Archivio per 25 ottobre 2012

NOTTURNO – JIMENEZ – BUONANOTTE IN MINIPOESIA   Leave a comment

 

 

 

 

 

NOTTURNO

Juan Ramon Jimenez

 

Ti bacerò nel buio,

senza che il mio corpo tocchi

il tuo corpo.

Abbasserò le tende,

ché neanche la nebbia entri

dal cielo.

Ché nella morte assoluta

di tutto, esista solo,

nuovo mondo, il mio bacio.

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
by Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
 

IL GRUPPO DEGLI ARTISTI

E

DI CHI AMA L'ARTE

 

 

 

CONFIDARE – A. POZZI – BREVE ANALISI DI UNA POESIA SUBLIME   3 comments

 
 
 
Dopo “L'allodola”, di cui abbiamo parlato ieri,
ecco un'altra poesia sublime di Antonia Pozzi.
 
 
 
 
 
 
 
 
CONFIDARE
 ANTONIA POZZI 
 
 
 
 

 

 

 

BREVE ANALISI

 

 

Questa la possiamo facilmente dividere in 3 parti…

 

I primi versi ci portano ad una visione dell’amore quasi come… 

divinizzazione dell’amata/o… 

 

Questo è un aspetto non nuovo se pensiamo alla donna angelicata cantata da Dante

nelle sue poesie per Beatrice ed al “dolce stil novo“…

 

 

 

 

 

 

Nella seconda strofa Antonia associa poi alla persona amata

tutte quelle doti capaci di far nascere e vivere dovunque… fiori di luce.

 

 

La terza infine, attraverso la figura dell’arabo avvolto nel suo barracano

(all’epoca… siamo nel 1934…  per la cultura occidentale era l’emblema della tranquillità…)


esalta il suo assoluto sentir se stessa commossamente serena e protetta…

 

 

 

 

 

 

Tuttavia… nonostante quest’esaltazione dell’amore sublime… e quasi a negar la lettera dei versi… 

traspare in modo invisibile ma evidente…

un urlo silenzioso sottile disperato ed esasperato

per il suo difficile amore tanto contrastato dalla sua famiglia e dalla società “bene” di Milano.

 

 

Antonia Pozzi
 
 
 
 

Come sappiamo l’impossibilità a vivere il suo amore la portò ad abbreviar la sua vita…


recidendola ancora in fiore…

 

 

Ma leggiamo la poesia…

 

 

 

 

 

 

CONFIDARE

Antonia Pozzi

 

 

Ho tanta fede in te. Mi sembra

che saprei aspettare la tua voce

in silenzio, per secoli

di oscurità.

 

Tu sai tutti i segreti,

come il sole:

potresti far fiorire

i gerani e la zàgara selvaggia

sul fondo delle cave

di pietra, delle prigioni

leggendarie.

 

Ho tanta fede in te. Son quieta

come l’arabo avvolto

nel barracano bianco,

che ascolta Dio maturargli

l’orzo intorno alla casa.

 

(8 dicembre 1934)
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Mi farebbe piacere, come sempre,  conoscere anche il vostro parere…
 
 
 

Tony Kospan

 

 

 

 Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting
IN FACEBOOK  
 
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21 
 
 
 
 

I’ TE VURRIA VASA’ – 1900 – CAPOLAVORO POETICO E MUSICALE DELLA CANZONE CLASSICA NAPOLETANA   Leave a comment

 

 

 
 
 
 I’ TE VURRIA VASA’
L' ATMOSFERA, LA STORIA, IL TESTO…
E LA CANZONE… (IN 2 VERSIONI)
a cura di Tony Kospan

 
 
 
 
Stavolta è il turno di una canzone del 1900
che fa parte della nutrita schiera
delle grandi canzoni napoletane classiche…
 

Questa, insieme a tante altre, è stata
  una delle migliori ambasciatrici della bellezza
della grande musica napoletana.
 
 
 
 

 
 
 
Prima però immergiamoci nell’atmosfera di quell’anno
con diverse immagini d'epoca…
 
 
 
 
L'ATMOSFERA DEL 1900
 
 
 

Giochi Olimpici di Parigi 1900

 

 

 
 
 
 
De Nittis – Signora napoletana
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA STORIA
 
 
 
 
Il testo della canzone è del poeta Vincenzo Russo.
 
Siamo a cavallo del 1900 e l'autore era a letto con la febbre.
 
 
 
 
 

Vincenzo Russo

 
 
 
L'andò a visitare l'amico Di Capua (l'autore della musica di “O sole mio”)
contento per aver ricevuto un anticipo dalla sua Casa Musicale 
per dividerlo con lui… e per regalargli un biglietto
per una serata al famoso Salone Margherita
(piccolo teatro napoletano adibito a spettacoli musicali e leggeri)
dove si esibiva uno dei più grandi cantanti dell'epoca Armando Gill.
 
 
 
 
Eduardo Di Capua
 
 
 
 
Prima che andasse via il Russo
infilò il testo della canzone nelle tasche dell'amico.
 
 
Il giorno dopo Di Capua aveva già composto la musica
che il poeta disse esser proprio quella da lui sognata.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La canzone, per il poetico testo e per la dolcezza della musica, 
è considerata una delle più belle canzoni d’amore
della storia della musica… di sempre.
 
 
La riprova sta nel fatto che essa ha avuto
nel corso dei suoi 110 anni di vita
tantissimi famosissimi interpreti.
 
 
 
 
 
 
 

 

ILTESTO ORIGINALE E IN ITALIANO
 
 
 
 
 
 

I’ te vurria vasa’
(V.Russo, Di Capua)  
 
Ah! Che bell’aria fresca…
Ch’addore ‘e malvarosa…
E tu durmenno staje,
‘ncopp’a sti ffronne ‘e rosa!
 
‘O sole, a poco a poco,
pe’ stu ciardino sponta…
‘o viento passa e vasa
stu ricciulillo ‘nfronte!
 
I’ te vurría vasá…
I’ te vurría vasá…
ma ‘o core nun mm”o ddice
‘e te scetá…
‘e te scetá!…
 
I’ mme vurría addurmí…
I’ mme vurría addurmí…
vicino ô sciato tujo,
n’ora pur’i'…
n’ora pur’i'!…
 
Tu duorme oje Rosa mia…
e duorme a suonno chino,
mentr’io guardo, ‘ncantato,
stu musso curallino…
 
E chesti ccarne fresche,
e chesti ttrezze nere,
mme mettono, ‘int”o core,
mille male penziere!
 
I’ te vurría vasá…
……………………….
Sento stu core tujo
ca sbatte comm’a ll’onne!
Durmenno, angelo mio,
chisà tu a chi te suonne…
 
‘A gelusia turmenta
stu core mio malato:
Te suonne a me?…Dimméllo!
O pure suonne a n’ato?
 
I’ te vurría vasá…
 
 
Ti vorrei baciar
(libera trad. Tony Kospan)
 
Ti vorrei baciar
(libera trad. Tony Kospan)
Ah! che bell’aria fresca
ch’odor di malvarosa.
E tu stai dormendo
su queste foglie di rosa.

Il sole a poco a poco
spunta in questo giardino;
il vento passa e bacia
il ricciolino in
fronte.

Io vorrei baciarti…

Io vorrei baciarti…
Ma il cor non ho
di svegliarti…
di svegliarti…

Io vorrei addormentarmi
Io vorrei addormentarmi
vicino al tuo respiro
per un’ora anch’io…

per un’ora anch’io…

Tu dormi, o Rosa mia?
E dormi profondamente;
mentr’io guardo, incantato,
questa tua bocca corallina.

E queste carni fresche,
e queste trecce nere,
mi mettono nel cuore
mille segreti pensieri.

Vorrei baciarti.

……………………….

Sento il cuore tuo
che batte come l’onde.
Dormendo , angelo mio,
chissà a chi stai sognando…

La gelosia tormenta
il  cuore mio malato;
Stai sognando me? Dimmelo…
Oppure sogni un altro?

Io vorrei baciarti…

 
 
 
 
 
 

LA CANZONE

 
 
 
 
 

 

 
 
 
 
Ascoltiamola… nella versione di 
Massimo Ranieri
 
 
 
 
 
Unknown Artist - Clandestine Meeting, c.1900 

 
 
 
 
e poi, se ci va, in quella ancor più… cesellata…
di Sergio Bruni…
 
 
 
 
 

 

 

 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
– COPYRIGHT – T.K. –
 
 
 
 
 
 
 

PER LEGGERE LE NOVITA’ DEL BLOG
CLIKKA QUI GIU’
Gif-Animate-Frecce20174.gif image by orsosognante
glitter-cute-120734307281080.gif picture by orsosognante
SE TI PIACE
ISCRIVITI
O
METTILO NEI PREFERITI
 
 
 

BUON POMERIGGIO IN POESIA ARTE AFORISMA E… CON LORCA DICKSEE MORRISON… E…   Leave a comment

 

 

Frank Dicksee  – Passione dipinta

 

 

 

 

 

Ognuno di noi ha un paio di ali,

ma solo chi sogna impara a volare.

Jim Morrison

 

 

 

Frank Dicksee – La confessione

 
 
 
OH VOCE OCCULTA…
Garcia Lorca
 
Oh voce occulta dell’amore oscuro!
Oh belato senza lana, oh ferita,
camelia sfiorita, ago di fiele,
flusso senz’acqua, città senza mura!
Oh notte immensa di linea sicura,
monte celeste di protesa angoscia!
Cane nel cuore, oh voce inseguita!
Silenzio senza fine, iris maturo!
Voce ardente di gelo, via da me!
Non farmi perdere nella sterpaglia
dove gemono carne e cielo sterili.
Libera il duro avorio della testa,
pietà di me, spezza il mio dolore!
Perché sono natura, sono amore!
 
 
 

Frank Dicksee – Passatempo orientale

 

 
 

 
A TUTTI DA ORSO TONY

 

 

 

 

SE AMI L'ARTE
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: