Archivio per 7 febbraio 2018

Felice serata con “Una poesia per te” di A. Forlini – arte V. Redondo – canzone “Una canzone per te”   Leave a comment

 
 
 
 

Vicente Romero Redondo

 
 
 
 
 
 
 
 

 
 L’amore è come il fulmine:
non si sa dove cade finché non è caduto.
Jean-Baptiste Henri Lacordaire
 
 
 
 
 
 

Vicente Romero Redondo – Giovane donna in terrazza
 
 
 
 
UNA POESIA PER TE
Anna Forlini
 

Sorse, nacque nella mia mente
una poesia per te:
piccola rima fatta
di piccole, dolci,
care, tenere parole.
Poi le ore passarono
non potei fermare
la tenera rima
su bianca carta
così, volò via;
ma nel mio cuor
v’è ancora la musicalità
del verso, la dolcezza
intima, profonda
del pensier mio;
volevo dirti in essa:
t’amo, t’amo
con tutta l’anima mia!
 
 
 
 
Vicente Romero Redondo – Giovane donna sul prato

 
 
 
  
 
 

Foto:
 

a tutti… da Orso Tony


 
 
 
 
UN MODO DIVERSO DI VIVER
LA POESIA (E NON SOLO)
NELLA PAGINA
 
 
 
 
 
 
 Vicente Romero Redondo 
 
 
 
Annunci

Il famosissimo e simpaticissimo… “Test di elasticita mentale”   1 comment

 
 
 
 
E' un test famosissimo… 
 assolutamente diverso da tutti gli altri…
e se lo farete sarete certamente sorpresi

 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
TEST DI ELASTICITA'… MENTALE…
ORIGINALISSIMO E SIMPATICISSIMO

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il test, molto breve, è ora un vero classico
ma era di gran moda qualche decina di anni fa.

Non è un test psicologico,
anzi forse si avvicina agli indovinelli e
più che nella razionalità… esso ci chiede
un'immersione in un mondo di gioco e fantasia.



.
.
.
E' composto da 4 domande.
 

Le domande non sono molto difficili… ma…

pensiamoci bene… A bocca aperta
perché sono piene di trabocchetti logici
per cui seguite il consiglio su accennato

prima di rispondere.





Risultato immagine



Domanda n. 1:



Come fai a mettere una giraffa in un frigo?
.
.
.
.
.
.
.
Fatto?
.
.
.
.
.
.

.


.


.


La risposta giusta è: apri il frigo, metti dentro la giraffa e chiudi il frigo.

Questa domanda verifica se tu tendi a fare le cose semplici in maniera eccessivamente complessa.







Domanda n. 2:


Come metti un elefante in un frigorifero?
.
.
.
.
.
.
.

Fatto?

.
.
.
.
.
.
.


.


.
.

Risposta errata: apri il frigo, metti dentro l'elefante e chiudi il frigo.
Risposta corretta: apri il frigo, togli la giraffa, metti dento l'elefante e chiudi il frigo.
Questa domanda verifica la tua abilità nel pensare alle conseguenze delle tue azioni.








Domanda n. 3:

Il Re Leone sta tenendo una conferenza per gli animali.
Sono presenti tutti gli animali tranne uno.
Quale?

.
.
.
.
.
.
.
Fatto?
.
.
.
.
.
.
.


.


.

Risposta corretta: L'elefante perché è nel frigo.
Questa domanda verifica la tua memoria.




Bene, anche se hai risposto sbagliato alle prime tre,
hai un'ultima possibilità di dimostrare le tue capacità.







Domanda n. 4:


Devi attraversare un fiume, ma è infestato di coccodrilli.
Come fai?
.
.
.
.
.
.
Fatto?
.
.
.
.
.
.
.


.


.


Risposta corretta: Lo attraversi a nuoto.

Tutti i coccodrilli sono alla conferenza del Re Leone!

Questa domanda verifica se tu impari in fretta dai tuoi errori.



F I N E
.
.
.

– Test/gioco rinvenuto nel web –

– Presentazione, mini modifiche e impaginazione T.K. –



IL SALOTTO DI SOGNO DI FB?

APRI LO SCRIGNO










Breve ma saggia riflessione su.. Umanità e Natura… di Orso in piedi della tribù Lakota   Leave a comment



Ancora una volta stupisce la profondità,
pur nella sua semplicità,
della cultura dei nativi americani.





.
.
.
Questa piccola riflessione di Orso in piedi
penso che possa farci riflettere…

Forse è per il nostro allontanamento
nel pensiero e nelle azioni
da madre Natura 
che il mondo ci appare come impazzito?







RIFLESSIONE DI ORSO IN PIEDI



Gli anziani Lakota erano saggi.

Sapevano che il cuore di ogni essere umano che si allontana dalla natura si inasprisce.

Sapevano che la mancanza di profondo rispetto per gli esseri viventi e per tutto ciò che cresce,
conduce in fretta allamancanza di rispetto per gli uomini.

Per questa ragione il contatto con la natura, che rende i giovani capaci di sentimenti profondi,
era un elemento importante per la loro formazione.




Orso in Piedi – Lakota




F I N E








Lo scoglio di Tevennec ed il suo faro maledetto – La storia.. il fantasma ed il video di una delle tremende tempeste   Leave a comment



.

.


Ci sono luoghi poco noti
che però hanno delle caratteristiche molto particolari
e delle storie davvero strane…

Uno di questi è il faro di Tevennec col suo isolotto
situato in un mare spesso enormemente tempestoso
che sarebbe abitato da un fantasma.



 
 





La piccolissima isoletta su cui si trova il faro
è situata sulla punta occidentale della Bretagna (FR)
in una zona di mare che, per la sua configurazione
ed i vari stretti tra diverse altre isolette,
è quasi sempre schiaffeggiata da onde molto alte.

.


  





L’isolotto gode da sempre di cattiva fama
per i molti naufragi avvenuti sulla sua costa
e gli anziani marinai della zona narravano che
quando guidavano la barca nei suoi paraggi
essa non teneva più la direzione
e si trovavano spesso in grosse difficoltà.

Ma il motivo per cui l’isolotto 
si rovinò definitamente la sua reputazione
ha origine da un episodio davvero tragico.



.
.
.
.
 

Un naufrago, che era riuscito a salvarsi approdando lì,
vi morì però di fame e stenti dopo aver tentato inutilmente
per ben 5 giorni d’attirar l’attenzione 
delle imbarcazioni che passavano da quelle parti.


Si narra che il suo fantasma ancora infesta il faro
facendo sentire continuamente i suoi lamenti.



 
.


.
.
.
A causa dei continui naufragi in quel tratto di mare allora
le Autorità decisero di costruire un faro anche lì.

Ma la storia “nera” di questo isolotto
continuò anche durante i 5 anni della costruzione del faro
dato che fu funestata da tante anomalie ed incidenti,
nonché dalla morte di diversi operai e dall’impazzimento di altri.



 
.
.
Una volta messo in funzione le cose però non migliorarono
dato che tutti i guardiani poco tempo dopo il loro arrivo
scapparono e per questo l’isoletta prese il nome
 “ Kerz kuit ” (“andare via ” in bretone)
tranne uno che resistette 15 anni dal 1881 al 1896.


Per trattenere i guardiani furono allora offerti permessi,
promozioni, illuminazione dell’isolotto, riscaldamento e
perfino la possibilità di portare con sé moglie e figli,
ma inutilmente, finché si decise,
per la prima volta in Francia,
di render automatico il faro nel 1910.



 


Tornando alla leggenda del fantasma
sembra che in realtà i suoni provengano
da un sifone costituito da una roccia cava
che diventa rumorosa per la marea che l’invade.



IL VIDEO

Ma a parte la storia vera e la leggenda del fantasma
ecco ora un piccolo video davvero affascinante
e davvero emozionante che ci mostra l’isolotto
ed il suo faro alle prese con una tremenda tempesta
e che mi ha dato l’input per questo post.


Buona… visione





 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
.
.
.
.
.

.
ARTE MUSICA POESIA ETC…
NEL GRUPPO DI FB
AMICI DI PSICHE E SOGNO
.
.






%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: