Archivio per 1 settembre 2017

Buonanotte con la bella minipoesia “Ho incontrato” di Victor Hugo   Leave a comment

 
 
 
 
 
 


HO INCONTRATO
Victor Hugo
 
Ho incontrato in strada
un giovane poverissimo
che era innamorato.
Aveva un vecchio cappello,
la giacca logora;
l’acqua gli passava
attraverso la suola delle scarpe
e le stelle
attraverso l’anima.

 
 
 
 
 

 

..

.

 
 
 
 

..

.

 
 
 

 

 

da Tony Kospan

 

 


PER CHI AMA VIVER L'ARTE
I N S I E M E

 

..

.

Mario Mafai – Studente innamorato

..

.

Annunci

Pubblicato 1 settembre 2017 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA

Taggato con , ,

Pianefforte ‘e notte e Voce ‘e notte – Una grande poesia ed una grande canzone sul tema.. notte a Napoli –   Leave a comment




Ecco una delle poesie napoletane più belle di tutti i tempi…
insieme ad una altrettanto famosa e bellissima canzone…
sempre sul tema… notte


La poesia, amata anche da Pasolini,
è tra le più famose in tutto il mondo…
per l'intrinseca dolcezza ed un tale malinconico trasporto…
che va oltre il tempo e lo spazio.


 
 
 
 
 
 

Pianefforte ‘e notte
 
 
 
 
Leggiamola…

 
 
 
 
.
.
.
.
Pianefforte ‘e notte
Salvatore di Giacomo


Nu pianefforte ‘e notte
sona luntanamente,
e ‘a museca se sente
pe ll’aria suspirà.


è ll’una: dorme ‘o vico
ncopp’ a nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle ‘n cielo!
Che luna! e c’aria doce!
Quanto na della voce
vurria sentì cantà!

Ma sulitario e lento
more ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo ‘o vico
dint’a ll’oscurità..


Ll’anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannese, a pensà.

  
 
Per chi non comprende il napoletano
ecco una traduzione d’eccezione…
quella di Pier Paolo Pasolini
 
 
 
 
 
 
 

PIANOFORTE DI NOTTE 


Un pianoforte di notte
suona in lontananza,
e la musica si sente
 per l’aria sospirare.
è l’una: dorme il vicolo
su questa ninna nanna
di un motivo antico
di tanto tempo fa.
Dio, quante stelle in cielo!
Che luna! e che aria dolce!
Quanto una bella voce
vorrei sentire cantare!
Ma solitario e lento
muore il motivo antico;
si fa più cupo il vicolo
dentro all’oscurità.
L’anima mia soltanto
rimane a questa finestra.
Aspetta ancora, e resta,
incantandosi, a pensare.

 
 
 
 
 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Voce ‘e notte

Ora,  se ci va…,
ascoltiamo questa canzone napoletana antica
altrettanto dolcissima… e notissima…
prima cantata da Massimo Ranieri

 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 
e poi cantata da Claudio Villa


(potendo anche leggerne testo originale ed in italiano)

 
 
 
 
  


Ciao da Orso Tony
 
 
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar

 LA TUA PAGINA DI SOGNO DI FACEBOOK
 

Buon weekend e felice settembre in poesia con “Arietta settembrina” A. Gatto – Arte.. Zandomeneghi – Canzone “Volare”   1 comment

 
 
 
Federico Zandomeneghi
 
 
 
 
 



Cari amici siamo a… Settembre…

mese per molti versi davvero affascinante

(ma ne parleremo più avanti)

 

 

 

L'Estate… dunque… si avvia alla fine.

 

Il nuovo mese con il prevedibile cambiamento climatico,
 ci consente  quindi un momento di consapevolezza
che un nuovo (ed eterno) ciclo naturale sta per iniziare.
 
 
 

 
 
 

 

 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
Non fingere di essere saggio,
ma sii saggio davvero:
non abbiamo bisogno di apparire sani,
ma di esserlo veramente.
(Epicuro)
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
 
 
 
 
Federico Zandomeneghi – La lettura
 
 
 
 
 
ARIETTA SETTEMBRINA
Alfonso Gatto
 
Ritornerà sul mare
la dolcezza dei venti
a schiuder le acque chiare
nel verde delle correnti.
Al porto sul veliero
di carrube l' estate
imbruna, resta nero
il cane delle sassate.
S'addorme la campagna
di limoni e d'arena
nel canto che si lagna
monotono di pena.
Così prossima al mondo
dei gracili segni,
tu riposi nel fondo
della dolcezza che spegni.
 
 
 
 
 
  (Volare)
  Federico Zandomeneghi – Il tè
 
 
 

 

 
 

 

 

 
da Orso Tony
 
 
 

IL TUO GRUPPO DI FB
arte poesia musica etc…
I N S I E M E
 
 
 

  Federico Zandomeneghi – La passeggiata


 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: