Archivio per 8 novembre 2016

Buon martedì sera in poesia con “La filosofia dell’amore” P. B. Shelley – arte.. F. E. Picot – canzone “Let it be”   Leave a comment

 

 

François-Edouard Picot – Leda ed il cigno

 

 

 
 
 
 
 
Vi mostrerò un filtro d'amore… 
senza veleni o pozioni magiche.
Eccolo:
se volete essere amati, amate.
Seneca
 
 
 
 

 

François Edouard Picot  – Cibele protegge le città dall'eruzione del Vesuvio

 

 


LA FILOSOFIA DELL'AMORE

Percy Bysshe Shelley


 

Le fonti si confondono col fiume


i fiumi con l'Oceano


i venti del Cielo sempre


in dolci moti si uniscono


niente al mondo è celibe


e tutto per divina


legge in una forza


si incontra e si confonde.



Perché non io con te?



Vedi che le montagne baciano l'alto


del Cielo, e che le onde una per una


si abbracciano. Nessun fiore-sorella


vivrebbe più ritroso


verso il fratello-fiore.



E il chiarore del sole abbraccia la terra


e i raggi della Luna baciano il mare.



Per che cosa tutto questo lavoro tenero

se tu non vuoi baciarmi?


 
 

François-Edouard Picot – Eros e Psiche
 
 
 
 
 
 
 

 

a tutti da Orso Tony

 

 

 

 

LA TUA NUOVA PAGINA DI SOGNO
PER COLORARE LE TUE GIORNATE
Foto:
 
 
 
 

 
Picot – Lo studio ed il genio rivelano l'Egitto alla Grecia
 
 

Le 4 streghe – Breve.. sorprendente.. antico e saggio racconto Navajo   Leave a comment

 
.
.
 



Una favola (o racconto mitico) semplice… semplice…
ma davvero forte ed inconsueta… che ci racconta come…
per apprezzare la luce… la gioia… etc.
sia necessario che esista anche il buio… il dolore… etc…

E' certo un profondo concetto comune a molte civiltà
ma è interessante il modo in cui gli Indiani
facevano sì che il popolo lo capisse e lo facesse proprio.

Questo ci conferma la grande saggezza
degli Indiani d’America…

 
T.K.

 

 

 

 

 

 

LE QUATTRO STREGHE

Racconto Navajo

 

 
 


 

 

LE QUATTRO STREGHE

 

Il Distruttore, figlio del dio Sole, si mise in cerca un giorno di quattro streghe, perché voleva ucciderle.



La prima che incontrò tremava e si torceva al suo cospetto, però non di paura.
Freddo era il suo nome.
“Se tu mi uccidi” disse “il caldo regnerà e il grano non potrà crescere senz’acqua che lo bagni.”

Il Distruttore disse: “Vecchia hai ragione, io non ti ucciderò”.


Fame era la seconda, ella così parlò: “Se tu mi uccidi il cibo verrà a noia alla tua gente”. Ed egli disse: “E vero, la gioia di ogni festa sparirebbe con te. Io non ti ucciderò”.


La terza era
Povertà. “Uccidimi” ella disse sono così infelice! Però sappi che morta io mai più i vestiti potranno consumarsi e la tua gente non avrà più il sapore delle cose nuove.

Ed egli disse: “è vero, la mia gente gode degli abiti nuovi. Non ti ucciderò”.

L’ultima strega, la più vecchia e curva, disse: “Se tu mi uccidi, la Gente non morirà mai più, né nuovi bambini nasceranno, al mondo sarà un popolo di vecchi.
Lasciami andare e la Gente crescerà, giovani forti prenderanno il posto dei vecchi che prenderò per mano. Sono la
Morte, amica non compresa della Gente.”

“Nemmeno te posso uccidere” concluse il Distruttore.

E’ così che Morte, Miseria, Fame e Freddo, vivono tra di noi.

Il figlio del Sole, tornato dal suo viaggio, spiegò a tutti quanti queste cose.

 

 

 

 

 

tratto da: “49 canti degli Indiani d’America” Ed. Mondadori
LE QUATTRO STREGHE racconto Navajo

 

 

 

 

– Impaginazione T. K. –


CIAO DA TONY KOSPAN




Foto:



 

 

 


 


 
 
 

Le cose vanno male? Il cambio di strategia a volte è vincente… come ci dice questo bel raccontino   Leave a comment

 

 




A volte semplici raccontini o simpatiche storielle

possono darci dei validi suggerimenti.


Questa storiella ci suggerisce il modo

per cambiare l’andamento delle cose quando vanno male.




 

 

 

LA STRATEGIA SERVE
SPLENDIDA STORIELLA

 

 

 

 

Un giorno, un uomo non vedente stava seduto sui gradini di un edificio con un cappello ai suoi piedi ed un cartello recante la scritta: “Sono cieco, aiutatemi per favore”.

Un pubblicitario che passeggiava lì vicino si fermò e notò che aveva solo pochi centesimi nel suo cappello.

Si chinò e versò altre monete, poi, senza chiedere il permesso dell’uomo, prese il cartello, lo girò e scrisse un’altra frase.

Quello stesso pomeriggio il pubblicitario tornò dal non vedente e notò che il suo cappello era pieno di monete e banconote.

Il non vedente riconobbe il passo dell’uomo: chiese se non fosse stato lui ad aver riscritto il suo cartello e cosa avesse scritto.

Il pubblicitario rispose “Niente che non fosse vero, ho solo riscritto il tuo in maniera diversa”, sorrise e andò via.

Il non vedente non seppe mai che ora sul suo cartello c’era scritto:


“Oggi è primavera… ed io non la posso vedere”.

 

 

 

Cambia la tua strategia quando le cose non vanno bene
e vedrai che quasi certamente le cose andranno meglio.
 
 

Ciao da Tony Kospan








Raccontino dal web – Impaginaz. T.K.

 

IL GRUPPO DI FB
D’ARTE POESIA MUSICA HUMOUR ETC.
COLLEGATO ALLA PAGNA
acqua und0kco1 500







Breve ricordo della scrittrice Margaret M. Mitchell autrice di Via col Vento anche con un bel video con la sintesi del mitico film   Leave a comment


 
 
 
 
 


A breve distanza dall'anniversario di Vivien Leigh…,
protagonista del mitico film
VIA COL VENTO
e di cui abbiamo ampiamente parlato qualche giorno fa,
oggi c'è quello della nascita della scrittirice
Margaret Munnerlyn Mitchell

 
 
 
(Atlanta 8 novembre 1900 – 16 agosto 1949)
 
 
 

Chi è?
 
 
E' la scrittrice statunitense divenuta famosissima per esser stata
l'autrice del romanzo
Via col vento,
che le valse il premio Pulitzer
e che nel 1939 divenne il film mitico

 
 
 
 
 
 
 
Possiamo ora render omaggio all'autrice del romanzo
anche grazie a questo breve, ma bel, video-riassunto…
con le scene più significative
che gli amanti della storia, dei personaggi e del mitico film
saranno certamente felici di rivedere…
 
 
 
 
 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 

IL GRUPPO DI CHI AMA L'ARTE FIGURATIVA
(PITTURA, SCULTURA, FOTOGRAFIA E CINEMA)

.
.
.
.
.
.
.
 
 
 .
.
.

Elvis Presley – Breve ricordo del leggendario Re del Rock anche con immagini e video…   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
E’ stato un vero grande mito della musica leggera…
al punto da esser considerato il…
RE DEL ROCK…
 
 
 
Elvis Presley…
 
 
 

La sua apparizione sulle scene verso la metà degli anni ’50
sconvolse letteralmente il mondo musicale americano.
 
 
 


 Elvis da giovane
 
 
 Oltre al ritmo veloce della sua musica
colpivano i suoi caratteristici movimenti di bacino
che gli fecero avere il soprannome: “The Pelvis“.





 
 
Il suo successo si diffuse presto negli USA
e subito dopo in tutto il mondo.
 
 

 Qui Elvis prima versione – Hound Dog (1956)
 
 
 
Osannatissimo dai giovani, ma non solo,
divenne anche un vero e proprio simbolo mondiale
dell’America del Rock.

Successivamente la sua musica
cambiò ritmo ma le sue canzoni e la sua voce
continuarono ad emozionare…






 
Negli ultimi anni soffrì molto per la sua bulimia
e si lasciò andare a vari stravizi (ma mai di droga)
che forse gli causarono l’infarto che l’uccise.

 
 
 
 
 (Tupelo 8.1.1935 – Memphis 16.8.1977)

 
 
 
Elvis moriva ma non la sua leggenda…
 
 
Ancora oggi dopo 38 anni dalla morte, Elvis,
 che è considerato uno dei più grandi cantanti di sempre
viene ricordato alla grande…
 in tutto il mondo, ma soprattutto a Memphis

 
 
 
 
 
 
 
 
Ricordiamolo anche noi attraverso questo
suo famosissimo… bellissimo  brano… 
(che ha a sua volta una bella storia)
 
Can’t Help Falling In Love
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ciao a tutti da Tony Kospan




Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

PER
LE NOVITA’ DEL BLOG
SE TI PIACE… ISCRIVITI







 
 
 

VIRNA LISI – Biografia.. anche con video.. di una star e di una donna di grande bellezza.. di limpida classe.. e di gran serietà   Leave a comment


.
.
 
 
 


.
.
 


Virna Lisi è stata una grande e bellissima attrice
ma soprattutto una grande donna
che ha accompagnato, in cinema e tv,
molti di noi lungo il corso della vita.






A differenza di altre star
non ha mai voluto nasconder lo scorrer del tempo
con invasivi interventi di chirurgia plastica
rimanendo sempre e comunque bellissima,
ed è sempre rimasta fedele al marito… alla famiglia…
ed a… se stessa.


 

 
 
Virna Lisi (vero nome Virna Pieralisi) Ancona 8.11.1936 – Roma 18.12.2014




Virna Lisi, donna dal volto angelico, dagli occhi azzurri
dal dolce sorriso, dalla naturale eleganza
e dalle notevoli capacità recitative,
è stata tra le attrici italiane più note
ed unanimemente considerata
una delle donne più belle mai apparse sullo schermo.


Col tempo, oltre a mantenere il suo immenso fascino,
ha anche raggiunto vette di bravura e di classe sempre più alte.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Fu scoperta ed avviata nel mondo della recitazione
dal cantante ed attore Giacomo Rondinella.

 
Iniziò a lavorare per il cinema nel 1953
con “La corda d'acciaio” di Carlo Borghesio….
ma il successo le arrise per la prima volta con
La donna del giorno (1956) di Francesco Maselli.


 
 
 
 

 
 
 
Ma la grandissima notorietà le giunse
con la partecipazione ad un mitico spot di Carosello
in cui lei era la… bocca della verità
e le veniva rivolta la frase
Con quella bocca può dire ciò che vuole
che divenne un vero e proprio tormentone nazionale.

All'epoca Virna.. fece innamorare tutti gli italiani.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La crescente fama le consentì d'esser prescelta da grandi registi
come Maselli, Monicelli e Lizzani
e di lavorar con grandi attori
come Alain Delon, Jack Lemmon e Frank Sinatra
Totò, Tognazzi, Gassman etc.
 
 
 
 

 
 
.
.
Nel 1960 si sposò con l'architetto romano Franco Pesci
e dal suo matrimonio nacque Corrado
che la renderà poi nonna di 3 nipoti.

Scelse a quel punto di lasciar il cinema
e di dedicarsi alla famiglia
ma, su spinta dello stesso marito,
in seguito tornò alla recitazione.







 
 


In anni più recenti è stata soprattutto interprete di film televisivi
ma nel 2002 ha lavorato di nuovo per il cinema con
Cristina Comencini ne
Il giorno più bello della mia vita“. 
 
 
 
 
 

 
 
 
Tra i tanti premi ricevuti nel corso della sua carriera
ricordiamo la Palma d'Oro nel 1994 (come miglior attrice)
il David di Donatello alla carriera nel 1996
la Grolla d'Oro alla carriera nel 2001.
ed il Nastro d'argento
per “Il più bel giorno della mia vita” nel 2002.






Pur frequentando l'effimero mondo dello spettacolo
rimase sempre al di fuori da scandali e gossip
mantenendo sempre una netta separazione
tra la serena vita familiare e la sua professione.

Qualche anno prima della sua scomparsa
era rimasta vedova.

Rivediamola infine in questo video omaggio…

 
 
 
 
 

.
. 
 
Virna ora sei stella tra le stelle…




 

Tony Kospan
 


.
.
.
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I





 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: