Archivio per 16 agosto 2016

Mini antologia delle canzoni dell’estate – VI – La mitica “Non sono una signora” di Loredana Berté e l’atmosfera del 1982   Leave a comment

 
 
 
 
 
 

Torniamo con questa canzone a parlare delle canzoni
che hanno contrassegnato le estati della nostra vita
(ed a riascoltarle).
 
Penso che questa tutti la conoscano
dato che non solo ha attraversato molte estati…
ma anche, ed in gran forma, il secolo…

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
NON SONO UNA SIGNORA
– CANZONE DELL'ESTATE 1982 –
 
 
 
 
 
 
 
LE CANZONI DELL'ESTATE
by Tony Kospan
 
 
 
 

 
 
E' una grande canzone degli anni '80
ed il grande cavallo di battaglia 
di una scatenatissima Loredana Bertè 
 
 
 
 



 
 
 
 
La canzone, scritta da Ivano Fossati,
 presenta un rock forte… aggressivo…
e pieno di contrasti.
 
 
Ebbe subito grande successo
scalando le vette della Hit Parade
e vincendo anche il Festivalbar…
 
 
 
 
 
 
 
 
Il testo non è meno… aggressivo…
 
 
Prima di ascoltare la canzone
diamo un'occhiata alle atmosfere di quell'anno.
 
 
 
1982
 
 
Fu l'anno della 3° vittoria italiana
ai mondiali di calcio in Spagna…

 
 
 
 
 
 
della morte di Grace Kelly
 
 
 
 
 
 
e dell'uscita di Thriller
l'album di canzoni più venduto al mondo…
del recentemente scomparso…
Michael Jackson
 
 
 

 

Queste invece  erano allora le novità

nel campo dei pc…

  

 

 

       

 

 

IL TESTO DELLA CANZONE

La fretta del cuore
E' già una novità
Che dietro un giornale sta
Cambiando opinioni
E il male del giorno
E' pochi chilometri a sud
Del muio ritorno
Del mio buongiorno
Ma è un volo a planare
Dentro il peggiore Motel
Di questa “carretera”
Di questa vita-balera
E' un volo a planare
per essere inchiodati qui
crocefissi al muro
Ma come ricordarlo ora
Non sono una signora
Una con tutte stelle nella vita
Non sono una signora
Ma una per cui la guerra non è mai
Finita
Oh no, ho no…

Io che sono una foglia d'argento
Nata da un albero abbattuto qua
E che vorrebbe inseguire il vento
Ma che non ce la fa
Oh ma che brutta fatica
Cadere qualche metro in là
Dalla mia sventura
Dalla mia paura
E' un volo a planare
Per esser ricordati qui
Per non saper volare
Ma come ricordarlo ora…
Non sono una signora
Una con tutte stelle nella vita
Non sono una signora
Ma una per cui la guerra
Non è mai finita
Non sono una signora
Una con troppi segni nella vita
Oh no, oh no…
Non sono una signora

 

 

Ma è giunto il momento di ascoltarla

.

 
 
 
 
 
 
 

       Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic      
 
 
 
 
 
 
Ciaooooooooooo e
felice fine d'estate a tutti
da Orso Tony
 
  80x8080x8080x8080x8080x8080x80
IL SALOTTO DI SOGNO DI FACEBOOK
CON OLTRE 1.000.000 FANS
PSICHEESOGNO1RID.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

.
.
.

 
 

Buon martedì pomeriggio in poesia “Se avess’io” di A. Merini – arte.. J. W. Alexander – canzone.. E la luna bussò   4 comments

 

 
 
 
 
 
John White Alexander 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
La cultura è la passione per la dolcezza e la luce,
e (ciò che più conta) la passione di farle prevalere.
Matthew Arnold
 
 
 
 

John White Alexander 
 
 
 
SE AVESS'IO
Alda Merini
 

Se avess’io levità di una fanciulla
invece di codesto ,torturato,
pesantissimo cuore e conoscessi
la purezza delle acque come fossi
entro raccolta in miti-sacrifici,
spoglierei questa insipida memoria
per immergermi in te, fatto mio uomo.
 
Io ti debbo i racconti piu fruttuosi
della mia terra che non dà mai spiga.
e ti debbo parole come l’ape
deve miele al suo fiore.
Perchè t’amo caro, da sempre,
prima dell’inferno prima del paradiso,
prima ancora che io fossi buttata nell’argilla
del mio pavido corpo.
 
Amore mio
quanto pesante è adducerti il mio carro
che io guido nel giorno dell’arsura
alle tue mille bocche di ristoro!
 
Anima mia che metti le ali
e sei un bruco possente
ti fa meno male l’oblio
che questo cerchio di velo.
E se diventi farfalla
nessuno pensa più
a ciò che è stato
quando strisciavi per terra
e non volevi le ali. 
 
 
 
John White Alexander 

 
 
 
 
 

da Tony Kospan

 

 

John White Alexander 

 

Buonanotte con la bella minipoesia “La verità dell’amore” di J. Bishop   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA VERITA' DELL'AMORE
Jim Bishop
 
 
Il vero amore è un gelsomino notturno,
un diamante nell'oscurità,
il battito che nessun medico ha mai sentito.
E' il miracolo più comune,
plasmato da soffici nuvole,
una manciata di stelle
scagliate nel cielo.
 
 
 
 
 
 
 
 

PhotobucketPhotobucket
 
 
 
 
 
 

 
da Tony Kospan
 
 
 
 
 


80x8080x8080x8080x80

UN MODO DIVERSO DI VIVER
LA POESIA (E NON SOLO)
NELLA PAGINA FB




Wojciech Dziadosz – Fiori notturni




 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: