Archivio per 25 febbraio 2013

LESBIA – CATULLO – FELICE NOTTE IN MINIPOESIA   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
LESBIA*
Catullo
 
 
Lesbia impreca incessantemente
contro di me.
 
Lesbia mi ama mi ama mi ama.
 
Ne ho la prova:
io faccio come lei.
 
La copro d’insulti
e sono pazzo di lei.
 
 
 
 
 
 Paul Cornoyer – Inizio di primavera a Central Park
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
*Lesbia è un nome dell'antica Roma
 
 
 
 
 
DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 
 
 
POESIE?
NEL GRUPPO DI FACEBOOK… 
 
 
 
 
UN MODO DIVERSO DI VIVERLE
TONY KOSPAN
 
 
 
 

Pubblicato 25 febbraio 2013 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA, Senza categoria

Taggato con ,

ENRICO CARUSO – UN RICORDO ED UN OMAGGIO AL MITICO TENORE   Leave a comment

.

.

La sua voce, naturalmente travolgente

e nel contempo altamente professionale,

apprezzata ed amata in tutto il mondo 

l'ha reso una leggenda della Storia della Musica.



 

 

.

.

.

ENRICO CARUSO


BIOGRAFIA – SUCCESSI – VOCE

.

.

.

Enrico Caruso è stato un grande tenore italiano ed una vera e propria leggenda musicale per la sua magica voce.

Nato a Napoli il 25 febbraio 1873 da una famiglia povera fu avviato da ragazzo a lavori manuali e poi, per la sua bravura, a studi di disegno, ma ben presto la sua voce, esibita nel coro della chiesa ed in spettacoli locali, cominciò ad esser molto ammirata.

Ma il vero colpo di fortuna fu esser notato dal baritono Eduardo Missino che l'indirizzò dal maestro di musica Guglielmo Vergine perché educasse e migliorasse la sua voce (scuola… ben pagata perché pretese il 25% dei guadagni per 5 anni).

Evitato il militare perché migliorasse le sue doti canore… dopo qualche iniziale insuccesso si esibì in varie parti…

Conosciuto il direttore d'orchestra Vincenzo Lombardi accettò di far parte nel suo spettacolo che doveva tenersi a Livorno.

Qui conobbe la soprano Ada Giacchetti con cui ebbe una relazione durata 11 anni da cui nacquero 2 figli ma finita molto male per il tradimento ed i ricatti di lei (che fu anche condannata).

Intanto il numero delle sue esibizioni e la sua notorietà aumentava pian piano sempre più… cantò nel 1900 anche alla Scala sotto la direzione di Arturo Toscanini… ma ebbe anche delle defaillances come al San Carlo di Napoli nel 1901.

Decise allora di tornar a studiare per corregger qualche difetto e migliorar le sue doti canore.

 

 

 

 

 

 

Fu tra i primi cantanti lirici ad utilizzare le nuove tecnologie dell'epoca incidendo nell'aprile del 1902 con una casa inglese 10 dischi cosa che portò notevoli fortune ad entrambi.

Fu il primo a superare il milione di dischi venduti.

Nel novembre del 1903 ebbe un tale successo Metropolitan di New York da diventare una star.

 

 

 

 

 

 

Iniziava il mito della sua voce… che però insieme alla fama gli causò diversi piccoli processi in USA per varie accuse da parte di invidiosi… che lo umiliarono…

Nel 1909, dopo la separazione da Ada incise una serie di canzoni napoletane presto divenute un successo tra cui “Core 'ngrato” ispirata proprio alla sua storia. 

Intanto trionfava con le sue interpretazioni nei più importanti teatri lirici del mondo… 

 

 

 

 

 

Nel 1918 sposò Dorothy Benjamin molto più giovane di lui da cui ebbe una figlia, ma presto a partire dal 1920 iniziarono i problemi di salute.

Un brutto male lo stava minando…

 

 

 

Caruso con la moglie a Sorrento al Vittoria Hotel nel 1921

 

 

Nel giugno del 1921 una crociera lo portò a Sorrento… per la convalescenza  dopo un'operazione.

Aggravandosi la salute volle tornare a Napoli ed alloggiò all'Hotel Vesuvio dove fu visitato dai più grandi medici dell'epoca, come il Cardarelli ed il Moscati.

Ma non ci fu nulla da fare..

Moriva a soli 48 anni il 2 agosto 1921…

La sua storia commosse il mondo… 

Il suo mito non è mai tramontato.

Desidero ricordarlo prima riascoltando la sua leggendaria voce con il video di una sua mitica interpretazione di “Una furtiva lacrima”…

 

 

 

 

 

 

e poi con quello della bella canzone di Dalla a lui dedicata.

 

 

 

 

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 

 

 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I


SORDI… BREVE RICORDO… DELL’ALBERTONE NAZIONALE ANCHE CON 2 VIDEO   Leave a comment



 Ha lasciato un'eccezionale ed indimenticabile impronta

nella storia della radio, del cinema e della televisione.

 

 

 

 

 

BREVE RICORDO DI

UN MITO DELLO SPETTACOLO ITALIANO

DEL SECONDO NOVECENTO

 

 

 

Alberto Sordi

(Roma 15 giugno 1920 – Roma  24  febbraio 2003)

 

 

 

Nessuno più di lui ha saputo cantare… rappresentare 

ed insieme prendere in giro…

incarnandole genialmente ed artisticamente…

virtù e magagne degli italiani…







Per questo possiamo, senza tema di smentita,

definirlo il vero rappresentante

dell'anima nazionalpopolare italiana.

 

 

 

 

 

 


Mi fa piacere ricordarlo con questo video

che riprende il notissimo episodio della Biennale,

in cui è con con Anna Longhi,

tratto da  “Le vacanze intelligenti” episodio del film

 “Dove vai in vacanza?” (1978) di cui curò anche la regia.

 

 

 


 

 

 

 

e questo video-omaggio…

 

 


 

 

 


CARO ALBERTONE…

RESTI VIVO PIU' CHE MAI NEI NOSTRI RICORDI

  

 

 

 

 Tony Kospan

 

 

 

 

IL GRUPPO IN CUI VIVER L'ARTE…
(IN SENSO LATO)
INSIEME
 
 
 
 

L’ANALFABETA POLITICO – B. BRECHT – POESIA DI VALORE SOCIALE   3 comments

 

 
  
 
 
 
 

Una poesia che sembra scritta oggi…
e che ci fa comprendere come sia importante
non trascurare il nostro impegno civile..
nell’interesse di tutta la società…

 
 
 
 
 
 
 
 
 

L’ANALFABETA POLITICO
poesia di Bertoldt Brecht

 
 
 
 
 
 
 
 

Una poesia  dall’alto valore sociale…
 

Presentandola però
non intendo affrontare, in questa sede “poetica”,
nessun discorso relativo alla politica degli schieramenti
(ciascuno ovviamente avrà le sue idee)
ma quello dei nostri  ideali e del vero… sincero…
 tentativo di migliorare la società…
ma… ora eccola…
 
 
 
 

 

 

L’ANALFABETA POLITICO

 Bertoldt Brecht *

 

Il peggior analfabeta

è l’analfabeta politico.

Egli non ascolta, non parla

nè partecipa agli avvenimenti politici.

 

Non sa che il costo della vita,

il prezzo dei fagioli, del pesce,

della farina, dell’ affitto, delle scarpe

e delle medicine

dipendono dalle decisioni politiche.

 

Un analfabeta politico è tanto animale

Che si inorgoglisce e gonfia il petto

Nel dire che odia la politica.

 

Non sa l’imbecille che

Dalla sua ignoranza politica proviene

la prostituta, il minore abbandonato,

il rapinatore ed il peggiore di tutti i banditi,

che è il politico disonesto,

ingannatore e corrotto,

leccapiedi delle imprese nazionali e

multinazionali.

 

 

 
 
 

 

 

 
 
*Bertoldt Brecht 
– Augusta, 10 febbraio 1898 – Berlino, 14 agosto  1956
è considerato il più influente drammaturgo,
poeta e regista teatrale tedesco del XX secolo.
 
 
 
 
 
 
 
 
Cosa ne pensate?
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
LA TUA PAGINA IN FACEBOOK
 
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 
 
 

T’AMO – P. ELUARD – FELICE SETTIMANA IN POESIA… ARTE E NON SOLO…   1 comment

 
 
 

 

 

 

Childe Hassam – Ventisei del mese di giugno a Old Lyme

 

 

 

         
 
 
 
 
“Io non amo la gente perfetta,
quelli che non sono mai caduti,
che non hanno inciampato.
La loro è una virtù spenta, di poco valore.
A loro non si è svelata la bellezza della vita.”
Boris Pasternak
 
 
 
Childe Hassam – La statuetta
 
 
 
 
 
 
 
 
T'AMO
Paul Éluard
 
T'amo per tutte le donne che non ho conosciuto
t'amo per tutte le stagioni che non ho vissuto
per l'odore d'altomare e l'odore del pane fresco
per la neve che si scioglie per i primi fiori
per gli animali puri che l'uomo non spaventa
t'amo per parlare
t'amo per tutte le donne che non amo
sei tu stessa a riflettermi io mi vedo così poco
senza di te non vedo che un deserto
tra il passato e il presente
ci sono state tutte queste morti superate senza far rumore
non ho potuto rompere il muro del mio specchio
ho dovuto imparare parola per parola la vita
come si dimentica
t'amo per la tua saggezza che non è la mia
per la salute
t'amo contro tutto quello che ci illude
per questo cuore immortale che io non posseggo
tu credi di essere il dubbio e non sei che ragione
tu sei il sole forte che mi inebria
quando sono sicuro di me.
 
 
 

Childe Hassam – Pesciolini rossi alla finestra

 
 
 
 
 

a tutti da Orso Tony…
 
 
 

 

 

 

IL TUO GRUPPO DI FB
ARTE MUSICA POESIA
INSIEME
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: