Archivio per 21 dicembre 2012

BUON NATALE… IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
BUON NATALE
IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Afrikaans: Gesëende Kersfees
Albanese:Gezur Krislinjden
Arabo: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah
Armeno: Shenoraavor Nor Dari yev Pari Gaghand

 

 

 

 
 
 
Azerbaijan: Tezze Iliniz Yahsi Olsun Bahasa (Malesia):
Selamat Hari Natal
Basco: Zorionak eta Urte Berri On! Bengali:
Shuvo Naba Barsha
Boemo: Vesele Vanoce
Bretone: Nedeleg laouen na bloavezh mat
Bulgaro: Tchestita Koleda; Tchestito Rojdestvo Hristovo
Catalano: Bon Nadal i un Bon Any Nou!
Ceco: Prejeme Vam Vesele Vanoce a stastny Novy Rok
 
 
 
 
 
 
 
 
Choctaw (Nativi americani, Oklahoma):
Yukpa, Nitak Hollo Chito
Cinese (Cantonese):
Gun Tso Sun Tan'Gung Haw Sun
 
 
 
 

 
 
 
 
 Cinese (Mandarino):
Kung His Hsin Nien bing Chu Shen Tan
Cingalese:
Subha nath thalak Vewa. Subha Aluth Awrudhak Vewa
Coreano: Sung Tan Chuk Ha
Croato: Sretan Bozic
Danese: Glædelig Jul
 
 
 
 
 
 
 
Eschimese: (inupik) Jutdlime pivdluarit ukiortame pivdluaritlo!
Esperanto: Gajan Kristnaskon
Estone: Ruumsaid juulup|hi
Farsi: Cristmas-e-shoma mobarak bashad
Fiammingo: Zalig Kerstfeest en Gelukkig nieuw jaar
 

 


 
 
 
 
Filippino: Maligayan Pasko!
Finlandese: Hyvaa joulua
Francese: Joyeux Noel

 

 

 

 
 
 
Frisone:
Noflike Krystdagen en in protte Lok en Seine yn it Nije Jier!
Gaelico (Scozia): Nollaig chridheil huibh
Gaelico: Nollaig chridheil agus Bliadhna mhath ùr!
Gallese: Nadolig Llawen
Giapponese: Shinnen omedeto. Kurisumasu Omedeto
Greco: Kala Christouyenna!
 
 
 
 
 
 
 
Hamish Dutch (Pennsylvania):
En frehlicher Grischtdaag un en hallich Nei Yaahr!
Hausa:
Barka da Kirsimatikuma Barka da Sabuwar Shekara!
Hawaaiano:
Mele Kalikimaka
 
 
 

 
 
 
 
Hindi: Shub Naya Baras
Indonesiano: Selamat Hari Natal
Inglese: Merry Christmas
 
 
 
 

 

Iracheno: Idah Saidan Wa Sanah Jadidah
Irochese: Ojenyunyat osrasay.
Islandese: Gledileg Jol
Isola di Man: Nollick ghennal as blein vie noa
Latino: Natale hilare et Annum Faustum!
Latviano: Prieci'gus Ziemsve'tkus un Laimi'gu Jauno Gadu!
Lituano: Linksmu Kaledu
Macedone: Sreken Bozhik
Maltese: LL Milied Lt-tajjeb

 

 

 

Maori:
Meri Kirihimete

Navajo:
Merry Keshmish

Norvegese:
God Jul, or Gledelig Jul

Occitano:
Pulit nadal e bona annado

Olandese:
Zalig Kerstfeast

 

 

 

 

Papua Nuova Guinea:
Bikpela hamamas blong dispela Krismas na Nupela yia i go long yu

Polacco:
Wesolych Swiat Bozego Narodzenia or Boze Narodzenie

Portoghese (Brasile):
Boas Festas e Feliz Ano Novo

Portoghese:
Feliz Natal

 

 

 

 

Rapa-Nui (Isola di Pasqua):
Mata-Ki-Te-Rangi. Te-Pito-O-Te-Henua

Rumeno:
Sarbatori vesele

Russo:
Pozdrevlyayu s prazdnikom Rozhdestva is Novim Godom

Samoa:
La Maunia Le Kilisimasi Ma Le Tausaga Fou

Sardo:
Bonu nadale e prosperu annu nou

Serbo:
Hristos se rodi


 

 

 

 

Slovacco:
Sretan Bozic oppure Vesele vianoce

Sloveno:
Vesele Bozicne. Screcno Novo Leto

Spagnolo:
Feliz Navidad

 

 

 

 

Svedese:
God Jul and (Och) Ett Gott Nytt år

Tailandese:
Sawadee Pee Mai

Tedesco:
Fröhliche Weihnachten

 

 

 

Turco:
Noeliniz Ve Yeni Yiliniz Kutlu Olsun

Ucraino:
Srozhdestvom Kristovym

Ungherese:
Kellemes Karacsonyi unnepeket
 
Urdu:
Naya Saal Mubarak Ho

Vietnamita:
 Chung Mung Giang Sinh

Yoruba:
E ku odun, e ku iye'dun!

 

 

 

 

INFINE…
QUALE CHE SIA LA VS LINGUA…

 

 

 
 
a tutti
 
 da Orso Tony
 
 
 
 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
IL TUO SALOTTO DI SOGNO
 
 

CANTO ALLA VITA – CANZONE SUBLIME   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sono forse poche le canzoni
che rappresentano un vero inno alla vita…
ma esse in genere sono davvero belle…
 
 
Questa è davvero una canzone-poesia
e mi fa piacere condividerla con voi…
sperando che possa donarvi belle emozioni
così come le ha donate e le dona a me…
 
 
Di seguito anche il poetico testo in italiano
per chi non conosce l'inglese.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
clicca per vedere l'immagine a dimensioni normali
JGCloser.jpg image by passionate-music
 
 
 
 
 
 
CANTO ALLA VITA
Josh Groban
 

“Dedicato a chi colpevole o innocente
perso in questo mare
si è arreso alla corrente
chi non è mai stato vincente?
 
Dedicato a chi ha sempre una speranza
davanti ad un dolore
nel freddo di una stanza
 
Dedicato a chi cerca la sua libertà
Canto alla vita
alla sua bellezza
ad ogni sua ferita
ogni sua carezza
 
Dedicato a chi l’ha sempre inaridita
come fosse sabbia uscita tra le dita
e la sente già finita
 
Canto alla vita
negli occhi tuoi riflessa
fragile e infinita
terra a noi promessa
 
Canto alla vita
canto a voce piena
a questo nostro viaggio
che ancora ci incatena
 
Ci chiama
Non dubitare
mai
Non dubitare mai
Tu non lasciarla mai da sola
da sola
… ancora …
 
Canto alla vita
alla sua bellezza
 
Canto alla vita
canto a voce piena
a questo nostro viaggio
che ancora ci incatena
 
Ci chiama…
 
Ci chiama…
 
 
 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

LA PAGINA DI SOGNO DI FB?
ARTE MUSICA POESIA ETC…
samp5873205a0f06c928.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
SE TI VA CLIKKA SU MI PIACE
 
 
 

REMBRANDT E VIVALDI – ARTE E CLASSICA… DEL ‘600   2 comments

 
 
Rembrandt – Paesaggio Invernale

OPERE D’ARTE E MUSICHE
DI 2 GRANDISSIMI ARTISTI… DEL ‘600
DEDICATE… ALL’INVERNO

 
 

 
 

    Rembrandt    e    Vivaldi      

 
 
 
 

REMBRANDT E VIVALDI
 
– ARTE E CLASSICA –

 
 
 

Vivaldi   La Dorilla in Tempe – Ouverture 

Rembrandt – Il ponte di pietra – 1638 – Rijksmuseum – Amsterdam

 
 
 


Questo quadro è uno dei pochi paesaggi della produzione di Rembrandt. è da notare la grande abilità dell’artista di cogliere soprattutto gli effetti atmosferici, caricando l’immagine di una valenza sentimentale che sembra quasi anticipare la pittura romantica del XIX secolo.

Se confrontiamo questo paesaggio con uno di Poussin, si comprende facilmente come Rembrandt si ponga su un piano molto diverso.

Nel pittore francese l’immagine è organizzata con l’intento di permettere allo sguardo di cogliere più elementi che compongono un insieme di grande spettacolarità.

L’immagine tuttavia colpisce soprattutto l’intelletto di chi guarda. Il paesaggio di Rembrandt è invece diretto alla nostra sensibilità, per farci sentire quella particolare sensazione di trovarsi in un luogo anonimo ma carico di luce, aria, umidità, odori, e così via.


 

 

Vivaldi Inverno (video) 

Rembrandt – Hendrickje che si bagna in un fiume – 1654 – National Gallery – Londra

 
 
 



In questo straordinario dipinto, Rembrandt raffigura la moglie Hendrickje che si sta bagnando in un fiume.

Il quadro è straordinario per molti aspetti.

Innanzitutto per un realismo che concede poco a quel decoro bozzettistico molto apprezzato dal pubblico del tempo.

Questa fu infatti una delle cause del venir meno del successo di Rembrandt negli anni successivi, incompreso nella sua eccezionale arte troppo moderna per quei tempi.

Ma straordinaria è anche la tecnica: Rembrandt era un eccezionale disegnatore, e questa sua propensione lo portava a capire l’essenziale dell’immagine e riempire il resto solo con contrasti luminosi.

Anche qui procede in questa maniera.

La figura della donna è soprattutto disegnata, scarna com’è di colori ed effetti cromatici. Intorno, invece, per poter meglio evidenziare la figura, lo sfondo è così scuro che si fa quasi fatica ad immaginare che siamo all’aria aperta.

In pratica l’angolo visivo è molto ristretto, così che si intravede un angolo protetto dall’ombra di alberi che giungono fino alla riva del fiume, mentre su una roccia si vede la veste che la donna si è tolta, per restare solo in camicia.

Straordinaria, infine, è anche la resa veristica dell’acqua e dei riflessi che raggiunge una perfezione che solo Rembrandt poteva ottenere.

 

 

Questa seconda opera mi appare

 davvero incredibile ed affascinante per il suo moderno realismo…

all’epoca assolutamente impensabile… (N.T.K.)




 

 


F I N E

 

 

Testo Francesco Morante (dal web) – Impaginaz. note e mini modifiche T.K.

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 


 

Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
PER LE NOVITA’ DEL BLOG
SE TI PIACE… ISCRIVITI








GLI ALBERI DI NATALE PIU’ STRANI DEL MONDO   2 comments

 

 

 

 

 

 

Ecco una discreta collezione virtuale

di alberi di Natale davvero stravaganti…

divertenti o comunque simpatici…

 

 

 

 

 

 

 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'albero di luce sulla facciata dell'Akasaka Grand Prince Hotel di Tokyo

 

 

 

 

INFINE… UN ALBERO DI NATALE… ACQUATICO

DAVVERO… ORIGINAL AND FANTASY…

UNITO A SUA VOLTA AD UN VIDEO IN CUI V'E'

UN VERO ALBERO DI NATALE… ALTRETTANTO…

SUPER… SPETTACOLARE…

 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 

 

 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE TI PIACE
I S C R I V I T I
METTILO NEI TUOI PREFERITI
 

IL NATALE PER MADRE TERESA DI CALCUTTA   Leave a comment

 
 
Una poesia che pur non parlando del Natale…


ne incarna in pieno i veri valori…
 
 
 
 
 
 
 
 
    DA’ IL MEGLIO DI TE   
Madre Teresa
 
 
L’uomo è irragionevole, illogico, egocentrico
NON IMPORTA, AMALO

Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici
NON IMPORTA, FA’ IL BENE
Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici
NON IMPORTA, REALIZZALI
Il bene che fai verrà domani dimenticato
NON IMPORTA, FA’ IL BENE
L’onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile
NON IMPORTA, SII FRANCO E ONESTO

Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo
NON IMPORTA, COSTRUISCI
Se aiuti la gente, se ne risentirà
NON IMPORTA, AIUTALA
Dà al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci
NON IMPORTA, DA’ IL MEGLIO DI TE







 
Ora ecco un bellissimo video dedicato
a questa fantastica poesia di Madre Teresa di Calcutta…,

che con immagini e musica bellissime…,

  


  

appare davvero intonato in modo sublime

all’atmosfera ed alle suggestioni Natalizie…

non tanto per riferimenti diretti


quanto in relazione ai suoi veri contenuti spirituali…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CIAO DA ORSO TONY
 
 
 
 
 
 
80x8080x8080x80
ILFANTMONDO.jpg picture by orsosognante
 
 

IL SOLSTIZIO D’INVERNO – RITI… MITI… RIFLESSIONI… MUSICHE… POESIE…   1 comment

 
 
 
 
 
21 DICEMBRE 2012
ALLE ORE 11,11
SOLSTIZIO D'INVERNO
 
 
 
 
 
 
 
 

IL SOLSTIZIO D'INVERNO

RITI… MITI… RIFLESSIONI… MUSICHE… POESIE…

 
 
 
Che la luce del nuovo sole possa illuminare
il cammino di tutti voi.
Felice Alban Arthuan
 
 
 
 
Yule sparge i semi che sbocceranno in primavera

 
 
 
 
Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognantescarica il midi

 
 
 
 
 

Il solstizio, che può essere d'estate e d'inverno, è ciascuno dei due punti dell'orbita terrestre in cui il Sole è alla massima distanza angolare rispetto al piano dell'equatore terrestre.

La parola “solstizio” significa “Sole stazionario”, ed indica il suo non alzarsi né abbassarsi rispetto all'equatore celeste. è in questo momento che la nostra stella si trova alla massima altezza sull'orizzonte dell'emisfero boreale (cioé quello nord, dove si trova l'Italia), mentre a sud la situazione è capovolta.

 

 

 

 

 

  A partire dal 22 giugno le ore di luce diminuiranno gradualmente, fino a raggiungere il minimo durante il solstizio d'inverno del 21 dicembre.

Fin dall'antichità l'uomo si è reso conto del cammino ciclico che il Sole descrive nel cielo, traendone così spunto per regolare la propria vita ed arricchire di leggende la mitologia.

Per i greci il solstizio d'estate coincideva con la “Porta degli uomini“, cioé il momento in cui le anime uscivano dalla caverna cosmica.

 

 

 

 

 

 

In Perù la divinità associata al Sole ed all'imperatore, Inti, riceveva sacrifici di animali ed offerte, affinché i raccolti estivi fossero abbondanti.Il cristianesimo sovrappose alle celebrazioni pagane la festività dedicata a San Giovanni Battista. 

Secondo le tradizioni italiane nella notte di San Giovanni le streghe si levavano in volo e raggiungevano il “Grande Noce di Benevento“, l'albero sul quale una dea lunare avrebbe sconfitto il diavolo, rimandandolo negli inferi.

Fino al 1872 a Roma, dopo l'Ave Maria veniva sparato un colpo di cannone che dava inizio ai festeggiamenti. Il popolo si ritrovava nelle osterie per banchettare con le lumache, considerate in grado di scacciare i litigi ed il pericolo di essere traditi dai propri amati. Ma a partire dal quell'anno la festa venne soppressa dal governo italiano.

 

 

 

Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognantescarica il midi

 

 
 
 
Il Solstizio d’Inverno cade in un giorno variabile dal 20 al 24 dicembre.
 
E’ detto il giorno più breve dell’anno o la notte più lunga dell’anno.
 
In questo giorno il sole compie il suo giro più breve attraverso il cielo, riducendo così le ore di luce del giorno.Dopo questa data le giornate iniziano nuovamente ad allungarsi.
 
Nell’antichità era un’importante festività dei popoli pagani e a qualsiasi tradizione ci si riferisca il Solstizio d’Inverno celebra sempre la morte del Dio Sole, la sua trasformazione e la sua rinascita nel ventre della Dea.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Altri termini usati per indicare il Solstizio sono Yule, che sembra derivare dalla parola anglosassone “Yula” o quella scandinava “Jul” o “Iul” che significa “ruota”, la Ruota dell’Anno, infatti per le popolazioni anglosassoni proprio il solstizio marcava l’inizio del nuovo anno; oppure Alban Arthuan che è un termine di origine druidica che indica la rinascita del dio Sole in questo giorno. Qualcuno traduce Alban Arthuan con “Luce di Artù” in quanto si diceva che Re Artù fosse nato proprio il giorno del Solstizio d’Inverno. Artù viene qui associato al Re del Mondo e una leggenda racconta che egli dorme in una grotta nell’attesa che il suo popolo abbia nuovamente bisogno della sua presenza, giunto quel momento egli si sveglierà e tornerà a regnare.
 
 
 
 

 
 
 
A Roma, nel giorno del Solstizio Invernale, si celebrava la rinascita del Sole, il “Dies Natalis Soli Invicti” (il giorno di rinascita del Sole Invitto) dopo l’introduzione, sotto l’imperatore Aureliano, del culto del dio indo-iraniano Mithra nelle tradizioni religiose romane, che era icluso all’interno di un più vasto ciclo di festività che i Romani chiamavano Saturnalia, festività dedicata al dio Saturno.
In seguito fu Giulio I nel 325 d.C. circa a trasformare questa festività come ricorrenza per ricordare la nascita di Gesù Cristo, creando una celebrazione alternativa alla più popolare festa pagana di quei tempi.
 
 
 
 
Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognante  scarica il midi
 

 
 
Anche appendere l’agrifoglio in casa è un’usanza che persiste da tempi più antichi.
Fin dai tempi più remoti esso è simbolo di protezione e difesa dalle negatività. Inoltre rappresenta il Vecchio Dio del Cielo, il Re Agrifoglio che negli antichi miti nordici simboleggia l’anno morente che soccombe al nuovo anno nella simbolica battaglia contro il giovane Re Quercia.
 
 
 

 SOLSTIZIO D'INVERNO

Parxifal

 

Come è limpida questa notte
cosi vicina al sole,
eppure cosi immensamente bella,
raccolgo il sorriso delle stelle,
questo meraviglioso dono
del solstizio d'inverno.
Chissà se lontano oltre gli spazi
dell'incommensurabile,
Musetta guarda la luna
che gira intorno al cuore,
che si fa stella,
fiore,
sogno.

 
 
 
 
La figura di Babbo Natale, strettamente legata a questa festività, è una raffigurazione fantasiosa di santi che durante questo periodo sono dispensatori di doni (come San Nicola o Santa Lucia),  funzione simpaticamente ricoperta nell'antichità da Saturno.
 
 
 
 

lucia_1908_by_carl_larsson.jpg

 
 
 
Dalle celebrazioni pagane del solstizio d’inverno e dal desiderio di luce e di festa che per contrasto ne derivano sono infatti nate la figura di Lucia (nel suo significato di portatrice di luce) di bianco vestita e con candele sulla testa e quella di Babbo Natale.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Il Solstizio d’Inverno è occasione per guardare dentro sé stessi per cercare e riconoscere le proprie paure i propri dubbi.
 
E’ tempo di affrontare, sconfiggere e lasciar andare via tutto ciò che limita e frena la nostra nuova crescita.
 
E’ tempo di liberarsi dal peso delle insicurezze e dei timori che gravando sulla nostra anima allontanandoci da un nuovo inizio, da una nuova rinascita.
 
Con la crisi attuale vieppiù è importante questo messaggio (N.T.K.)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
FELICE SOLSTIZIO A TUTTI…
 
 
 
FINE
 
 
 
 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
TESTO WEB – COORDIN. RIELABORAZ. E IMPAG. T.K.
 
 
 
 
 
 
 
IL SALOTTO CULTURALE DI FB

 

HO MESSO LA MIA ANIMA… – M. GUIDACCI – BUON W. E. IN POESIA ARTE AFORISMA E…   1 comment

 
 
 
De Nittis – La signora dei pappagalli
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic 
 
Il bacio è un dolce scherzo che la natura ha inventato
per fermare i discorsi quando le parole diventano inutili.
Ingrid Bergman
 
 
 
 
 
 
 

De Nittis – Effetto neve

 

HO MESSO LA MIA ANIMA…

Margherita Guidacci

 
 
Ho messo la mia anima fra le tue mani.
Curvale a nido.
Essa non vuole altro che riposare in te.
Ma schiudile
se un giorno la sentirai fuggire.
Fà che siano allora come foglie
e come vento,
assecondando il suo volo.
E sappi che l'affetto nell'addio
non è minore che nell'incontro.
Rimane uguale e sarà eterno.
Ma diverse sono talvolta
le vie da percorrere
in obbedienza al destino
 
 
 
 
De Nittis – Figura di donna
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

a tutti da Orso Tony
 
 

 

 
 
 

PSICHE E SOGNO
IL TUO SALOTTO DI FB
 
 

LA SERA IN POESIA… MUSICA… ARTE E… NON SOLO   2 comments

 
 
 
Cari amici della poesia… dopo aver trattato il tema dell'alba…
stavolta affronteremo il tema della sera e prossimamente,
concludendo la trilogia, quello della notte.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA SERA IN POESIA… MUSICA… ARTE E… NON SOLO
by Tony Kospan 
 
 
 
 
 
 
Vi domanderete. Ma perché saltiamo il giorno?
Il motivo è semplice. Non ci sono molte grandi poesie sul pieno giorno…
 
Il giorno infatti, con le sue concrete e pratiche occupazioni…,
 i suoi ritmi ed il suo tran tran…
 non ci porta a fermarci a pensare… a sognare… a poetare…
 

 

 
 
Il tema è la sera dunque… che in questo periodo dell'anno…
con i giorni sempre più corti, ci fa compagnia molto più a lungo…
 
 
La sera, da sempre, rappresenta anche il momento di riposo dopo le fatiche del giorno…
e dell'incontro familiare… sul quale ormai però incombe la tv… il pc…
 
 
 
 
 
 
Oggi in verità ci stiamo abituando a vivere intensamente anche di notte…
 ma il tramonto e la sera conservano comunque intatto il loro fascino.
 
 
Le poesie sul tema sono tantissime per cui, come al solito,
quest'anno ho selezionato le seguenti e come sempre
sarebbe bello leggere quelle che piacciono a voi…
 
 
 
 
 
 
Le immagini sono tutte di Claude Théberge
(4 settembre 1934 Edmunston – 15 maggio 2008 Montreal)
inconfondibile artista franco canadese…
che ha dedicato tantissimi dipinti alla sera…
 
  
Iniziamo con 2 mitiche amatissime gemme di 2 grandissimi poeti
che in pochissimi versi “illuminano” questa parte del giorno…
e proseguiamo con altre poesie tutte di noti autori…
 
 
 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
STASERA
Ungaretti
 
Balaustrata di brezza
per appoggiare stasera
la mia malinconia
 
 
 
 
 
 
 
ED E' SUBITO SERA
Salvatore Quasimodo
 
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera. 
 

 


 
 

 
 
TERRAZZA
Vittorio Sereni
 
Improvvisa ci coglie la sera.
Più non sai
dove il lago finisca;
un murmure soltanto
sfiora la nostra vita
sotto una pensile terrazza.
Siamo tutti sospesi
a un tacito evento questa sera
entro quel raggio di torpediniera
che ci scruta poi gira se ne va.
 
 
 
 
 
 
SEI LA NUVOLA DELLA SERA
Tagore
 
Tu sei la nuvola della sera
che vaga nel cielo
dei miei sogni.
Io ti dipingo e ti modello
con i miei desideri d'amore.
Tu sei mia, solo mia, l'abitatrice dei miei
sogni infiniti! I tuoi piedi sono rosso-rosati
per la vampa del mio desiderio,
spigolatrice dei miei canti
al tramonto! Le tue labbra sono dolci-amare
del sapore del mio vino di dolore.
Tu sei mia, solo mia,
abitatrice dei miei sogni solitari!
Ho oscurato i tuoi occhi
con l'ombra della mia passione,
frequentatrice della profondità del mio sguardo!
T'ho presa e ti stringo, amore mio, nella rete
della mia musica. Tu sei mia, solo mia,
abitatrice dei miei sogni immortali!
 
 
 
 
 
A SERA
Hermann Hesse
 
A sera vanno le coppie di amanti
lentamente attraverso il campo,
donne sciolgono i loro capelli,
commercianti contano i soldi,
sul giornale della sera leggono ansiosi
i borghesi le novità,
fanciulli agitano piccoli pugni
dormono sonni profondi e lunghi.
Ognuno compie le proprie azioni
adempie al sublime dovere,
borghesi, poppanti, coppie di amanti –
eccetto me?
Certo! Neppure delle mie azioni serali
delle quali sono schiavo
lo spirito del mondo può privarsi,
anch'esse hanno un senso.
E così affondo e risalgo,
danzo nell'intimo,
canticchio sciocchi canti di strada,
lodo Dio e me stesso,
bevo vino fantasticando
di essere un pascià,
avverto noie ai reni,
sorrido e bevo anche di più,
dico sì al mio cuore
(al mattino non è possibile)
da dolori del passato
giuocando intesso una poesia,
vedo la luna e le stelle ruotare,
ne percepisco il significato
e via con loro mi sento andare
non importa dove.
 
 
 
 
 
IL TRAMONTO DEL SOLE
G. Lorca
 
Il sole è tramontato.
Gli alberi
meditano come statue.
Ormai il grano è falciato.
Che tristezza
le norie ferme!
Un cane campagnolo
vuole mangiarsi Venere,
e le latra.
Splende sul suo campo di pre-bacio
come una grande mela.
Le zanzare
– Pegasi della rugiada –
volano nell'aria calma.
La Penelope immensa della luce
tesse una notte chiara.
“Figlie mie, dormite, viene il lupo”,
le pecorelle belano.”
è arrivato l'autunno, compagne?”
dice un fiore avvizzito.
A momenti verranno i pastori coi loro nidi
dalla sierra lontana!
Giuocheranno le bambine sulla porta
della vecchia casa,
e ci saranno strofe d'amore
 
 
 
 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
 
 
 
 
Ciao da Orso Tony
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

PER LE NOVITA' DEL BLOG
 
SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
O
METTILO NEI PREFERITI
 
 
 

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: