SHOAH – CONTRIBUTO AL RICORDO CON POESIE IMMAGINI PENSIERI MUSICA E…   6 comments

 

 

C'E' CHI PENSA CHE FORSE E' INUTILE

RICORDARE QUESTO GIORNO PERCHE'

L'ORRORE DELLA SHOAH E' NOTISSIMO…

 

PENSO INVECE CHE FINCHE'

NELLA NOSTRA SOCIETA' SARANNO COSI' DIFFUSI…

INDIFFERENZA IGNORANZA RAZZISMO E VIOLENZA

SIA ANCORA MOLTO NECESSARIO

 

 

 

Memoriale Shoah Milano

 

 

27 GENNAIO – GIORNO DELLA MEMORIA

 

 

 
 
 
 
SHOAH
 
 PENSIERI POESIE IMMAGINI
E NON SOLO…
PER NON DIMENTICARE…
 
 
 
 
 
      

 

 

 

 

Prima di dar un modesto contributo alla memoria
 di questa giornata desidero
esprimere qualche piccolo pensiero personale.
 
 
Quello che più mi rattrista ed indigna è che
quanto accaduto è stato un frutto diabolico
di quella che riteniamo, e giustamente,
la nostra grande civiltà europea…
 
 
 
 
 
 
 
 
Aggiungo poi che oggi,
da varie parti in Italia e nel mondo
 c'è il tentativo di crear un confuso calderone 
e così mischiando le carte
non riconoscere e/o sminuire l'immensa vergogna…
per tutto il genere umano…
del genocidio…
 
 
 
 
 
 
Ci sono poi anche i negazionisti…
che non solo offendono la memoria delle vittime…
ma anche la realtà… la storia e la nostra intelligenza.
 
 
 
 

 

 

 

Il mio contributo al ricordo si esplicherà in questo modo:
 
 
 
1 – mediante due bellissime poesie di cui la prima è quella notissima di Primo Levi, sopravvisuto agli orrori di Auschwitz, e l’altra,  davvero molto struggente, di Joyce Lussu ci parla della sorte dei bambini dei campi;
 
2 – il trailer de “LA VITA E’ BELLA” ;
 
3 – il noto dipinto di Munch… ” L'Urlo” che è forse l'opera d'arte massimamente rappresentativa dell'orrore umano…;
 
4 – Un pensiero dal diario di Anna Frank…
 
5 – il video Schindler's List – Theme Itzhak Perlman con musica ed immagini dolorose ma tragicamente coinvolgenti…
 
6 – il tutto tra immagini che ritengo capaci di imprimersi nella nostra memoria…
 
 
 
 
 
 
 
 

SE QUESTO E’ UN UOMO
Primo Levi
 
«Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi, alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi».
 

 

 

 

 

 

C’E’ UN PAIO DI SCARPETTE ROSSE
Joyce Lussu 
 
C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora
la marca di fabbrica
c’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buchenwald
più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
di ciocche nere e castane
a Buchenwald
servivano a far coperte per soldati
non si sprecava nulla
e i bimbi li spogliavano e li radevano
prima di spingerli nelle camere a gas
c’è un paio di scarpette rosse per la domenica
a Buchenwald
erano di un bambino di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini
li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perchè i piedini dei bambini morti
non crescono
c’è un paio di scarpette rosse
a Buchenwald
quasi nuove
perchè i piedini dei bambini morti
non consumano le suole. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il trailer de… “La vita è bella”
 

 

 

 

 

 

 

 

 
Edvard Munch – L’urlo
 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze

perché esse sembrano assurde e inattuabili.

Le conservo ancora, nonostante tutto,

perché continuo a credere nell'intima bontà dell'uomo.

Anna Frank

 

 

 

 

 

 

MAI PIU’ TANTO ORRORE
E TANTA DISUMANITA'
 
 

 

Tony Kospan


 

 

 

PER LE NOVITA' DEL BLOG
 
SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 
 

6 risposte a “SHOAH – CONTRIBUTO AL RICORDO CON POESIE IMMAGINI PENSIERI MUSICA E…

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. per non dimenticare e pregare affinche’l’uomo non cada piu cosi in basso

    "Mi piace"

  2. "Mi piace"

  3. Mai….!!! dimenticare un olocausto di queste dimensioni. E’ impegno morale e civile da tramandare ai posteri perchè non si dimentichi.

    "Mi piace"

  4. Vorrei contribuire a questa pagina lasciandovi una poesia scritta
    sul tema della Shoah che presentai anni fa al mio esame di diploma:

    Sul ponte

    Nel campo la brezza,
    odore di tenebra.
    Si sente dentro gli attimi,
    istanti senza limiti..

    Qui adesso tutto è fragile..
    Adesso che non sei con me
    allungo la mia mano a te
    e il cielo, mi sorride..

    Pensavo di trovare
    un luogo dove vivere,
    con fiori alberi e foglie,
    tutte menzogne…

    Sul ponte vivo i battiti..
    sto per cadere aiutami!
    Le cicatrici annunciano
    il mio destino in vano!

    dov’è la nostra dignità?
    dov’è?

    "Mi piace"

  5. Grazie Toni, ti lascio una mia testimonianza, anche se è lontana dalla credenza di tutti che non si ripeterà. Gli uomini sono cresciuti sempre tra il bene e il male e nonostante la conoscenza, la tecnologia, la scienza ecc. è rimasto nell’animo quello della caverna e della scheggia.
    Non servono a niente i ricordi

    Ti ho visto scimmia tra gli alberi
    Amoreggiare e far brandelli
    Di carne i tuoi simili
    Ti ho visto nelle caverne
    E lungo i fiumi dissetare
    I tuoi figli mostrandogli pietre
    Per la difesa e l’offesa
    Ti ho visto in ogni tempo
    E latitudine oggi come ieri
    E non ti basta il sangue
    Ed il dolore
    Consumato ed inflitto
    Alla carne ed alla mente
    Come fossero pietre
    O carta da stracciare
    O bruciare
    Senza amore nel cuore
    Vorrei cambiasse il dolore
    O chi lo infligge indurisse
    Come statua di bronzo
    Ma il retaggio è lì
    A denudarci delle false
    Speranze il cielo sa guardare
    L’incapacità di dire
    Basta, basta!
    Specie bastarda che fai
    Ancora e sempre
    Il contrario di quel che prometti.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: