Archivio per ottobre 2017

Buon martedì sera in poesia “Parlami” di A. Fumagalli – arte.. Boldini – canzone “Adesso tu”   1 comment

 

 


Giovanni Boldini


 

 

L'immagine può contenere: oceano, cielo, crepuscolo, nuvola, sMS, acqua, spazio all'aperto e natura


 
 
 

 
 
La vita si ascolta così come le onde del mare.
Le onde montano… crescono… cambiano le cose.
Poi, tutto torna come prima…
ma non è più la stessa cosa.
~ A.Baricco ~
 
 
 
 

 

 

 

 

Giovanni Boldini

 

 


PARLAMI
Ambrogio Fumagalli 

 

Parlami se il cielo

non t’ha più sorriso

se il mare non t’ha più amato

se le nuvole non t’hanno ricoperto

quando faceva freddo

o quando l’amore t’ha lasciato

e ti sentisti morire piano piano

come fosse il luccicare

d’una candela

che si spegne in un soffio

di vento o di tempo.

 

Parlami dei tuoi passi


dell’amore che ti mancò

del volare che non ti bastò

o quella voglia di sperare

che ti fece sognare

o era un voler pregare

in una mattina d’inverno

quando il gelo

si confuse con la bruma

e il luccicare del ghiaccio

lo scambiasti per l’infinito

cielo stellato.


 

 

Giovanni Boldini

 

 

 



 

 

Foto:

 

a tutti da Orso Tony

 

 

 

IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE…
I N S I E M E

 

 

   

Giovanni Boldini

 

 

 

Annunci

Breve storia degli inizi medievali della danza moderna… anche con immagini e video   Leave a comment

 
 

 
 
 
 

Non preoccupatevi eh eh… non è un post lungo e barboso…
 
Ci consente però una sbirciatina sulla storia della danza

 
 
 
 

 
 
 
 

BREVE STORIA DELLA DANZA

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Il medio evo è stata un’epoca che,
al contrario di quanto comunemente si crede,
non fu affatto un periodo completamente oscuro,
 ma pieno di humus e volontà di risveglio
da cui poi scaturì lo splendore del Rinascimento.

Certo è un periodo storico che affascina molto.



Giovanni Guidi – 1450 – “Adimari cassone”

 
 
 
Fu proprio nel M. E. che ha inizio la storia della danza moderna
ma prima analizziamo il concetto di danza.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

SIGNIFICATO DELLA DANZA


 
 
Gli esseri umani si esprimono naturalmente attraverso il movimento.
 
 
 
 

Incisione di una figura danzante da AddauraLa Danza è la trasformazione di ordinari movimenti funzionali e espressivi in movimenti straordinari per scopi straordinari. Molte specie animali eseguono danze di corteggiamento o per altri scopi, ma la danza umana differisce da quello di altri animali per l’uso consapevole di simboli.

La danza va oltre gli scopi funzionali dei movimenti usati nel lavoro o nello sport, per esprimere emozioni, stati d’animo, o idee; raccontare una storia; o semplicemente creare un’esperienza che sia piacevole, eccitante, esteticamente valida.

Movimenti del corpo umano in disegni ritmici sono stati usati per dare espressione a esperienze di vita prima ancora dell’uso di sostanze materiali o della parola scritta. Incisioni nelle Grotte di Addaura, vicino a Palermo, testimoniano l’esistenza della danza nel Neolitico (circa 12.000 anni fa).

 

 

 

 

 

 

Figura danzante dal Tempio del Toro del villaggio di Catal Huyuk in Anatolia, Turchia circa 6500-5500 a.C.

Esistono due principali tipi di danza:

– danze di partecipazione, che consistono in movimenti codificati eseguiti in determinati situazioni sociali,

 – e danze di presentazione, che sono create per un pubblico di spettatori.

 

Il secondo tipo di danza è considerata una delle maggiori forme di arte.




.

.

.


BREVE STORIA DELLA DANZA MODERNA



La danza occidentale che conosciamo oggi ha le sue origini nel Medioevo.

Della danza praticata nell’antichità rimangono alcune tracce archeologiche, analizzate solo negli ultimi tempi.

.

.

 

Danza Antico Egitto

.

.

.

Il corpo umano può eseguire molti movimenti come piegamenti, salti, stiramenti, giri.

Ogni stile di danza privilegia certi tipi di movimenti anziché altri, ed è ciò che caratterizza lo stile.

Combinando i vari movimenti contemplati da uno stile di danza e usando dinamiche diverse, si può creare un infinità di passaggi.

Gradualmente i movimenti stilizzati che compongono il balletto classico occidentale sono stati codificati in un sistema ben definito.

 

 

 

Balletto nel '700

 

 

 

Siccome la codificazione del balletto è stata compiuta in Francia, molti passi e movimenti hanno nomi francesi.

Questi nomi sono stati usati successivamente per indicare gli stessi movimenti anche nella danza moderna.

 

 

 

 Degas – Ballerina

 

 


Attraverso un lungo periodo di studio, la potenzialità di movimento del corpo può essere aumentato per ottenere effetti più spettacolari o espressivi.

I costumi possono aumentare la potenzialità del corpo, come accade con le scarpe da punta in danza classica.




 

 

 

 

 

 

 

GLI INIZI MEDIEVALI


 

 

 

 

 

Durante il Medioevo europeo la chiesa cristiana disapprovava la danza come espressione e ricordo di manifestazioni pagane.

Tuttavia si affermarono e vennero comunque praticate, con gran partecipazione, soprattutto 2 tipi di danze:

– danze di isterismo religioso, come il ballo di San Vito, e

– danze popolari nel solco delle antiche tradizioni contadine.

 

 

 

 Bruegel
 
 
 

 

Le danze erano in genere presenti durante le feste popolari ed erano eseguite anche per intrattenere un pubblico.

I balli popolari di oggi sono proprio la continuazione di questa tradizione agreste.

Alcune danze dei sudditi divennero però popolari anche tra gli aristocratici.

Queste danze si sono evolute in danze di corte, e da queste danze è nato il balletto che si affermò nel  '700.


 

 

Degas – Ballerine

 

 

 

Testo dal web – Impaginazione T.K.

 

 

Concludo il post con questo interessante video che ci mostra,

 in modo indicativo, un tipo di danza rinascimentale.

 

 

 


 
 
 
 
 
Ciao da Orso Tony che al massimo può far il…
ballo… dell’Orso A bocca aperta
 
 
Scherzo… ma mica tanto… eh eh…
 
 

 
 
 
imagenimagenimagen 

LA TUA NUOVA PAGINA DI PSICHE E SOGNO
PER COLORARE LE TUE ORE…








 
 
 

Jan Vermeer – Biografia e capolavori del grande pittore olandese del ‘600.. genio della luce   1 comment





Foto:




.

.

Il pittore olandese del '600

è ormai consacrato come uno dei grandi

dell'arte mondiale.



Qui potremo dar uno sguardo alla sua vita,

alla sua arte ed anche alle modalità

con le quali è stato riscoperto e tolto

dall'oblio in cui era caduto per oltre 2 secoli.

  

.

.

La ragazza con l'orecchino di perla

 

 

 

JAN VERMEER – IL GENIO DELLA LUCE

Tony Kospan

 

 

 

 

Jan Vermeer  (Delft 31.10.1632 – Delft 15.12.1675)




Questa qui sopra è considerata dagli storici

l'unica immagine attendibile di Vermeer

ed è un dettaglio del suo dipinto “La mezzana” del 1656










BREVE BIOGRAFIA



Secondogenito di un mercante d'arte di Delft (Olanda)

attraverso la frequentazione di artisti e collezionista

si appassiona al mondo dell'arte

ed inizia già giovanissimo la sua formazione artistica.



A 19 anni sposa una ragazza cattolica

dalla quale avrà 11 figli e, nello stesso anno,

diventa maestro nella corporazione dei pittori della città.



 

* La stradina

 

 

Grazie alle attività ereditate dal padre… mercante d'arte

ma anche taverniere… poté mantenere tranquillamente

la sua numerosa famiglia fino all'invasione francese del 1672.

 

 

 

Foto:

Giovane donna che legge una lettera davanti alla finestra aperta

 

 

 

Per le mutate condizioni socio-politiche,

per la morte del principale committente delle sue opere

e per le esagerate spese di… moglie e suocera

fu travolto dai debiti

e, probabilmente ammalatosi per il dolore

di non poter più far fronte alle esigenze familiari,

morì ancor giovane nel dicembre del 1675 a soli 43 anni.

 

 

 

Allegoria della Pittura

 

 

 

IL PITTORE

 

 

Per l'estrema cura e precisione con cui dipingeva

ciascun quadro gli prendeva moltissimo tempo

ed è forse per questo che le sue opere a noi giunte sono solo circa 40.





.

.

 Il suo stile fu influenzato inizialmente da Rembrandt

per poi avvicinarsi alle tematiche dei seguaci del Caravaggio.

 

 

 

La lattaia (part.) 

 

 

Molto si è discusso sull'uso della “camera ottica

un particolare aggeggio che consentiva

la visione capovolta degli oggetti…

ma forse gli serviva solo per esaminare in modo diverso

i particolari dell'opera che stava dipingendo.

 


I suoi dipinti, a parte 2 vedute esterne,

la mitica Veduta di Delft e Stradetta,

sono tutti ambientati in interni.

 

 

 

* Ragazza con cappello rosso

 

 

 

Grazie alle sue conoscenze di materiali e tessuti,

Vermeer è eccezionale nell’uso della luce

e riesce a dar vita agli oggetti, rendendoli quasi toccabili,

ma anche ai visi ed ai corpi…

come si evince osservando i suoi dipinti più popolari

come “La Lattaia” e “Ragazza con turbante”.

 

E' proprio questo suo uso personalissimo e geniale della luce

che gli fa raggiungere le più alte vette artistiche del secolo…

 

 

 

Foto:

Lezione di musica

 

 

 

LA RISCOPERTA

 

 

Era ormai stato del tutto dimenticato quando un giornalista francese,

Étienne-Joseph-Théophile Thoré, nel visitare nel 1842 il Museo dell'Aia

rimase incuriosito da un “paesaggio superbo e molto singolare“.

 Non sapendo di chi fosse lesse sul catalogo:

“Veduta della città di Delft, dal lato del canale, di Jan van der Meer”.

 

 

 

Veduta di Delft

 

 

Iniziò allora a cercar altri dipinti di questo artista misterioso

che soprannominò “la mia Sfinge

dato che più lo conosceva e più enigmi gli poneva.

 
Ma chi lo ha portato poi davvero ad una conoscenza universale

è stato Marcel Proust

con la sua descrizione estasiata sempre della “Veduta di Delft“.

 

 

 

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio al chiuso

* Giovinetta con bicchiere di vino

 

 

 

DOVE SONO I SUOI DIPINTI?

 

 


Sono in varie parti del mondo ma nessuno in Italia…

E' dunque difficilissimo poterli ammirare ma… per fortuna…

 

 

 

Foto:

* Giovanetta con liuto

 

 

… sono comunque spesso in giro per il mondo

per mostre e di recente sono stati anche a Bologna

dove hanno riscosso enorme successo.

 

 

 

Foto:

* Donna in piedi davanti alla spinetta

 

 

 Il suo dipinto simbolo, assurto ad icona mondiale,

è però il piccolo dipinto… qui sotto

“La ragazza con l'orecchino di perla”

cliccando sul quale

possiamo scoprirne tutta l'affascinante storia.


 

 

 .


.

Tony Kospan

 

 

 

Copyright – Tony Kospan

 

 

 

80x8080x8080x8080x80
IL MONDO DELL'ARTE
E DEGLI ARTISTI
NEL GRUPPO DI FB
Ripped Note

 

.

.

Foto:

Il bicchiere di vino




Fellini – Breve ricordo di uno dei più grandi registi del ‘900 – Nel suo cinema trionfano l’arte.. il sogno e la poesia   Leave a comment

 

 
 
 
Federico Fellini e la moglie Giulietta Masini
 
 
 
 
 

F E L L I N I
VERO… MITICO MAGO DEL CINEMA
DEL II NOVECENTO


 
 
 
 

(Rimini 20 .1.920 – Roma 31.10.1993)

 
 
 

Vincitore di 4 premi Oscar e di tanti altri premi
è stato certamente uno dei massimi protagonisti
della storia del cinema mondiale… del '900
per la sua capacità di coniugare l'arte cinematografica
con la poesia, le emozioni… ed il sogno.



 
 
 
 
 
 
 


BREVE BIOGRAFIA
 
 
 
La sua carriera ebbe inizio nel '29 come…  
disegnatore satirico
dopo esser giunto a Roma dalla natia Rimini.
 
 
Negli anni '40 passò alla collaborazione
nella stesura di sceneggiature teatrali
ma fu nel '45, con la conoscenza di un grande regista
come Rossellini, che s'avvicinò al mondo della celluloide.


 
 
 
 
 
 
 
 


Nel 1950 la sua prima regia (insieme con Lattuada)
con “Luci del varietà” mentre il debutto come regista unico
avvenne con “Lo sceicco bianco“.
 
 
Qui la sua vena artistica, che possiamo definire
un misto di sogno e realtà che dona suggestioni magiche
inizia a manifestarsi, ma non trova consensi
nè dalla critica… nè dal pubblico.


 
 
 
 

Sordi in una mitica scena de “I vitelloni”

 
 
 
 


Nel '53 il suo primo grande successo con “I Vitelloni
con il quale vinse il Leone d'argento alla Mostra di Venezia
 
 
Il successo si confermò subito dopo,
anche a livello internazionale con “La strada“.

 
.


.
.
.
Mastroianni e Anita Ekberg ne “La dolce vita”
 
 
 
 
Ormai era diventato un regista affermato…
 
La sua carriera da quel momento è stata un susseguirsi
di successi di pubblico e di premi nei vari Festival del Cinema… con
Le notti di Cabiria, 8 e mezzo, La dolce vita, Satyricon, Roma,
Amarcord, La città delle donne, Ginger e Fred.
 .
.
 
 
 
 
 
 .
.
 
L'ultimo suo film è stato “E la nave va” nel 1990.

Oltre ai 4 premi Oscar vinti gli fu poi conferito, nel 1993,
anche l'Oscar alla carriera.







  

Come ricordarlo ora al meglio se non con una scena,
 tratta da un suo mitico film,
che mette in evidenza il suo stile poetico e sognante?

  La passerella finale di Otto e mezzo (musica di Nino Rota)



 

 
 
 
Tony Kospan
 
 
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I


 
 
 

Buon lunedì notte in poesia “Lei avanza in bellezza come la notte” G. Byron – arte F. L. Comerre – canzone “Minuetto”   Leave a comment


 
 
Leon Francois Comerre – La bella lettrice
 
 
 
 
 

L'immagine può contenere: cielo, crepuscolo e spazio all'aperto
 
 

 
 

Se ti dicono che l’amore è un sogno,
sogna pure ma non stupirti se ti svegli piangendo
.
Jim Morrison

 
 
 
 
  (Minuetto – mp3)

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e spazio all'aperto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Leon Francois Comerre – Gloria del mattino


 
 
 


LEI AVANZA IN BELLEZZA COME LA NOTTE
George Byron

Lei avanza in bellezza, come la notte
 Lei avanza in bellezza, come la notte
 di climi tersi e di cieli stellati,
 tutti i pregi della luce e della tenebra
 s'incontrano nel suo aspetto e nei suoi occhi:
 così addolciti a quella luce tenera
 che il cielo nega allo sfarzo del giorno.
 Un'ombra ancora, un raggio in meno,
 forse avrebbero mutato la grazia senza nome
 che ondeggia a ogni treccia corvina,
 o dolcemente le illumina il volto,
 dove pensieri limpidi e soavi svelano
 quanto pura e preziosa la loro dimora.
 Su quella guancia, e su quella fronte,
 così dolci e calme ma eloquenti,
 i sorrisi che vincono, i colori accesi,
 parlano solo di giorni nel bene,
 di un’anima in pace con tutto,
 di un cuore innocente al suo amare.


 
 
 
 
 
Leon Francois Comerre – Luna
 
 
 

69x6269x6269x6269x6269x6269x6269x6269x6269x6269x62
 
 
 
 
 
L'immagine può contenere: sMS
 
 
 
 
 
 
 

IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E
Ripped Note
.
.
.
.
.
.
.
L'immagine può contenere: 1 persona
Leon Francois Comerre





 
 

Halloween – Analizziamo i pro ed i contro di questa discussa festa di importazione   3 comments

 
 
 
 
 


 



Questa è la festa più controversa di tutte e ci sono accanite schiere di favorevoli e contrari… 

Esaminerò i lati positivi e negativi… secondo le opposte visioni… cercando il massimo di obiettività… ma alla fine esprimerò comunque il mio pensiero.
 
 
 
 

    



PRO


 
– Ci sarebbero vaghe… lontane origini contadine europee 
– Piace ai bambini
– Aiuta l'economia… consentendo alle aziende di produrre e vendere di più
– Aiuta a superare la paura della morte
– Bisogna viverla solo come un gioco… ed è una festa come tante altre

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONTRO


 – Festa solo di importazione.. nata in piccole zone nordamericane.


– E' caratterizzata  soprattutto da horror più o meno finto e da giocose modalità  infantili… tipo “Dolcetto scherzetto etc…”  

– Festa lontanissima dalle nostre tradizioni. 

– Festa senza alcun significato reale… e solo consumistica. 

– Alcuni fanatici  di Halloween vanno a caccia dei gatti neri per sacrificarli perché amici delle streghe… (Quando venivano bruciate le streghe si bruciavano anche i gatti neri).
.
.
.
.
 .
.
 
 

  


 


– Con la scusa di Halloween inoltre molti si abbandonano a comportamenti folli… pericolosi… vietati… vandalici… come ci dice la cronaca… al punto che alcuni comuni vietano i mascheramenti… ed ogni anno la cronaca nera ci racconta di spiacevoli episodi.
,
,
,
,
.
.


 .
.
.


– Il culto dei morti viene trasformato in una carnevalata… 

– Per i cattolici infine con i giochi ed i riti finto-satanici (ma ahimé alcuni gruppi li fanno davvero) si aprirebbe la porta al Demonio


 
  
 


 
 






Infine ecco la definizione di Wikipedia:

“Halloween è una festività di origine celtica celebrata la notte del 31 ottobre

che nel secolo XX ha assunto negli Stati Uniti

le forme accentuatamente macabre e commerciali con cui è divenuta nota”

.

.



.

.


IL MIO PENSIERO


 


Certo è una festa dalle modalità molto lontane dalle nostre idee e dalle nostre  tradizioni… (ma che la globalizzazione ha portato in giro per il mondo) e le sue origini appaiono consistere in una deformazione celtica della nostra festa del 1° Novembre (Ognissanti).


Chi vuole festeggiare lo faccia purema auspicabilmente solo in modo giocoso… e sereno… e si diverta pure…  ed anche alla grande… con pipistrelli… zucche vuote… (ce ne sono tante in giro in tutti i settori) e streghe varie… ma senza darle stupidissimi significati satanici e stia lontano da comportamenti pericolosi per sé e per gli altri… (e lasci in pace i gatti).
.
.

.

.

 

 



. 

E VOI COSA NE PENSATE?

.

Concludo dunque augurando… buona festa  (a chi festeggia)
e buona e serena serata-notte del 31 ottobre… a tutti gli altri… 
.
.

Tony Kospan




Foto:

 
 

 

        
LA TUA PAGINA DI FACEBOOK DI CULTURA E SOGNO
Nessun testo alternativo automatico disponibile.


.
.
.
.
.
Nessun testo alternativo automatico disponibile.

.
.
.
.
.

 

La storia.. poco nota.. del momento in cui anche l’Italia entrò nell’era di Internet   Leave a comment




Una storia che ci riguarda da… vicino






LA STORIA DELLA NASCITA DI INTERNET IN ITALIA
Tony Kospan


La nascita di Internet da noi
avvenne in totale silenzio
 anche a causa dell’enorme effetto mediatico
del tremendo disastro di Chernobyl di quei giorni.






Era il 30 aprile del 1986
quando partì il segnale da un Istituto del CNR di Pisa, il CNUCE,
che passando per un cavo telefonico dell’allora SIP
e poi per la stazione di Italcable di Frascati
giunse al centro Telespazio di Fucino (Abruzzo) da dove fu “sparato”
verso il satellite INTELSAT IV
e da qui dirottato alla stazione satellitare di Roaring Creek in Pennsylvania.






Da noi, come dicevo su, non se ne accorse proprio nessuno
eppure in quel momento l’Italia
si poneva ai primi posti nel mondo in questo campo.

Fu in verità emesso anche un Comunicato Ufficiale qualche giorno dopo
che però non fu preso in gran considerazione da nessun giornale.



Luciano Lenzini con al suo fianco, a sinistra, Bob Kahn e Vinton Cerf «padri» di Internet



In verità nemmeno gli autori dell’evento ne capirono l’enorme portata
dato che non si fecero né un a foto né un brindisi
in quanto il direttore del CNUCE, Stefano Trumpy
(noto per il lancio del primo satellite italiano SIRIO)
non era quel giorno in ufficio
e Luciano Lenzini, vero mago delle reti,
che era poi quello che più si era impegnato per la realizzazione
era sì in ufficio ma impegnato per altre cose.






In verità il tutto nasce qualche mese prima
dal regalo di un “Computerone” il Butterfly Gateway fattoci dagli americani
per consentirci di unirci alla rete creata dalle Università americane
per scambiarsi dati… informazioni etc. utilizzando un protocollo
progettato da Vint Cerf e Bob Kahn nel 1973
che poi in breve avrebbe collegato tutto il mondo
e che oggi conosciamo come INTERNET.






Quel regalo però non fu casuale
ma nacque da una richiesta del Lenzini agli americani
in quanto lui… mago delle reti.. in viaggio a Boston
fu “folgorato” dalla constatazione
che quel sistema di connessione delle Università USA
funzionasse bene indipendentemente dai mezzi e dalla rete utilizzati.







Dunque quel giorno alle 6 del pomeriggio Antonio Blasco Bonito
il mago dei computer che aveva preso in consegna il “computerone”
scrisse “PING” e una persona dall’America rispose “OK
qualche secondo dopo.









L’Italia entrava così nell’era di Internet…
che oggi vede connessi nel mondo 3 miliardi di persone
tra cui… noi stessi.


Tony Kospan






%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: