Archivio per 9 aprile 2018

Buon lunedì sera in poesia “Melodie di sogno” M. A. Borgatelli – arte Monet – canzone “Eyes” di Billy Idol   Leave a comment

 
 


 
  
 
 
Monet – Lettura di primavera
 
 
 

 
 
 
 
 

 

Forse i poeti hanno ragione 
Forse l'amore è l'unica risposta 
– Woody Allen –

 
 

 

 
Monet – Donna con ombrellino
 
 


MELODIE DELL’ANIMA
 ~ M.A. Borgatelli ~ 
 
Profumano d’aurora
le speranze
e si tingono
di rosa i sogni.
Ondeggiano nell’aria
tremule illusioni
e dolcemente si posano
sui sentieri dell’infinito.
Plana lo sguardo
su attimi di felicità
e danzano i pensieri
su note d’allegria.
Ci sono momenti in cui
vorresti fermare il tempo
e restare immobile a scrutare
l’orizzonte della fantasia
mentre inebriato
dai colori della vita
il cuore ascolta
le melodie dell’anima. 

 



Monet – Nel campo di fiori

 
 
 

 

              
 
 





 

 


LA TUA PAGINA DI… SOGNO?

Foto animata

Foto animata


 
 
 

Monet – Terrace a Saint Adresse

  

 

La Rosa e la mendicante – Un bel brano dedicato al poeta delle rose.. R. M. Rilke.. ed il video di alcune sue poesie   Leave a comment

.
.


  


Un bel raccontino poetico e delicato,

direi di più… da brividi per il cuore,

che ha come protagonista il… 

Poeta delle rose“…

Rainer Maria Rilke 



 .


.


.

L A    R O S A

 


George Dunlop

 
 
 
 
Il poeta tedesco Rilke abitò per un certo periodo a Parigi.
Per andare all’Università percorreva ogni giorno, in compagnia di una sua amica francese, una strada molto frequentata.
Un angolo di questa via era perennemente occupato da una mendicante che chiedeva l’elemosina ai passanti.
La donna sedeva sempre allo stesso posto, immobile come una statua, con la mano tesa e gli occhi fissi al suolo.
Rilke non le dava mai nulla, mentre la sua compagna le donava spesso qualche moneta.
Un giorno la giovane francese, meravigliata domandò al poeta:
– Ma perché non dai mai nulla a quella poveretta? –
– Dovremmo regalare qualcosa al suo cuore, non alle sue mani – rispose il poeta.
Il giorno dopo, Rilke arrivò con una splendida rosa appena sbocciata, la depose nella mano della mendicante e fece l’atto di andarsene.
Allora accadde qualcosa d’inatteso:
la mendicante alzò gli occhi, guardò il poeta, si sollevò a stento da terra, prese la mano dell’uomo e la baciò.
Poi se ne andò stringendo la rosa al seno.
Per un’intera settimana nessuno la vide più.
Ma otto giorni dopo,la mendicante era di nuovo seduta nel solito angolo della via.
Silenziosa e immobile come sempre.
– Di che cosa avrà vissuto in tutti questi giorni in cui non ha ricevuto nulla? – chiese la giovane francese.
– Della rosa – rispose il poeta.
 

Testo senza il nome dell'autore presente in vari siti web.

 
 
 
 
 

J. W. Waterhouse

 



La rosa, di cui parla Rilke nelle sue poesie, forse però non è solo un fiore,
come mi segnalava un lettore del blog in una precedente versione del post,
ma anche e forse soprattutto l'allegoria del mistero della natura… della vita.



“Rosa, oh, contraddizione pura!

Delizia d’essere il sonno di nessuno sotto tante palpebre”


 

Questo è infatti l’epitaffio autografo voluto dal poeta sulla sua tomba.

  

 


Praga 4.12.1875 – Montreux 29.12.1926

 

 

Se ci fa piacere ecco ora in questo video

alcune sue poesie dedicate dal poeta alla rosa

 

 

 

 

 

 

 F I N E

 

 

Racconto e video dal Web – Presentazione ed impaginazione T.K

.

.

.


PER LE NOVITA'
SE IL BLOG TI PIACE…
ISCRIVITI







Buonanotte con la bella minipoesia “A Rina” di Giorgio Caproni   Leave a comment

.
.
 
 
 
 
.
.


A RINA
Giorgio Caproni


Senza di te un albero
non sarebbe più un albero.

Nulla senza di te 
sarebbe quello che è.
 
 
 
 
 
 
Arthur Hughes


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
PER LE NOVITA’ DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I

.
.
.
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: