Archivio per 3 febbraio 2018

Buon sabato sera in poesia “Ah silenziosa” di Neruda – arte E. de Blaas – canzone “Una canzone per te”   Leave a comment


 
 
 
Eugene de Blaas
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La tradizione dice
che quando abbracciamo qualcuno in modo sincero,
guadagniamo un giorno di vita.
– Paulo Coelho –
 
 
 
 
 
 
 
   

Eugene de Blaas – Bellezze veneziane
 
 
 
AH SILENZIOSA
~ Pabblo Neruda ~
 
Bianca ape, ebbra di miele, ronzi nella mia anima
e ti avvolgi in spirali lentissime di fumo.
Io sono il disperato, la parola senz'eco,
quegli che ha perso tutto, dopo aver tutto avuto.
Sei la fune in cui cigola la mia ultima brama.
Nel mio deserto vivi come l'ultima rosa.
Ah silenziosa!
Chiudi gli occhi profondi dove aleggia la notte.
E denuda il tuo corpo di statua timorosa.
Possiedi occhi profondi dove aleggia la notte,
fresche braccia di fiori ed un grembo di rosa.
I tuoi seni assomigliano alle conchiglie bianche.
E sul tuo ventre dorme una farfalla d'ombra.
Ah silenziosa!
Con me è la solitudine da cui tu sei lontana.
Piove. Il vento del mare caccia erranti gabbiani.
L'acqua cammina scalza per le strade begnate.
Le foglie di quell'albero gemono come infermi.
Bianca ape assente, ancora ronzi nella mia anima.
Risusciti nel tempo, sottile e silenziosa.
Ah silenziosa!
 
 
 
Eugene de Blaas – Raccoglitrici di cozze
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA TUA NUOVA PAGINA FB DI SOGNO?
il nostro mondo a colori
 
 
 
 
 
 
 
Eugene de Blaas
 
 
 
 
 
Annunci

Le incredibili e meravigliose.. fontane-rubinetto.. “magiche”   Leave a comment







Questi grandi rubinetti sono misteriosamente in aria sopra una piscina (o altro) con acqua che sgorga in continuazione venendo fuori apparentemente dal nulla.

Come fa a rimanere per aria il rubinetto e da dove viene tutta questa acqua?

Guardiamo diverse installazioni del genere e più giù vi darò la spiegazione…
















La fontana rubinetto volante è un illusione ottica simpatica ed intelligente.

Questo installazione spettacolare è ottenuta mediante un tubo trasparente al centro della colonna d’acqua che tiene il rubinetto sul posto e, allo stesso tempo, mantiene alimentandola con acqua pompata dal basso.

L’acqua sale attraverso il tubo ed esce in alto.

La colonna d’acqua veloce e turbolenta nasconde efficacemente la vista del tubo.
Queste installazioni si trovano in Spagna, Belgio, Stati Uniti, Canada ed in altre parti del mondo.

Alcune sono permanenti ed altre temporanee.






Ciao a tutti…


Tony Kospan



ARTE MUSICA POESIA ETC
NEL GRUPPO DI FB

D’ARTE POESIA MUSICA ETC.
NATO DALLA PAGINA








IL CANE ABBANDONATO – Semplice… affettuosa… e davvero bella… poesia   Leave a comment



L’abbandono degli animali e soprattutto dei cani,
che diventa drammatico e pericoloso ogni estate
ma che in verità, seppur con numeri inferiori, si verifica tutto l’anno,
 mi porta a parlare di questa poesia che
ritengo tra le più belle sul tema.







IL CANE ABBANDONATO… STUPENDA POESIA







A mio parere è davvero una bellissima, anche se triste poesia
che merita d’esser letta
in quanto ci fa vivere poeticamente e con parole semplici
il dramma dell’abbandono dal punto di vista di un cane

L’autrice, con cui mi complimento, mostra un’ottima conoscenza
dei cani e dei loro affettuosi sentimenti,
che nell’abbandono vengono vilmente traditi.

Ma è giunto il momento di leggerla.







IL CANE ABBANDONATO
Maria Monti

Povero cane abbandonato
che vaghi per le strade senza meta
in cerca di qualcosa che non trovi
un osso, una cuccia, una carezza.
Al chiar di luna vedi lontano
un’ombra, le corri incontro
festoso, ma non è che un cane,
un povero cane randagio come te,
in cerca di quel che cerchi te:
un osso, una cuccia, una carezza
I tuoi nemici: il cacciatore
che ti abbandona quando sei vecchio
e stanco, la famiglia che ti lascia
per andare al mare, il vicino
di casa che odia il tuo abbaiare,
il bimbo stanco di giocare
con te, più non ti vuole
e la madre che dice,
aprendoti la porta: vattene via,
vai incontro al tuo destino!
Ella non sa, di togliere al bambino,
un amico fedele pronto per lui
a dar la vita stessa,
per un osso, una cuccia, una carezza.






Tony Kospan




 
LA PAGINA DI FB
DELLA POESIA E DELLA CULTURA






LA PIOGGIA – Poesie.. canzoni.. dipinti ed aforismi dedicati ad un fenomeno atmosferico.. amato ed odiato   Leave a comment

.


.
.
.
.
Ci sono pochi fenomeni naturali…
amati ed odiati…come la pioggia…

.
.

LA PIOGGIA IN POESIA ARTE MUSICA E…
a cura di Tony Kospan
per il blog IL MONDO DI ORSOSOGNANTE
.
.
.
.
.
.


No… non pensiamo solo a quanto fastidio essa ci dà …
quando ci infradicia le ossa… o ci sembra interminabile
ma anche a quanto essa è indispensabile
per l'agricoltura… per lavare l'aria delle nostre città
e la Natura in genere…
.
Può poi perfino esser bella ed allegra
la pioggerella d'estate…
quando giunge a rinfrescarci
dopo giorni di caldo soffocante.

.
.
.

.
.
.

La pioggia ha però anche un valore simbolico
quale momento di catarsi… di purificazione…
ripulendoci dalle incrostazioni psicologiche
e dalle inconsapevoli negative relazioni ed abitudini
che accumuliamo nella nostra vita…
.
Prima di passare alle poesie, come di consueto…
alcuni aforismi
sul tema che mi appaiono
interessanti.
.
.
.

.
.
.

.
La pioggia disseta la terra e i cuori malinconici.
Bagna la bocca dei poeti.
Stephen Littleword
.
Amo la pioggia,
lava via le memorie dal marciapiede della Vita.
Woody Allen
.
Senza un temporale di tanto in tanto,
come faremmo ad apprezzare i giorni di sole?
Kevin Alan Milne
.
Fuori piove
e tu sei la persona con cui voglio guardare fuori,
quando fuori piove.
Giulia Carcasi
.

.
.
.

Passiamo ora alle poesie prescelte…
e debbo confessarvi che, non essendocene moltissime,
non è stato facile trovarne di belle (a mio parere)
sul tema che non fossero le solite notissime.
.
.
.
Auguste Renoir – Ombrelli
.
.
.
LA PIOGGIA
Alberto Teodori
.
Piove sull'asfalto,
piove sul mio cuore,
piove sulla devastante prateria sconfinata del mio animo,
e so, che sino a quando non ti rivedrò,
saranno tempeste
che graviteranno a lungo sul luogo d'ombra,
senza che luce possa lenire il vuoto che sopporto.
Di più mi farà paura il diluvio che arriverà
se la tua presenza tarderà a farsi presente.
Ma la pioggia autunnale è così benigna
che oso sperare che la lontananza
accresca il sapore melodioso del ricordo che,
solo conta nella tua assenza,
e come rende fertile la terra, l'acqua piovana,
così gli istanti trascorsi siano concime
che illumini il buio che trovo senza di te.
.
.
.

Edouard Leon Cortes – Place Vendome sotto la pioggia
.
.
.
PIOVE
Guillaume Apollinaire
.
Piovono voci di donne
come se fossero morte anche nel ricordo
Anche voi piovete
meravigliosi incontri della mia vita
o goccioline
E quelle nuvole impennate
cominciano a nitrire un intero universo di città auricolari
Senti se piove
mentre il rimpianto e lo sdegno piangono una musica antica
Ascolta cadere i legami che li tengono in alto e in basso.

.
.

.

Claude Theberge – Pioggia e colori
.
.
.

ASCOLTAVO LA PIOGGIA
Alda Merini
.
Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quale fragile ardore
sillabava e moriva.
L’infinito tendeva
ori e stralci di rosso
profumando le pietre
di strade lontane.
Mi abitavano i sogni
odorosi di muschio
quando il fiume impetuoso
scompigliava l’oceano.
Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quanti nastri di strade
annodavano il cuore.
E la pioggia piangeva
sciugandosi al vento
sopra tetti spioventi
di desolati paesi.

.
.

.

Maurice Prendergast – Ombrelli sotto la pioggia
.
.
.

PIOGGIA
Garcia Lorca
.
La pioggia ha un vago segreto di tenerezza
una sonnolenza rassegnata e amabile,
una musica umile si sveglia con lei
e fa vibrare l'anima addormentata del paesaggio…
O pioggia silenziosa, senza burrasca, senza vento,
pioggia tranquilla e serena di campi e di dolce luce,
pioggia buona e pacifica, vera pioggia,
quando amorosa e triste cadi sopra le cose!
O pioggia francescana che porti in ogni goccia
anime di fonti chiare e di umili sorgenti!
Quando scendi sui campi lentamente
le rose del mio petto apri con i t
uoi suoni.

.
.
.


Daniel Del Orfano – Un lungo saluto
.
.
.
PIOGGIA
Charles Bukowski
.
Un'orchestra sinfonica.
scoppia un temporale,
stanno suonando un'ouverture di Wagner
la gente lascia i posti sotto gli alberi
e si precipita nel padiglione
le donne ridendo, gli uomini ostentatamente calmi,
sigarette bagnate che si buttano via,
Wagner continua a suonare, e poi sono tutti
al coperto. vengono persino gli uccelli dagli alberi
ed entrano nel padiglione e poi c'è la Rapsodia
Ungherese n. 2 di Liszt, e piove ancora, ma guarda,
un uomo seduto sotto la pioggia
in ascolto. il pubblico lo nota. si voltano
a guardare. l'orchestra bada agli affari
suoi. l'uomo siede nella notte nella pioggia,
in ascolto. deve avere qualcosa che non va,
no?
è venuto a sentire
la musica.
.

.
.

Leonid Afremov
.
.
.
.
.
.
Auguro a tutti una pioggia di baci e di cuori.
.
.
.
Orso Tony
.
.
.


LA POESIA… LA CULTURA…
IL LORO FANTASTICO MONDO…
E LE LORO SUBLIMI EMOZIONI…
NELLA PAGINA FB

.
.

.


.
.
.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: