Archivio per 12 aprile 2012

LA STORIA DELL’ AMORE   Leave a comment

 

 

Un bella favola che ci spiega

in modo simpatico

perché l'amore… è… cieco e pazzo…

 

 

 

 

  LA STORIA DELL’AMORE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Raccontano che un giorno si riunirono in un luogo della terra tutti i sentimenti e le qualità degli  uomini. 

Quando la noia si fu presentata per la terza volta, la pazzia come sempre un po’ folle propose:
“giochiamo a nascondino!”.

L’interesse alzò un sopracciglio e la curiosità senza  potersi contenere chiese: “a nascondino? di che si tratta?” “é un gioco -spiegò  la pazzia – in cui io mi copro gli occhi e mi metto a contare fino a 1000000 mentre voi vi nascondete, quando avrò  terminato di contare il primo di voi che scopro prenderà il mio posto per continuare il gioco”.

L’entusiasmo   si mise a ballare, accompagnato dall’euforia. L’allegria fece tanti salti che finì per   convincere il dubbio e persino l’apatia, alla quale non interessava mai niente…. però non tutti vollero partecipare.

La verità preferì non nascondersi. Perché se poi tutti alla fine la scoprono?

La superbia pensò che fosse un gioco molto sciocco (in fondo ciò che le dava fastidio era che  non  fosse stata una sua idea) e la codardia preferì non arricchirsi.

“UNO,DUE,TRE…” -cominciò a  contare la pazzia.

La prima a nascondersi fu la pigrizia che si  lasciò cadere dietro la prima  pietra che trovò sul percorso. La fede volò in cielo e l’ si nascose all’ombra del trionfo che con le proprie forze era riuscito a salire sull’albero più alto. La  generosità quasi non  riusciva a nascondersi. Ogni posto che trovava le sembrava meraviglioso  per qualcuno dei suoi amici. Che dire di un lago cristallino? Ideale per la bellezza. Le fronde di  un albero? Perfetto  per la timidezza. Le ali di una farfalla? Il migliore per la voluttà. Una folata di vento? Magnifico per la libertà. Così la generosità finì per nascondersi in un raggio di sole.
  L’egoismo, al  contrario trovò subito un buon nascondiglio, ventilato, confortevole e tutto per sé. La menzogna si nascose sul fondale degli oceani (non e’ vero, si nascose dietro l’arcobaleno!).
La passione e  il desiderio al centro dei vulcani. L’oblio….non mi ricordo…dove? 

 
 
 

 

 

Quando la  pazzia arrivò a contare 999999 l’amore non aveva ancora trovato un posto dove
nascondersi poiché li trovava tutti occupati; finché scorse un cespuglio di rose e alla fine decise
di nascondersi tra i suoi fiori. “un milione!” – contò la pazzia.
 
E cominciò a cercare.
 
La prima a  comparire fu la  pigrizia, solo a tre passi da una pietra.
Poi udì la fede, che stava discutendo con  Dio su questioni di teologia, e sentì vibrare la passione e il desiderio dal fondo dei vulcani. Per  caso trovò l’invidia e poté dedurre dove fosse il trionfo. L’egoismo non riuscì a trovarlo: era  fuggito dal suo nascondiglio essendosi accorto che c’era un nido di vespe.  Dopo tanto camminare, la pazzia ebbe sete e nel raggiungere il lago scoprì la bellezza. Con il dubbio le risultò ancora più facile, giacché lo trovò seduto su uno steccato senza avere ancora deciso da  che lato  nascondersi. 

  Alla fine trovò un pò tutti: il talento nell’erba fresca, l’angoscia in una grotta buia, la menzogna   dietro l’arcobaleno e infine l’oblio che si era già dimenticato che stava giocando a nascondino.  Solo l’amore non le appariva da nessuna parte. La Pazzia cercò dietro ogni albero, dietro ogni   pietra, sulla cima delle montagne e quando stava per darsi per vinta scorse il cespuglio di rose e  cominciò a muovere i rami. Quando, all’improvviso, si udì un grido di dolore: le spine avevano  ferito gli occhi dell’amore!

La pazzia non sapeva più che cosa fare per discolparsi; pianse,  pregò, implorò, domandò perdono e alla fine gli promise che sarebbe diventata la sua guida. 

 
 
  Da allora, da quando per la prima volta si giocò a nascondino sulla terra,
l’amore è cieco e la  pazzia sempre lo accompagna….
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
PER MIE ESPERIENZE DI VITA…
DEBBO DIRE D'ESSER DEL TUTTO D’ACCORDO…
 
EH SI'…  
L’AMORE E’ PROPRIO CIECO
E PURE PAZZO …
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 

80x80 80x80 80x80

ARTE MUSICA POESIA ETC…
NEL GRUPPO DI FB

 
 
 

Pubblicato 12 aprile 2012 da tonykospan21 in AMORE AMICIZIA

Taggato con , ,

IL VERO SUCCESSO? VIVER FELICI! – RIFLESSIONE QUASI… POETICA   Leave a comment

 
 
 
 





Il pensiero di Shinyashiki Roberto
guru brasiliano, psichiatra ed esperto in comunicazione
sul modo migliore di vivere




Shinyashiki Roberto
 
 
 
 

LA FELICITA' E' UNA SCELTA!
(Il suo pensiero in pillole)


 
 
 
Ciascun uomo deve prendere possesso della propria vita:
la consapevolezza che un uomo ha di sé, infatti, si riflette direttamente sul modo in cui interagisce con gli altri.
 
Purtroppo, lo stile di vita moderno, basato sulla competizione aggressiva, distrugge l'individuo, lo irrigidisce emotivamente e gli crea persino una grande paura di sognare, e quindi di trovare la forza interiore per realizzare le proprie mete.
 
Le persone per Shinyashiki, invecchiano non per il tempo che passa, ma principalmente perché abbandonano i sogni.
 
Per trasformare la propria vita è fondamentale sapere dove si sta e dove si vuole andare.

(dal web)
 
 
 
 

 
 
 
 
 
Ecco ora come l'autore sintetizza i suoi concetti…
espressi nel libro
IL VERO SUCCESSO E' LA… FELICITA'
in questo brano quasi poetico…

 
 
 
 


 
 
 
 
 
 
LA VITA
Shinyashiki Roberto
 
Non mangiare la vita con la forchetta e con il coltello,
ma sporcati la faccia….
Molti risparmiano la vita per il futuro…
La vita, anche se in frigorifero,
se non la vivi, deperirà!
Per questo certe persone si sentono ammuffite
già nella mezz'età….!
Esse mettono la vita da parte
e non si dedicano all'amore o al lavoro….
Non hanno osato,
non sono andati avanti ma poi arriva il momento
che se ne accorgono.
“Accidenti, ho avuto fame
ma per risparmiare queste patate si sono marcite”.
E allora non lasciare che la vita diventi troppo seria
e vivila come se fosse un gioco,
assapora tutto quello che riesci ad ottenere
sia le sconfitte che le vittorie,
la forza dell'alba e la poesia dell'imbrunire…





  

 

CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
verde vine lineverde vine line
IL MONDO DI ORSOSOGNANTORA E' ANCHE SU FB!


.
.
.
.
 
 
 
 

LA DESIDERATA DI BALTIMORA – LA VERA STORIA ED IL SUBLIME TESTO   2 comments

 

 

 

 

 

LA DESIDERATA DI BALTIMORA

LA VERA STORIA ED IL TESTO SUBLIME 

 

Una raccolta di pensieri, ammonimenti e regole
secondo le quali vivere.
 
 Agli americani piace da impazzire…
e tramite internet si è diffusa in tutto il mondo.
 
 
 
 

 

 

 

 Questo testo bellissimo viene quasi sempre presentato come

“Manoscritto del 1692 trovato a Baltimora nell’antica chiesa di San Paolo”.

In realtà invece la vera storia del manoscritto è la seguente.

 

 

 

 

 

 

LA VERA STORIA

 

Nel 1959 il reverendo Frederick Kates rettore della chiesa di St. Paul, a Baltimore, Maryland, incluse questo pensiero in una raccolta di materiale devozionale.
 
In cima alla raccolta, c’era l’annotazione “Old St. Paul’s Church, Baltimore, A.C. 1692”,
che è l’anno di fondazione della chiesa… da qui l’equivoco.
 
In realtà, l’autore di questi versi, Max Ehrmann, un poeta di Terre Haute, Indiana, vissuto dal 1872 al 1945, e scrisse Desiderata intorno al 1927.
 
Tuttavia ciò che dice… resta senza tempo… ed in essa si percepisce chiaramente un profumo di verità eterna ed è per questo che il testo ha avuto successo in tutto il mondo…
 
Per questo che lo propongo (o ripropongo) alla mia e vostra attenzione.  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

  

 

 

 

IL TESTO
 
 
 
Nota (MUSICA NEW AGE)
 
 
 
 
 

assa tranquillamente tra il rumore e la fretta,
e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio.

Finché è possibile senza doverti abbassare,
sii in buoni rapporti con tutte le persone.

Dì la verità con calma e chiarezza; e ascolta gli altri, anche i noiosi e gli
ignoranti, anche loro hanno una storia da raccontare.

Evita le persone volgari e aggressive; esse opprimono lo spirito.

  Se ti paragoni agli altri, corri il rischio di far crescere in te orgoglio e acredine,
perché sempre ci saranno persone più in basso o più in alto di te.

Gioisci dei tuoi risultati così come dei tuoi progetti.

Conserva l’interesse per il tuo lavoro, per quanto umile;
è ciò che realmente possiedi per cambiare le sorti del tempo.

Sii prudente nei tuoi affari, perché il mondo è pieno di tranelli.

Ma ciò non acciechi la tua capacità di dinstinguere la virtù;
molte persone lottano per grandi ideali, e dovunque la vita è piena di eroismo.

Gioisci dei tuoi risultati così come dei tuoi progetti.

         Sii te stesso.  

Soprattutto non fingere negli affetti, e neppure sii cinico riguardo all’amore;
poiché a dispetto di tutte le aridità e disillusioni esso è perenne come l’erba.

Accetta benevolmente gli ammaestramenti che derivano dall’età,
lasciando con un sorriso sereno le cose della giovinezza.

Coltiva la forza dello spirito per difenderti contro l’improvvisa sfortuna,
ma non tormentarti con l’immaginazione.

Molte paure nascono dalla stanchezza e dalla solitudine. Al di là di una
disciplina morale, sii tranquillo con te stesso.

Tu sei un figlio dell’universo, non meno degli alberi e delle stelle;
Tu hai il diritto di essere qui.

E che ti sia chiaro o no,
non vi è dubbio che l’universo ti stia schiudendo come si dovrebbe.
 
Perciò sii in pace con Dio, comunque tu lo concepisca,
e qualunque siano le tue lotte e le tue aspirazioni,
conserva la pace con la tua anima pur nella rumorosa confusione della vita.

Con tutti i suoi inganni, i lavori ingrati e i sogni infranti,
è ancora un mondo stupendo.

Fai attenzione.

Cerca di essere felice. 

 

 

70x8270x8270x8270x8270x8270x8270x82

 

 

 

 

 

 

 

 Ciao da  Tony Kospan

 
 
 
 
 
 
 IL TUO SALOTTO DI SOGNO 

 

samp5873205a0f06c928.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 
 

Pubblicato 12 aprile 2012 da tonykospan21 in RACCONTI E TESTI SUBLIMI, Senza categoria

Taggato con

LA SPERANZA – E. DICKINSON – FELICE GIOVEDI’ IN POESIA E…   1 comment

 
 
 
 
Charles Haigh-Wood – L'attesa
 
 
 
         
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU
 
Uno spettacolo per gli dei
è la vita di due innamorati.
– Wolfgang Goethe –
 
 
 PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU
 
 
 
 
 
 
.  
 

 

 

LA SPERANZA E’ UN ESSERE PIUMATO  
Emily  Dickinson
 
La speranza è un essere piumato
che si posa sull’anima,
canta melodie senza parole e non finisce mai.
La brezza ne diffonde l’armonia,
e solo una tempesta violentissima
potrebbe sconcertare l’uccellino
che ha consolato tanti.
L’ho ascoltato nella terra più fredda
e sui più strani mari.
Eppure neanche nella necessità
ha chiesto mai una briciola – a me.
 
 
 
 
 
 
a tutti
da Orso Tony
 
 
 
 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
IL SALOTTO CULTURALE… 
DI FACEBOOK?
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: