Archivio per 26 marzo 2012

ANCHE SE IMPAZZISCONO – D. THOMAS – BUONANOTTE IN MINIPOESIA   1 comment

 
 
 
 
 
 
 
 
ANCHE SE IMPAZZISCONO
Dylan Thomas
 
 
Anche se impazziscono
Saranno sani
 
Anche se affondano in mare
Affioreranno di nuovo
 
Anche se gli amanti si perdono
L'amore non si perderà
E la morte non avrà alcun dominio.

 

 

 

 

 

da Orso Tony

 

 

 

POESIE?

ILFANTMONDO.jpg picture by orsosognante

 

 

Pubblicato 26 marzo 2012 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA, Senza categoria

Taggato con

NON BASTA APRIRE LA FINESTRA – PESSOA – POESIA OLTRE LA POESIA   6 comments

 
 
 
 
 
 
 
 
POESIA OLTRE LA POESIA…
DELLA SERIE GRANDISSIME POESIE…
 
 
 
NON BASTA APRIRE LA FINESTRA
 
 
Questa a mio parere è una poesia
dalle grandi e profonde suggestioni…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Pessoa, poeta del sogno…, stavolta…
pur esaltandolo… dubita che esso,
pur superiore alla fisicità delle cose
ed alla freddezza della razionalità…
riesca davvero ad individuare
quel che c’è davvero oltre la “finestra”.
 
 
 
 
 
 
 
 
image image image image
 
 
 
 
NON BASTA APRIRE LA FINESTRA
Fernando Pessoa
 
 
Non basta aprire la finestra
per vedere la campagna e il fiume.
Non basta non essere ciechi
per vedere gli alberi e i fiori.
Bisogna anche non aver nessuna filosofia.
Con la filosofia non vi sono alberi:
vi sono solo idee.
Vi è soltanto ognuno di noi,
simile ad una spelonca.
C’è solo una finestra chiusa
e tutto il mondo fuori;
e un sogno di ciò che potrebbe esser visto
se la finestra si aprisse,
che mai è quello che si vede
quando la finestra si apre.
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

 

 

Alcuni ritengono che la poesia parli di paesaggi da visitare
perché più belli dal vero che sognati…
ma secondo me… qui v’è chiaramente
una visione molto più metafisica…
 
 
 
 
 
 
Penso che Pessoa ci voglia dire
– della nostra incapacità di vedere solo con i nostri occhi…,
– del pericolo di farci condizionare dai ragionamenti della filosofia…
e che invece abbiamo la possibilità di vedere molto più in là
grazie ai nostri sogni…
 
Tuttavia però termina con la considerazione 
che nonostante ciò
la verità è… comunque diversa…
 
 
 
 
 
 
In altre parole ed in estrema sintesi
il significato è, a mio parere, dolce-amaro…
e ci lascia un senso di vuoto e di incompletezza. 
 
Noi non conosciamo e non conosceremo mai la vera realtà…
che è quella che è oltre noi…
(oltre la finestra)
ma la possiamo solo immaginare… sognare…
in quanto siamo prigionieri delle nostre convenzioni sociali
delle nostre sovrastrutture mentali.
 
Epperò nemmeno questo sognare, ahimé,
corrisponde mai alla verità sconosciuta
o inconoscibile da noi umani…
 
 
 
 
 
 
Per questo si può parlare di poesia metafisica…
 
 
La mia è una personalissima interpretazione
e mi piacerebbe legger quel che ne pensate voi…
 
 
 
 

 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 
 
P O E S I E ?
UN MODO DIVERSO DI VIVERLE…
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21
 
 
 

IL BUON COMBATTIMENTO – ELOGIO DEL SOGNO – COELHO – BRANO SUBLIME   2 comments

 
 
 
 



Questo di Coelho…, è a parer mio,
un brano davvero sublime…
teso a farci comprendere l’importanza di lottare
per la difesa e la vitalità… dei nostri sogni…

Chi ama il sogno come amico… sostegno… dei nostri giorni
nonché capace di arricchire la nostra vita…,
proponendoci mete realizzabili o meno…,
non potrà non apprezzarlo in pieno…









IL BUON COMBATTIMENTO
ovvero
ELOGIO DEL SOGNO
P. Coelho


(musica new age)





“Ho combattuto il buon combattimento e ho mantenuto la fede”, dice Paolo in una delle sue epistole.
E sarebbe bene ricordare questo tema, quando un nuovo anno si prospetta davanti a noi.
L’uomo non può mai smettere di sognare.
Il sogno è l’alimento dell’anima come il cibo è l’alimento del corpo.
Tante volte, nella nostra esistenza, vediamo i nostri sogni infranti e i nostri desideri frustrati, ma bisogna continuare a sognare, altrimenti la nostra anima muore e Agape non vi penetra.
Agape è l’amore universale, quell’amore che è più grande e più importante del semplice “piacere” a qualcuno.
Nel suo famoso discorso sui sogni, Martin Luther King ricorda il fatto che Gesù ci chiese di amare i nostri nemici, e non che essi ci piacessero.
Questo amore più grande è quello che ci dà l’impulso per continuare a lottare malgrado tutto, per mantenere la fede e la gioia, e combattere il Buon Combattimento.
Il Buon Combattimento è quello intrapreso perché lo chiede il nostro cuore.
In epoche eroiche, quando gli apostoli giravano nel mondo predicando il vangelo, o al tempo dei cavalieri erranti, questo era più facile: c’erano molte terre da attraversare e tante cose da fare.
Al giorno d’oggi, però, il mondo è cambiato, e il Buon Combattimento è stato trasportato dai campi di battaglia all’interno di noi stessi.
Il Buon Combattimento è quello intrapreso in nome dei nostri sogni.
Quando essi esplodono in noi con tutto il loro vigore – nella gioventù – noi abbiamo molto coraggio, ma non abbiamo ancora appreso a lottare.
Dopo tanti sforzi, finiamo per apprendere a lottare, ma a quel punto non abbiamo più lo stesso coraggio per combattere.
Perciò, ci rivolgiamo contro di noi e combattiamo noi stessi, finendo così per essere il nostro peggior nemico.






Diciamo che i nostri sogni erano infantili, difficili da realizzare, o frutto della nostra ignoranza delle realtà della vita.
Uccidiamo i nostri sogni perché abbiamo paura di intraprendere il Buon Combattimento.
Il primo sintomo che stiamo uccidendo i nostri sogni è la mancanza di tempo.
Le persone più occupate che ho conosciuto in vita mia avevano sempre tempo per tutto.
Quelle che non facevano nulla erano sempre stanche, non tenevano dietro a quel poco di lavoro che dovevano fare e si lamentavano continuamente che il giorno era troppo corto.
In realtà, esse avevano paura di intraprendere il Buon Combattimento.
Il secondo sintomo della morte dei nostri sogni sono le nostre certezze.
Poiché non vogliamo guardare alla vita come ad una grande avventura da vivere, finiamo per giudicarci saggi, giusti e corretti in quel poco che chiediamo all’esistenza.
Guardiamo al di là delle mura del nostro quotidiano e udiamo il rumore di lance che si spezzano, l’odore di sudore e polvere, i grandi crolli e gli sguardi assetati di conquista dei guerrieri.
Ma non avvertiamo mai la gioia, la Gioia immensa che c’è nel cuore di coloro che stanno lottando, giacché per questi ultimi non è importante la vittoria o la sconfitta, ciò che importa è solo intraprendere il Buon Combattimento.
Infine, il terzo sintomo della morte dei nostri sogni è la Pace.
La vita diviene un pomeriggio domenicale, che non ci chiede grandi cose e non esige nulla di più di quanto noi possiamo dare.
Riteniamo allora di essere “maturi”, di avere messo da parte le “fantasie dell’infanzia”, e raggiungiamo la nostra realizzazione personale e professionale.
E siamo stupiti quando qualcuno della nostra età dice di volere ancora questo o quello dalla vita.
Ma, nell’intimo del nostro cuore, sappiamo che ciò che è accaduto è che abbiamo rinunciato a lottare per i nostri sogni, a combattere il Buon Combattimento.
Quando rinunciamo ai nostri sogni e troviamo la pace, abbiamo un periodo di tranquillità.
Ma i sogni morti cominciano a marcire dentro di noi e ad infestare tutto l’ambiente in cui viviamo.
Noi cominciamo a diventare crudeli verso coloro che ci circondano, e infine passiamo a rivolgere questa crudeltà contro noi stessi.
Compaiono le malattie e le psicosi.
Ciò che volevamo evitare nel combattimento – la delusione e la sconfitta – diviene l’unico legato della nostra vigliaccheria.
E un bel giorno, i sogni morti e ormai marciti rendono l’aria difficile da respirare e noi cominciamo a desiderare la morte, la morte che ci liberi dalle nostre certezze, dalle nostre occupazioni, e da quella terribile pace dei pomeriggi domenicali.
Per evitare tutto ciò, dunque, dobbiamo affrontare la vita con la riverenza del mistero e la gioia dell’avventura.

 

 

 

 

 


 

Ciao da Tony Kospan

 

 

 

 




80x8080x8080x8080x8080x8080x80

UN MODO DIVERSO DI VIVER
LA POESIA (E NON SOLO)
NELLA PAGINA FB
Meme Maker








TENNESSEE WILLIAMS… UN RICORDO…   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Oggi è l'anniversario della nascita di
Tennessee Williams
 
 
 
 

(Columbus, 26 marzo 1911 – New York, 25 febbraio 1983)
 
 
 
 
E' stato un drammaturgo, scrittore,
sceneggiatore e poeta statunitense.
 
 
 
 
 
 
 
 
Il suo successo nacque principalmente
per i suoi testi teatrali… spesso divenuti dei film…
 
 
 
 
Qui con Anna Magnani
 
 
 
 
Tra i più noti sono
“la Gatta sul tetto che scotta”,
“Improvvisamente l'estate scorsa”
e
“Un tram chiamato desiderio”
 
 
 
 

 
 
 
 
E' stato vincitore di due premi Pulitzer
ed ebbe 2 nomine per l’Oscar.
 
 
Ha anche collaborato con Luchino Visconti
nella sceneggiatura di Senso (1954).
 
 
 
 
 
 
 
 
Ricordiamolo con questa scena del film
Un tram chiamato desiderio“, del 1951,
nato dal suo famoso testo…
e con protagonista Marlon Brando

 
 
 
 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
 
 

70x8270x8270x8270x82
LA PAGINA CULTURALE DI FB?
samp5873205a0f06c928.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 
 
 

L’ANIMA SCEGLIE IL PROPRIO COMPAGNO – E. DICKINSON – FELICE SETTIMANA IN POESIA E…   2 comments

 
 
 
 

In Realms of Fancy (1911) – John William Godward

 
â—‹â—MAXâ—â—‹â—‹â—MAXâ—â—‹â—‹â—MAXâ—â—‹
Ama e fai quel che vuoi.
 S. Agostino
â—‹â—MAXâ—â—‹â—‹â—MAXâ—â—‹â—‹â—MAXâ—â—‹
 

 

 
 
 
L’ANIMA SCEGLIE IL PROPRIO COMPAGNO
E. Dickinson
 
L’anima si sceglie il proprio compagno,
poi chiude la porta
così che la maggioranza divina
 non possa più turbarla
Impassibile vede i cocchi
che si fermano laggiù al cancello impassibile
vede un Re inginocchiarsi alla sua soglia
Io so che tra tantissimi
l’anima ne scelse uno
 per poi sigillare come fossero pietra
le valve della sua attenzione.
 
 
 

Danza – Alphonse Mucha

 
 
80x8080x8080x8080x8080x8080x8080x8080x80
 
 

par Ours Antoine
 
 
 
 

 

AMICI DI PSICHE E SOGNO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: