LE PIANTE PENSANO? PARE… DI SI’…   Leave a comment

 
 
 
Un argomento a mio parere davvero interessante.
 
 

Condivido, anche per mie piccole esperienze di giardinaggio,
la tesi degli scienziati…
ed infatti considero gli animali i nostri… fratelli minori…
e le piante le nostre… cuginette…
 
 
 
 
 
 
 
 
In ogni caso ci accomuna la “vita”… insieme…
su questo nostro pianeta…
che il business esasperato sta cercando di distruggere… 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 

LE PIANTE PENSANO?

Gli Scienziati dicono di SI’ !
James Donahue 
 
 
Mio padre ed io andavamo nell’area boschiva della famiglia  ogni sabato, per  tagliare  alcuni alberi, segarli in pezzii, e caricarli  su di  un camioncino per poi accatastare i ciocchi nel cortile.
Rispettosi dell’ecologia, cercavamo nella foresta alberi malati da abbattere, o quelli più vecchi che si accalcavano sopra i più piccoli.
Non ho mai pensato che quel che facevamo, coinvolgesse tutta la  foresta, finché un giorno lessi di un esperimento condotto da  biologi russi con alcune piante di   cavolo cappuccio, cresciute in  serra.

Una fila di di sei piante di  cavolo erano state collegate  ad uno strumento che misurava  le onde  elettriche emesse dalle piante vive. L’apparecchiatura lavorava piu’ o meno come un elettroencefalografo  attaccato al cervello umano.
Durante l’esperimento un uomo era entrato nella stanza ogni giorno, ad una certa ora, per annaffiare ed aggiungere concime  al suolo di ciascuno dei vasi nei quale i cavoli crescevano. 

Dei segnali veniveno registrati, cioè  c’era una reazione a questa attività  giornaliera.
Un giorno una persona nuova  entrò nella stanza con un coltello.
Quest’uomo si avvicinò  ad uno dei cavoli e lo tagliò a pezzi.

La risposta sugli  strumenti  fu immediata: un aumento frenetico dell’attività  elettrica.

Era chiaro che le altre piante non solo erano consapevoli di questo evento terribile,  ma  esprimevano anche una  forte risposta a quello che era accaduto.
 

Da quel giorno in poi, il semplice ingresso nella serra dell’uomo che aveva maneggiato il coltello, ha causato lo stesso genere di reazione elettrica fra le piante di cavolo cappuccio sopravvissute.
 
Le conclusioni tratte dagli scienziati furono che i cavoli non solo sono consapevoli del proprio territorio, ma che  comunicano l’uno con l’altro, e rispondono ad eventi che li riguardano.
Dopo aver letto ciò,  ho trovato difficile entrare ancora nella foresta per tagliare gli  alberi.
Ho compreso che gli alberi, comunicando fra loro,  avrebbero potuto temere la mia presenza. 
Alla fine abbiamo venduto quella casa per traslocare in una più piccola, che aveva il riscaldamento centralizzato.  

(J. Donhaue)
 
 
 
 
 
 
 
 
dal web – impaginazione t.k.
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
      
IL SALOTTO CULTURALE E DI SOGNO
DI FACEBOOK?
 

 
 
 
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: