Archivio per 26 gennaio 2014

Buonanotte con la bella minipoesia… Se la violenza… di David Pierini   1 comment

.
.
.

 
 
SE LA VIOLENZA…
Davide Pierini

Se la violenza d'un sospiro
può depredare un fiore
e l'angoscia di carezze immaginate
far trasalire un cuore
resterò nell'ombra
a contemplare il tuo splendore.

 


.
.
.
 


by Tony Kospan




80x8080x8080x80

LA POESIA (E NON SOLO)
IN TUTTE LE SUE FORME
NELLA PAGINA


 

Pubblicato 26 gennaio 2014 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA

Taggato con ,

Mario Scaccia… Breve ricordo di un grande attore teatrale…   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
MARIO SCACCIA
UN GRANDE ATTORE
DALL’INGEGNO MULTIFORME E VERSATILE
CHE RIMASE SEMPRE “GIOVANE”

 
 
 
(Roma 26 dicembre 1919 – Roma 26 gennaio 2011)



Ha mostrato sempre, lungo tutto il corso della sua lunga vita 

 il suo talento d’artista esibendosi in teatro, cinema, radio e tv.


 Ha lavorato in teatro fino all’ultimo.


 

 

 

 


Infatti prima del Natale 2010, al Teatro Arcobaleno di Roma,

in occasione del suo novantunesimo compleanno, 

ha tenuto uno spettacolo


– Interpretando la mia vita –


in cui ha raccontato il suo percorso artistico

lunghissimo e ricchissimo di successi.

.

.




Personalmente amavo, oltre alle sue indubbie grandissime capacità d’attore,


quel sottile ed elegante velo d’ironia che manifestava spesso.

 

 

 

 


Possiamo inoltre considerarlo anche un nostro collega blogger

avendo curato fino all’ultimo, nonostante la sua veneranda età,

il suo sito personale

.

.



Ricordiamolo infine anche riammirandolo in questo video

in cui recita alcuni bellissimi brani di Trilussa…

 
 
 
 
 
 
 

 
 
Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
PER LE NOVITA’
SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I





 
 
 
 

    Shoah.. memoria e monito con pensieri.. poesie.. dipinti.. immagini.. musica e.. non solo.   5 comments

     

     

     

     

    Qualcuno ci dice…

     – Ma c'è ancora bisogno di ricordare la Shoah?

    Tanto ormai è notissima ed è passato tanto tempo!


    In una società come la nostra, così pervasa da

    ignoranza,  inciviltà, razzismo, bassi istinti e violenza,

    serve eccome…

    ma non solo come ricordo

    bensì anche e soprattutto per tener alta la guardia

    al fine di evitar la rinascita di pseudo-culture vili e violente

    che vedono negli ebrei e nei diversi di ogni genere

    la colpa di tutto… soprattutto in questi momenti di crisi.

    .

    .

     

     
     
     
     
    SHOAH
     
     PENSIERI.. POESIE.. IMMAGINI.. MUSICHE..
    E NON SOLO…
    PER NON DIMENTICARE
     

     

     

     

     

    Prima di dar un mio modesto contributo alla memoria
     di questa storica giornata desidero
    esprimere qualche piccolo pensiero personale.
     
    Quello che più mi rattrista ed indigna è che
    quanto accaduto è stato un frutto diabolico
    di quella che riteniamo, e giustamente,
    la nostra grande civiltà europea…
     
     
     
     
     
     
     
     
    Aggiungo poi che oggi,
    da varie parti in Italia e nel mondo
     c'è il tentativo di crear un confuso calderone 
    e così mischiando le carte
    non riconoscere e/o sminuire l'immensa vergogna…
    per tutto il genere umano…
    di questo genocidio…
     
     
     
     
     
     
    Ci sono poi anche i negazionisti…
    che non solo offendono la memoria delle vittime…
    ma anche la realtà… la storia e la nostra intelligenza.
     
     
     
     

     

     

     

    Il mio contributo al ricordo si esplicherà in questo modo:
     
     
     
    1 – mediante due bellissime poesie di cui la prima è quella notissima di Primo Levi, sopravvissuto agli orrori di Auschwitz, e l’altra,  davvero molto struggente, di Joyce Lussu ci parla della sorte dei bambini dei campi;
     
    2 – il trailer de “LA VITA E’ BELLA” ;
     

    3 – il noto dipinto di Munch… ” L'Urlo” che è forse l'opera d'arte massimamente rappresentativa dell'orrore umano… ma anche l'opera… Camera a gas di David Olèreinternato nel marzo del 1943 e assegnato al Sonderkommando di Birkenau, con il compito della rimozione dei corpi dalle camere a gas e alle operazioni di cremazione, sopravvissuto allo sterminio e poi divenuto pittore;
     
    4 – Un pensiero dal diario di Anna Frank
     
    5 – il video Schindler's List – Theme Itzhak Perlman con musica ed immagini dolorose ma tragicamente coinvolgenti…
     
    6 – il tutto tra immagini che ritengo capaci di imprimersi nella nostra memoria…
     
     
     
     

     
     
     
    2 poesie molto belle e significative

     
     
     
     
     
     
     

    SE QUESTO E’ UN UOMO
    Primo Levi
     

    «Voi che vivete sicuri
    Nelle vostre tiepide case,
    Voi che trovate tornando a sera
    Il cibo caldo e visi amici:
    Considerate se questo è un uomo
    Che lavora nel fango
    Che non conosce pace
    Che lotta per mezzo pane
    Che muore per un sì o per un no.
    Considerate se questa è una donna,
    Senza capelli e senza nome
    Senza più forza di ricordare
    Vuoti gli occhi e freddo il grembo
    Come una rana d’inverno.
    Meditate che questo è stato:
    Vi comando queste parole.
    Scolpitele nel vostro cuore
    Stando in casa andando per via,
    Coricandovi, alzandovi;
    Ripetetele ai vostri figli.
    O vi si sfaccia la casa,
    La malattia vi impedisca,
    I vostri nati torcano il viso da voi».
     

     

     

     

    C’E’ UN PAIO DI SCARPETTE ROSSE
    Joyce Lussu 
     
    C’è un paio di scarpette rosse
    numero ventiquattro
    quasi nuove:
    sulla suola interna si vede ancora
    la marca di fabbrica
    c’è un paio di scarpette rosse
    in cima a un mucchio di scarpette infantili
    a Buchenwald
    più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
    di ciocche nere e castane
    a Buchenwald
    servivano a far coperte per soldati
    non si sprecava nulla
    e i bimbi li spogliavano e li radevano
    prima di spingerli nelle camere a gas
    c’è un paio di scarpette rosse per la domenica
    a Buchenwald
    erano di un bambino di tre anni e mezzo
    chi sa di che colore erano gli occhi
    bruciati nei forni
    ma il suo pianto lo possiamo immaginare
    si sa come piangono i bambini
    anche i suoi piedini
    li possiamo immaginare
    scarpa numero ventiquattro
    per l’eternità
    perchè i piedini dei bambini morti
    non crescono
    c’è un paio di scarpette rosse
    a Buchenwald
    quasi nuove
    perchè i piedini dei bambini morti
    non consumano le suole.

     

     

     

     

    Il trailer de… “La vita è bella”
     
     

     

     

     

     

     

    2 opere d'arte dedicate all'orrore umano

     

     

     
    Edvard Munch – L’urlo
     
     
     
     

    David Olère – Camera a gas

     

     

     

     

    Un breve pensiero di Anna Frank

     

     

    Anna Frank

     

     

    E' un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze

    perché esse sembrano assurde e inattuabili.

    Le conservo ancora, nonostante tutto,

    perché continuo a credere nell'intima bontà dell'uomo.


    Anna Frank

     

     

     

    Il video Schindler's List con Theme Itzhak Perlman

     

     

     
     
     
     
     
     
     

     
     
    MAI PIU’ TANTO ORRORE
    E TANTA DIABOLICA DISUMANITA'
     

     
     

     

    Tony Kospan


     

    PER LE NOVITA' DEL B LOG

    SE TI PIACE
    I S C R I V I T I
     
     

    Buona domenica pomer. in poesia – Quando te ne andrai.. di E. Morgan – arte.. Sir J. N. Paton – canzone.. Oh my love.. – e..   1 comment

     
     

     

     

    Sir Joseph Noel Paton – Paolo e Francesca
     
     

    dim.gif picture by RosaRossa_2007 

     

     

     
    Ognuno vede quel che tu sembri,
    pochi sentono quel che tu sei.
    N. Macchiavelli
     
     
     
     
     
     

    (John Lennon – Oh, my love)

    Sir Joseph Noel Paton  – Hesperus
     
     
     

    QUANDO TE NE ANDRAI
    Edwin Morgan
     
    Quando te ne andrai,
    semmai te ne andrai,
    ed io dovessi volerne morire,
    null'altro mai mi salverebbe
    che il ricordo di quella volta in cui
    ti addormentasti tra le mie braccia
    in un abbandono così teneramente fiducioso
    e la stanza dove la penombra si addensava
    si imbevve sino all'ultimo della sera, finche'
    il riposo o la pioggia novella
    gentilmente ti riscossero dal sonno.
    Ti domandai
    se avessi sentito la pioggia in sogno
    e semiaddormentata ancora
    solo mi rispondesti, ti amo.
     
     
     
     

    Sir Joseph Noel Paton – Pan che suona

     
     

     

    cuore169868366633.gif picture by estrelinhalindacuore169868366633.gif picture by estrelinhalindacuore169868366633.gif picture by estrelinhalindacuore169868366633.gif picture by estrelinhalindacuore169868366633.gif picture by estrelinhalinda

     
     
     

    A TUTTI DA TONY KOSPAN
     

     

     

     

     

     
     stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar

    ARTE MUSICA POESIA ETC.
    NEL GRUPPO DI FB
    AMICI DI PSICHE E SOGNO
     
     
     
     

    Buonanotte con la bella minipoesia… Ribaciami… di Ive Balsamo   Leave a comment

     

     

     

     

    SOGNO DI TE

    Ive Balsamo

     

    Sogno te

    sotto l'universo

    mentre aspetto

    il fuggente

    attimo d'amore.

    Catturo farfalle

    di seta appese

    alle stelle

    per offrirle

    al tuo cuore

    in una notte di luna.

     

     

     

     

     
     
     
     
     

     

     

    da Tony Kospan

     

     

     

     
     
     

    Pubblicato 26 gennaio 2014 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA

    Taggato con ,

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: