ADA NEGRI – BREVE BIO… POESIE… ED UN VIDEO   Leave a comment

 
 
Poetessa e scrittrice italiana molto apprezzata
nella prima metà del secolo scorso e prima donna
ammessa tra gli Accademici d'Italia.
 
 
 
Ada Negri,
(Lodi, 3 febbraio 1870 – Milano, 11 gennaio 1945)
 
 
 
BREVE BIOGRAFIA
 
 
Di umili origini e rimasta presto orfana di padre
passò l'infanzia con la nonna
che lavorava presso una famiglia nobile.
 
 
Grazie ai sacrifici della madre poté frequentare
la Scuola Normale femminile di Lodi
e diventare insegnante elementare.
 
 
 
 
L'insegnamento e la poesia furono il leit motiv della sua vita…
con molti riconoscimenti in entrambi i campi.
 
 
Ebbe spesso periodi di grande pessimismo…
 
 
Negativa però fu la sua esperienza di moglie e di madre…
con la fine prematura del matrimonio e della seconda figlia Ada…
 
 
 
 
 
 
Molte le sue opere letterarie… di narrativa e di poesia…
sempre sul filo dei ricordi e dei sentimenti…
 
 
Le sue opere intrise di intenti moralistici ed educativi
sono state spesso utilizzate in ambiti scolastici…
 
 
Tuttavia in qualche opera come “Il libro di Mara”,
scritta a seguito di una relazione amorosa
avuta dopo la fine del matrimonio…
è stata invece abbastanza trasgressiva per i canoni dell'epoca…
 
 
Durante il fascismo fu un'intellettuale organica al regime
(nel 1931 ebbe il premio Mussolini per la cariera)

 
 
 
 
 
Nel 1940 l'ammissione all'Accademia d'Italia…

 
 

Trascorse gli ultimi anni nel pessimismo e nell'oblio…
 
 
 
 
 
ALCUNE POESIE
 
 
 
LA ROSA BIANCA
Ada Negri
 
La rosa bianca, sola in una coppa
di vetro, nel silenzio si disfoglia
…e non sa di morire e ch'io la guardo
morire. Un dopo l'altro si distaccano
i petali; ma intatti, immacolati,
un presso l'altro con un tocco lieve
posano, e stanno: attenti, se un prodigio
li risollevi o li ridoni, ancora
vivi, candidi ancora, al gambo spoglio.
Tal mi sento cadere sul cuore i giorni
del mio tempo fugace: intatti, e il cuore
vorrebbe, ma non può, comporli in una
rosa novella, su più alto stelo.
 
 
 
LA DANZA DELLA NEVE
 Ada Negri
 
Sui campi e sulle strade
 silenziosa e lieva
 volteggiando, la neve
 cade.
Danza la falda bianca
 nell'ampio ciel scherzosa,
 Poi sul terren si posa
 stanca.
In mille immote forme
 sui tetti e sui camini,
 sui cippi e sui giardini
 dorme.
Tutto d'intorno è pace;
 chiuso in oblio profondo,
 indifferente il mondo
 tace.
 
 
 
FONTANA DI LUCE
Ada Negri
 
Nel marzo ebro di sole il grande arbusto
in mezzo al prato si coprì di gialli
fioretti: le novelle accese rame
salenti e ricadenti con superba
veemenza di getto dànno raggi
e barbagli a mirarle; e tu quasi odi
scroscio di fonte uscir da loro; e tutta
la Primavera da quell'aurea polla
ti si versa cantando entro le vene.
 
 
 
 
 
 
PAOLO POLI LEGGE ALCUNE POESIE…
 
 
 
 
 
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 
 
LA POESIA IN TUTTE LE SUE FORME?
IN FACEBOOK
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21
 
 
 
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: