Archivio per 17 aprile 2013

LA PRIMAVERA – E. DICKINSON – FELICE NOTTE IN MINIPOESIA   1 comment

 
 
 
 
 
 
 
 
LA PRIMAVERA
Emily Dickinson
 
La primavera ritorna sul mondo.
 Guardo l’aprile, che non ha colori
 Per me, finché tu venga,
 Come prima del giungere dell’ape
 Restano inerti i fiori,
 Destati all’esistenza da un ronzio.
 
 
 
 
Nuzzi e Lauri – La Primavera
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Foto: Sognare è un atto di pura immaginazione, 
che attesta in ogni uomo il potere creativo
che se fosse presente al risveglio, 
farebbe di ogni uomo un Dante o uno Shakespeare.

*_*H. F. Hedge*_*

 

 

by Tony Kospan

 

 

 

LA TUA PAGINA
CULTURALE E DI SOGNO
DI FACEBOOK?

 

 

I’ TE VURRIA VASA’ – 1900 – ATMOSFERA STORIA POESIA E… LA MITICA CANZONE…   1 comment

 

 

 
 
 
 I’ TE VURRIA VASA’
L' ATMOSFERA, LA STORIA, IL TESTO…
E LA CANZONE… (IN 2 VERSIONI)
a cura di Tony Kospan

 
 
 
 
Stavolta è il turno di una canzone del 1900
che fa parte della nutrita schiera
delle grandi canzoni napoletane classiche…
 

Questa, insieme a tante altre, è stata
  una delle migliori ambasciatrici della bellezza
della grande musica napoletana.
 
 
 
 

 
 
 
Prima però immergiamoci nell’atmosfera di quell’anno
con diverse immagini d'epoca…
 
 
 
 
L'ATMOSFERA DEL 1900
 
 
 

Giochi Olimpici di Parigi 1900

 

 

 
 
 
 
De Nittis – Signora napoletana
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA STORIA
 
 
 
 
Il testo della canzone è del poeta Vincenzo Russo.
 
Siamo a cavallo del 1900 e l'autore era a letto con la febbre.
 
 
 
 
 

Vincenzo Russo

 
 
 
L'andò a visitare l'amico Di Capua (l'autore della musica di “O sole mio”)
contento per aver ricevuto un anticipo dalla sua Casa Musicale 
per dividerlo con lui… e per regalargli un biglietto
per una serata al famoso Salone Margherita
(piccolo teatro napoletano adibito a spettacoli musicali e leggeri)
dove si esibiva uno dei più grandi cantanti dell'epoca Armando Gill.
 
 
 
 
Eduardo Di Capua
 
 
 
 
Prima che andasse via il Russo
infilò il testo della canzone nelle tasche dell'amico.
 
 
Il giorno dopo Di Capua aveva già composto la musica
che il poeta disse esser proprio quella da lui sognata.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La canzone, per il poetico testo e per la dolcezza della musica, 
è considerata una delle più belle canzoni d’amore
della storia della musica… di sempre.
 
 
La riprova sta nel fatto che essa ha avuto
nel corso dei suoi 110 anni di vita
tantissimi famosissimi interpreti.
 
 
 
 
 
 
 

 

ILTESTO ORIGINALE E IN ITALIANO
 
 
 
 
 
 

I’ te vurria vasa’
(V.Russo, Di Capua)  
 
Ah! Che bell’aria fresca…
Ch’addore ‘e malvarosa…
E tu durmenno staje,
‘ncopp’a sti ffronne ‘e rosa!
 
‘O sole, a poco a poco,
pe’ stu ciardino sponta…
‘o viento passa e vasa
stu ricciulillo ‘nfronte!
 
I’ te vurría vasá…
I’ te vurría vasá…
ma ‘o core nun mm”o ddice
‘e te scetá…
‘e te scetá!…
 
I’ mme vurría addurmí…
I’ mme vurría addurmí…
vicino ô sciato tujo,
n’ora pur’i'…
n’ora pur’i'!…
 
Tu duorme oje Rosa mia…
e duorme a suonno chino,
mentr’io guardo, ‘ncantato,
stu musso curallino…
 
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, ‘int”o core,
mille male penziere!
 
I’ te vurría vasá…
……………………….
Sento stu core tujo
ca sbatte comm’a ll’onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne…
 
‘A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?…Dimméllo!
O pure suonne a n’ato?
 
I’ te vurría vasá…
 
 
Ti vorrei baciar
(libera trad. Tony Kospan)
 
Ti vorrei baciar
(libera trad. Tony Kospan)
Ah! che bell’aria fresca
ch’odor di malvarosa.
E tu stai dormendo
su queste foglie di rosa.

Il sole a poco a poco
spunta in questo giardino;
il vento passa e bacia
il ricciolino in
fronte.

Io vorrei baciarti…

Io vorrei baciarti…
Ma il cor non ho
di svegliarti…
di svegliarti…

Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
per un’ora anch’io…

per un’ora anch’io…

Tu dormi, o Rosa mia?
E dormi profondamente;
mentr’io guardo, incantato,
questa tua bocca corallina.

E queste carni fresche,
e queste trecce nere,
mi mettono nel cuore
mille segreti pensieri.

Vorrei baciarti.

……………………….

Sento il cuore tuo
che batte come l’onde.
Dormendo , angelo mio,
chissà a chi stai sognando…

La gelosia tormenta
il  cuore mio malato;
Stai sognando me? Dimmelo…
Oppure sogni un altro?

Io vorrei baciarti…

 
 
 
 
 
 

LA CANZONE

 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
Ascoltiamola… nella versione di 
Massimo Ranieri
 
 
 
 
 
Unknown Artist - Clandestine Meeting, c.1900 

 
 
 
 
e poi, se ci va, in quella ancor più… cesellata…
di Sergio Bruni…
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
– COPYRIGHT – T.K. –
 
 
 
 
 
 
 

PER LEGGERE LE NOVITA’ DEL BLOG
CLIKKA QUI GIU’
Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognante
glitter-cute-120734307281080.gif picture by orsosognante
SE TI PIACE
ISCRIVITI
O
METTILO NEI PREFERITI
 
 
 

L’AMORE E L’AMICIZIA – EMILY BRONTE – FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA ARTE AFORISMA E…   1 comment

 
 
 
 

  Albert Lynch – Eterna immagine di luce

 

 

 

 

 

 
 
 
L’amore non è un problema, come non lo è un veicolo:
problematici sono soltanto il conducente, i viaggiatori e la strada.
Kafka
 

 

 

 

Albert Lynch – Donna che coglie fiori
 
 
 
 
 
L'AMORE E L'AMICIZIA

Emily Bronte

 

L'amore è simile alla rosa di macchia,

l'amicizia assomiglia all'agrifoglio:

l'agrifoglio è scuro quando la rosa fiorisce,

ma chi è più costante nella fioritura?

 

La rosa di macchia è odorosa in primavera,

i suoi fiori estivi profumano l'aria;

ma aspetta che torni l'inverno:

chi si ricorderà della rosa di macchia?

 

Disprezza allora l'inutile corona di rose

e ricopriti della lucentezza dell'agrifoglio

che quando dicembre rattrista la tua fronte

ancora sa mantener verde la tua ghirlanda.

 

 

 

Albert Lynch – L'allegra barca

 

 

 

 

  

 

a tutti

da Orso Tony

 

 

 

 

PER LE NOVITA' DEL MONDO DI ORSOSOGNANTE

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
O
METTILO NEI PREFERITI
 
 

L’AMORE E L’AMICIZIA – E. BRONTE – FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA ARTE AFORISMA E…   Leave a comment

 
 
 
 

Albert Lynch
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
L’amore non è un problema,
come non lo è un veicolo:
problematici sono soltanto
il conducente, i viaggiatori e la strada.
Kafka
 
 
 
 
Albert Lynch – Donna che coglie fiori
 
 
 
 
L'AMORE E L'AMICIZIA
Emily Bronte
 
L'amore è simile alla rosa di macchia,
l'amicizia assomiglia all'agrifoglio:
l'agrifoglio è scuro quando la rosa fiorisce,
ma chi è più costante nella fioritura?
 
La rosa di macchia è odorosa in primavera,
i suoi fiori estivi profumano l'aria;
ma aspetta che torni l'inverno:
chi si ricorderà della rosa di macchia?
 
Disprezza allora l'inutile corona di rose
e ricopriti della lucentezza dell'agrifoglio
che quando dicembre rattrista la tua fronte
ancora sa mantener verde la tua ghirlanda.
 
 
 
 
Albert Lynch – L'allegra barca
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

IL GRUPPO DI CHI AMA
VIVER L'ARTE… INSIEME
Ripped Note
 
 
 
 

L’ALLEGORIA DELL’AMORE E DEL TEMPO – SCOPRIAMO I SEGRETI DEL MITICO DIPINTO – II PARTE   Leave a comment

 

 

Ripartiamo, nell'analisi del dipinto,

dalle gambe della dea, dal pomo e dalle maschere…

con le parole del Solimano…

 

 

 

 

 

 

L'ALLEGORIA DELL'AMORE E DEL TEMPO

 

ARTE E SEGRETI

 

II  PARTE 

 

 

 

 

Ma soprattutto si vedono due maschere, una giovane donna ed un uomo anziano che ha l’aria trista (triste+cattiva).
Le maschere, dice Erwin Panofsky, da sempre simboleggiano “la mondanità, l’insincerità e la falsità”.
Un raccordo con la Frode (la fanciulla), ma anche con il Piacere ed il Gioco (il putto).

Tutto continua ad essere chiaro ed ambiguo, duplice.
 
 

 

 


Nel particolare qui sotto del quadro del Bronzino, si vedono in parte i corpi bellissimi dei due amanti, Venere e Cupido, e continuano a comparire dei simboli, dei sublimi feticci.

Ambiguamente, il voyerismo si nasconde dietro il significato morale e viceversa.

Proprio nell’angolo in basso si vede una colomba, ma poi se si guarda bene, si vede anche spuntare il becco e la testa di un’altra colomba.

“Tubare come colombi” si dice ancor oggi, ed Erwin Panofsky scrive che era un simbolo usuale di “tenera sollecitudine”, a cui è da aggiungere che le coppie di colombi sono note per la monogamia. Il contesto non sembra quello, considerando il cuscino evidentemente morbidissimo sotto le ginocchia di Cupido, oggetto piuttosto raro allora. Ancora oggi parliamo dei cuscini in “piumino d’oca” proprio per intendere che la morbidezza è il primo requisito del cuscino, che è un simbolo di lascivia e di mollezza. “I Racconti del Cuscino” è il titolo di un film pregevole ed originale di Peter Greenaway, l’autore de “I misteri dei Giardini di Compton House”. Il tema ricorrente di Greenaway è una acuta indagine sull’erotismo, un po’ quello che fa il Bronzino qui.

Dietro Cupido, si intravedono le foglie di un mirto, simbolo classico dell’amore.

Ma il corpo di Cupido, è maschile o femminile?

Ci tornerò alla fine.

 

 

 

 

 

In alto c’è un vecchio assai vigoroso, attento e lucidamente iracondo, la testa pelata ed una strana barba assai folta, dove c’è. I baffi spioventi gli coprono le labbra. Ancora più in alto si vede un’ala biancastra e, vicino alla testa del vecchio, si intravede parte di una clessidra.

Corrisponde con la colomba nell’angolo opposto, quella di cui si vede solo il becco e la testa – il Bronzino era assai lucido nell’organizzare, nel pesare la rappresentazione, ed in questo caso si tratta musicalmente di due note in minore, ma indispensabili.

Questo vecchio è il simbolo del tempo, lo comprendono tutti, ma è bene porsi due domande, una particolare, ed una generale.

 

Che cosa sta facendo il tempo, anzi il Tempo?

 

Sta tirando in alto un drappo, una specie di grande tenda, sta svelando il quadro, con tutti i suoi significati e la loro ambiguità che, per il fatto stesso che ce ne accorgiamo, non c’è più, perché “Veritas filia Temporis”.

 

 

 

 

 

IL TEMPO

 

Perché il Tempo è vecchio? Una domanda ovvia, ma solo in apparenza.

Parrà strano, ma nella antichità classica il Tempo non era rappresentato come un vecchio, non c’era questa attenzione all’età del Tempo, anzi, spesso era rappresentato come un giovane con le ali ai piedi: Kairòs, l’Opportunità, che passa veloce e la devi cogliere subito, difatti aveva un gran ciuffo davanti e la nuca rasata.

Il Tempo è rappresentato come un vecchio per l’equivoco tardo-antico fra due parole greche che hanno significato diverso: Chronos, il tempo e Kronos, il padre di Zeus, vecchio e cattivissimo, un mangiabambini, alla lettera.

Lascio a voi la riflessione su quanto questa identificazione negativa del Tempo abbia pesato sulla visione di vita di tutto l’Occidente.

Per gli antichi Greci, Chronos era una cosa e Kronos tutta un’altra cosa.

Kronos, il nostro Saturno, si è mangiato pure Chronos… ed è un bel guaio.

 

 

C O N T I N U A

 

 

Autore Solimano – Impaginazione di Tony Kospan –

 

 

PER CHI VOLESSE LEGGER
LA I PARTE

 
 
 
 
 
 
 
Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2

IL GRUPPO DI CHI AMA
VIVER L'ARTE…
I N S I E M E
Ripped Note
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: