Archivio per 1 ottobre 2017

Buona domenica sera in poesia “Tanta acqua” Prevert – arte Sir A. Tadema – canzone “Anche per te” di Battisti   2 comments

 

 

Sir Lawrence Alma-Tadema


 

 

 

 

 


La vita è come una commedia:

non importa quanto è lunga,

ma come è recitata

~ Lucio Anneo Seneca ~


 
 

 
 
 
Sir Lawrence Alma-Tadema – Gli occhi rivelano i suoi pensieri

 
 

 

 

 

TANTA ACQUA


Jacques Prévert

 

Tanta acqua è passata sotto i ponti

Ed anche un grande fiume di sangue

Ma ai piedi dell’amore scorre un bianco ruscello

E nei giardini della luna

Dove ogni giorno si fa festa

A te questo ruscello canta addormentato

Quella luna è il mio capo

Dentro cui gira un grande sole blu

E gli occhi tuoi

Sono questo sole.

 

 

  

 

Sir Lawrence Alma-Tadema – Il poeta preferito

 



 





da Orso Tony

 

 

LA TUA NUOVA PAGINA DI PSICHE E SOGNO
PER COLORARE LE TUE ORE…


 

L'immagine può contenere: 4 persone, persone sedute

Sir Lawrence Alma-Tadema


 

 

Annunci

REGINELLA – La famosissima.. antica e classica canzone napoletana con la sua storia e le atmosfere dell’epoca   Leave a comment

 
 
 
 
L'immagine può contenere: 1 persona, sMS
 
 
 
 
 

ATMOSFERE E NOTE… D’UN TEMPO
a cura di Tony Kospan

 
 
 



Samuel Melton Fisher

 
 

R E G I N E L L A

(1917)

 
 
Questa è una delle più famose
canzoni classiche napoletane.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

STORIA E SIGNIFICATO DELLA CANZONE

 
 
 

Fu scritta nel 1917 dal notissimo paroliere-poeta Libero Bovio e musicata da Gaetano Lama a tempo di valzer e quindi quest’anno è il suo centenario.

 
 
 
 
 

 
Libero Bovio con Salvatore Di Giacomo e Ferdinando Russo

 
 
 

 
Essa ci parla di una donna che ha preferito lasciare le sue semplici origini… (di quando mangiava pane e ciliege…) ed anche il suo innamorato senza pretese… per divenire una raffinata sciantosa (oggi potremmo definirla soubrette ma il significato è più ampio) che parla in un incerto francese e che veste abiti scollati ed eleganti.
 
L’avvilimento del suo ex è tale che neanche il cardellino trova la forza di volare via e di cercarsi una nuova padrona, pur con la gabbia ormai aperta.
 
 
 
 
 
L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, sMS
 
 
 
 
 

IL FAMOSO RITORNELLO ED IL BRANO

 
 
 
Il ritornello 
«Perché, ora che non ci amiamo più, tu distrattamente pensi a me, distrattamente parli di me, distrattamente chiami me?» 
rivela che il fuoco dell’amore seppur ormai semispento sotto la cenere cova ancora in entrambi…
 
 
Quel “distrattamente” a mio parere, quasi come un lapsus freudiano, mostra proprio questo… mentre però intanto i due stanno già prendendo strade ormai diverse… lontane.

 
 
 
 

L'immagine può contenere: una o più persone

 

 

 

E’ quindi un brano dolce e malinconico che ci parla della fine di un amore con toni così accorati che lasciano immaginare non del tutto spente nè la passione nè le emozioni che quell’amore ha destato.
 
 
La canzone ebbe un successo immediato.
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 

ATMOSFERE DI QUELL’ANNO
 
 
 
 
Siamo nel 1917 e la 1° guerra mondiale vive ancora momenti molto critici pur se s’inizia ad intravedere la fine.

 
 
 
 

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio all'aperto


 
 
 
ma intanto nonostante tutto… e soprattutto nonostante i tantissimi lutti… nelle città la vita continua…

 
 
 
 
Nessun testo alternativo automatico disponibile.
 
 
 
 
con i ritmi e le modalità d’allora
 
 
 

L'immagine può contenere: 1 persona, cappello

 
 
 
 
L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, spazio al chiuso
 
 
 
 
 
 
ASCOLTO DELLA CANZONE

 
 
 

Ma ora ascoltiamola in questo video in cui vi sono anche bellissime immagini… cantata da Robeto Murolo



 
 


L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, matrimonio e spazio al chiuso


 
 
 
 
e poi, se ci va,  anche in questo sito, in cui potremo leggerne anche il testo originale e la traduzione, cantata da Massimo Ranieri.

 
 
 

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi
 
  
 
 
 

Buon ascolto da Tony Kospan




IL TUO NUOVO GRUPPO DI RICORDI..CULTURA ED AMICIZIA

L'immagine può contenere: 1 persona




L'immagine può contenere: 2 persone, persone che sorridono



Ron Mueck e le sue sculture davvero impressionanti per il loro “iperrealismo”   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCULTURE DAVVERO SORPRENDENTI
E QUASI INCREDIBILI
QUELLE DI 
RON MUECK
 ARTISTA AUSTRALIANO…
CHE PERO’ OPERA IN INGHILTERRA
 
 
 
 
 
Ron Mueck – Melbourne 1958
 
 
 
 
 
SONO SCULTURE COME NON L’AVETE MAI VISTE
PER L’INCREDIBILE ADERENZA ALLA REALTA’…
PIU’ DURA E PIU’ INTIMA
DELL’UMANITA’ NORMALE O FOLLE…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA SUA ARTE E’ DEFINITA
 
IPERREALISMO
 
 
 
 





Le sue opere sono create con materiali polivinilici
ed appaiono di un incredibile realismo
tranne che per un aspetto.

Esse sono infatti o molto grandi o molto piccole
rispetto ai soggetti reali
e però generano sempre stupore
e talvolta un certo disagio.






Per raggiungere questo risultato l’artista australiano
cura a lungo e con estrema precisione ogni minimo particolare
come il colore della pelle e la perfezione dei capelli.

Le sue opere sono state esposte in diversi musei internazionali.
 
 
 
 
QUESTE CHE MOSTRO QUI SONO SOLO ALCUNE


TRA LE MENO “FORTI”
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 NONOSTANTE CIO’
ALCUNE IMMAGINI CHE SEGUONO
POSSONO APPARIRE TROPPO CRUDE
E POSSONO TURBARE O DISTURBARE 
 PERSONE MOLTO SENSIBILI
PER CUI CONSIGLIO A LORO DI ASTENERSI
DAL PROSEGUIRE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SE PERO’ VE LA SENTITE…



 
 
 
 
 



Foto:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 



 
 
 
 
 
POTETE INFINE VEDERE IN QUESTO VIDEO
UN’AMPIA RASSEGNA DI SUE OPERE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 
 
 
IL NUOVO GRUPPO IN CUI VIVER L’ARTE


INSIEME
 
 
 
 
 
 

Bella e simpatica questa… LEGGENDA DELLA DANZA DI LUNA   4 comments

 

 

 

 

     
 
 
 
 
Mentre cercavo informazioni, immagini e poesie sulla Luna,

non molto tempo fa,  mi sono imbattuto in questa bella leggenda

che mi fa piacere condividere con voi…

Tony Kospan

Se vogliamo leggerla ascoltando questa bella musica new age 
 
 
 
 
 
 

 (

 
 
 
 
 
    1. LA LEGGENDA DELLA DANZA DI LUNA


      Molti anni or sono Luna era alta nel cielo..
      Il suo cuore triste lacrimava..
      Cosi decise di abbandonare il cielo e andare a vivere sulla terra.
      Chiese ad una stella di donarle due piccole ali per raggiungere la terra.
      La stella subito esaudì il suo desiderio..
      Luna viaggiò molto. Finalmente dopo molti mesi toccò terra.
      La sua anima era ancora triste, iniziò a correre veloce nel bosco scuro..
      I suoi occhi non volevano vedere e le sue orecchie non volevano sentire..
      La strada era faticosa, salite discese, torrenti da attraversare, alberi sui quali camminare, ponti traballanti con grandi burroni , funi pericolanti, molti sassi grandi e piccoli sui quali camminare…

      Inciampava tante volte, ma proseguì.
      Iniziò a piovere molto forte. Si creo' molto fango, ma lei era coraggiosa.
      Cadde e rialzo più volte .
      Capi di lasciarsi andare a quel percorso senza timore.
      Cosi inizio' a strisciare,era molto forte ,striscio' come un serpente.
      Sapeva che sarebbe stata l'unica strada per salvarsi….continuando a strisciare entrò in un tunnel scuro dove incontrò molti animali in viaggio come lei.. Civette, Orsi, Lupi, Pipistrelli, Ragni, Lontre..
      Tutti incitavano Luna a proseguire il suo Viaggio..
      Luna gridava , piangeva.
      Era disperata voleva andare via di li,
      voleva la Luce più di ogni altra cosa..
      E nuovamente si lasciò trasportare..
      Mille emozioni attraversavano la sua forte anima..
      Usci' dal tunnel, corse ancora disperata.
      Poi all'improvviso si fermò.
      Si guardò intorno.
      Respirò profondamente.
      Chiuse gli occhi.
       
       
       


       

       
      Iniziò a danzare.
      Una magica Danza.
      Mai vista neppure dagli spiriti.
      Si udivano in lontananza molti tamburi.
      Gli spiriti del luogo videro Luna.
      Si radunarono tutti e copiarono la danza..
      Tutto il bosco era invaso da spiriti danzanti.

      Luna danzava come il vento senza fermarsi neppure per prendere fiato, gridava, piangeva e rideva.
      Venne risucchiata completamente dalla Danza, formando intorno a se una gigantesca sfera argentata che scoppiò creando una miriade di piccole luci che invasero l'Universo intero, formando tantissime stelle e giochi di colori infiniti.
      Nessuno sa se la sua Danza fosse di dolore o di gioia.


      Luna vive profondamente senza usare parole.

       

       

       

      La leggenda vuole che da quel giorno molte popolazioni si riuniscono per donare alla Luna la loro Danza.

      Si dice che qualcuno si trasformi ancora in Stella e che porti ovunque nell'Universo questa Danza…

       
       
       
       

       
       
       
        

       

      Dal web – Impag. T.K.


       

      CIAO DA TONY KOSPAN




      PER LE NOVITA' DEL BLOG

      SE IL BLOG TI PIACE
      I S C R I V I T I

       

       
       
       
       
       

       
       
       

      %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: