Archivio per 12 settembre 2012

L’ESTATE STA FINENDO – RIGHEIRA – LA CANZONE DELL’ESTATE 1985   Leave a comment

 
 
 
Siamo ormai all'epilogo di questa stagione…
e l'autunno bussa ormai alle porte…
 
 
 

 
 
L'ESTATE STA FINENDO

LE CANZONI DELL'ESTATE
a cura di Tony Kospan
 
 
 
 

 
 
 

Anche questa canzone è stata uno dei tormentoni 
che hanno spopolato nelle estati della nostra vita…
 
 
 

 
 
 
Questa porta nel titolo stesso…
la parola estate…
 
 
 
 
 
E' stata la vincitrice dell'edizione del 1985 del Festivalbar 
 
 
Ora qualche immagine di quell'anno
per riviverne l'atmosfera
 
 
Microsoft Windows 1.03 – 1985 – Nasce il web x tutti
 
 
Alfa – Arna
 
 
Il Verona vince lo scudetto…
 
 
Stefania Sandrelli nel film Miranda
 
 
 
 

La canzone dei Righeira….
gruppo musicale formato dai torinesi
Michael (Stefano Rota) e Johnson (Stefano Righi)
ci parla di quella strana ma netta sensazione
che viviamo nell'avvertire nell'aria
la fine dell'estate…
 

 

 

Leggiamo prima il testo
e poi ascoltiamo questa mitico tormentone…

 

 

L'ESTATE STA FINENDO

L'estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
lo sai che non mi va.
In spiaggia di ombrelloni
non ce ne sono più
è il solito rituale
ma ora manchi tu.
Languidi brividi
come il ghiaccio bruciano
quando sto con te.
Baciami
siamo due satelliti
in orbita sul mar.
è tempo che i gabbiani
arrivino in città
L'estate sta finendo
lo sai che non mi va.
Io sono ancora solo
non è una novità
Tu hai già chi ti consola
a me chi penserà.
Languidi brividi…
L'estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
lo sai che non mi va.
Una fotografia
è tutto quel che ho
ma stanne pur sicura
io non ti scorderò.
L'estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
anche se non mi va.
L'estate sta finendo
l'estate sta finendo
l'estate sta finendo oh oh oh oh
l'estate sta finendo . . . . . . .

 

 

Ed ora ascoltiamola…

 

 
 
 
Ciaooooooooooo
 
e buon ascolto se vi fa piacere…
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 

 

UN BALLO IN MASCHERA – L’OPERA DI VERDI E VARI DIPINTI…   2 comments

 
 
 
 
 
UN BALLO IN MASCHERA
 
 
E' un’opera di Giuseppe Verdi su libretto di Antonio Somma,
a sua volta tratto da libretto di Eugène Scribe per Daniel Auber
“Gustave III, ou Le Bal masqué” (1833).
 
 
La prima ebbe luogo il 17 febbraio 1859 al Teatro Apollo di Roma.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Oggi, anniversario della morte di Montale
12 settembre 1981,
sapendo che era molto amata dal grande poeta…
mi fa piacere collegare quest'opera del grande musicista
all'arte moderna e classica…
 
 
 
 

 

 

desidero ascoltarla e farvela ascoltare… in 2 brani…
 
 
Il primo cantato dal grande Pavarotti
sotto la direzione musicale di Claudio Abbado
 è collegato a questo dipinto del 1983
e quindi di un autore contemporaneo
 
 
 

GeorgeTooker – Un Ballo in Maschera
 
 
 
ed il secondo, sempre della stessa opera,
in cui possiamo ammirare un'impressionante interpretazione
di Mariana Pentcheva nella scena della Strega
è collegato a questo dipinto…
più classico ma sempre in tema di Gérôme Jean-Léon

 
 
 
 
 
 
Buon ascolto… e buona visione… se vi va…
 
 
Orso Tony
 
 
 
 
 
 

ARTE MUSICA POESIA E…
I N S I E M E
NEL GRUPPO DI FB

AMICI DI PSICHE E SOGNO

 
 
 

EUGENIO MONTALE… UN BREVE RICORDO E 2 SUE MITICHE POESIE   2 comments

 

 

 

 

 

Nell'anniversario della morte del grande poeta genovese

rendiamogli omaggio con un accenno alla sua poetica

e con 2 sue notissime bellissime poesie…

 

 

 

(Genova, 12 ottobre 1896 – Milano, 12 settembre 1981)

 

 

 

EUGENIO MONTALE… UN BREVE RICORDO E 2 SUE MITICHE POESIE

 

 

Ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura nel 1975

con questa motivazione che è poi anche una vera e completa analisi

nonché una valida definizione di tutta la sua poetica…

 

 

“Per la sua poetica distinta che, con grande sensibilità artistica,

ha interpretato i valori umani

sotto il simbolo di una visione della vita priva di illusioni.”

 

 

 

Guy Orlando Rose – Il parasole verde – 1911

 

 

RIPENSO IL TUO SORRISO

 

 

Ripenso il tuo sorriso, ed è per me un'acqua limpida

scorta per avventura tra le petraie d'un greto,

esiguo specchio in cui guardi un'ellera i suoi corimbi;

e su tutto l'abbraccio d'un bianco cielo quieto.

 

Codesto è il mio ricordo; non saprei dire, o lontano,

se dal tuo volto s'esprime libera un'anima ingenua,

o vero tu sei dei raminghi che il male del mondo estenua

e recano il loro soffrire con sé come un talismano.

 

Ma questo posso dirti, che la tua pensata effigie

sommerge i crucci estrosi in un'ondata di calma,

e che il tuo aspetto s'insinua nella mia memoria grigia

schietto come la cima d'una giovinetta palma…

 

 

 

 

 

 

HO SCESO, DANDOTI  IL BRACCIO

 

 

Ho sceso, dandoti il braccio,

almeno un milione di scale

E ora che non ci sei

è il vuoto ad ogni gradino.

Anche così è stato breve

il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora,

né più mi occorrono

Le coincidenze, le prenotazioni,

le trappole, gli scorni di chi crede

che la realtà sia quella che si vede.

 

Ho sceso milioni di scale

dandoti il braccio

Non già perché con quattr'occhi

forse si vede di più.

Con te le ho scese

perché sapevo che di noi due

Le sole vere pupille,

sebbene tanto offuscate,

erano le tue.


 

Image and video hosting by TinyPic

 

 

 

Qui giù la 2° poesia anche in formato video…

 

 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

LA TUA PAGINA DI SOGNO DI FB
ImageChef Word Mosaic - ImageChef.com
 
 
 

SECONDO RICORDO – R. ALBERTI – FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA… ARTE… E…   1 comment

 
 
 
 
 
 
Charles Edward Perugini – Donna che legge
 
 
 
 
 
 
 
       
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

pianorosa.gif image by AMORELUZ

Charles Edward Perugini – Innamorati in giardino
 
 
 
 
SECONDO RICORDO
– Rafael Alberti –
 
Anche prima,
molto prima della rivolta delle ombre,
e che nel mondo cadessero piume incendiate
e un uccello potesse essere ucciso da un giglio.
Prima,
prima che tu mi domandassi
il numero e il sito del mio corpo.
Assai prima del corpo.
Nell'epoca dell'anima.
Quando tu apristi nella fronte non coronata,
del cielo,
la prima dinastia del sogno.
Allorché,
contemplandomi nel nulla,
inventasti la prima parola.
Allora,
il nostro incontro.
 
 
 
Charles Edward Perugini – Bagno d'estate
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
à tout le monde par
 Tony Kospan
 
 
 
 
 

IL MONDO DEGLI ARTISTI
E DI CHI AMA L'ARTE
NEL GRUPPO DI FB

 
 
 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: