Michelangelo.. immenso e poliedrico artista del Rinascimento – Breve ricordo con le sue mitiche pitture.. sculture.. architetture e.. poesie   Leave a comment

.
.
.




Le sue opere hanno raggiunto vette insuperabili
e sono considerate un vero grande patrimonio dell'arte occidentale
ed inoltre egli è quasi unanimemente considerato
il più grande artista di tutti i tempi.




Caprese Michelangelo 6.3.1475 – Roma 18.2.1564



MICHELANGELO BUONARROTI

a cura di Tony Kospan



Michelangelo, che ha segnato con la sua grandezza l'arte del “500′, è stato artista davvero poliedrico in quanto:


scultore capace di opere che donano grandi emozioni,

pittore di grandissimo talento

– apprezzato architetto

poeta elegante molto apprezzato nelle Corti europee.

L'uomo invece era molto noto per il suo caratterino impetuoso ed irascibile verso tutti, compresi i suoi committenti.

Non si sposò mai né si conoscono suoi amori.








La sua vita artistica si svolse quasi tutta tra Firenze e Roma.







ACUNE SUE MITICHE OPERE


.
.
.
.
Essendo impossibile mostrar qui tutte le sue opere
mi limiterò a mostrarne alcune… nei vari campi dell'arte
in cui operò… e sempre alla grande.




LO SCULTORE



La pietà
.
.
.
.
La scultura era per lui un'attività naturale
e quasi spontanea tanto vi era portato… fin da ragazzo
ed innumerevoli sono i suoi capolavori
di cui ricordo soprattutto il “David” e la “Pietà”.




Il David





IL PITTORE



Il Giudizio Universale (Cappella Sistina)

.
.
.
.

Qui doveva dar tirar fuori “sangue e dolore
e grandi sforzi per raggiunger i risultati geniali
che conosciamo…



Tondo Doni




In particolare è memorabile l'immensa fantastica opera
trasfusa nella mitica Cappella Sistina 
(la sala in cui si eleggono i Pontefici)
 ed il Tondo Doni.




L'ARCHITETTO



.


.


.
.



Anche nell'architettura mostrò il suo immenso ingegno.

In questo campo ricordo in particolare 
la mitica Cupola di San Pietro
e lo studio della Piazza del Campidoglio a Roma










LE POESIE


Incominciò  a scriverle verso i 50 anni
e si sa anche che delle sue poesie non aveva
grande stima e le considerava “cose sciocche”.

Infatti non volle mai farle stampare.

Eppure sono oltre 300 le sue composizioni.






In verità anche in esse possiamo ammirare
tutto il suo vigore scultoreo
pur con evidenti derivazioni petrarchesche.

Leggiamone due…





CHI E'?

Chi è quel che per forza a te mi mena,
oilmè,  oilmè, oilmè,
legato e stretto, e son libero e sciolto?
Se tu incateni altrui senza catena,
e senza mane o braccia m’hai raccolto,
chi mi difenderà dal tuo bel volto?






Michelangelo – La notte



O NOTTE

O Notte, o dolce tempo, benchè nero,
con pace ogn'opra sempre al fin assalta,
ben vede e ben intende chi t'esalta,
e chi t'onora ha l'intelletto intero.
Tu mozzi e tronchi ogni stanco pensiero,
che l'umid' ombra e ogni quet'appalta,
e dell'infima parte alla più alta
in sogno spesso porti ov'ire spero.
O ombra del morir, per cui si ferma
ogni miseria all'alma, al cor nemica,
ultimo degli afflitti e buon rimedio,
tu rendi sana nostra carn' inferma,
rasciugh' i pianti e posi ogni fatica
e furi a chi ben vive ogni ira e tedio.




Sebastiano del Piombo – Michelangelo che indica i suoi disegni – 1520




Tony Kospan




IL GRUPPO DI CHI AMA L'ARTE


.


L'immagine può contenere: una o più persone

La cacciata dal Paradiso Terrestre

.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: