
 
 
 


Ha ricevuto diversi premi e riconoscimenti e si è esibito
con bravura anche come attore in alcuni film.
 
 
Il successo pian piano scema
e lui decide allora di ritirarsi nella campagna francese
lontano dai rumori e fastidi mondani.


 
 
 
 
 
 
 
 
 

Non tradì mai la sua italianità
affermando anzi di essere un emigrante.

Nel 1998 a causa di una profonda depressione,
acuita dalla morte della madre,
si sparò con un fucile 2 giorni prima del suo 64° compleanno.






 
 
Riascoltiamo infine la sua famosissima “Pelle nera”


 
 
 
 
 
 
 
 


Ciao da Tony Kospan




 
 


 
 
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: