Archivio per 24 Maggio 2013

IL SOGNO IN POESIA ARTE AFORISMI E CANZONI (2013)   14 comments

 

 
 
 
 
 
 
Talvolta la realtà in cui viviamo è difficile…  
dura da sopportare… angustiante…
ci sentiamo… incapaci di reagire alle avversità … smarriti…
ma per fortuna abbiamo la possibilità di una pausa…
di un allontanamento dalla tristezza… di una reazione…
attraverso un meccanismo laterale della mente
che però è in grado di portarci
oltre il pozzo oscuro in cui siamo finiti…
alleviando le nostre pene.
 
 
Questo “meccanismo” a nostra disposizione è
il sogno.
 
 
 
 
 
 
 
 
IL SOGNO IN POESIA ARTE AFORISMI E CANZONI (2013)
a cura di Tony Kospan
 
 
E' chiaro che intendo per sogno
non quello che facciamo dormendo
bensì quello ad occhi aperti.
 
 
A qualcuno potrà anche sembrar una cosa banale
eppure secondo gli psicologi
(ma l'avevano già scoperto molto prima i poeti)
esser capaci di sognare è importantissimo.
 
 
 
 
 
 
Oggi infatti la psicologia ritiene che,
riuscendo ad allentare le tensioni ed a a scaricare l'aggressività,
i sogni possono anche aiutarci a risolvere i problemi,
suggerendoci nuove valide alternative,
ed in tal modo anche a migliorarci la vita.
 
 
Il sogno ad occhi aperti non va inteso come passività…
non è obnubilare la mente per non pensare
ma, al contrario, è una presenza viva, “vera” ed amichevole
che ci indica un obiettivo… un traguardo reale o sprituale,
concreto o astratto, vicino o lontano… etc..
 
 
 
 
 
 
Dirò di più, secondo il mio parere di orso sognante,
 esso rappresenta un faro… un amico segreto…
o, se volete, un angelo laico…
che ci accompagna e ci guida verso la realizzazione
delle nostre aspettative più intime e profonde…

 
Ecco, prima di passare alle poesie,
alcuni aforismi che amo e che ritengo essere rivelatori,
dell'importanza del sogno nella nostra vita…
 
 
 
 

 

Abbiamo tutti le nostre macchine del tempo:
quelle che ci riportano indietro chiamate ricordi
e quelle che ci spingono avanti chiamati sogni.
Jeremy Irons
 
 
C' è chi sogna a occhi aperti
e chi vive a occhi chiusi
Yves Montand
 
 
Il sogno ad occhi aperti non è un vuoto mentale.
E' piuttosto il dono di un'ora
che conosce la pienezza dell'anima.
Gaston Bachelard
 
 
Coloro che sognano di giorno sanno molte cose
che sfuggono a chi sogna soltanto di notte.
Edgar Allan Poe
 
 
Tutti hanno un paio di ali
ma solo chi sogna impara a volare.
Jim Morrison
 

 

 
 
 
Il sogno dunque rappresenta uno dei temi più affascinanti
del pensiero umano, della poesia e delle arti in genere…
 

Quelle che seguono sono le poesie prescelte quest'anno
e come sempre mi piacerebbe leggere
quelle che, sul tema, amate voi…
mentre i dipinti sono tutti della nota pitrrice fantasy
Josephine Wall
 
 
 
 
 

clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali  (Abba – I have a dream)
 
.
 
IL SOGNO
Davide Tornagh
 
C’è un posto
Dove nessuno sa
Che io vado
E’ un posto bellissimo
Si annuncia da solo
A volte non vorrei più tornare
A volte non mi ricordo la strada.
 
 

clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali  (Amedeo Minghi – In sogno)

 
.

 
SOGNI
D. Pasqua
 
Sogni imperscrutabili
coperti da profonda
e spessa coltre di nebbia.
Vagano perdendosi
al rintoccare delle ore.
Meta insicura…
Voglie inespresse
che divorano l’ intelletto
frenando slanci liberatori.
Rimpianti di piccole gioie
che avrebbero cambiato
il corso del mio cammino.
Passioni che incalzano
cercando compimento
in attimi rubati all’ora del giorno
Sogni e desideri
che si perdono nel tempo,
lasciando briciole…
che raccolgo con gioia.
 
 

clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali (Claudio Baglioni – Il sogno è sempre)

 
.

 
SE I SOGNI
Thomas Love Beddoes
 
Se i sogni fossero in vendita,
quali vorresti comprare?
Alcuni costano il suono
Di una campana che fugge;
Altri un sospiro leggero,
Che alla fresca corona della Vita
Strappa soltanto un petalo di rosa.
Se i sogni fossero in vendita,
Felici o tristi a piacere,
Al suono del banditore,
Quali vorresti comprare?
 
 

clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali (Zucchero – Il Volo…Sogno)

 
.

 
CALDE EMOZIONI
~ M.A. Borgatelli ~
 
Profumano d'aurora
le speranze
e si tingono
di rosa i sogni.
Ondeggiano nell'aria
tremule illusioni
e dolcemente si posano
sui sentieri dell'infinito.
Plana lo sguardo
su attimi di felicità
e danzano i pensieri
su note d'allegria.
Ci sono momenti in cui
vorresti fermare il tempo
e restare immobile a scrutare
l'orizzonte della fantasia
mentre inebriato
dai colori della vita
il cuore ascolta
le melodie dell'anima.

 

clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali (My Dream – Andrea Bocelli)

 

 
.

SOGNO E REALTA'
Kahlil Gibran
 
Com'è cieco colui che immagina
e progetta qualcosa
fino ai più realistici dettagli.
e quando non riesce a darne conto interamente
con misure superficiali e prove verbali,
crede che la sua idea
e la sua fantasia siano vanità!
Se invece riflettesse con sincerità,
si convincerebbe che la sua idea è reale
tanto quanto l'uccello in volo,
solo che non è ancora cristalizzata;
e capirà che l'idea è un segmento
di conoscenza
ancora inesplicabile in cifre e parole,
poichè troppo alta e troppo vasta
per essere imprigionata
nel momento presente;
ancora troppo profondamente immersa
nello spirituale
per piegarsi al reale.
 
 
 
 
 
 
Uno dei miei sogni è riuscire a colorare i vostri pensieri…
 
Ciao a tutti da Tony Kospan
 
 

 

 

 

 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 

DOLCE E’ IL BACIO… – ANTICA MINI POESIA ED IL MITO DI… EUROPA   2 comments

.


.

Statua di Amore e Psiche – Ostia antica
.
.
.
Questo epigramma di Rufino, poeta greco del II secolo d.C.,
emana una delicatissima ma profondissima sensualità.
.
La leggerezza, impalpabile quasi, dei versi
ci porta per converso
ad immaginare un’immensa onda di emozioni
che uniscono in un tutt’uno sublime
amor spirituale e fisico.




Canova

.
.
.

Non serve al poeta dire altro
le bocche unite in un vero bacio d’amore…
nel loro silenzio… parlano… eccome…
il linguaggio eterno
dell’Amore e dello spirito dell’Universo
.
.
.
UN MITO… DAL FASCINO ETERNO

.
.
.

.
.
.

IL RATTO D’EUROPA
.
Europa è una figura leggendaria
della mitologia Greca (e non solo…).
.
Nel mito è una ragazza rapita da Zeus (Giove)
che le si era presentato travestito da toro mansueto
al punto che la ragazza volle cavalcarlo.

.
.
.

.
.
.
Dopo una lunghissima cavalcata
Zeus si fece conoscere
e lei se ne innamorò.

.



Noël-Nicolas Coypel

.
.

E’ bello pensare che il nostro continente
prende nome proprio da questo mito.

.
.
LA… MINI… ANTICA POESIA

.
.
.

Anthony van Dyck

.
.
.
DOLCE E’ IL BACIO DI EUROPA
Rufino
.
Dolce è il bacio di Europa,
anche se tocca appena le labbra,
dolce anche se sfiora appena la bocca;
non è alle labbra che s’accosta,
ma preme la bocca,
e dal profondo rapisce l’anima intera.




Il bacio – Rodin
.
.
.

Come sempre mi piacerebbe conoscere il Vs pensiero
.
Ciao da Tony Kospan


DESIDERI PUBBLICIZZARE QUALCOSA?






IL GRANDE SPIRITO PARLA AL NOSTRO CUORE – LA DIVERSA VISIONE DELLA NATURA TRA BIANCHI E NATIVI AMERICANI   4 comments

 

 

 

 

 

Una bella ed a mio parere… vera… riflessione
sulla differente visione della vita
tra i Pellerossa e l’Uomo Bianco…
con i primi che appaiono ben più vicini di noi
allo spirito della Natura…
ed al rispetto per il Pianeta che ci ospita…
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 

 

 

IL GRANDE SPIRITO PARLA AL NOSTRO CUORE…

 
 
Un indiano Taos Pueblo incontrò un giorno il più famoso discepolo di Freud, Carl Gustav Jung, il quale era alla ricerca della propria ombra, e gli disse:
«I bianchi vogliono sempre qualcosa. Ma che cosa cercano? I bianchi vogliono sempre qualcosa. Sono sempre inquieti, turbati. Non sappiamo cosa vogliono. Non li comprendiamo. Pensiamo siano pazzi».

Nelle parole dell’indiano Jung trovò conferma di ciò che aveva già da tempo intuito: il mondo dell’uomo bianco è Koyaanisqatsi, un mondo disarmonico, privo di equilibrio.
Un mondo malato al quale la saggezza degli Indiani d’America può recare giovamento. Affinché l’uomo bianco possa vivere dentro le stagioni, nel cuore della vita, in armonia con se stesso e con la natura.

Nella cultura indiana il percorso di risanamento dell’anima ha delle tappe ben precise che devono essere rispettate: innanzitutto le quattro direzioni dei punti cardinali e, poi, il rapporto con la terra come madre dell’universo e con il cielo come dimora degli spiriti. Il processo si completa nel cerchio sacro, una forma che diventa il simbolo dell’armonia tra gli uomini e ciò che li circonda.
Questo viaggio senza fine, perché il miglioramento fisico, emotivo, mentale e spirituale non può mai essere completato, è lo scopo dell’esistenza di ogni Indiano, qualunque sia il gruppo tribale d’appartenenza.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Le quattrocento nazioni originarie del continente nordamericano erano caratterizzate da differenze marcatissime a livello geografico, sociale, linguistico e culturale. I Lakota-Sioux si muovevano liberamente nel grande `oceano d’erba’, le praterie e pianure sconfinate che si estendevano dalla Valle del Mississippi alle Montagne Rocciose. Erano nomadi che, spostando le proprie tende (tipi), seguivano le migrazioni del bisonte in cerca di nuovi pascoli. Gli Zuni e gli Hopi, stanziati nell’arida terra del sud-ovest americano, ricavarono le loro case dal deserto. I Cherokee praticavano l’agricoltura. Avevano un sistema sociale preciso basato su principi democratici e si organizzarono in insediamenti piuttosto ampi. Gli Tsimshian vivevano sulle coste nordoccidentali del Canada. I Chippewa e i Wintu appartenevano al gruppo degli Indiani dei boschi.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Ma un filo comune emerge dalle loro parole, dal ricchissimo patrimonio orale di canti, miti, leggende, narrazioni sacre e profane: la consapevolezza che la Terra è madre e deve essere rispettata. La meta di questa avventura spirituale è la comprensione che l’uomo è parte integrante di un cerchio che comprende le piante, gli animali, i minerali, la Terra, il Cielo, l’acqua, le stelle, la notte e il giorno, la Luna e il Sole. Il corpo umano è tutt’uno con la terra che lo nutre e lo sostiene: «Noi siamo la terra. Noi le apparteniamo. Noi siamo una parte della terra e la terra fa parte di noi. I fiori profumati sono nostri fratelli. Il cervo, il cavallo, la grande aquila sono nostri fratelli. Le coste rocciose, il verde dei prati, il calore dei pony e l’uomo appartengono tutti alla stessa famiglia». Non c’è separazione tra mondo naturale e mondo umano. L’uomo non è il Signore del Creato e il mondo non è a suo beneficio. Ogni creatura ha un eguale diritto all’esistenza e merita rispetto semplicemente perché è viva. Il ritmo della natura porta la salute, l’equilibrio, l’armonia la bellezza. Il ciclo annuale delle stagioni è garanzia di ordine e di benessere: il tepore primaverile verrà sempre a riscattare il gelo invernale.
Non bisogna spezzare il fluire del cielo naturale, altrimenti ne deriveranno malattia, paura, incubi e insicurezza.
La natura batte il tempo, il suo orologio regola la vita del pianeta e dell’uomo.
L’uomo non stabilisce quindi solamente un rapporto equilibrato con la natura ma arriva a conoscere se stesso grazie a questa armonia.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Joseph Bruhac ci racconta una storia che riassume questo viaggio interiore:
 «Dopo che Wakan Tanka, il Grande Spirito, ebbe messo in ordine le altre sei direzioni, l’est, il sud, l’ovest, il nord, il cielo e la terra, restava sempre una direzione senza destinazione. Ma poiché la settima direzione era la più potente di tutte, in quanto racchiudeva la saggezza e la forza più grandi, Wakan Tanka, il Grande Spirito, desiderò metterla in un luogo dove non sarebbe stato facile trovarla.
Ecco perché la nascose nell’ultimo posto dove gli uomini generalmente pensano di guardare: nel loro cuore».
Nonostante siano stati privati della propria terra, della propria cultura e della propria identità, gli Indiani d’America sono riusciti a trasmettere la loro fede in questo modo di vivere. Hanno parlato con il cuore , di padre in figlio, per indicare il sentiero che porta alla rigenerazione e la loro voce è rimasta.
 
Anche con queste parole:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Accanto alla montagna,
spianato
dai nostri passi,
il terreno del campo risuona.
Ti dice: la terra è un tamburo,
pensaci.
Noi, per seguirne il ritmo,
dobbiamo fare attenzione ai nostri passi.
 
 
 
 
 
 

 
 
TESTO DAL WEB – IMPAGINAZIONE T.K.

 

 

QUESTO POST… CON IMMAGINI ED IMPOSTAZIONI…

E' TRA I MIEI PIU' INTEGRALMENTE COPIATI…

 PREGO CHI COPIA TUTTO… DI INDICARE ALMENO IL BLOG

E NON IN MODO MICROSCOPICO!!!

TONY KOSPAN

 

 

 

 

LA TUA PAGINA DI SOGNO IN FB

psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 

 

LA RISPOSTA AI DOLORI DEL MONDO? L’AMORE PER LA VITA – UNA RIFLESSIONE DI F. ALBERONI   3 comments

 
 

 
 
 
UN PENSIERO DI ALBERONI
CHE MI APPARE MOLTO INTERESSANTE E PROFONDO
E CHE SOTTOPONGO ALLA VOSTRA ATTENZIONE
 

 
 
 
 
 

 
L’AMORE PER LA VITA
CONTRO I DOLORI DEL MONDO
Francesco Alberoni
 
 

Pochi giorni fa a Lisbona, alla fine di una conferenza su “sesso e amore”, mi si è avvicinata una signora italiana che, con aria di rimprovero, mi ha detto: “Ma perché lei cerca sempre gli aspetti vitali e non guarda la miseria del mondo?”.  io le ho risposto con durezza:
“E’ perché vedo la miseria del mondo che cerco le fonti della vita, della forza e della speranza”.
Noi restiamo sani perché il sistema immunitario, non appena un germe arriva nel nostro corpo, lo distrugge. Ma quando ci colpisce un grande dolore, quando veniamo accusati ingiustamente, quando veniamo traditi, quando ci ripieghiamo vinti, quando perdiamo la speranza, il nostro sistema immunitario si indebolisce e ci ammaliamo. Perfino per sopravvivere dobbiamo essere positivi, ottimisti, capaci di resistere alle più terribili avversità ..
E se i dolori, le frustrazioni, i cedimenti del morale sono tanto dannosi sul piano fisico, lo sono ancora di più sul piano professionale, umano, delle relazioni sociali.
Quale studente si mette a studiare se non ha la speranza di laurearsi? Chi incomincia una impresa se è convinto di non riuscire? Chi ha il coraggio di innamorarsi se è sicuro che nessuno potrà riamarlo? La vita è nella sua essenza incertezza, rischio, pericolo, ciascuno di noi potrebbe morire oggi stesso. Ma per fortuna non ci facciamo paralizzare da queste paure. Amiamo, ridiamo, viaggiamo, lavoriamo, facciamo progetti, come se fossimo eterni e ci battiamo anche quando sappiamo che il compito è difficile ..
E’ la nostra fede, il nostro amore della vita che ci fa vivere!!!!
Questo non vuoi dire ignorare il pericolo, non vuoi dire non essere vigilanti.
Ma anche per vedere il pericolo, anche per essere vigilanti occorre aver fiducia nei propri occhi e nella propria capacità di reagire prontamente.
Ed è la stessa fiducia, lo stesso slancio vitale che ci consente di agire nella vita sociale, di lavorare, di costruire.
Noi non facciamo nulla da soli, abbiamo sempre bisogno degli altri. ma per avere il loro aiuto, la loro collaborazione dobbiamo dimostrarci all’altezza, non aver paura, essere generosi, saper valorizzare le loro qualità migliori, trasmettere energia ed ottimismo.
Sì, è meglio sbagliare tentando una grande impresa che restare inerti.
E' meglio soffrire per amore che non aver mai amato.
E' meglio accettare di morire piuttosto che non essere nati.
 

 

 

Francesco Alberoni

 

 

Inutile dire che condivido in pieno questa riflessione…

Non è che piangendo sulle miserie umane che esse, per miracolo, scompaiono… ma anzi… è solo agendo in modo attivo e positivo che si può contribuire a risolverle…

 

 

Paul Gauguin – Miserie umane

 

 

Cosa ne pensate?

 

 

 

 

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 

LA TUA PAGINA DI SOGNO

CON OLTRE 500.000 FANS

 
 

LA SFIDA DEL RE AI SUOI 3 FIGLI – OSHO – LA FAVOLA DI UN MAESTRO DELLA MEDITAZIONE   Leave a comment

 
 
 
Un breve raccontino di un maestro del pensiero
ed una piccola riflessione sul messaggio nascosto in esso.
 
 
 
 
 
 
LA SFIDA DEL RE AI SUOI 3 FIGLI
 
 Osho
 
 
 

 

 

 

Un grande re aveva tre figli, e voleva sceglierne uno come erede.
 
Era in difficoltà , perché tutti e tre erano molto intelligenti, molto coraggiosi.

Chi scegliere? Si rivolse dunque a un saggio, che gli suggerì un'idea!

Il re tornò a palazzo e convocò i tre figli.
 
Diede a ciascuno di loro una borsa contenente dei semi, e disse loro che sarebbe partito per un pellegrinaggio: “Starò via qualche anno: uno, due, tre, forse di più. E per voi questa sarà una prova: quando torno, mi dovrete ridare questi semi. E chi di voi li proteggerà meglio, sarà il mio erede!”
 
Poi partì per il pellegrinaggio.

Il primo figlio pensò: “Cosa dovrei fare con questi semi?”

E convinto di fare la cosa migliore, per proteggerli meglio da qualsiasi cosa, li chiuse in uno scrigno di ferro, in modo da poterli rendere intatti al ritorno del padre.

 

Il secondo pensò: “Se li rinchiudo come ha fatto mio fratello, moriranno. E un seme morto non è affatto un seme. Mio padre potrebbe obiettare: “Io ti ho dato dei semi vivi, che potevano crescere, mentre questi sono morti:ora non potranno più crescere” Per cui andò al mercato e li vendette, e conservò il denaro, pensando: “Quando mio padre tornerà, andrò al mercato, comprerò nuovi semi e gliene ridarò di migliori.”



Ma fu il terzo a fare la cosa migliore. Andò in giardino e li seminò.

 

 

 

 

 

 

 

Tre anni dopo, quando il padre tornò, il primo figlio aprì lo scrigno. Quei semi erano tutti morti, puzzavano, e il padre disse: “Cosa? Sono forse questi i semi che ti ho dato? Avevano la possibilità di fiorire e donare una fragranza squisita, mentre questi puzzano; no, questi non sono i miei semi!”

Andò dal secondo figlio che si precipitò al mercato, comprò semi nuovi e tornò a casa, dicendo: “Ecco i tuoi semi!.” E il padre commentò: “La tua idea è migliore di quella di tuo fratello, ma non sei ancora abile come io vorrei che fossi!”

Quando andò dal terzo, il padre sperava e trepidava al pensiero di ciò che aveva potuto fare. E il terzo figlio lo condusse in giardino dove erano spuntate milioni di piante, e milioni di fiori. Il figlio disse: “Questi sono i semi che mi hai dato. Non appena le piante saranno adulte, li raccoglierò e te li restituirò. Adesso stanno ancora crescendo!

Il re disse: “Tu sei il mio erede. Ecco come ci si deve comportare con i semi!” .

 

 

 

 

UNA PICCOLA RIFLESSIONE

 

Il seme non è mai in pericolo. Che pericolo potrà mai esserci per il seme? E' assolutamente protetto dalla natura.

Viceversa, la pianta è sempre in pericolo, perché è delicata e soggetta alle intemperie, alle malattie.

Il seme è simile a una pietra, è duro, è nascosto all'interno di una scorza.

Viceversa la pianta deve superare mille rischi mille prove per arrivare a fiorire.

E non tutte le piante ce la faranno!

Questo vale anche noi.

Solo se, uscendo dal nostro guscio,
sapremo usare le nostre qualità, le nostre capacità e sapremo combattere contro le avversità…
avremo la posssibilità di raggiungere la nostra meta…

 

 

 

 

 

 

Questa mia però è solo una delle diverse riflessioni possibili ricavabili da questo racconto in quanto ce ne sono altre più… esoteriche… ma ho preferito rimanere nell'alveo della natura…

Ciascuno quindi potrà ricavarne il messaggio che vorrà…

 

 

 

 

 

 

RACCONTO DAL WEB – RIELABORAZ. IMPAGIN. E COMMENTO T.K.

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 

 


Amicizia, arte, buonumore, musica, poesia,
riflessioni, test, video… etc…
ma in modo più riservato come in un club?
Vieni… nel nostro gruppo di
Amici di penna…in
GABITO GRUPOS
sampc3a187dad82b18dc.jpg Psiche e Sogno picture by orsosognante
PROBLEMI AD ISCRIVERTI? CLIKKA QUI GIU’

 

BUON COMPLEANNO BOB DYLAN… CON DIO DALLA NOSTRA PARTE   Leave a comment

 
 
 
 
 
 

Oggi è il compleanno di Bob Dylan
che compie 72 anni.
 
 
 
Qui in una foto di quando era giovane…
 
 
 
I suoi esordi furono caratterizzati dalla musica di protesta 
come la canzone di cui parlerò qui…
e che fu tra quelle che ne decretarono il grande successo
nel panorama musicale americano e mondiale…
 
 
Seguirono poi tanti altri capolavori…
 
 
 
(Duluth, 24 maggio 1941)
 
 
 
 
 
 
E' PROPRIO CON QUESTA CANZONE CHE DESIDERO
FARGLI I MIEI AUGURI…
 
 
 
 

 
 
 
 

CON DIO DALLA NOSTRA PARTE
WITH GOD ON OUR SIDE
POETICO CAPOLAVORO DI BOB DYLAN

 

 
 
 
 
 
 
 
Questo mitico brano degli anni 60 contro ogni guerra…
che è, a mio parere, molto ma molto di più di una canzone…
non diventerà “vecchio” finché ci saranno guerre…
 

 
 

 
 

 
 
 
 
CON DIO DALLA NOSTRA PARTE
With God on our side

Parole e musica Bob Dylan
 
 
 
 
Il mio nome non conta niente e
La mia età ancora meno
Il paese dal quale vengo
è chiamato Midwest
Sono cresciuto lì e mi hanno insegnato
ad obbedire alle leggi
E che il paese in cui vivo
ha Dio dalla sua parte.
I libri di storia lo dicono
E lo dicono così bene
La cavalleria caricava
E gli indiani cadevano
La cavalleria caricava
E gli indiani morivano
Ma il Paese era giovane
con Dio dalla sua parte.
La guerra ispano-americana
Ha fatto il suo tempo
Ed anche la guerra civile
E' stata presto dimenticata
Ed i nomi degli eroi
Li ho imparati a memoria
Con i fucili nelle loro mani
E Dio dalla loro parte.
La prima guerra mondiale, ragazzi
è iniziata e finita
La ragione per cui combattere
Non l'ho mai capita
Ma ho imparato ad accettarla
Ad accettarla con orgoglio
Perché non conti i morti
Quando hai Dio dalla tua parte.
Quando la seconda guerra mondiale
Si concluse
Noi perdonammo i tedeschi
E poi ne diventammo amici
Anche se ne hanno ammazzato 6 milioni
Li hanno bruciati nei forni
Anche i tedeschi adesso
Hanno Dio dalla loro parte.
Ho imparato ad odiare i russi
Nel corso della mia intera vita
Se un'altra guerra incomincerà
Saranno loro da combattere
da odiare e da temere
Per correre e nasconderci
Ed accettare tutto coraggiosamente
Con Dio dalla nostra parte.
Ma adesso abbiamo armi
con polvere chimica
E se saremo costretti a fare fuoco
Fuoco dovremo fare
Uno premerà il bottone
E farà saltare il mondo intero
E non devi mai fare domande
Quando Dio è dalla tua parte.
Per molte oscure ore
Ho pensato a questo
Che Gesù Cristo
Fu tradito da un bacio
Ma io non posso pensare per voi
Solo voi dovete decidere
Se Giuda Iscariota
Aveva Dio dalla sua parte.
Adesso devo andarmene
Ho una stanchezza infernale
La confusione che provo
Non c'è lingua che possa descriverla
Le parole riempiono la mia testa
E cadono sul pavimento
Se Dio è dalla nostra parte
Fermerà la prossima guerra
 
 
 
 
 

 

 

Ma ora ascoltiamola in questo bel video

cantata invece da Aaron Neville

con la sua… stupenda voce

 

 

 

 

Bob

 

 

 
qui in una recente foto

 

 

 

Tony Kospan

 

 

 

IL GRUPPO IN CUI POSSIAMO

VIVER L'ARTE…

INSIEME

Ripped Note

 

 

 

APRO LA FINESTRA – S. SEPEHRI – FELICE W. E. IN POESIA ARTE AFORISMA E…   6 comments

 
 
 
 
Dante Gabriel Rossetti – Lilith
 
 

 
 
 
 
 
L’attesa attenua le passioni mediocri
e aumenta le grandi.
François de La Rochefoucauld
 
 

 
 
 

 Dante Gabriel Rossetti – Elena di Troia
 
 
 
 
APRO LA FINESTRA…
Sohrab Sepehri
 
Apro la finestra,
larga come il mondo intero:
la strada è vuota
gli alberi sono smarriti nella notte
i rami non si muovono
l’acqua è stanca di scorrere.
Tu non sei qui
e nulla si muove.
Tu non sei qui
e il cuore batte invano.
Tu non sei qui
e la voce del fiume non porta alcun messaggio
e le valli non dicono nulla di comprensibile.
Quando tu non sei qui
le notti scoloriscono i nostri volti
e il segreto della vita resta nascosto.
In tua assenza
il buio copre il verde dell’erba
e le sorgenti tacciono.
Quando chiudi gli occhi
l’erba verde si copre di dubbi.
Tu soffi
e l’acqua si risveglia.
Tu cammini
e gli specchi risplendono.
Ma la strada è vuota
e tu non tornerai
e i miei occhi si chiuderanno nell’attesa.
 
 
 
 

 
Dante Gabriel Rossetti – Ghirlandata

 
 
 

ig3rosaspeqmov.gif irosarojamovpequ.gif ig3rosaspeqmov.gif irosarojamovpequ.gif ig3rosaspeqmov.gifirosarojamovpequ.gif ig3rosaspeqmov.gif

 
 
 
 
 
 
da Orso Tony
 

05-27.gif picture by sendo2

 

 

 

 

Divisorio

ARTE MUSICA POESIA ETC
I N S I E M E
NEL  GRUPPO DI FB
 
 
 

VADO ALLE MIE SOLITUDINI – L. DE VEGA – FELICE NOTTE IN MINIPOESIA   6 comments

 
 
 
 
 
 
 
 
VADO ALLE MIE SOLITUDINI
Lopez De Vega
 
Vado alle mie solitudini,
 dalle mie solitudini vengo,
 perché per stare con me
 mi bastano i miei pensieri.
 
 
 
 
 
 
 

blo031.gif rosa%verde picture by RaiodeLuarblo031.gif rosa%verde picture by RaiodeLuar

 
 
 
 

 
 
 
 
by Tony Kospan
 
 
 
 
 

IL TUO SALOTTO DI FB?
samp5873205a0f06c928.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

 
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: